Un Salvatore vivente!

Atti 2:22-36   –   La madre di un bambino di nove anni, di nome Marco, nel bel mezzo del pomeriggio ricevette una telefonata. Era l’insegnante di suo figlio che chiamava dalla scuola.  ” Mrs. Smith, qualcosa di strano è successo oggi in classe (terza elementare) di suo figlio. Suo figlio mi ha sorpresa così tanto con qualcosa che penso lei debba sapere subito.” La mamma cominciò a preoccuparsi.  L’insegnante continuò, “In tutti i miei anni di insegnamento non mi è mai accaduta una cosa così. Questa mattina stavo svolgendo una lezione sulla scrittura creativa.  E come faccio sempre, ho raccontato la storia della formica e della cicala: La formica lavora duro tutta l’estate e mette da parte un bel pò di cibo. Ma la cicala canta tutta l’estate e non lavora. Poi arriva l’inverno. La cicala che sta morendo di fame perché non ha cibo, comincia a chiedere l’elemosina; “Per favore signora formica, voi avete molto cibo. Per favore datemi da mangiare qualcosa.”

A questo punto, prosegui l’insegnante, dissi: ” Ragazzi e ragazze, il vostro compito è quello di scrivere il finale alla storia. Suo figlio, Marco, ha alzato la mano”.
– “Maestra, posso fare un disegno?” – “Beh, sì, Marco, se vuoi, puoi fare un disegno. Ma prima di tutto devi scrivere il finale della storia. “ –  Come in tutti gli anni precedenti, la maggior parte degli studenti hanno scritto che la formica condivise il suo cibo per tutto l’inverno, e sia la formica che la cicala sono sopravvissute.  Alcuni bambini hanno scritto, -“No, signora cicala. Avresti dovuto lavorare in estate. Ora, il cibo che ho è appena sufficiente per me.”  – Così la formica visse e la cicala morì.”  

Ma suo figlio ha concluso la storia in modo diverso da qualsiasi altro bambino. Egli ha scritto: “Così la formica ha dato tutto il suo cibo alla cicala…  la cicala visse per tutto l’inverno, ma la formica morì”  E nella parte inferiore della pagina Marco ha disegnato tre croci .”

Considera l’opera che Gesù Cristo ha compiuto per noi morendo sulla croce!

Egli aveva tutto. Egli ha lasciato tutto per venire sulla terra. Egli Ha dato tutto.  Egli è morto per noi perché è stato il nostro peccato che Lo ha inchiodato sulla croce.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LA FAMIGLIA CRISTIANA

di Roberto Bracco  –   Non ci riferiamo alla famiglia nel senso sociale, ma a quella che è “famiglia” per vincoli spirituali; ci riferiamo cioè alla chiesa cristiana non come organizzazione o denominazione, ma come popolo di “fratelli” che si amano, si stimano, si aiutano in virtù di quell’amore celeste che è stato sparso in loro mediante lo Spirito Santo.     La famiglia cristiana è la più perfetta, la …
Leggi Tutto

TRASFORMATI TRAMITE L’OPERA DI CRISTO

di  JESSIE PENN LEWIS  –  “Poiché l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti; e che egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono, non vivano più d’ ora in avanti per sé stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. Perciò d’ ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo …
Leggi Tutto

LA BIBBIA

Strappata, condannata, bruciata. Odiata, disprezzata, maledetta. Messa in dubbio, guardata con sospetto, criticata. Condannata dagli atei. Schernita dagli empi. Esagerata dai fanatici. Capita ed interpretata male. Oggetto d’infamia e frenesia. Negata nella sua ispirazione divina. EPPURE VIVE Vive – come una lampada per i nostri piedi. Vive – come una luce per i nostri sentieri. Vive – come la porta per il cielo. Vive – come normativa nella …
Leggi Tutto

Perseverare nella Parola di Dio

di Roberto Bracco  –  “Se perseverate nella mia Parola…” (Giovanni 8:31)  –  Questo passo dell’Evangelo di Giovanni ci fa comprendere tre cose di grande importanza : – Per essere veramente discepoli di Gesù bisogna perseverare nella sua parola. – Mediante la perseveranza nella sua parola si giunge alla conoscenza della verità. – La conoscenza della verità produce la conquista della libertà. La prima cosa ci dice chiaramente che …
Leggi Tutto

Predicazione Domenica 22 Settembre 2013

Pastore AGOSTINO MASDEA “Egli ha dato…”  –  Giovanni 1:12 …
Leggi Tutto

IL MALE NASCOSTO

di Roberto Bracco   –   Fratello, hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver pronunciato un ispirato sermone, o dopo aver reso una testimonianza guidata, o dopo aver elevato una calda preghiera? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver compiuto una buona opera, o dopo aver fatto una generosa elargizione? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver ottenuto una vittoria spirituale, o dopo …
Leggi Tutto

COSA VUOL DIRE “ESSERE SALVATO”.

Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3: 16-17 )   –   Gesù pronunciò queste parole in una conversazione con un importante personaggio religioso del suo …
Leggi Tutto

NON SIAMO PROTESTANTI

Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti