CONVERSIONE E CORAGGIO DEL VECCHIO ZI PEPPE

Uno spaccato di testimonianza del clima religioso nell’immediato dopoguerra. La semplicità di un anziano credente vs. la prosopopea e la teologia di un vescovo cattolico.   

(Da una lettera di un pastore battista, di Schiavi d’Abruzzo, a Stefano Testa, un ministro di Los Angeles, California.)

Caro fratello Testa, il miglior lavoro in Italia viene fatto dai fratelli pentecostali. Essi prendono di mira una persona e non la lasciano finché non l’abbiano condotta ai piedi della Croce, dopo di che la trasformano in un vero missionario, dando esempio di una vita conforme alla vocazione del Vangelo, ripiena di amore per le anime, sacrificio nella evangelizzazione, ospitalità e carità sincera. Tutte le chiese da me visitate sono molto attive e piene d’entusiasmo e benché molti dei membri siano analfabeti essi confondono i sapienti con il loro esempio e con i miracoli che il Signore compie per tramite loro. Per dimostrare l’energia e lo spirito di devozione dei convertiti, voglio raccontarti la storia di Zi Peppe:

Un anziano credente di 74 anni, chiamato Zi Peppe, guarito da una malattia cronica che lo aveva tenuto inchiodato a letto da oltre 10 anni, convertitosi al Signore per la testimonianza di uno di questi fratelli, si mise a testimoniare e predicare a suo modo nelle vicinanze di Pescara e condusse centinaia di anime ai piedi della Croce di Cristo. Il clero cattolico, allarmato, chiamò il vescovo, che sfidò Zi Peppe ad un pubblico contradittorio in piazza. All’ora stabilita, le campane cominciarono a suonare ed una moltitudine di parecchie migliaia di persone, provenienti dai paesi circonvicini, si riunirono nella piazza del paese. Zi Peppe raccomandò ai fedeli  di non venire in piazza, ma bensì di rimanere in casa a pregare per il successo della discussione, presentandosi da solo al combattimento, fidando nell’aiuto di Dio, secondo la promessa scritta in S. Matteo 10:20.

Il vescovo e Zi Peppe salirono sulla piattaforma e sedettero al tavolo, mentre la folla urlava “A morte il protestante.” Il vescovo fece cenno con la mano e cominciò a parlare; ma Zi Peppe lo interruppe invitandolo alla preghiera che egli stesso innalzò al Signore.  Il vescovo iniziò il discorso e parlò per oltre un’ora, dimostrando la legittimità della Chiesa Cattolica di avere un capo come lo hanno tutte le nazioni della terra, tutte le società, circoli e associazioni fra gli uomini affinché tutto proceda bene ed in ordine e che il capo della Chiesa Cattolica è il Papa, riconosciuto tale da tutto il mondo.

Terminato di parlare, il vescovo dette la parola a Zi Peppe, il quale fra urli e fischi della folla, rivolse al monsignore una domanda in dialetto abruzzese: “Fratello, credi tu che la Bibbia è la parola di Dio?” Alla risposta affermativa del vescovo, egli riprese: “Credo anch’io che ogni nazione, come qualsiasi società umana, debba avere un capo, e che la Chiesa Cattolica ha agito saggiamente nel scegliere il Papa per suo capo. Ma leggendo la Bibbia, che tu dici esser la parola di Dio, trovo che Gesù Cristo è il Capo della Sua chiesa, ed io preferisco appartenere alla chiesa di cui Cristo è il Capo, e lascio a te la libertà di appartenere alla chiesa che ha per capo il Papa. E in quanto a quel che tu dici che il Papa è il Vicario di Cristo, trovami nella Bibbia la parola Papa, Vicario di Cristo, sommo pontefice e tanti altri titoli, e immediatamente io ed i miei ritorneremo pentiti e umiliati in seno alla Chiesa Cattolica.”

Il vescovo, non potendo rispondere, cambiò discorso, dicendo che i protestanti non venerano le statue e le figure di Maria e dei Santi. Zi Peppe rispose: “Fratello, tu sai leggere, leggi il Salmo 115.” Il vescovo fu costretto a leggere, e arrivato al versetto 8, Zi Peppe esclamò: “Fratello, convertiti, altrimenti diventerai ‘simile ad essi.’ ” Un applauso fragoroso della folla e grida di “Viva Zi Peppe” coronò le sue parole.

Il vescovo visto la mala parata prese di nuovo la parola e concluse dicendo: “Non ascoltate ne Zi Peppe, ne me, ma atteniamoci tutti ai Dieci Comandamenti di Dio, ed essi ci condurranno ai piedi della croce.” E Zi Peppe replicò: “Questa è la prima buona parola che hai detto in tutta la discussione; ma disgraziatamente tu non ti attieni a quello che hai detto e non osservi i comandamenti di Dio.” Alle proteste del vescovo, Zi Peppe disse: “Nei due primi comandamenti Iddio proibisce le statue ed immagini. Tu porti addosso 5 o 6 crocifissi e statuette di oro sul petto, al collo e alla mano . .. Convertiti, fratello, perché Iddio è geloso.” Nuovi applausi fragorosi dalla folla che prese Zi Peppe e lo portò in trionfo.

Questo contradittorio servì a piantare l’Evangelo con radici più forti in quella regione, per opera di un semi-analfabeta profondamente cristiano.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Storia di un inno: IT’S WELL WITH MY SOUL

 Horatio Spafford era un avvocato di successo ed un insegnante di giurisprudenza nella Chicago del 1860. Insieme a sua moglie, Anna, erano ben noti in città, sia per la carriera legale di Spafford, ma anche perché i due coniugi erano amici e sostenitori di D.L. Moody, famoso evangelista. La città di Chicago era in forte espansione, le attività industriali erano fiorenti e lo sviluppo sociale era in forte …
Leggi Tutto

ALLATTA IL BAMBINO E AVRAI IL TUO SALARIO

“Porta via questo bambino… allattalo, e io ti darò il tuo salario” (Esodo 2:9). Jokebed non si rendeva completamente conto del significato della sua fede quando affidava il suo piccolo al Signore, deponendolo dentro una cesta e nascondendolo nel canneto sulla riva del Nilo. Ella non pensava neppure che stava dando un bellissimo esempio a favore di milioni di bambini che, come Mosè, sarebbero stati usati da Dio …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: "FORTE ROCCA E' IL NOSTRO DIO".

Il 31 ottobre 1517, Martin Lutero affisse le famose  novantacinque tesi alla porta della cattedrale di Wittenberg, Germania. Questa data è stata definita come il “4 Luglio del protestantesimo”. “Forte Rocca è il nostro Dio” è l’inno più potente del movimento della riforma protestante  di Lutero ed è basato sul Salmo 46. Questo inno è diventato il grido di battaglia del popolo, una grande fonte di forza e …
Leggi Tutto

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  –  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte… per fede Noè fabbricò un’Arca per la salvezza della sua famiglia… per fede Abrahamo, essendo chiamato, ubbidì, per andarsene al luogo che egli aveva da ricevere in eredità» (Ebrei 11-4, 8). Ci è solo una via per appropriarci dei …
Leggi Tutto

NEL CUORE DEI GIOVANI

di BILLY GRAHAM –  Uno dei racconti più belli che ci ha dato la letteratura è quello di Isacco e di Rebecca contenuto nelle Sacre Scritture. Pochi ammettono che la Bibbia sia un libro per i giovani, ricco di episodi idilliaci! Questa storia si svolge in un antico paese, in mezzo a un popolo di costumi particolari, ma Dio, tramite, essa, ha molte cose da insegnarci oggi. Si …
Leggi Tutto

Io benedirò i costruttori di pace e li chiamo miei figli

Beati coloro che si adoperano per la pace, perché essi saranno chiamati figli di Dio. (Matteo 5:9) Come pensi si senta un padre nel vedere i suoi figli litigare in casa sua? Come padre io stesso so quanto dispiacere ho provato quando ho visto i miei figli non andare d’accordo. Il cuore di un padre è per la pace e l’armonia dei suoi figli. Quando penso a questa promessa, sono …
Leggi Tutto

POTENZA NELLA PREGHIERA

di H. D. Pettit   —    L’Apostolo Giacomo ci meraviglia con la sua dichiarazione, “Voi non avete, perché non domandate” (Giacomo 4:2). Ciò mette in risalto l’importanza della preghiera: soltanto da Dio possiamo ricevere ciò che ci necessita, ciò che aneliamo; dobbiamo sempli­cementechiedere. “Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quel che volete e vi sarà fatto”. (Giov. 15:7). La promessa è illimitata; …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: UN GIORNO VEDRAI IL MIO VOLTO E PORTERAI IL MIO NOME SULLA TUA FRONTE

…essi vedranno la sua faccia e porteranno il suo nome sulla loro fronte. Apocalisse 22:4  –   Il libro della Genesi comincia con il nostro Dio e Padre che crea i cieli e la terra e tutto ciò che essa contiene. Nel libro dell’Apocalisse, la Bibbia si conclude con la promessa che un giorno vedremo Dio faccia a faccia e il Suo nome sarà scritto sulle nostre fronti. E questa è …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti