LA GIOIA

 

di GUIDO SCALZI – La natura umana è così fatta che non può vivere un attimo senza cercare un po’ di contentezza. Ma è ben difficile trovarla se non si cerca dove la si può trovare. Essa non può venire dalle ricchezze, dal danaro, dal buon successo o dagli amici; e neppure dalla buona salute. Questi sono elementi naturali che possono contribuire alla tranquillità della mente, ma non possono dare la felicità.

La vita è difficile. Da bambini, si guarda avanti negli anni e ci si aspetta di trovare la gioia nella pienezza della gioventù. Ma la gioventù vola via, lasciandosi dietro solo poche foglie appassite; e la virilità e la vecchiaia vengono spese rimpiangendo quello che si poteva fare e non si è fatto, o quello che si è fatto e non bisognava farlo.

La vita non è una pagina o il capitolo di un libro, ma è un libro di molte pagine e di molti capitoli, e pochi di questi sono illuminati dalla luce di una vera gioia. Perché? Perché la natura e la vita non possono dare la gioia; nulla può dare la gioia su questa terra. Essa può venirci solo dall’abbandono completo di tutto l’essere nostro nelle mani di Dio.

I PIACERI NON DANNO LA GIOIA

Che cosa dire della gioia proveniente dai piaceri? Tutti sanno che essa è fugace e che lascia la bocca amara. Tommaso Kempis ha scritto: “Ogni gioia carnale si presenta in modo gradevole e attraente, ma alla fine morde ed uccide! La falsa gioia viene dall’esterno e non soddisfa; la vera gioia nasce nel cuore e trasforma la vita dell’uomo. Essa non può venirci data che da Dio, come la pace, la salvezza, la salute ed ogni altro bene”.

Molti pensano che la gioia dipenda dalla fortuna, e si affidano a tutti i segni superstiziosi dell’umanità, sforzandosi continuamente di trovare la via della felicità attraverso la buona fortuna. Ma questo non è altro che illusione. Diceva uno scrittore: “Chi si accontenta di aspettare un colpo di fortuna, probabilmente attenderà fino a tanto che gli sopravvenga un colpo di paralisi”. (F. Treves)

La gioia non dipende dal caso o dal destino; è qualcosa che possiamo realizzare noi stessi, cercandola in Dio.

LE RICCHEZZE NON DANNO LA GIOIA

Alcuni guardano alla vita dei ricchi, e pensano che la felicità si trova nell’ozio, senza sapere che il lavoro è una delle prime fonti della gioia naturale. Se l’ozio desse la felicità, allora non ci sarebbero tanti malati di mente tra le persone perché non ci sarebbero tanti suicidi né tanti atti di disperazione. No, l’esperienza quotidiana c’insegna il contrario: l’ozio toglie la felicità! Abbiamo avuto occasione di conoscere un tizio che aveva vinto milioni al lotto, si era dato alla vita di lusso, vivendo nell’ozio e nei divertimenti; ma quando i milioni sfumarono se egli ritornò al suo umile lavoro, dichiarò che il tempo passato nell’ozio era stato il piè infelice della sua vita.

Con ciò non vogliamo dire che l’intera felicità si trovi nell’eccesso opposto, cioè nel lavoro continuo ed incessante. Se è vero che il lavoro nobilita l’uomo, è anche vero che l’uomo non ha solo bisogno di lavoro, ma anche di elevare la mente, di educare il cuore, di meditare, di ammirare le bellezze del creato, di leggere la Parola di Dio, di pregare. Vi sono molti che s’immergono anima e corpo nelle attività, dimenticando tutto, vivendo solo nel piacere di far denaro. Ma è scritto: è Che giova egli all’uomo se guadagna tutto il mondo e perde l’anima sua? (Marco 8:36) La gioia si può trovare solo in Dio ed in una vita consacrata al suo servizio.

Contrariamente a quanto comunemente si crede, infatti, la fede cristiana non è qualcosa di misterioso, circondato di oscurità e di tristezza; non è basata su piagnistei o su sdolcinati languori o meste lamentazioni. La fede cristiana predica la liberazione dalla morte eterna, predica la vita eterna, la risurrezione, la gioia, la vittoria. San Paolo esorta i cristiani di Filippi, come anche noi, a rallegrarsi del continuo, a vivere una vita di gioia e di serenità, dimostrando al mondo che dove c’è Cristo, non c’è la sconfitta, ma c’è il canto gioioso della vittoria. “Rallegratevi del continuo nel Signore. Da capo dico: Rallegratevi!”

Tutta la Parola di Dio abbonda di riferimenti alla gioia e all’allegrezza. Non solo gioia spirituale, ma anche gioia morale (che è pace e serenità), e gioia naturale (che è contentezza e soddisfazione per le belle cose di cui Dio ci circonda).

LA GIOIA è UN DONO DI DIO

Nel Nuovo Testamento, la gioia viene descritta come un dono proveniente da Dio e che si riceve quando si accetta Gesù nel cuore; essa viene prodotta dallo Spirito Santo ed è anzi annoverata fra i frutti dello Spirito. La gente del mondo non può godere la gioia di Dio, la pace soprannaturale, perché, com’ è scritto, l’uomo naturale non può ricevere le cose dello Spirito di Dio, e non le può conoscere, perché bisogna giudicarle spiritualmente. Per contrapposto, i credenti pieni di gioia sono anche tali in mezzo alle afflizioni e alle sofferenze. Infatti, la Parola di Dio non dice che saremo liberati da tutte le sofferenze, prove e tentazioni, ma che esse non turberanno la nostra gioia e pace.

Caro amico, son certo che spesso hai rivolto gli occhi verso l’alto lamentandoti della tua vita e domandandoti quale male hai fatto per meritarti tanti dispiaceri, tanti dolori, tanti guai e miserie. Sappi che la tua vita non è un’eccezione. Tutti gli uomini vivono nella ricerca di qualcosa che non sono mai riusciti a trovare. Oggi, queste parole che hai letto, possono segnare l’inizio di un cambiamento radicale nella tua vita. Personalmente, non posso darti nulla, ma il mio Padre celeste è ricco e potente, e so che Egli può darti gioia e pace, so che te le darà, se accetti Gesù nel tuo cuore.

Perché non provi? Perché non metti da parte ogni cosa, oggi stesso, e non ti decidi a fare quel passo che può rappresentare l’avvenimento piè importante della tua esistenza?

Vieni a Gesù ed Egli ti salverà! Ti darà la pace che ancora non hai, e il tuo cuore inonderà di gioia!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LA CHIESA ECUMENICA

TIM LA HAYE  –   “E uno dei sette angeli che aveva le sette coppe venne, e mi parlò dicendo: Vieni; io ti mostrerò il giudizio della gran meretrice”  (Apocalisse 17:1,6) Circa vent’anni or sono, un mio zio, il dottor E.W. Palmer, che per cinquant’anni ha annunziato l’Evangelo, era pastore di una grande chiesa in Oak Park. Illinois. Durante un culto che egli presiedette a Minneapolis, lo udii affermare …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: I miei occhi scorrono per tutta la terra per dare forza a coloro che mi appartengono.

L’Eterno infatti con i suoi occhi scorre avanti e indietro per tutta la terra per mostrare la sua forza verso quelli che hanno il cuore integro verso di lui. (2 Cronache 16:9)   –   Dio ci guarda sempre. I suoi occhi scorrono avanti e indietro in tutto il mondo per dare forza a coloro che gli appartengono. Egli non ci lascia e mai ci abbandona a noi stessi …
Leggi Tutto

QUESTIONE DI SOVRANITA'

di  A. W. TOZER  –  Se Dio governa il Suo universo secondo le Sue leggi sovrane, come può l’uomo avere il libero arbitrio? E se non può esercitare il libero arbitrio, come può essere considerato responsabile per la sua condotta? Non è forse un semplice burattino, le cui azioni sono stabilite da un Dio “dietro le scene” che muove i fili come Gli piace? Il tentativo di rispondere …
Leggi Tutto

Labbra che lodano

di R. Bryant Mitchell   “O Signore, apri le mie labbra, e la mia bocca proclamerà la tua lode.” (Salmo 51:15).  –  La lode è una cosa perenne. Davide disse: “Io benedirò il Signore in ogni tempo: la sua lode sarà sempre nella mia bocca” (Salmo 34:1). Nessuna notte può essere troppo buia quando hai con te la luce della lode. Nessuna prova può spezzare il tuo spirito quando …
Leggi Tutto

ESSERE COME TRALCI

Ci sono due problemi che fanno particolarmente soffrire la chiesa di Gesù Cristo: l’immaturità e la solitudine in cui vivono alcuni credenti! Benché siamo abituati a guardare queste cose con meno apprensione di azioni decisamente peccaminose e malvagie, pur nondimeno costituiscono un grave ostacolo, sia per lo sviluppo della propria vita spirituale, sia per il progresso della testimonianza dell’Evangelo. Vivere nell’immaturità, significa, secondo il dettato biblico, restare eternamente …
Leggi Tutto

LE RISPOSTE DIO SARANNO PRECISE COSI COME LO SONO LE NOSTRE PREGHIERE

di Charles G. Finney.  –    Voglio ricordare alcune cose che una persona deve fare, se vuole che vengano esaudite le preghiere. Deve pregare per un qualcosa di definito (Marco 11:23-24; 10:51). Deve avere davanti alla propria mente una chiara visione di ciò che vuole. Invece di pregare per qualcosa di definito molte persone pregano per ciò che li passa per la mente in quel momento. Questa non è …
Leggi Tutto

35-Vance_Havner

di Vance Havner  –  Mentre il tuo servo era occupato qua e là, quell’uomo sparì (1 Re 20:40).  L’uomo in questa storia ricevette un incarico da portare avanti, ma si dimostrò infedele, non perché oziò o perché si addormentò, ma perché era troppo occupato. La pigrizia può essere opera del diavolo, ma lo è anche l’essere tanto occupati se ciò fa si che le cose ci sfuggano di mano …
Leggi Tutto

Roberto Bracco: Vorremmo vedere Gesù

Sermone di Roberto Bracco –  “Or tra quelli che erano saliti ad adorare a durante la festa c’ erano alcuni Greci. Costoro dunque, accostatisi a Filippo, che era di Betsaida di Galilea, lo pregarono dicendo: “Signore, vorremmo vedere Gesù”. Filippo andò a dirlo ad Andrea; a loro volta, Andrea e Filippo lo dissero a Gesù. Ma Gesù rispose loro, dicendo: “L’ ora è venuta, in cui il Figlio dell’ uomo deve …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti