PERCHE’ LE PERSONE SI SVIANO?

di W. H. GRIFFITH THOMAS  –  Durante una riunione di lettura della Bibbia alcuni anni fa affermai che se vi erano 500 sviati che non frequentavano più la chiesa, ognuno di essi aveva iniziato il suo sviamento per aver negletto la lettura della Sacra Scrittura. Dopo la riunione una donna mi disse, «Io non riesco a comprendere come lei può essere così sicuro, che ognuno dei 500 si sia sviato per aver trascurato la lettura della Bibbia».  «Bene», dissi io, «Hai uno specchio nella tua camera da letto?».  «Sì», rispose ella.  «Lo usi?».  «Sì», fu la risposta.  Ammettiamo», dissi io, «che tu non lo usi per una settimana; saresti certa che il tuo aspetto sia come desideri che i tuoi amici ti vedano?». «No», fu la risposta.

«Ora nell’epistola di Giacomo», feci notare io, « la Bibbia viene paragonata ad uno specchio nel quale possiamo vedere fa nostra immagine. Se non apriamo il Libro, non possiamo essere sicuri del nostro aspetto spirituale».

Chiesi ancora: «Nella tua casa hai acqua e sapone?». Ella cominciò a sorridere e disse, «Sì».  «Lo usi?». Domandai io. Ella sorrise ancora di più, ed io aggiunsi, «Ammettiamo che non lo usassi per una settimana, saresti certa della tua pulizia personale?». «No», rispose ella.

«Ora», feci notare, «Nell’epistola agli Efesi la Parola è paragonata all’acqua (5:26), quel che l’acqua è per il corpo, la Parola di Dio è per l’anima. Essa purifica. Se non ci laviamo non saremo mai puliti».

Poi aggiunsi, «Al mattino, penso che tu faccia colazione!». «Sì», rispose. «Ora ammettiamo, che tu stia senza cibo per qualche giorno, sai quale sarebbe il risultato. Il motivo per cui le persone si ammalano è perché sono deboli. Se le persone fossero forti e vigorose resisterebbero maggiormente ai virus».

«Così è nella vita spirituale. La Parola di Dio è un cibo. Se ci cibiamo della Parola di Dio, diveniamo forti; se non lo facciamo, diventiamo preda dei virus delle tentazioni; questi ci trovano spiritualmente deboli e ci portano ad essere spiritualmente ammalati. Ma se possiamo dire con Geremia: «Tosto che ho trovato le tue parole, io le ho divorate; e le tue parole sono state la mia gioia, l’allegrezza del mio cuore» (Geremia 15:16). Se usiamo l’acqua ed il cibo e lo specchio della parola di Dio, non vi sarà alcun sviamento».

Ella rispose, «Ora comprendo».

Fino a quando terremo lo specchio davanti a noi, nel quale potremo vedere la nostra immagine, riflessa nella gloria di Dio, noi saremo trasformati. Fino a quando useremo l’acqua della Parola per la purificazione della nostra vita, ed il latte ed il miele della Parola per cibo delle nostre anime, noi non ci svieremo mai, ma cresceremo di grazia in grazia, e di forza in forza.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

La Maddalena ai piedi di Gesù - Testimonianza di Rossana Montesi

Rossana Montesi,  dal cinema a Cristo. E’ stata membro della nostra comunità in Via Anacapri dalla conversione alla morte (2005). Una testimonianza toccante e straordinaria, di come Cristo si rivela e salva chiunque lo cerchi. E’ stata una fiaccola accesa dell’Evangelo portando la luce negli ambienti intellettuali e di spettacolo della capitale. Leggete la sua testimonianza. (A.M.) Ventenne viene scelta dal regista Ferdinando Maria Poggioli nel ruolo di …
Leggi Tutto

PER TUTTI I TEMPI E PER TUTTI GLI UOMINI

di  ANDRÉ THOMAS BRÈS  –    Quando si legge il libro degli Atti, ci si rende conto che lungi d’aver avuto luogo una volta per tutte, la Pentecoste non ha cessato di riprodursi. Alla fine del IV capitolo, leggiamo di una Pentecoste accordata a coloro che ne avevano già ricevuta una prima. Nell’VIII capitolo, Pentecoste a Samaria! Nell’XI capitolo, Pentecoste a Cesarea, nella casa di Cornelio ! Nel …
Leggi Tutto

CORO ALFA OMEGA

Registrazione di un canto durante una riunione di culto. CORO ALFA OMEGA  Vieni e  “LODALO”  insieme a noi, tutte le domeniche sera, ore 18 …
Leggi Tutto

Crescita spirituale

di Agostino Masdea   –   “Colui che ha cominciato un’opera buona in voi, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù”. (Filippesi 1:6) La Parola di Dio mette il credente davanti all’ineluttabile necessità di un costante cambiamento. Non solo un cambiamento iniziale, alla conversione, ma una trasformazione progressiva operata dallo Spirito Santo nella misura in cui il credente si arrende alla Sua opera.  A Nicodemo Gesù …
Leggi Tutto

R.A.Torrey

 di  R.A. TORREY    –   “La potenza appartiene a Dio”. Pertanto è a disposizione dell’uomo. Vi è una cosa che crea la separazione tra Dio e l’uomo: il peccato. Leggiamo in Isaia: “Ecco, la mano del Signore non è troppo corta per salvare, né il suo orecchio troppo duro per udire; ma sono le nostre iniquità quelle che han posto una barriera fra voi e il vostro Dio; sono i vostri peccati quelli …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 17 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea   Vivere ancora sotto la legge o vivere sotto la la grazia? …
Leggi Tutto

"CERCANO IL LORO PROPRIO" (Filippesi 2:2)

di Roberto Bracco  –  Le parole dell’Apostolo Paolo esprimono una situazione che non è esagerato definire drammatica: «tutti» cercano il loro proprio, non ciò che è di Cristo Gesù. In quel «tutti» l’apostolo non include soltanto i credenti, ma anche, ed anzi con carattere di priorità, i ministri cioè gli operai cristiani. Egli traccia un doloroso parallelo, per dar risalto alla fedeltà di uno o, di pochi, in …
Leggi Tutto

VIVERE IL CRISTIANESIMO.

di ROBERTO BRACCO  –  Che cos’è il cristianesimo?  Questa domanda rappresenta una premessa indispensabile al soggetto che ci accingiamo a trattare. Il cristianesimo è la dottrina di Cristo nella sua attuazione pratica! La dottrina di Cristo, non bisogna dimenticare, non ha soltanto un aspetto morale ed un contenuto legale, ma anche, anzi soprattutto, un aspetto ideale; cioè la dottrina di Cristo non si esaurisce nell’insegnare a vivere puramente …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti