SODOMA NON AVEVA LA BIBBIA

9 Dicembre 2012  –  di Leonard Ravenhill   –   Ho spesso pensato ultimamente ad una frase pronunciata dal noto predicatore Jonathan Edwards, che tanto influsso ha avuto sul risveglio spirituale. Per descrivere la giustizia divina, che è puntata verso il nostro cuore come una freccia aguzza, egli dice: “Tutto ciò che ci meritiamo è un Dio adirato che ci guarda da lontano senza rivelarci nulla e senza aiutarci”. Questa frase mi viene continua mente in mente e mi chiedo: quali doveri dovrebbe avere Dio verso un popolo che riesce a commettere in un solo giorno più peccati di quelli che venivano commessi a Sodoma e Gomorra in un anno intero? Pensiamo inoltre al grande privilegio che abbiamo di sentir predicare l’Evangelo già da molti secoli, mentre invece gli abitanti di Sodoma non lo udirono mai.

Sodoma non ebbe mai comunità cristiane né chiese, noi ne abbiamo milioni. Sodoma non aveva né pastori né predicatori, noi ne abbiamo migliaia. Sodoma non aveva università con facoltà di teologia, non aveva seminari teologici né scuole bibliche, noi ne abbiamo invece molte.  Sodoma non aveva la possibilità di leggere letteratura cristiana o di sentire programmi radio o televisivi cristiani. Noi abbiamo tutte questa possibilità. Sodoma non poteva ispirarsi a tutti quegli esempi che sono a nostra disposizione in quella storia che ben conosciamo e che, pur essendo vecchia di migliaia di anni, ci aiuta a comprendere sia la giustizia che la misericordia divina. Con l’aiuto di quella storia potremmo riempire molti volumi.

Benché Sodoma fosse in una situazione di tale svantaggio, non avendo tutti i privilegi che abbiamo, essa dovette venir distrutta. Anche il nostro popolo vive oggi per grazia di Dio. L’unico motivo per cui la giustizia divina non ci ha ancora annientato è la grazia e null’altro che la grazia. Nella storia della nostra nazione Dio ci ha veramente messo in guardia parecchie volte. Abbiamo abbastanza motivi per stare all’erta. E’ bene che ci chiediamo ancora una volta:

1. –  Quali doveri ha Dio verso un popolo del quale solo la minima parte passa un’ora in chiesa la domenica e di cui la stragrande maggioranza non si interessa per niente di Dio e disprezza il Suo santo Nome?

2. – Quali doveri ha Dio verso un popolo che mette in mostra nelle rivendite di giornali ogni sorta di oscenità e non trova posto per giornali cristiani?

3. – Quali doveri ha Dio verso un popolo che diventa sempre più ostile verso l’infanzia e che spende milioni appartenenti alla cassa pubblica per pagare pratiche di aborto?

4. – Quali doveri ha Dio verso un popolo che misericordiosamente ha aiutato a diventare uno dei più ricchi popoli del mondo ma che spende soltanto una cifra insignificante per aiutare le opere missionarie nel terzo mondo?

5. – Quali doveri ha Dio verso un popolo che spende in un anno più denaro per acquistare cibo per cani, gatti ed altri animali che per la propagazione dell’Evangelo nel proprio paese?

I popoli che si comportano in tal modo non avrebbero nient’altro da aspettarsi che di essere colpiti dal giudizio di Dio, com’è accaduto nell’Antico Testamento ogni volta che le leggi divine venivano violate.

Esiste però una speranza! C’è qualcosa che può salvare la nostra società dalla completa decadenza, e questa speranza è la proclamazione dell’Evangelo di Cristo da parte di “quel residuo secondo l’elezione della grazia” – di quel popolo cioè che non ha piegato le ginocchia di fronte agli idoli di questo mondo e che non si è lasciato scoraggiare dallo scherno e dalla persecuzione.

Nel momento in cui Abramo smise di pregare per Sodoma, la città andò incontro alla distruzione. Fintanto che Abramo intercesse presso il Signore, gli abitanti di Sodoma ebbero un rappresentante che li difendeva da-vanti a Dio. Fintanto che Lot viveva a Sodo-ma, Dio aveva in lui un rappresentante, anche se Lot era un uomo di fede debole e non estraneo alla corruzione. Fino al momento in cui Lot lasciò Sodoma ed Abramo ebbe esaurito le sue preghiere, poiché non c ’ erano dieci uomini giusti in tutta la città, il fuoco del cielo non cadde su Sodoma (Genesi 19,24). Sodoma fu distrutta perché non c’era in essa un solo uomo giusto. La comunità di Gesù Cristo rappresenta oggi, tra i nostri popoli, quel residuo santo che tiene lontano il giudizio.

Preghiamo dunque, assieme al Salmista, “Porgi orecchio, o Pastore d’Israele, che guidi Giuseppe come un gregge; o tu che siedi sopra i cherubini; fa risplendere la tua gloria!” (Salmo 80:1).  La comunità di Gesù Cristo è il sale della terra che mantiene in vita la società umana nei nostri tempi turbolenti.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Amare Dio con tutto il cuore.

di Agostino Masdea   –  Marco 12:28-34   –  Fin dal giorno che siamo nati di nuovo, continuiamo ad essere  meravigliati ed affascinati dall’amore di Dio. Come Suoi figli sappiamo che Egli ci invita alla Sua presenza perché ci ama e perché vuole essere amato da noi. Il Suo desiderio per ogn’uno di noi è che possiamo “crescere nella grazia e nella conoscenza del Suo Figliuolo Gesù Cristo” …
Leggi Tutto

SOPPORTATEVI

di  ROBERTO BRACCO   –   Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi.   (Colossesi 3:13)    –      La legge dell’amore c’insegna a sopportarci vicendevolmente. Quest’insegnamento rappresenta anche una rivelazione della personalità umana: della nostra personalità e della personalità degli altri.   Dobbiamo sopportarci, quindi abbiamo …
Leggi Tutto

IL PRIMO OPUSCOLO EVANGELICO

–  by Timothy Cross  –  Il primo opuscolo evangelico.  Il dizionario definisce un opuscolo  come “un breve trattato, che tratta in particolare un argomento religioso”. Nel corso degli anni ho dato e ricevuto molti opuscoli cristiani. Lo sapevate che il primo opuscolo cristiano è stata scritto da un non cristiano? Il primo opuscolo cristiano fu scritto da Ponzio Pilato, l’infame governatore della Giudea,  nel momento della crocifissione di …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io ho allontanato il tuo peccato da te, quanto il levante è lontano dal ponente.

Quanto è lontano il levante dal ponente, tanto ha egli allontanato da noi i nostri peccati.  (Salmo 103.12)  –  Quanto è distante l’est dall’ovest? Visto che questi due punti di riferimento puntano in direzioni opposte dall’eternità, direi che non c’è modo più grande per esprimere una distanza immensa. Mi piace come Dio usa questa analogia per illustrare la promessa di ciò che ha fatto con il nostro peccato. Egli ha allontanato …
Leggi Tutto

IL MIRACOLO DI ALMOLONGA

Fino ad alcuni anni fa questa città del Guatemala era dominata da paganesimo e povertà. Oggi più del 90 percento delle persone sono Cristiani evangelici. E’ la sorprendente storia di come la preghiera porta trasformazione …
Leggi Tutto

mp3

Pastore Agostino Masdea. Predicazione del 24 Novembre – Chiesa Alfa Omega *                                              [easy_media_download url=” http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2014/01/Risorto.mp3″ force_dl=”1″ text=” http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2015/08/download4.jpg”] …
Leggi Tutto

PICCOLI CRISTIANI E CRISTIANI

di Roberto Bracco.   –   Qualche volta riferendoci ad alcuni ser­vitori di Dio del passato o del presente, diciamo: «Essi sono, o sono stati gran­di cristiani». Questa frase contiene un errore: non ci sono «grandi cristiani», perché chi è veramente cristiano, senza l’aggiunta di aggettivi, ha raggiun­to il massimo della grandezza consentita ad un uomo finito. Non ci sono «grandi cristiani», ma solo «cristiani» e «piccoli cristiani ». I …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: Tradizioni religiose

di ROBERTO BRACCO  –  In occasione delle festività  torna nelle conversazioni cristiane l’argomento delle tradizioni religiose e molti si chiedono in che modo o fino a quale limite i credenti devono o possono partecipare alle consuetudini che impegnano la cristianità nel senso generico di quest’ultimo termine. Si parla di “cenoni”, di “pranzi”, di” strenne”, di “presepi”, di “alberi di Natale”, di “auguri”, e poi… di “Babbo Natale”, della “Befana”, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti