CONVERSIONE E CORAGGIO DEL VECCHIO ZI PEPPE

Uno spaccato di testimonianza del clima religioso nell’immediato dopoguerra. La semplicità di un anziano credente vs. la prosopopea e la teologia di un vescovo cattolico.   

(Da una lettera di un pastore battista, di Schiavi d’Abruzzo, a Stefano Testa, un ministro di Los Angeles, California.)

Caro fratello Testa, il miglior lavoro in Italia viene fatto dai fratelli pentecostali. Essi prendono di mira una persona e non la lasciano finché non l’abbiano condotta ai piedi della Croce, dopo di che la trasformano in un vero missionario, dando esempio di una vita conforme alla vocazione del Vangelo, ripiena di amore per le anime, sacrificio nella evangelizzazione, ospitalità e carità sincera. Tutte le chiese da me visitate sono molto attive e piene d’entusiasmo e benché molti dei membri siano analfabeti essi confondono i sapienti con il loro esempio e con i miracoli che il Signore compie per tramite loro. Per dimostrare l’energia e lo spirito di devozione dei convertiti, voglio raccontarti la storia di Zi Peppe:

Un anziano credente di 74 anni, chiamato Zi Peppe, guarito da una malattia cronica che lo aveva tenuto inchiodato a letto da oltre 10 anni, convertitosi al Signore per la testimonianza di uno di questi fratelli, si mise a testimoniare e predicare a suo modo nelle vicinanze di Pescara e condusse centinaia di anime ai piedi della Croce di Cristo. Il clero cattolico, allarmato, chiamò il vescovo, che sfidò Zi Peppe ad un pubblico contradittorio in piazza. All’ora stabilita, le campane cominciarono a suonare ed una moltitudine di parecchie migliaia di persone, provenienti dai paesi circonvicini, si riunirono nella piazza del paese. Zi Peppe raccomandò ai fedeli  di non venire in piazza, ma bensì di rimanere in casa a pregare per il successo della discussione, presentandosi da solo al combattimento, fidando nell’aiuto di Dio, secondo la promessa scritta in S. Matteo 10:20.

Il vescovo e Zi Peppe salirono sulla piattaforma e sedettero al tavolo, mentre la folla urlava “A morte il protestante.” Il vescovo fece cenno con la mano e cominciò a parlare; ma Zi Peppe lo interruppe invitandolo alla preghiera che egli stesso innalzò al Signore.  Il vescovo iniziò il discorso e parlò per oltre un’ora, dimostrando la legittimità della Chiesa Cattolica di avere un capo come lo hanno tutte le nazioni della terra, tutte le società, circoli e associazioni fra gli uomini affinché tutto proceda bene ed in ordine e che il capo della Chiesa Cattolica è il Papa, riconosciuto tale da tutto il mondo.

Terminato di parlare, il vescovo dette la parola a Zi Peppe, il quale fra urli e fischi della folla, rivolse al monsignore una domanda in dialetto abruzzese: “Fratello, credi tu che la Bibbia è la parola di Dio?” Alla risposta affermativa del vescovo, egli riprese: “Credo anch’io che ogni nazione, come qualsiasi società umana, debba avere un capo, e che la Chiesa Cattolica ha agito saggiamente nel scegliere il Papa per suo capo. Ma leggendo la Bibbia, che tu dici esser la parola di Dio, trovo che Gesù Cristo è il Capo della Sua chiesa, ed io preferisco appartenere alla chiesa di cui Cristo è il Capo, e lascio a te la libertà di appartenere alla chiesa che ha per capo il Papa. E in quanto a quel che tu dici che il Papa è il Vicario di Cristo, trovami nella Bibbia la parola Papa, Vicario di Cristo, sommo pontefice e tanti altri titoli, e immediatamente io ed i miei ritorneremo pentiti e umiliati in seno alla Chiesa Cattolica.”

Il vescovo, non potendo rispondere, cambiò discorso, dicendo che i protestanti non venerano le statue e le figure di Maria e dei Santi. Zi Peppe rispose: “Fratello, tu sai leggere, leggi il Salmo 115.” Il vescovo fu costretto a leggere, e arrivato al versetto 8, Zi Peppe esclamò: “Fratello, convertiti, altrimenti diventerai ‘simile ad essi.’ ” Un applauso fragoroso della folla e grida di “Viva Zi Peppe” coronò le sue parole.

Il vescovo visto la mala parata prese di nuovo la parola e concluse dicendo: “Non ascoltate ne Zi Peppe, ne me, ma atteniamoci tutti ai Dieci Comandamenti di Dio, ed essi ci condurranno ai piedi della croce.” E Zi Peppe replicò: “Questa è la prima buona parola che hai detto in tutta la discussione; ma disgraziatamente tu non ti attieni a quello che hai detto e non osservi i comandamenti di Dio.” Alle proteste del vescovo, Zi Peppe disse: “Nei due primi comandamenti Iddio proibisce le statue ed immagini. Tu porti addosso 5 o 6 crocifissi e statuette di oro sul petto, al collo e alla mano . .. Convertiti, fratello, perché Iddio è geloso.” Nuovi applausi fragorosi dalla folla che prese Zi Peppe e lo portò in trionfo.

Questo contradittorio servì a piantare l’Evangelo con radici più forti in quella regione, per opera di un semi-analfabeta profondamente cristiano.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Testimonianza di un credente Nord Coreano su come si vive in Corea

Kim Tae Jin ha difficolt? a parlare.?La differenza tra la sua vita in?Corea del Nord?e la sua vita ora a Seoul ? troppo grande.?”La cosa pi? difficile per me,” dice con calma, “? prendere decisioni.?La libert? di scegliere ??sconosciuta nella Corea del Nord.?Il partito ci dice cosa fare.?Eravamo trattati come gruppo, non come individui “, ricorda Kim.?”Man mano che crescevo crescevano anche i miei dubbi circa la propaganda …
Leggi Tutto

PREGHIERA DI UN SERVITORE MINORE

 di A. W. TOZER – Questa è la preghiera di un uomo chiamato ad essere testimone alle Nazioni, questo  ci che egli disse al Signore il giorno in cui fu ordinato. Dopo che gli anziani e i ministri ebbero pregato ed imposto le mani su di lui, egli si ritirò per incontrare il suo Signore in un posto segreto e silenzioso, lontano anche dai suoi fratelli, e disse: …
Leggi Tutto

GIOIA TRASCENDENTALE

di Jim Cymbala  –  La felicità ha i suoi alti e bassi in base alle nostre mutevoli circostanze. Nasce un bimbo o un nipote, e siamo tutti contenti. Vinciamo una vacanza gratis e siamo in estasi! Il capo ci dà un bell’aumento proprio quando ne avevamo bisogno e siamo entusiasti. Ma l’euforia è solo temporanea. Inevitabilmente, qualcosa cambia e si porta via la nostra felicità. Il bambino si …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Il mio Spirito riposa si di te quando soffri per amor di Cristo.

Se siete vituperati per il nome di Cristo, beati voi, poiché lo Spirito di gloria e lo Spirito di Dio riposa su di voi. (1 Pietro 4:14) La Bibbia dice che coloro che vogliono vivere una vita pia saranno perseguitati. Viviamo in un mondo orfano con valori orfani. Gesù ha detto che se le persone hanno rifiutato Lui, avrebbero rifiutato anche noi. Prima o poi nella nostra vita, tutti …
Leggi Tutto

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA

LA PIAGA DELLA PORNOGRAFIA.  –   “La pornografia trasmette l’idea del diritto illimitato di poter soddisfare i propri desideri sessuali senza alcun rispetto per l’altro”. Stavo appunto passando dello spray nero su un grandissimo cartellone pubblicitario pornografico accanto a casa nostra, quando da lontano sentii un gruppo di uomini che mi prendevano in giro, facevano insinuazioni ed erano addirittura irritati. Ma proprio quando arrivarono alla mia altezza, l’unica donna …
Leggi Tutto

UNA SANA FAMIGLIA

di Philip Nunn  –  Studio sulla seconda lettera di Giovanni.  –  La seconda lettera di Giovanni è l’unica lettera apostolica indirizzata a una donna, “alla signora elette e ai suoi figli” (v.1). Alcuni commentatori suggeriscono che Giovanni stia usando un linguaggio simbolico dove “la signora eletta” si riferisce alla chiesa locale, e che quando alla fine scrive “ i figli della sorella eletta ti salutano” (v.13), si riferisce …
Leggi Tutto

UNA PROMESSA PER OGGI: IL MIO AMORE PERFETTO CACCERÀ VIA LA PAURA DAL TUO CUORE. 

-Nell’amore non c’è paura; anzi, l’amore perfetto caccia via la paura. (1 Giovanni 4:18)  –  Secondo la Concordanza Biblica Strong, il significato della parola greca per “perfetto” è “completo”. Immaginate un amore completo in tutto. L’amore di un padre, l’amore di una madre, l’amore di un amico, l’amore di un fratello, l’amore di un coniuge, ecc. Qualunque tipo di amore abbiamo bisogno, la vera sorgente si trova nella completezza …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti