SETTE PASSI PER TROVARE DIO

Williambooth

di William Booth  –  Lo scritto How to find God di William Booth, fondatore dell’Esercito della Salvezza, presenta la visione di un uomo che per tutta la vita ha amato Dio profondamente.

Booth ha amato, oltre Dio, anche gli altri, continuando ad adoperarsi affinché quanti, vivendo nelle tenebre, nella difficoltà e nel peccato, e che avevano bisogno di conoscere Dio, potessero incontrarLo personalmente. Anche oggi per chiunque è possibile nutrire il santo desiderio di cercare Dio, di entrare e gustare la gioia e la pace che Egli dona gratuitamente ad ogni cuore che si apre nella Sua presenza, ricercando una personale relazione con il nostro Padre che è nel cielo.

I sette passi qui di seguito sono per quanti hanno un serio desiderio di ricevere grazia, perdono e misericordia da Dio, che solamente può salvare dalle potenze delle tenebre e dal giudizio che viene.

Primo passo: SCOPERTA DEL PECCATO.

“Tutto quello che non viene dalla fede è peccato” (Romani 14:23).
“Chi dunque sa fare il bene e non lo fa, commette peccato” (Giacomo 4:17).
“Se diciamo di essere senza peccato, inganniamo noi stessi, e la verità non è in noi” (1 Giovanni 1:8).
Il peccato è ogni cosa che dispiaccia a Dio, e solo colui che pecca dispiace al Signore.
In ogni tempo devo esaminare me stesso, le mie ambizioni per sapere se quanto sto inseguendo è per me più importante di Dio, oppure se sto facendo qualcosa di sbagliato e mi trovo ad essere, praticamente, in una condizione di peccato.
Forse ho peccato con i miei pensieri, contro chi mi è vicino, contro la mia stessa anima.
Forse ho peccato con i pensieri in quello che sto cercando, nelle mie parole, con le mie azioni.
Ho peccato nel mondo, nel mio lavoro, nelle cose piacevoli.
Ho fatto molte cose e non ho fatto altre che avrei potuto fare.
Lo devo ammettere! Non posso coprire o addurre scuse per i miei peccati.
I miei peccati sono molti più di quanti io possa contare, e hanno causato tanto dolore a Dio; ogni uomo è molto lontano da essere in grado di farne la stima.
I miei peccati hanno disonorato il mio Padre Celeste, hanno considerato degno di poca stima il sacrificio di Gesù, mio Salvatore, e hanno avuto una pessima influenza non solo sui componenti della mia famiglia, ma anche sulle mie amicizie e su quanti hanno sempre avuto cura di me.
Ora realizzo che merito per l’eternità il disappunto di Dio e vedo che posso solo morire sommerso dai miei peccati, destinato a una eterna separazione da Dio, pronto ad essere gettato per la dannazione nell’Inferno.
O Signore, abbi pietà di me!

Secondo passo: TRISTEZZA DEL PECCATO

Perché la tristezza secondo Dio produce un ravvedimento che porta alla salvezza, del quale non c’è mai da pentirsi; ma la tristezza del mondo produce la morte” (2 Corinzi 7:10)
Non solamente devo vedere che ho peccato contro Dio, causandoGli grande dolore, ma devo anche essere veramente dispiaciuto per averlo fatto.
Io odio le mie malvagità, e odio me stesso per averle seguite e alimentate.
Sono addolorato per i miei peccati, non solamente perché mi espongono al giudizio e alla punizione, ma perché sono stati commessi contro il mio Padre Celeste, che mi ha egualmente amato e ha avuto continuamente cura di me.
Se potessi cancellare il mio passato e ricominciare da capo, di corsa lo farei.
Ma non è possibile!
I peccati commessi sono scritti contro di me nel libro di Dio, ed Egli li conosce e li ricorda del continuo.
Nessuna preghiera, nessuna offerta, nessuna lacrima che io possa versare, nessuna buona opera che io possa fare potranno rimuovere quelle terribili registrazioni.
La mia sola speranza è nel poter trovare grazia e misericordia in Gesù Cristo, che ha detto: “Colui che viene a Me, non lo caccerò fuori” (Giovanni 6:37).

Terzo passo: CONFESSIONE DEL PECCATO

Chi copre le sue colpe non prospererà, ma chi le confessa e le abbandona otterrà misericordia” (Proverbi 28:13).
Confessate dunque i vostri peccati gli uni agli altri, pregate gli uni per gli altri affinché siate guariti; la preghiera del giusto ha una grande efficacia” (Giacomo 5:16).
Se confessiamo i nostri peccati, Egli è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità” (1 Giovanni 1:9).

Non posso solamente essere dispiaciuto per le cose sbagliate che ho fatto, ma sono chiamato a riconoscere liberamente e confessare apertamente i miei peccati a Dio. Non ci sono scuse, devo farlo.

È vero che taluni peccati sono stati compiuti ignorando la volontà di Dio, e Dio lo sa. Ma come sa questo, conosce anche quanto spetta a me fare; Lui, che mi ha mostrato per primo la grandezza del Suo amore morendo sulla croce per me, desidera che io agisca secondo la Sua volontà.
Forse ignoravo la tremenda situazione in cui mi trovavo quando seguivo il modo di fare degli altri nel mondo.
Questa ignoranza non ha scuse.

Se avessi letto di più la mia Bibbia e avessi ascoltato il consiglio di quanti mi avevano parlato della volontà di Dio, avrei saputo le cose buone per l’anima mia, e avrei innalzato a Dio la mia richiesta di aiuto.
Ma non l’ho fatto, la mia bocca è rimasta chiusa quando la potevo aprire.

E adesso sono qui che devo confessare a me stesso e a Dio il mio peccato, senza scuse, meritando pienamente la Sua riprensione e il Suo castigo ora e per sempre.

Non solamente questa confessione dev’essere privata, un fatto fra me e Dio, ma sapendo che ho peccato nella presenza della mia famiglia o di altre persone che mi circondano, sono consapevole di dover mostrare loro il mio dispiacere per quanto ho fatto.

Appena ne ho l’opportunità, devo ammettere il mio peccato prima ai credenti, prima alla mia famiglia, e poi al mondo.
Come non ho avuto remore a peccare davanti a tutti, così posso dichiarare anche il mio peccato davanti a tutti!

Quarto passo: RIGETTARE IL PECCATO

“Se non vi ravvedete, perirete tutti” (Luca 13:3).
“Ravvedetevi dunque e convertitevi, perché i vostri peccati siano cancellati” (Atti 3:19).
Non solamente ho potuto vedere che sono un peccatore che odia i propri peccati e li confessa a Dio e agli uomini, ma ora ho bisogno dell’aiuto di Dio per rinunciare e gettare lontano da me qualsiasi tipo di peccato.
Qualsiasi piacere io abbia provato peccando nel passato, qualsiasi piacere il peccato mi abbia promesso per il futuro, ora con, la forza che Dio mi dà, non solo voglio gettare via queste cose da me, ma non voglio mai più nemmeno sentire nominare certe proposte per la mia vita!

Quinto passo: CHIEDERE PERDONO PER IL PECCATO

“Se il Mio popolo, sul quale  invocato il Mio Nome, si umilia, prega, cerca la Mia faccia e si converte dalle sue vie malvagie, Io lo esaudir dal cielo, gli perdonerà i suoi peccati, e guarir il suo paese” (2Cronache7:14).
“Umiliatevi davanti al Signore, ed Egli v’innalzerà” (Giacomo 4:10)
Vergognandomi di aver abbandonato il mio Padre Celeste disprezzando e rigettando il Suo amore, frantumando ogni Suo comandamento, lasciandomi influenzare da altri che fanno la medesima cosa, ora qui sulle mie ginocchia, umilmente, mi sottometto a Lui.
Prego che Egli abbia pietà e misericordia di me, un miserabile peccatore, e Lo supplico affinché per amore di Cristo perdoni tutti i miei peccati, e mi doni il Suo favore, facendo di me, l’immeritevole, un membro della Sua famiglia.

Sesto passo: CONSACRAZIONE
“Non prestate le vostre membra al peccato, come strumenti d’iniquità; ma presentate voi stessi a Dio, come di morti fatti viventi, e le vostre membra come strumenti di giustizia a Dio” (Romani 6:13).
“Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, a presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, gradito a Dio; questo  il vostro culto spirituale” (Romani 12:1).
Prometto a Dio, adesso e per sempre, nella Sua forza e potenza, con tutto il mio cuore che, se mi perdona e mi riceve nella Sua grazia, a partire da questo momento spender tutto il resto dei miei giorni facendo quanto mi sarà possibile per la Sua gloria, per l’avanzamento del Suo Regno, portando l’amore di Gesù a quanti ancora non Lo conoscono, non Lo hanno ricevuto e sono nella condizione in cui mi trovavo anch’io!

Settimo Passo: FEDE
“Essi dunque gli dissero: Che dobbiamo fare per compiere le opere di Dio? Gesù rispose loro: Questa  l’opera di Dio: che crediate in Colui che Egli ha mandato” (Giovanni 6:28-29).
“L’uomo non  giustificato per le opere della legge ma soltanto per mezzo della fede in Cristo Gesù, e abbiamo anche noi creduto in Cristo Gesù per essere giustificati dalla fede in Cristo e non dalle opere della legge; perché dalle opere della legge nessuno sarà giustificato” (Galati 2:16).
“Or senza fede  impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli , e che ricompensa tutti quelli che Lo cercano” (Ebrei 11:6).
Credo che Gesù Cristo, il Figlio di Dio, nella Sua grande misericordia e nel Suo amore,  morto per me al mio posto, caricando i miei peccati su di sé sul duro legno della croce. E credo che sono qui per accoglierLo come benvenuto nel mio cuore, quale Salvatore dei miei peccati, unico in grado di farlo perché risuscitato dai morti, vincitore sul peccato e sulla morte.
Gesù Cristo, dice nella Bibbia, che se andrà a Lui, non mi rigetterà (Giovanni 6:37).
Ora vengo a Lui con tutto il mio cuore, proprio adesso che sono povero, solo, sporco di peccato, bisognoso di salvezza.
So che Egli non mi rigetterà.
E posso certamente credere che  giunto il momento per me di ricevere la Sua grazia, anche se immeritata.
So che Egli mi perdona adesso e che il Suo Sangue sparso sulla croce  potente ancora oggi a lavare tutti i miei peccati.
Mi ha cercato per il mio peccato, nonostante fossi peccatore il castigo che doveva essere per me  stato su di Lui e per le Sue lividure sono stato guarito dalla mia iniquità.
Ora ho una nuova relazione con il vero Dio vivente e sono stato perdonato.
Gloria a Dio, il Signore Gesù mi ha salvato!

 

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL LAVORO NASCOSTO

di DON MALLOUGH –  “Andrea, fratello di Simon Pietro, era uno dei due che avevano udito Giovanni e avevano seguito Gesù”. – Giovanni 1:40  –   È strano come lo scrittore di questo versetto si riferisca ad Andrea: due delle tre volte in cui Giovanni parla di lui, specifica che è il fratello di Pietro. Andrea era in realtà anche lui uno dei dodici apostoli, e quindi sarebbe stato nel …
Leggi Tutto

FAVORITI NELL'AMATO SUO FIGLIO.

Efesini 1:6  –   i.  –  A volte ci capita di avere l’imbarazzo della scelta. E’ come se trovandoci davanti  ad uno scrigno pieno di perle o pietre preziose dovessimo sceglierne una tra le tante….!  La lettera agli Efesini è come quello scrigno: solo in questi primi sei versi dobbiamo fare uno sforzo per scegliere una delle tante perle che contiene;  scegliamo il verso sei, e in particolare le parole: favoriti …
Leggi Tutto

LA CHIESA ECUMENICA

TIM LA HAYE  –   “E uno dei sette angeli che aveva le sette coppe venne, e mi parlò dicendo: Vieni; io ti mostrerò il giudizio della gran meretrice”  (Apocalisse 17:1,6) Circa vent’anni or sono, un mio zio, il dottor E.W. Palmer, che per cinquant’anni ha annunziato l’Evangelo, era pastore di una grande chiesa in Oak Park. Illinois. Durante un culto che egli presiedette a Minneapolis, lo udii affermare …
Leggi Tutto

SANSONE: FORZA E DEBOLEZZA

di H. CARTER  –  La storia di Sansone, l’uomo forte consacrato a Dio, contiene un insegnamento utile a tutti. È il racconto di un israelita così forte che poteva portare sulle spalle le porte della città di Gaza, ed anche così debole che fu vinto dalle astuzie di una donna.  Leggendo la sua storia, ci si meraviglia ad un tempo sia della sua forza che della sua debolezza. Quando …
Leggi Tutto

UN UOMO SPIRITUALE: SIMEONE

di Roberto Bracco –  Luca 2:25-35  –   La figura di Simeone, il vegliardo in attesa della consolazione d’Israele, è una delle più luminose della Bibbia e può essere presa in simbolo della vera spiritualità. Purtroppo nel seno della cristianità il termine spiritualità non possiede sempre il significato che gli viene attribuito dalla Scrittura e perciò è utile considerare l’esempio di un uomo che può illuminarci intorno a questo …
Leggi Tutto

DOVE SONO I VERI PROFETI?

di A. W. TOZER  –  Il dono del discernimento profetico è una necessità assoluta del nostro tempo. Un profeta è una persona che conosce l’epoca in cui vive e ciò che Dio sta cercando di dire ai suoi contemporanei.  Ciò che Dio ha da dire alla sua Chiesa, in qualsiasi epoca, dipende dalla condizione morale e spirituale in cui la Chiesa versa nonché dalle necessità spirituali del momento. I …
Leggi Tutto

ONORIAMO IL SIGNORE

di Agostino Masdea  –  Malachia – Capitolo 1   –   Malachia significa “angelo” “messaggero”. Probabilmente questo non era il suo vero nome, ma questo era sicuramente il suo compito. Egli era “il messaggero di Dio”. Visse in un periodo particolare: il tempio era stato ricostruito (siamo al tempo di Zaccaria e Aggeo), c’era stato un tempo di risveglio, ma ora  il popolo d’Israele viveva un periodo di crisi spirituale. Crisi …
Leggi Tutto

LA SHEKINAH MANCANTE

“Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti