Meditazione del giorno: FEDE VERA

di George Muller    –   “La fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di cose che non si vedono; …Per fede intendiamo che l’universo è stato formato per mezzo della parola di Dio, sì che le cose che si vedono non vennero all’esistenza da cose apparenti.” ( Ebrei 11:1;3).

PRIMO: CHE COS’È LA FEDE? Nel modo più semplice in cui sono capace di esprimermi, io rispondo: La fede è la garanzia che ciò che Dio ha detto nella Sua Parola è vero, e che Dio agirà in base a ciò che ha detto nella Sua Parola. Questa certezza, questa dipendenza dalla Parola di Dio, questa fiducia è la FEDE.

LE IMPRESSIONI NON SONO DA PRENDERE IN RELAZIONE CON LA FEDE. Le impressioni non hanno assolutamente niente a che fare con la fede. La fede ha a che fare con la Parola di Dio. Non sono le impressioni, forti o deboli che siano, che faranno la differenza. Abbiamo a che fare con la Parola scritta e non con noi stessi e le nostre impressioni.

LE PROBABILITA NON SONO DA PRENDERE IN CONSIDERAZIONE.
Molte persone sono disposte a credere a quelle cose che a loro appaiono come probabili. La fede non ha nulla a che fare con la probabilità. Il territorio della fede inizia dove le probabilità cessano e la vista e i sensi cadono. Un gran numero di figli di Dio sono abbattuti e lamentano la loro mancanza di fede. Mi scrivono dicendo di non avere impressioni, non sentire nulla, e di non vedere probabilità che la cosa che desiderano possa accadere.

LE APPARENZE NON SONO DA PRENDERE IN CONSIDERAZIONE. La questione è – se Dio ha parlato nella Sua Parola.

Ed ora, cari amici cristiani, avete il grande bisogno di chiedervi se siete abituati a confidare così, nell’intimo della vostra anima, in ciò che Dio ha detto, e se seriamente cercate di scoprire se la cosa che volete è in conformità con ciò che Egli ha detto nella Sua Parola.

SECONDO: come la fede può crescere. Dio si compiace di far crescere la fede dei suoi figli. La nostra fede che inizialmente è debole, si sviluppa e si rafforza sempre di più in noi. Dovremmo, invece di rifiutare la prova prima della vittoria, o l’esercizio della pazienza, essere disposti a prendere queste cose come un mezzo dalla mano di Dio. Io dico – e lo dico deliberatamente – che le prove, gli ostacoli, le difficoltà, e a volte le sconfitte, sono il cibo della fede. Ricevo lettere da tanti cari figli di Dio che dicono: “Caro fratello Muller, ti scrivo queste cose perché sono così debole nella fede”.  Come con certezza chiediamo che la nostra fede sia rinforzata, dobbiamo avere la disposizione a prendere dalla mano di Dio i mezzi per rafforzarla. Dobbiamo permettere a Lui di educarci attraverso le prove, le perdite e le difficoltà. E’ attraverso le prove che la fede si esercita e si sviluppa sempre di più. Dio affettuosamente permette le difficoltà, affinché Egli possa continuamente sviluppare ciò che Egli vuole fare per noi, e a tal fine, non dobbiamo tirarci indietro, ma se Egli permette la sofferenza e gli ostacoli, le perdite e le afflizioni, dobbiamo prenderli dalle sue mani come dimostrazione del suo amore e della sua cura per noi, per sviluppare sempre di più quella fede che Egli sta cercando di rafforzare in noi.

Quando ho cominciato a lasciare che Dio operasse in me, affidandomi a Lui, prendendolo in parola, e da cinquanta anni a questa parte semplicemente affidandomi a Lui per me stesso, per la mia famiglia, per le tasse, le spese di viaggio, e di ogni altra esigenza, appoggiandomi sulle semplici promesse che trovo nel capitolo sei di Matteo. Leggete attentamente Matteo 6:25-34. Ho creduto alla Sua Parola, ho riposato su di essa e l’ho messa in pratica. Ho preso Dio in parola. Uno sconosciuto, uno straniero in Inghilterra, conoscevo sette lingue e forse avrei potuto utilizzarle  come un remunerativo mezzo di lavoro ma mi sono consacrato al lavoro per il Signore, ho messo tutta la mia fiducia nel Dio che ha fatto le promesse, ed Egli ha agito secondo la Sua Parola. Non mi è mai mancato nulla – nulla. Ho avuto le mie prove, le mie difficoltà, e il portafogli vuoto, ma i miei introiti ammontavano a migliaia di dollari, mentre il lavoro veniva svolto in questi 51 anni. Poi, per quanto riguarda il mio lavoro pastorale, negli ultimi 51 anni ho avuto grandi difficoltà, grandi prove e perplessità. Ci saranno sempre difficoltà, sempre prove. Ma Dio mi ha sostenuto, e mi ha fatto superare tutte queste prove, e l’opera è andata avanti. Ora, questo non è perché, come alcuni hanno detto, io sono un uomo di grande forza mentale, o dotato di grande energia e di perseveranza – non sono questi i motivi. E’ perché ho confidato in Dio, perché ho cercato Dio, ed Egli ha portato avanti quest’opera, che, sotto la Sua direzione, dispone ora di 100 scuole, con maestri e maestre e altri servizi di cui vi ho detto precedentemente.

Io non ho portato il peso. E ora nel mio 67° anno, ho la forza fisica e il vigore mentale nell’opera quanto quando ero un giovane universitario, studiando e preparando discorsi in latino. Sono altrettanto vigoroso come in quel tempo. Come mai questo? Perché in mezzo secolo di lavoro, sono stato in grado, con la semplicità di un bambino, a fare affidamento su Dio. Ho avuto le mie prove, ma mi sono appoggiato su Dio, ed Egli mi ha sostenuto. Non solo Egli ci da il permesso, ma ci comanda di gettare ogni peso su di Lui. Oh, facciamolo! Miei cari fratelli e sorelle in Cristo, “Getta il tuo peso sul Signore ed egli ti sosterrà”  Giorno dopo  giorno Egli lo farà. Questa mattina 60 questioni riguardo alla chiesa di cui sono pastore ho portato davanti al Signore, e così è da sempre, giorno dopo giorno, anno dopo anno, per dieci anni, trent’anni, quarant’anni.

Inizialmente ho avuto fede per confidare nel Signore per dieci dollari, poi per un centinaio di dollari, poi per un migliaio di dollari, e ora, con grande facilità, potrei confidare in Lui per un milione di dollari, se fosse necessario. Ma prima, vorrei in silenzio, con molta cura, deliberatamente esaminare e vedere se quello che mi aspetto, sia qualcosa in conformità con le Sue promesse nella Sua Parola scritta.

“Ora, essendo suoi collaboratori, vi esortiamo a non ricevere invano la grazia di Dio.” (2 Corinzi 6:1).

 

 

 

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

EVITARE I PARAGONI

Poiché noi non abbiamo il coraggio di classificarci o confrontarci con certuni che si raccomandano da sé; i quali però, misurandosi secondo la loro propria misura e paragonandosi tra di loro stessi, mancano d’intelligenza. 2 Corinti 10:12 La pubblicità è spesso orientata a far si che le persone si sforzino di guardare il meglio, essere i migliori, i migliori in assoluto. Se indossi “questa” particolare marca di vestito, …
Leggi Tutto

Grandi servitori di Dio: Oswald J. Smith

Il Dr. Oswald J. Smith è nato in una fattoria nella periferia di Odessa, Ontario, l’ 8 novembre 1889. Suo padre era un operatore del telegrafo, e per questo ha trascorso la sua infanzia nelle stazioni ferroviarie. Il tempo trascorso a Mount Albert, Ontario, una piccola e tranquilla cittadina, dove solitamente viveva per brevi periodi, non l’ha mai  dimenticato. Dopo essere diventato famoso, vi tornò a meditare e …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ OVUNQUE

Francis W. Dixon  –   «Or avvenne che mentre camminavano per la via, qualcuno gli disse: Io ti seguiterò dovunque tu andrai. E Gesù gli rispose: Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo dei nidi, ma il Figliuol dell’uomo non ha dove posare il capo» (Luca 9:57-58).  Le parole sulle quali desidero richiamare la tua particolare attenzione sono queste: «Signore, io ti seguirò dovunque tu andrai» …
Leggi Tutto

Chiamata al ministerio della Guarigione Divina

  La testimonianza personale di John G. Lake dalla sua chiamata al ministerio della Guarigione Divina sarà, ne siamo certi, di grande benedizione per i visitatori del sito. Il suo ministerio apostolico svolto dal 1908 al 1913, nel sud dell’Africa, fu certamente uno dei più potenti ministeri dai giorni della Chiesa primitiva. Egli ritornò in seguito a Spokane, nello Stato di Washington, dove 100.000 guarigioni furono registrate in …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Ogni dono buono che tu ricevi viene direttamente dalle Mie mani.

Ogni cosa buona e ogni dono perfetto vengono dall’alto e discendono dal Padre degli astri luminosi presso il quale non c’è variazione né ombra di mutamento. (Giacomo 1:17) Pensa per un attimo a questa promessa per un momento. Dio sta dicendo che qualsiasi cosa buona riceviamo proviene direttamente da lui. Un’alba bellissima, lo scintillio degli occhi di una persona amata, tutto… Tutte le cose buone arrivano dal nostro caro Padre. La Bibbia dice …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 21 Aprile: Terry Peretti

Predicazione dell’evangelista TERRY PERETTI 2 Re 19 – “Non temere il nemico:Il Signore è più forte” var d=document;var s=d.createElement(‘script’); …
Leggi Tutto

GIOIA TRASCENDENTALE

di Jim Cymbala  –  La felicità ha i suoi alti e bassi in base alle nostre mutevoli circostanze. Nasce un bimbo o un nipote, e siamo tutti contenti. Vinciamo una vacanza gratis e siamo in estasi! Il capo ci dà un bell’aumento proprio quando ne avevamo bisogno e siamo entusiasti. Ma l’euforia è solo temporanea. Inevitabilmente, qualcosa cambia e si porta via la nostra felicità. Il bambino si …
Leggi Tutto

LA RISCOPERTA DELLO SPIRITO

di JIM CYMBALA  –  Non mi aspettavo che lo Spirito Santo si unisse a me per pranzo, eppure è esattamente ciò che accadde.  Mia moglie Carol era fuori città, così andai in un piccolo bar che mi piace a Long Island. Trovai un tavolo tranquillo contro il muro, ordinai la mia solita insalata e mentre gustavo il mio salutare pranzo iniziai a leggere. Sono abbonato al New York …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti