PERCHE’ LE PERSONE SI SVIANO?

di W. H. GRIFFITH THOMAS  –  Durante una riunione di lettura della Bibbia alcuni anni fa affermai che se vi erano 500 sviati che non frequentavano più la chiesa, ognuno di essi aveva iniziato il suo sviamento per aver negletto la lettura della Sacra Scrittura. Dopo la riunione una donna mi disse, «Io non riesco a comprendere come lei può essere così sicuro, che ognuno dei 500 si sia sviato per aver trascurato la lettura della Bibbia».  «Bene», dissi io, «Hai uno specchio nella tua camera da letto?».  «Sì», rispose ella.  «Lo usi?».  «Sì», fu la risposta.  Ammettiamo», dissi io, «che tu non lo usi per una settimana; saresti certa che il tuo aspetto sia come desideri che i tuoi amici ti vedano?». «No», fu la risposta.

«Ora nell’epistola di Giacomo», feci notare io, « la Bibbia viene paragonata ad uno specchio nel quale possiamo vedere fa nostra immagine. Se non apriamo il Libro, non possiamo essere sicuri del nostro aspetto spirituale».

Chiesi ancora: «Nella tua casa hai acqua e sapone?». Ella cominciò a sorridere e disse, «Sì».  «Lo usi?». Domandai io. Ella sorrise ancora di più, ed io aggiunsi, «Ammettiamo che non lo usassi per una settimana, saresti certa della tua pulizia personale?». «No», rispose ella.

«Ora», feci notare, «Nell’epistola agli Efesi la Parola è paragonata all’acqua (5:26), quel che l’acqua è per il corpo, la Parola di Dio è per l’anima. Essa purifica. Se non ci laviamo non saremo mai puliti».

Poi aggiunsi, «Al mattino, penso che tu faccia colazione!». «Sì», rispose. «Ora ammettiamo, che tu stia senza cibo per qualche giorno, sai quale sarebbe il risultato. Il motivo per cui le persone si ammalano è perché sono deboli. Se le persone fossero forti e vigorose resisterebbero maggiormente ai virus».

«Così è nella vita spirituale. La Parola di Dio è un cibo. Se ci cibiamo della Parola di Dio, diveniamo forti; se non lo facciamo, diventiamo preda dei virus delle tentazioni; questi ci trovano spiritualmente deboli e ci portano ad essere spiritualmente ammalati. Ma se possiamo dire con Geremia: «Tosto che ho trovato le tue parole, io le ho divorate; e le tue parole sono state la mia gioia, l’allegrezza del mio cuore» (Geremia 15:16). Se usiamo l’acqua ed il cibo e lo specchio della parola di Dio, non vi sarà alcun sviamento».

Ella rispose, «Ora comprendo».

Fino a quando terremo lo specchio davanti a noi, nel quale potremo vedere la nostra immagine, riflessa nella gloria di Dio, noi saremo trasformati. Fino a quando useremo l’acqua della Parola per la purificazione della nostra vita, ed il latte ed il miele della Parola per cibo delle nostre anime, noi non ci svieremo mai, ma cresceremo di grazia in grazia, e di forza in forza.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PIÙ VOLENTIERI AL MERCATO CHE NEL SANTUARIO

di Vance Havner  –  «A chi assomiglierò io questa generazione? Ella è simile ai fanciulli seduti nelle piazze che gridano ai loro compagni e dicono: Vi abbiamo suonato il flauto e voi non avete ballato» (Matteo 11:16,17). Oggi molti cristiani giocano alla religione. Essi si trovano perfettamente a loro agio in questo mondo: vivono serenamente, comprano, vendono, acquistano, guadagnano; la loro mente è tutta dedita ai profitti e …
Leggi Tutto

Sermone del pastore Agostino Masdea predicato Domenica 5 Aprile 2015.   “Camminare con Gesù è l’esperienza più straordinaria che possiamo vivere. Vuoi che le cose cambino nella tua vita? Prova a camminare insieme a Colui che è risorto dalla morte, al “Vivente”. Cammina con Gesù…” …
Leggi Tutto

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA.  –   “La pornografia trasmette l’idea del diritto illimitato di poter soddisfare i propri desideri sessuali senza alcun rispetto per l’altro”. Stavo appunto passando dello spray nero su un grandissimo cartellone pubblicitario pornografico accanto a casa nostra, quando da lontano sentii un gruppo di uomini che mi prendevano in giro, facevano insinuazioni ed erano addirittura irritati. Ma proprio quando arrivarono alla mia altezza, l’unica donna …
Leggi Tutto

Non toccate i miei unti...

di ROBERTO BRACCO  –  Non bisogna dimenticare che un ministro, un pastore, rappresentano sempre le persone più notate, più osservate, più conosciute della comunità. Non bisogna dimenticare cioè che essi vengono seguiti da centinaia di occhi e giudicati da un numero più o meno grande di fedeli.  Non c’è un’ora della loro giornata o non c’è una circostanza della loro vita che non cadano sotto l’osservazione di tutti …
Leggi Tutto

gocceNelTempo

di  ROBERTO BRACCO                                           Questo studio ha, soprattutto, uno scopo: esaminare l’uomo nel suo aspetto di “creatura di Dio”, quindi nel suo aspetto più profondo, più importante. Noi speriamo che questo esame possa rappresentare un raggio, sia pur debole, di luce, per una conoscenza più intera dell’uomo, la …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: IO NON TI ABBANDONERO’ PERCHE’ SONO FELICE CHE TU MI APPARTIENGA

Poiché l’Eterno non abbandonerà il suo popolo, per amore del suo grande nome, perché è piaciuto all’Eterno di farvi il suo popolo. (1 Samuele 12:22) Molte persone vivono nella continua paura che possano essere abbandonati in qualsiasi momento. Alcuni si sentono in questo modo perché sono stati delusi in passato, mentre altri semplicemente non vivono con un profondo senso di appartenenza a qualcosa o a qualcuno. Amo questa …
Leggi Tutto

CROCIFISSI CON CRISTO

di George D. Watson  –  La Bibbia mette spesso in rilievo l’infinita debolezza morale degli uomini. Perfino gli uomini migliori e validi strumenti della provvidenza di Dio vengono a volta presentati nella Scrittura come esseri deboli e soggetti al peccato: Abramo disse di essere »polvere e cenere«; Isaia disse che noi periamo come una foglia; Giobbe a momenti aveva orrore di se stesso e lo stesso Apostolo Paolo …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti