«PARLERANNO IN ALTRE LINGUE»

di  A. THOMAS BRES   –   Questo segno è incompreso, criticato e combattuto da molti e anche da alcuni cristiani. Gli uni lo con­siderano una pazzia, il risultato di un disturbo mentale; gli altri un fenomeno spiritista, diabolico. Sono rari quelli che ne parlano con serenità e che si dimostrano scevri da pre­giudizi.

Tra le obiezioni che spesso si fanno in mezzo ai cristiani, c’è questa: — Il Signore Gesù, il nostro divino modello, non ha mai parlato in lingue e non ha mai insegnato nulla intorno a questo soggetto.

Si dimentica il passo di Marco (Cap. 16, 15-18), in cui il Signore, dopo aver dichiarato: «Questi sono i segni che ac­compagneranno coloro che avranno creduto…», aggiunge una lista di miracoli: cacciare i demoni, bere senza danno delle bevande velenose, toccare dei serpenti, guarire dei malati. Nessuno può negare che in questa lista, evidentemente miracolosa, si trova scritta in uno dei primi posti questa, afferma­zione: PARLERANNO IN LINGUE NUOVE. Il pensiero che viene immediatamente allo spirito è che effettivamente i di­scepoli di Gesù, per evangelizzare il mondo, si sarebbero do­vuti mettere a studiare e a parlare molte lingue da essi igno­rate. Anche oggi coloro che negli istituti missionari si pre­parano a partire per l’evangelizzazione delle nazioni pagane devono apprendere delle lingue nuove. Bisogna intendere così le parole di Gesù? Questa spiegazione, di cui molti si conten­tano, a rifletterci bene, si rivela insufficiente.
La frase «Parleranno in lingue nuove» non può essere isolata dal suo contesto. Essa figura in una lista di miracoli o di segni straordinari: è forse un miracolo imparare una nuova lingua? non è al contrario una delle cose più naturali e più frequenti? Ogni giorno si vedono migliaia di persone che stu­diano e che parlano delle lingue nuove: a nessuno viene in mente di considerare questo fatto come una cosa straordi­naria, pari, ad esempio, a quella di cacciare i demoni o di guarire con l’imposizione delle mani.

Noi crediamo di essere nella verità stimando che le citate parole di Marco (16, 17) non possono avere il senso di cui sopra si è detto: la nostra Bibbia infatti non contiene ine­sattezze e perciò non può porre in una lista di miracoli una cosa che non lo è affatto.

Studiando il significato della dichiarazione del Maestro:

«Parleranno in lingue nuove», noi non troviamo che una sola spiegazione: la manifestazione del giorno di Pentecoste, che fu veramente un segno straordinario, ripetutosi, malgrado le eclissi, attraverso i secoli. Oggi è esperimentato da milioni di anime. Esso risponde perfettamente alle parole: «Or questi sono i segni che accompagneranno coloro che avranno creduto».

Questo fatto ci appare non come un fenomeno di origine dubbia, ma come un segno annunziato dal Signore stesso e che, per conseguenza, ha diritto alla nostra più rispettosa attenzione. Esso poggia sull’autorità della stessa parola di Dio.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Promessa del giorno: La mia armatura vi aiuterà a stare ritti e saldi contro le insidie del nemico.   

Rivestitevi dell’intera armatura di Dio per poter rimanere ritti e saldi contro le insidie del diavolo. Efesi 6:11  –   In Efesi 6, l’apostolo Paolo esorta la chiesa di Efeso ad indossare la completa armatura di Dio, per essere in grado di resistere contro gli attacchi del nemico. È interessante notare che l’armatura non è nostra, ma appartiene a Dio. È la sua armatura. Egli ci ha dato l’elmo della salvezza …
Leggi Tutto

RISVEGLIO O APOSTASIA?

di Agostino Masdea   –  Carissimi, avendo un gran desiderio di scrivervi della nostra comune salvezza, mi sono trovato costretto a farlo per esortarvi a combattere strenuamente per la fede, che è stata trasmessa ai santi una volta per sempre. (Giuda 3)  –   Stiamo vivendo un tempo estremamente difficile. La decadenza morale della società è in escalation continua. Siamo continuamente turbati dall’indecente spettacolo che questo mondo quotidianamente ci offre. Il …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Io do buoni doni ai miei figli quando essi chiedono

Se dunque voi, che siete malvagi, sapete dare buoni doni ai vostri figli, quanto più il Padre vostro, che è nei cieli, darà cose buone a quelli che gliele domandano! Matteo 7:11  –   In questa parte del sermone sul monte, Gesù incoraggia i suoi ascoltatori a non aver paura di chiedere a Dio ciò di cui hanno bisogno. Nei versetti precedenti, Gesù incoraggia le persone a continuare a …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: PUOI RALLEGRARTI, IL TUO NOME È SCRITTO NEL CIELO.

“Tuttavia non vi rallegrate del fatto che gli spiriti vi sono sottoposti, ma rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli»”. In questo passo della Scrittura, Gesù dice ai suoi discepoli di non rallegrarsi perché i demoni sono sottomessi alla loro autorità, ma piuttosto di rallegrarsi perché i loro nomi sono scritti nel libro della vita dell’Agnello. Credo che il punto di ciò che Gesù vuole …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Quando lascerai questo corpo, sarai a casa nella Mia presenza.

ma siamo pieni di fiducia e preferiamo partire dal corpo e abitare con il Signore. (2 Corinzi 5:8) Sono così felice che l’apostolo Paolo abbia fatto questa dichiarazione che ci rivela una promessa molto speciale di Dio. Essere assenti dal nostro corpo significa essere presenti con il Signore! Egli promette di non lasciarci mai e non abbandonarci in questo mondo, e quando sarà il momento per noi di lasciare …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io avrò misericordia di coloro che sono misericordiosi verso gli altri.

“Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta. (Matteo 5:7)   –   Anche nell’ambiente secolare, viene citato spesso quel verso che riporta le parole di Gesù che chiamiamo la ‘regola d’oro’ … “Fai agli altri quello che vorresti gli altri facessero a te”.  Anche il mondo riconosce che questo è un principio universale. La misericordia funziona allo stesso modo. C’è una promessa di misericordia per coloro …
Leggi Tutto

PERCHÉ SONO PENTECOSTALE

di   Luis H. Hauff –  Recentemente mi è stato chiesto di parlare sulle credenze dottrinali delle Assemblee di Dio ad una classe dell’Università di Redlas. L’interesse generale verteva su ciò che distingue le Assemblee di Dio dalle altre denominazioni: il parlare in altre lingue. Dissi alla classe che la mia fede nella Pentecoste è basata sul fatto che il parlare in lingue, secondo come lo Spirito dà da …
Leggi Tutto

L'AMORE DI CRISTO CHE SOPRAVANZA OGNI CONOSCENZA

di Dwight L. MOODY – “E conoscere l’ amore di Cristo che sopravanza ogni conoscenza?. (Efesi 3:19). Se potessi soltanto fare intendere agli uomini il vero senso delle parole dell’apostolo Giovanni “Dio è amore” prenderei questo solo testo e andrei su e giù per il mondo proclamando questa gloriosa verità. Convincere un uomo che voi l?amate, significa esservi cattivato il suo cuore. Se noi riuscissimo a convincere gli …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti