PERCHE’ LE PERSONE SI SVIANO?

di W. H. GRIFFITH THOMAS  –  Durante una riunione di lettura della Bibbia alcuni anni fa affermai che se vi erano 500 sviati che non frequentavano più la chiesa, ognuno di essi aveva iniziato il suo sviamento per aver negletto la lettura della Sacra Scrittura. Dopo la riunione una donna mi disse, «Io non riesco a comprendere come lei può essere così sicuro, che ognuno dei 500 si sia sviato per aver trascurato la lettura della Bibbia».  «Bene», dissi io, «Hai uno specchio nella tua camera da letto?».  «Sì», rispose ella.  «Lo usi?».  «Sì», fu la risposta.  Ammettiamo», dissi io, «che tu non lo usi per una settimana; saresti certa che il tuo aspetto sia come desideri che i tuoi amici ti vedano?». «No», fu la risposta.

«Ora nell’epistola di Giacomo», feci notare io, « la Bibbia viene paragonata ad uno specchio nel quale possiamo vedere fa nostra immagine. Se non apriamo il Libro, non possiamo essere sicuri del nostro aspetto spirituale».

Chiesi ancora: «Nella tua casa hai acqua e sapone?». Ella cominciò a sorridere e disse, «Sì».  «Lo usi?». Domandai io. Ella sorrise ancora di più, ed io aggiunsi, «Ammettiamo che non lo usassi per una settimana, saresti certa della tua pulizia personale?». «No», rispose ella.

«Ora», feci notare, «Nell’epistola agli Efesi la Parola è paragonata all’acqua (5:26), quel che l’acqua è per il corpo, la Parola di Dio è per l’anima. Essa purifica. Se non ci laviamo non saremo mai puliti».

Poi aggiunsi, «Al mattino, penso che tu faccia colazione!». «Sì», rispose. «Ora ammettiamo, che tu stia senza cibo per qualche giorno, sai quale sarebbe il risultato. Il motivo per cui le persone si ammalano è perché sono deboli. Se le persone fossero forti e vigorose resisterebbero maggiormente ai virus».

«Così è nella vita spirituale. La Parola di Dio è un cibo. Se ci cibiamo della Parola di Dio, diveniamo forti; se non lo facciamo, diventiamo preda dei virus delle tentazioni; questi ci trovano spiritualmente deboli e ci portano ad essere spiritualmente ammalati. Ma se possiamo dire con Geremia: «Tosto che ho trovato le tue parole, io le ho divorate; e le tue parole sono state la mia gioia, l’allegrezza del mio cuore» (Geremia 15:16). Se usiamo l’acqua ed il cibo e lo specchio della parola di Dio, non vi sarà alcun sviamento».

Ella rispose, «Ora comprendo».

Fino a quando terremo lo specchio davanti a noi, nel quale potremo vedere la nostra immagine, riflessa nella gloria di Dio, noi saremo trasformati. Fino a quando useremo l’acqua della Parola per la purificazione della nostra vita, ed il latte ed il miele della Parola per cibo delle nostre anime, noi non ci svieremo mai, ma cresceremo di grazia in grazia, e di forza in forza.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PER LA SUA GRAZIA

di Agostino Masdea  –  Ma per la grazia di Dio sono quello che sono; e la sua grazia verso di me non è stata vana, anzi ho faticato piú di tutti loro non io però, ma la grazia di Dio che è con me. ( 1 Corinzi 15:10 ) a) Cos’è la grazia? E’ un favore immeritato che ci viene da Dio! Ma è più di questo: E’ la Sua misericordia che …
Leggi Tutto

Che devo fare?

di Roberto Bracco  –  La tua chiesa langue a causa dell’indifferenza spirituale e della mondanità? La vanità, la carne e il peccato hanno preso il posto della consacrazione, dello spirito e della santità? La potenza celeste non si muove e non opera come operava anni addietro, gli ammalati non vengono più guariti e i tormentati liberati? Insomma ti accorgi che la tua chiesa si trova sulla strada dello …
Leggi Tutto

Calvario

di John Charles Ryle  –  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non sappiamo altro che questo. Ho intitolato questo sermone “Calvario” perché voglio parlarvi delle sofferenze e della crocifissione di Cristo. Temo infatti che ci sia molta ignoranza, nel seno del popolo di Dio, sul soggetto delle sofferenze di Gesù …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: ROCK OF AGES (ROCCA ETERNA)

Questo famoso inno è stato composto da Augustus Montague Toplady (1740 – 1778). Fin da ragazzo l’autore dimostrò delle qualità straordinarie. Suo padre morì quando egli era ancora bambino e fu allevato da sua madre che lo adorava e lo viziava. Egli non piaceva ai suoi compagni e nemmeno ai suoi parenti, in parte per la sua straordinaria intelligenza, e in parte perché era malaticcio e nevrotico. Fu oggetto di molte …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io avrò misericordia di coloro che sono misericordiosi verso gli altri.

“Beati i misericordiosi, perché a loro misericordia sarà fatta. (Matteo 5:7)   –   Anche nell’ambiente secolare, viene citato spesso quel verso che riporta le parole di Gesù che chiamiamo la ‘regola d’oro’ … “Fai agli altri quello che vorresti gli altri facessero a te”.  Anche il mondo riconosce che questo è un principio universale. La misericordia funziona allo stesso modo. C’è una promessa di misericordia per coloro …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Il mio Spirito riposa si di te quando soffri per amor di Cristo.

Se siete vituperati per il nome di Cristo, beati voi, poiché lo Spirito di gloria e lo Spirito di Dio riposa su di voi. (1 Pietro 4:14) La Bibbia dice che coloro che vogliono vivere una vita pia saranno perseguitati. Viviamo in un mondo orfano con valori orfani. Gesù ha detto che se le persone hanno rifiutato Lui, avrebbero rifiutato anche noi. Prima o poi nella nostra vita, tutti …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Quando lascerai questo corpo, sarai a casa nella Mia presenza.

ma siamo pieni di fiducia e preferiamo partire dal corpo e abitare con il Signore. (2 Corinzi 5:8) Sono così felice che l’apostolo Paolo abbia fatto questa dichiarazione che ci rivela una promessa molto speciale di Dio. Essere assenti dal nostro corpo significa essere presenti con il Signore! Egli promette di non lasciarci mai e non abbandonarci in questo mondo, e quando sarà il momento per noi di lasciare …
Leggi Tutto

CRESCERE NELLA GRAZIA

 di AGOSTINO MASDEA – L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti