I TRE ALBERI

Nelle chiese perseguitate viene? spesso e volentieri raccontata questa? parabola. Per quelli che soffrono il? carcere ? motivo di consolazione. ?In un bosco c’erano una volta tre giovani alberi, legati fra loro da uno? stretto rapporto di amicizia. Vollero? pregare insieme, affinch? non fosse la? putrefazione a mettere fine alla loro vita,? ma che il loro legno fosse utilizzato dagli? uomini. Il primo albero espresse il desiderio di? diventare una mangiatoia da cui? potessero mangiare delle bestie stanche? dopo una lunga giornata di lavoro. Dio? ricompens? la sua modestia. Da lui? venne ricavata una speciale mangiatoia,? e cio? quella in cui venne posto pi? tardi? il neonato Figlio di Dio. Vide angeli vegliare sul bambino, ascolt? Maria cantare delle ninne nanne e i magi e i? pastori inginocchiarsi? davanti a quel bambino. Con che altro albero il destino ha avuto mai progetti migliori? ? ??

Il secondo albero vide sul lago ai suoi piedi delle barche e preg? che dal suo legno potesse essere costruita una barca. La sua preghiera fu esau?dita e molte persone usarono quella barca come mezzo di trasporto. Un giorno vi sal? un viaggiatore straordinario: il Figlio di Dio. La barca ascol?t? parlare Ges? con parole piene d’amore e di sapienza, che mai aveva ascoltate prima d’ora. Durante una violenta tempesta la barca minacci? di capovolgersi, ma Ges? sgrid? i venti e il mare e si fece gran bonaccia. A causa di questi avvenimenti era valsa la pena per l’albero di morire.

Il terzo albero non sapeva che cosa? avrebbe voluto diventare, perci? altri? decisero al suo posto. Ne ricavarono una? grande croce che doveva servire come? strumento di tortura. Chi era allora pi?? afflitto di quell’albero? Un giorno su? quella croce venne inchiodato il Figlio di? Dio. Diversamente dalle altre, su questa? croce non si sentirono n? lamenti, n?? imprecazioni, ma parole del divino? perdono, parole che aprirono le porte del? cielo e permisero ad un ladrone di? pentirsi, parole compassionevoli rivolte? alla madre e parole piene di fiducia rivolte? al Padre. Allora il legno cap? ? che il suo contributo alla crocifissione di Ges? era servito alla salvezza dell’umanit? e cos? fu ripieno di gioia. Nessuno cerca la sofferenza. Soltanto delle anime? straordinarie sono chiamare a grandi? rinunce, come povert? volontaria, castit? e. se il? caso lo richiede ubbidienza fino alla? morte.

Noi non ci cerchiamo l’afflizione: potremmo benissimo farne a meno. Per?? dobbiamo e vogliamo rallegrarci quando? ne veniamo colpiti. L’afflizione quando ?? accettata diventa tuttavia anche una? fonte di felicit? e di pace.?

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Grandi inni: "What a Friend we have in Jesus"

QUALE AMICO IN CRISTO ABBIAMO –  di  Joseph Scriven (10 September 1819 – 10 August 1886) –  Joseph Scriven nacque nel 1819 a Dublino, Irlanda,  da genitori benestanti. Si laureò al Trinity College di Dublino.  Da giovane voleva seguire le orme del padre nella Royal Marine, ma la sua salute cagionevole non gli e lo permise.  All’età di venticinque anni, decise di lasciare il suo paese natale ed …
Leggi Tutto

Domenica 10 Marzo 2013 - Pastore Lorenzo Agnes

LO SPIRITO SANTO DIMORA IN NOI Lorenzo Agnes è pastore della Chiesa CALVARY TABERNACLE A Schenectady 840 Albany Street New York, 12304,    Predicazione di Domenica 10 Marzo 2013 – …
Leggi Tutto

Noi sappiamo...Se sapete queste cose, siete beati se le fate... (Giovanni 13:17)

Noi siamo fra coloro che vogliono essere ignoranti. Chiudiamo gli occhi per non vedere e serriamo le orecchie per non udire. Non è vero che non conosciamo, non è vero che siamo privi di rivelazione. La volontà di Dio ci è stata rivelata e noi sappiamo quello che dobbiamo fare, ma cerchiamo di dimenticare quello che sappiamo e di ignorare quello che conosciamo. La povertà spirituale che ci …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 3 Febbraio 2013

Agostino Masdea:  LA CASA COSTRUITA DALLA GRAZIA (Ebrei 10:32-39;11:1-6) …
Leggi Tutto

POTENZA

di  ROBERTO BRACCO  –  “Riceverete potenza”! (Atti 1:8)  Le parole di Gesù avevano un preciso significato per i di- screpoli che le udirono e le ascoltarono; raccolti nell’Alto Solaio rimasero in atte­sa non di sensazioni od emozioni, ma di quella virtù che poteva renderli testimoni di Cristo, della Sua morte, della Sua re­surrezione ed essi ricevettero esattamen­te quello che attendevano dal Cielo. I testimoni di Cristo furono spesso i mar­tiri …
Leggi Tutto

IL BATTESIMO DELLO SPIRITO SANTO normale esperienza cristiana.

di LEWI PETHRUS   –    «Or gli apostoli ch’erano a Gerusalemme, avendo inteso che la Samaria aveva ricevuto la Parola di Dio, vi mandarono Pietro e Giovanni. I quali, essendo discesi là, pregarono per loro affinché ricevessero lo Spirito Santo; poiché non era ancora disceso sopra alcuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati nel nome del Signor Gesù. Allora imposero loro le mani, ed essi ricevettero lo …
Leggi Tutto

NON VI LASCERO' ORFANI

di Agostino Masdea  –  Giovanni 16:16-18  –  Introduzione: la Bibbia mostra la condizione dell’uomo che non conosce Dio: è come una pecora perduta, errante, senza pastore o qualcuno che si curi di lei. Notoriamente le pecore non hanno senso di orientamento. Non sanno ritrovare la via… hanno bisogno dell’aiuto e della guida del pastore. Così eravamo noi . Non solo smarriti nel caos di questo mondo, confusi e stanchi di vagare …
Leggi Tutto

coro

Istruzioni su come cantare  in chiesa – dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ed efficace per te stesso e per gli altri, fai attenzione ad osservare le seguenti indicazioni: 1. CANTA INSIEME A TUTTI Unisciti alla congregazione più spesso che puoi. Non permettere che una leggera difficoltà o un po’ di stanchezza …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti