Un nuovo passo avanti della medicina.

2 Dicembre 2012 | di  Elisabeth Elliot  –   Qualche tempo fa ho letto di un nuovo trionfo nel campo medico che riguarda gemelli non ancora nati. L’amniocentesi ha dimostrato che uno di loro aveva la sindrome di Down. La madre ha deciso che non voleva quel bambino, quindi con un semplice espediente di perforare il cuore del bambino con un lungo ago, è stato ucciso nel grembo materno. Lei ha portato la gravidanza a termine e un bambino è nato  vivo –   quello che lei voleva tenersi – e un bambino morto – quello che non voleva. Ciò è stato salutato come un notevole passo avanti. Vi chiedo di fermarvi per un istante e considerare questa domanda: cos’era, appunto, quello che è stato ucciso? Che cos’è quello che non è stato ucciso? La risposta a entrambe le domande, naturalmente, è  –  un bambino. Erano entrambi bambini. Erano gemelli. Ho usato parole semplici, ordinarie per raccontare la storia – le stesse parole che ha utilizzato il giornalista riportando la notizia. Niente di ambiguo. Niente di sedizioso.

Ho letto la settimana successiva sulla stessa rivista di un’altra scoperta medica. Questa volta i medici hanno utilizzato uno strumento inserito in un utero non per uccidere un bambino, ma per salvarlo. Questo bambino aveva una grave anomalia cardiaca che hanno potuto risolvere con la chirurgia intrauterina. Può una persona onesta e ragionevole, non fare il confronto? In questo secondo caso, lo strumento in mano al chirurgo ha permesso al piccolo cuore di continuare a battere.  Nel primo caso, l’ago nella mano del chirurgo ha fatto smettere il cuore di battere. Come, esattamente, dovremmo chiamarlo?

L’intervento intrauterino è stato chiamato salvavita perché ha sistemato il cuore difettoso di un bambino. Che linguaggio possiamo usare quando parliamo di distruggere un cuore che funziona perfettamente? C’è una semplice parola, è ovvio, ma non ci è permesso di usarla. Beh, potremmo dire vita-distrutta? E’ consentita per questa tecnica così chiara ed efficiente? Beh, non proprio. Perché la parola vita è esplosiva. La vita non è rilevante quì. E’ la vita della madre che è presa in considerazione, e di nessun altro. L’altro non è una vita – non è degno di vivere in ogni caso, la sua vita non vale la sofferenza della madre. Quindi non dobbiamo usare parole ordinarie. Sono troppo emotive. Sono troppo forti. Il fatto è che hanno fermato il cuore. Questo è tutto. Hanno solo interrotto il suo battito.

Mi fa piacere che l’autore di questo articolo sul bambino il cui cuore è stato guarito ha ammesso la possibilità che la chirurgia fetale potrebbe sollevare una questione etica che il mondo medico pensava di aver messo a tacere. Potrebbe rendersi necessario, alla luce di questi progressi, chiedersi ancora una volta se un feto è una persona?

Questo è il problema oggi. E’, in ultima analisi, l’unica domanda che deve essere considerato quando si parla del nascituro. E’ un qualcosa tipo “usa e getta”? Si tratta di un oggetto senza vita propria, un po’ di tessuto che appartiene ad una donna che ha il diritto di  fare con esso ciò che vuole? Se ne ha bisogno e lo vuole, se lo tiene. Se non ne ha bisogno e non lo vuole, lo butta via. E allora cos’è tutto questo discutere?

La sincerità è la volontà di accettare i fatti. Coloro che dicono la verità sono da sempre considerati ridicoli, o così pericolosi da meritare la morte. “Nessuna verità”, ha scritto Hannah Arendt, “che va a toccare il profitto, l’ambizione o la cupidigia di qualcuno, è ammissibile. Le azioni sgradevoli possiedono un’esasperante ostinazione che nulla può giustificare se non candide bugie.”

Ecco i fatti sgradevoli. Stavamo parlando di bambini: il gemello che è stato salvato, il bambino con il cuore difettoso che è stato anche salvato, e il gemello il cui cuore è stato trafitto con un ago. Erano bambini. Le scelte riguardavano questi bambini: scelte deliberate, consapevoli. Una, per consentire a un bambino di vivere. L’altra di intervenire chirurgicamente in modo che un bambino destinato a morire potesse vivere. (Si sarebbe mai sognato il chirurgo che ha eseguito l’operazione di dire alla madre che il suo bambino non era una persona? Ha salvato la sua vita, e la madre le fu grata.) Ma nell’altro caso, qual è stata la scelta? E’ stata di  uccidere un bambino. Questi sono i fatti sgradevoli, ma sono esasperatamente ostinati. Non si smuovono. Era un bambino. E ‘stato ucciso. Nulla può giustificare tali fatti se non bugie.

Vi chiedo sinceramente di guardare a quella piccola creatura con i suoi occhi e le sue mani e il cuoricino che batte, tenuto in quello che è il più sicuro dei luoghi, il grembo della madre. Nessuna donna che ha in lei una cosa del genere dubita sul fatto che tiene in grembo un bambino. Nessun medico che lo estrae con qualsiasi mezzo rapido e putativamente sicuro può negare che ciò che estrae è un essere umano, e che quello che fa è ucciderlo.

Vi chiedo in nome di Dio di guardare alla verità. E vi chiedo, infine, di pensare a ciò che Gesù ha detto: ” in verità vi dico: tutte le volte che l’avete fatto ad uno di questi miei minimi fratelli, l’avete fatto a me ” (Matteo 25:40). Gesù non dimentica.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Modestia, che la nostra luce risplenda!

di Kim Cash Tate  –  Una domenica sera,  Ayesha Curry, moglie di Stephen Curry, campione di Basket NBA, stava sfogliando la rivista Style Weekly e poi mise un post su Tweeter che diceva: “Tutti indossano vestiti che mostrano quasi tutto il loro corpo scoperto. Non è il mio stile. A me piace tenere le parti belle del mio corpo coperte per colui che ha importanza per me”. Quelle parole provocarono …
Leggi Tutto

HO FINITO LA CORSA...

di Agostino Masdea   –  Messaggio predicato il 9 Novembre 2000 in occasione del funerale della sorella Anna Bracco, moglie del pastore Roberto Bracco, fondatore della nostra comunità. i) Vogliamo in questo giorno particolare benedire il Signore e siamo qui per dare il nostro ” arrivederci ” alla nostra cara sorella. Vogliamo anche  manifestare il nostro affetto e il nostro sentimento cristiano ai figli, ai parenti tutti. Le nostre …
Leggi Tutto

BALSAMO DI GALAAD

 di LILIAN B. YEOMANS Tanto tempo fa, su una collina solitaria, tre croci, le vedo ancor! Tanto tempo fa il Salvatore disse, mentre chinava il Suo capo morente: «Tutto è compiuto». Balsamo di Galaad, guarisci le mie ferite, rendimi  interamente sano e forte, Tu sei la Medicina che io prendo, e subito la mia salute irrompe: «Tutto è compiuto».  Geremia 8:22: «Non c’è balsamo in Galaad? Non c’è laggiù nessun medico?» Che …
Leggi Tutto

SANSONE: FORZA E DEBOLEZZA

di H. CARTER  –  La storia di Sansone, l’uomo forte consacrato a Dio, contiene un insegnamento utile a tutti. È il racconto di un israelita così forte che poteva portare sulle spalle le porte della città di Gaza, ed anche così debole che fu vinto dalle astuzie di una donna.  Leggendo la sua storia, ci si meraviglia ad un tempo sia della sua forza che della sua debolezza. Quando …
Leggi Tutto

Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”

Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad …
Leggi Tutto

I TRE ALBERI

Nelle chiese perseguitate viene? spesso e volentieri raccontata questa? parabola. Per quelli che soffrono il? carcere ? motivo di consolazione. ?In un bosco c’erano una volta tre giovani alberi, legati fra loro da uno? stretto rapporto di amicizia. Vollero? pregare insieme, affinch? non fosse la? putrefazione a mettere fine alla loro vita,? ma che il loro legno fosse utilizzato dagli? uomini. Il primo albero espresse il desiderio di? …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti