SODOMA NON AVEVA LA BIBBIA

9 Dicembre 2012  –  di Leonard Ravenhill   –   Ho spesso pensato ultimamente ad una frase pronunciata dal noto predicatore Jonathan Edwards, che tanto influsso ha avuto sul risveglio spirituale. Per descrivere la giustizia divina, che è puntata verso il nostro cuore come una freccia aguzza, egli dice: “Tutto ciò che ci meritiamo è un Dio adirato che ci guarda da lontano senza rivelarci nulla e senza aiutarci”. Questa frase mi viene continua mente in mente e mi chiedo: quali doveri dovrebbe avere Dio verso un popolo che riesce a commettere in un solo giorno più peccati di quelli che venivano commessi a Sodoma e Gomorra in un anno intero? Pensiamo inoltre al grande privilegio che abbiamo di sentir predicare l’Evangelo già da molti secoli, mentre invece gli abitanti di Sodoma non lo udirono mai.

Sodoma non ebbe mai comunità cristiane né chiese, noi ne abbiamo milioni. Sodoma non aveva né pastori né predicatori, noi ne abbiamo migliaia. Sodoma non aveva università con facoltà di teologia, non aveva seminari teologici né scuole bibliche, noi ne abbiamo invece molte.  Sodoma non aveva la possibilità di leggere letteratura cristiana o di sentire programmi radio o televisivi cristiani. Noi abbiamo tutte questa possibilità. Sodoma non poteva ispirarsi a tutti quegli esempi che sono a nostra disposizione in quella storia che ben conosciamo e che, pur essendo vecchia di migliaia di anni, ci aiuta a comprendere sia la giustizia che la misericordia divina. Con l’aiuto di quella storia potremmo riempire molti volumi.

Benché Sodoma fosse in una situazione di tale svantaggio, non avendo tutti i privilegi che abbiamo, essa dovette venir distrutta. Anche il nostro popolo vive oggi per grazia di Dio. L’unico motivo per cui la giustizia divina non ci ha ancora annientato è la grazia e null’altro che la grazia. Nella storia della nostra nazione Dio ci ha veramente messo in guardia parecchie volte. Abbiamo abbastanza motivi per stare all’erta. E’ bene che ci chiediamo ancora una volta:

1. –  Quali doveri ha Dio verso un popolo del quale solo la minima parte passa un’ora in chiesa la domenica e di cui la stragrande maggioranza non si interessa per niente di Dio e disprezza il Suo santo Nome?

2. – Quali doveri ha Dio verso un popolo che mette in mostra nelle rivendite di giornali ogni sorta di oscenità e non trova posto per giornali cristiani?

3. – Quali doveri ha Dio verso un popolo che diventa sempre più ostile verso l’infanzia e che spende milioni appartenenti alla cassa pubblica per pagare pratiche di aborto?

4. – Quali doveri ha Dio verso un popolo che misericordiosamente ha aiutato a diventare uno dei più ricchi popoli del mondo ma che spende soltanto una cifra insignificante per aiutare le opere missionarie nel terzo mondo?

5. – Quali doveri ha Dio verso un popolo che spende in un anno più denaro per acquistare cibo per cani, gatti ed altri animali che per la propagazione dell’Evangelo nel proprio paese?

I popoli che si comportano in tal modo non avrebbero nient’altro da aspettarsi che di essere colpiti dal giudizio di Dio, com’è accaduto nell’Antico Testamento ogni volta che le leggi divine venivano violate.

Esiste però una speranza! C’è qualcosa che può salvare la nostra società dalla completa decadenza, e questa speranza è la proclamazione dell’Evangelo di Cristo da parte di “quel residuo secondo l’elezione della grazia” – di quel popolo cioè che non ha piegato le ginocchia di fronte agli idoli di questo mondo e che non si è lasciato scoraggiare dallo scherno e dalla persecuzione.

Nel momento in cui Abramo smise di pregare per Sodoma, la città andò incontro alla distruzione. Fintanto che Abramo intercesse presso il Signore, gli abitanti di Sodoma ebbero un rappresentante che li difendeva da-vanti a Dio. Fintanto che Lot viveva a Sodo-ma, Dio aveva in lui un rappresentante, anche se Lot era un uomo di fede debole e non estraneo alla corruzione. Fino al momento in cui Lot lasciò Sodoma ed Abramo ebbe esaurito le sue preghiere, poiché non c ’ erano dieci uomini giusti in tutta la città, il fuoco del cielo non cadde su Sodoma (Genesi 19,24). Sodoma fu distrutta perché non c’era in essa un solo uomo giusto. La comunità di Gesù Cristo rappresenta oggi, tra i nostri popoli, quel residuo santo che tiene lontano il giudizio.

Preghiamo dunque, assieme al Salmista, “Porgi orecchio, o Pastore d’Israele, che guidi Giuseppe come un gregge; o tu che siedi sopra i cherubini; fa risplendere la tua gloria!” (Salmo 80:1).  La comunità di Gesù Cristo è il sale della terra che mantiene in vita la società umana nei nostri tempi turbolenti.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

GEORGE MULLER: Salmo 23

Sermone predicato da GEORGE MULLER nella Bethesda Chapel, in Great George Street, Bristol, domenica sera 20 giugno 1897. «Il SIGNORE è il mio pastore: nulla mi manca. Egli mi fa riposare in verdeggianti pascoli, mi guida lungo le acque calme. Egli mi ristora l’anima, mi conduce per sentieri di giustizia, per amore del suo nome. Quand’anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei alcun male, perché …
Leggi Tutto

Chiamata al ministerio della Guarigione Divina

  La testimonianza personale di John G. Lake dalla sua chiamata al ministerio della Guarigione Divina sarà, ne siamo certi, di grande benedizione per i visitatori del sito. Il suo ministerio apostolico svolto dal 1908 al 1913, nel sud dell’Africa, fu certamente uno dei più potenti ministeri dai giorni della Chiesa primitiva. Egli ritornò in seguito a Spokane, nello Stato di Washington, dove 100.000 guarigioni furono registrate in …
Leggi Tutto

IL CRISTIANESIMO È ESPERIENZA

di Roberto Bracco   –   I demolitori più tenaci del cristianesimo sono coloro che lo accettano senza penetrarlo. Quando il cristianesimo è vissuto superficialmente non è vissuto affatto ed anzi è oltraggiato e rovinato.  Il cristianesimo non si può rovinare e demolire in senso assoluto, ma si può offendere attraverso una testimonianza insincera e perciò coloro che si dichiarano cristiani, ma vivono soltanto alla superficie del cristianesimo possono essere definiti, …
Leggi Tutto

FUOCO SPIRITUALE

Samuel Chadwick  –  ” Il nostro Dio è un fuoco consumante”. Il simbolo scelto della Sua presenza è il fuoco acceso sulla terra, e il segno preferito della Sua approvazione è la fiamma che consuma il sacrificio. Patto e sacrificio, santuario e consacrazione, erano santificati ed approvati con la discesa del fuoco celeste. “Dio che risponde per mezzo della fiamma di fuoco; Lui è Dio!” Gesù è venuto …
Leggi Tutto

SOPPORTATEVI

di  ROBERTO BRACCO   –   Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi.   (Colossesi 3:13)    –      La legge dell’amore c’insegna a sopportarci vicendevolmente. Quest’insegnamento rappresenta anche una rivelazione della personalità umana: della nostra personalità e della personalità degli altri.   Dobbiamo sopportarci, quindi abbiamo …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: Ogni dono buono che tu ricevi viene direttamente dalle Mie mani.

Ogni cosa buona e ogni dono perfetto vengono dall’alto e discendono dal Padre degli astri luminosi presso il quale non c’è variazione né ombra di mutamento. (Giacomo 1:17) Pensa per un attimo a questa promessa per un momento. Dio sta dicendo che qualsiasi cosa buona riceviamo proviene direttamente da lui. Un’alba bellissima, lo scintillio degli occhi di una persona amata, tutto… Tutte le cose buone arrivano dal nostro caro Padre. La Bibbia dice …
Leggi Tutto

IL LAVORO NASCOSTO

di DON MALLOUGH –  “Andrea, fratello di Simon Pietro, era uno dei due che avevano udito Giovanni e avevano seguito Gesù”. – Giovanni 1:40  –   È strano come lo scrittore di questo versetto si riferisca ad Andrea: due delle tre volte in cui Giovanni parla di lui, specifica che è il fratello di Pietro. Andrea era in realtà anche lui uno dei dodici apostoli, e quindi sarebbe stato nel …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: INVOCAMI E TI ANNUNZIERÒ COSE GRANDI CHE TU NON CONOSCI.

Invocami e io ti risponderò, e ti annunzierò cose grandi e impenetrabili che tu non conosci. (Geremia 33:3) I bambini sono le persone più curiose del pianeta. Sono pieni di meraviglia su tutto l’ambiente che li circonda e in continuazione fanno domande ai genitori su cosa, dove, quando, perché, come, ecc. Mi piace notare l’interazione tra questi piccoli e i loro amorevoli genitori. Papà, perché il cielo è blu? Mamma, come mai …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti