CONVERSIONE E CORAGGIO DEL VECCHIO ZI PEPPE

Uno spaccato di testimonianza del clima religioso nell’immediato dopoguerra. La semplicità di un anziano credente vs. la prosopopea e la teologia di un vescovo cattolico.   

(Da una lettera di un pastore battista, di Schiavi d’Abruzzo, a Stefano Testa, un ministro di Los Angeles, California.)

Caro fratello Testa, il miglior lavoro in Italia viene fatto dai fratelli pentecostali. Essi prendono di mira una persona e non la lasciano finché non l’abbiano condotta ai piedi della Croce, dopo di che la trasformano in un vero missionario, dando esempio di una vita conforme alla vocazione del Vangelo, ripiena di amore per le anime, sacrificio nella evangelizzazione, ospitalità e carità sincera. Tutte le chiese da me visitate sono molto attive e piene d’entusiasmo e benché molti dei membri siano analfabeti essi confondono i sapienti con il loro esempio e con i miracoli che il Signore compie per tramite loro. Per dimostrare l’energia e lo spirito di devozione dei convertiti, voglio raccontarti la storia di Zi Peppe:

Un anziano credente di 74 anni, chiamato Zi Peppe, guarito da una malattia cronica che lo aveva tenuto inchiodato a letto da oltre 10 anni, convertitosi al Signore per la testimonianza di uno di questi fratelli, si mise a testimoniare e predicare a suo modo nelle vicinanze di Pescara e condusse centinaia di anime ai piedi della Croce di Cristo. Il clero cattolico, allarmato, chiamò il vescovo, che sfidò Zi Peppe ad un pubblico contradittorio in piazza. All’ora stabilita, le campane cominciarono a suonare ed una moltitudine di parecchie migliaia di persone, provenienti dai paesi circonvicini, si riunirono nella piazza del paese. Zi Peppe raccomandò ai fedeli  di non venire in piazza, ma bensì di rimanere in casa a pregare per il successo della discussione, presentandosi da solo al combattimento, fidando nell’aiuto di Dio, secondo la promessa scritta in S. Matteo 10:20.

Il vescovo e Zi Peppe salirono sulla piattaforma e sedettero al tavolo, mentre la folla urlava “A morte il protestante.” Il vescovo fece cenno con la mano e cominciò a parlare; ma Zi Peppe lo interruppe invitandolo alla preghiera che egli stesso innalzò al Signore.  Il vescovo iniziò il discorso e parlò per oltre un’ora, dimostrando la legittimità della Chiesa Cattolica di avere un capo come lo hanno tutte le nazioni della terra, tutte le società, circoli e associazioni fra gli uomini affinché tutto proceda bene ed in ordine e che il capo della Chiesa Cattolica è il Papa, riconosciuto tale da tutto il mondo.

Terminato di parlare, il vescovo dette la parola a Zi Peppe, il quale fra urli e fischi della folla, rivolse al monsignore una domanda in dialetto abruzzese: “Fratello, credi tu che la Bibbia è la parola di Dio?” Alla risposta affermativa del vescovo, egli riprese: “Credo anch’io che ogni nazione, come qualsiasi società umana, debba avere un capo, e che la Chiesa Cattolica ha agito saggiamente nel scegliere il Papa per suo capo. Ma leggendo la Bibbia, che tu dici esser la parola di Dio, trovo che Gesù Cristo è il Capo della Sua chiesa, ed io preferisco appartenere alla chiesa di cui Cristo è il Capo, e lascio a te la libertà di appartenere alla chiesa che ha per capo il Papa. E in quanto a quel che tu dici che il Papa è il Vicario di Cristo, trovami nella Bibbia la parola Papa, Vicario di Cristo, sommo pontefice e tanti altri titoli, e immediatamente io ed i miei ritorneremo pentiti e umiliati in seno alla Chiesa Cattolica.”

Il vescovo, non potendo rispondere, cambiò discorso, dicendo che i protestanti non venerano le statue e le figure di Maria e dei Santi. Zi Peppe rispose: “Fratello, tu sai leggere, leggi il Salmo 115.” Il vescovo fu costretto a leggere, e arrivato al versetto 8, Zi Peppe esclamò: “Fratello, convertiti, altrimenti diventerai ‘simile ad essi.’ ” Un applauso fragoroso della folla e grida di “Viva Zi Peppe” coronò le sue parole.

Il vescovo visto la mala parata prese di nuovo la parola e concluse dicendo: “Non ascoltate ne Zi Peppe, ne me, ma atteniamoci tutti ai Dieci Comandamenti di Dio, ed essi ci condurranno ai piedi della croce.” E Zi Peppe replicò: “Questa è la prima buona parola che hai detto in tutta la discussione; ma disgraziatamente tu non ti attieni a quello che hai detto e non osservi i comandamenti di Dio.” Alle proteste del vescovo, Zi Peppe disse: “Nei due primi comandamenti Iddio proibisce le statue ed immagini. Tu porti addosso 5 o 6 crocifissi e statuette di oro sul petto, al collo e alla mano . .. Convertiti, fratello, perché Iddio è geloso.” Nuovi applausi fragorosi dalla folla che prese Zi Peppe e lo portò in trionfo.

Questo contradittorio servì a piantare l’Evangelo con radici più forti in quella regione, per opera di un semi-analfabeta profondamente cristiano.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

SANSONE: FORZA E DEBOLEZZA

di H. CARTER  –  La storia di Sansone, l’uomo forte consacrato a Dio, contiene un insegnamento utile a tutti. È il racconto di un israelita così forte che poteva portare sulle spalle le porte della città di Gaza, ed anche così debole che fu vinto dalle astuzie di una donna.  Leggendo la sua storia, ci si meraviglia ad un tempo sia della sua forza che della sua debolezza. Quando …
Leggi Tutto

COS'E' UN VERO RISVEGLIO?

di Reuben A. Torrey (1855 – 1928) noto evangelista, insegnante e scrittore.  –   Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola …
Leggi Tutto

ABRAMO O LOT ?

Abramo o Lot, non Abramo e Lot! Quando Abramo, ubbidendo alla chiamata di Dio, usci da Ur, il racconto della Genesi dice che:  Terah prese Abramo suo figliolo e Lot…e uscirono insieme da Ur dei Caldei, per andare nel paese di Canaan. (Genesi 11:3). All’inizio di questo viaggio erano Abramo e Lot, perchè Lot accompagnava suo zio e godeva l’insigne privilegio di camminare con il padre di tutti …
Leggi Tutto

Perseverare nella Parola di Dio

di Roberto Bracco  –  “Se perseverate nella mia Parola…” (Giovanni 8:31)  –  Questo passo dell’Evangelo di Giovanni ci fa comprendere tre cose di grande importanza : – Per essere veramente discepoli di Gesù bisogna perseverare nella sua parola. – Mediante la perseveranza nella sua parola si giunge alla conoscenza della verità. – La conoscenza della verità produce la conquista della libertà. La prima cosa ci dice chiaramente che …
Leggi Tutto

Perché c'è la chiesa

by Kenneth D. Barney 1. C’è la chiesa perché Gesù disse: “lo edificherò la mia chiesa” (Matteo 16:18). Gesù visse su questa terra per 33 anni; solo gli ultimi anni vennero dedicati al ministerio pubblico. Prima di abbandonare la terra Egli disse che stava andando ad edificare la Sua Chiesa, ed incominciò con i suoi discepoli. Il loro numero fu molto. ampliato nel giorno della Pentecoste la Chiesa …
Leggi Tutto

Dai nostri culti

Pastore  Agostino Masdea  –  Domenica 4 Agosto 2014  –  (Isaia 40:25-31))   Dio è più grande dei nostri problemi, più grande delle nostre paure e dei nostri dubbi, più grande delle circostanze… chi confida in Lui rinnova ogni giorno le sue forze …
Leggi Tutto

FINO A QUANDO?

 di George O. Wood  – (Sovraintendente Generale delle Asseblees of God – USA)   –  SALM0 13  –  Una giovane credente si trovò ad attraversare un periodo di dure prove tale da far vacillare la sua fede. Una sorella matura la consolò dicendole: “Dio è fedele e non permetterà che siate tentati al di là delle vostre forze” (1 Cor. 10:13). “Vedi”, le disse questa sorella cercando di incoraggiarla, …
Leggi Tutto

LA GIOIA

di GUIDO SCALZI – La natura umana è così fatta che non può vivere un attimo senza cercare un po’ di contentezza. Ma è ben difficile trovarla se non si cerca dove la si può trovare. Essa non può venire dalle ricchezze, dal danaro, dal buon successo o dagli amici; e neppure dalla buona salute. Questi sono elementi naturali che possono contribuire alla tranquillità della mente, ma non …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti