COME PREGARE IN PUBBLICO

 di C. H. SPURGEON  –  Un primo scoglio da evitare nella preghiera pubblica è il fatto d’avere troppo in vista l’uditorio e di pregare con lo scopo di piacergli. Guardiamoci dal fare della preghiera una forma indiretta di sermone; le belle preghiere sono spesso delle brutte preghiere. Quando siamo nella presenza dell’Eterno degli eserciti non è buono abbellire il nostro stile per attirarci le approvazioni umane. Le nostre preghiere devono avere direttamente Dio per oggetto, non dobbiamo pensare ai nostri ascoltatori se non per renderci gli interpreti dei loro bisogni spirituali e presentarli al Signore.

Rimuoviamo dalle nostre preghiere anche ogni qualsiasi forma di leggerezza. Spesso basta, in tal caso, un piccolo avvertimento amichevole, dato a proposito, per evitare la ripetizione di immagini alquanto rischiose.

Un terzo pericolo da segnalare è la ripetizione fastidiosa di un troppo gran numero di termini esprimenti l’idea della supplicazione o dell’adorazione. Sentir ripetere costantemente « Signore », « Caro Salvatore », non fa altro che produrre degli effetti sgradevoli. Una tale abitudine è la violazione incosciente del comandamento di Dio, che vieta di nominare il Suo nome invano e noi non dobbiamo mai pronunciarLo col solo scopo di sostituirlo alle parole che ci mancano.

Preghiamo con serietà e con tutto il nostro cuore. Non ve nulla di peggio di una preghiera assonnata: è una triste preparazione alla predicazione ed è la cosa più adatta a disturbare le persone nel culto!  Ai consigli che precedono ne aggiungerei ancora uno : non fate preghiere lunghe. «Se tu preghi con fervore», ha detto qualcuno, «sii breve, perché quelli che ti ascoltano sono incapaci di seguirti per molto tempo sulle alture di una spiritualità così elevata; e se la tua preghiera è fredda, sii breve lo stesso, per paura di stancare quelli che ti ascoltano ».

Whitefìeld diceva un giorno, parlando di un predicatore «che gli aveva fatto del bene con la sua preghiera e che essa sarebbe stata eccellente se si fosse fermato in tempo; ma che, purtroppo, pregando troppo a lungo, gli aveva fatto perdere la pazienza». Le preghiere lunghe, piene di spiegazioni oziose su ciò che Dio richiede o non richiede, degenerano spesso in sermoni indiretti. Non è necessario citare nella preghiera testi della Sacra Scrittura, di tirare in ballo Davide, Daniele, Giobbe, Paolo o Pietro e di prolungare la nostra orazione fino al momento in cui tutti diventano impazienti di sentir pronunciare l’amen finale. Ciò che pure produce uno spiacevole effetto, è dare l’impressione di stare per terminare mentre invece si prende di nuovo lo slancio per altri cinque minuti. Non ve nulla di più controproducente e di più fastidioso di un simile modo d’agire.

Evitate anche la tentazione che consiste nel cercare di produrre, pregando con espedienti artificiali, un’esplosione di fervore nell’assemblea; non vi sforzate d’apparire pieni d’unzione, e se siete freddi e mal disposti, ditelo al Signore, chiedendoGli  una misura nuova di vita; voler simulare entusiasmo divino è la peggiore di tutte le menzogne.

Un ultimo consiglio che vi dò è quello di preparare le vostre preghiere. Non occorre, naturalmente, scriverle e impararle a memoria, perché allora meglio sarebbe servirsi di una liturgia; ma vi è un altro modo di prepararle ed è quello di immedesimarsi in anticipo nel carattere solenne di quest’atto, di meditare sui bisogni dell’anima umana e di ripensare alle promesse di Dio. Ciò vale più, in ogni caso, che comparire nella Sua presenza come per caso e in qualche modo precipitarsi dinanzi al Suo trono.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

L'AMORE È BENIGNO

di DAVID SKELTON  –  L’ amore è paziente, è benigno. 1 Corinzi 13:4   –   L’amore non è solo passivo che sopporta ogni attacco, ma è anche attivo e fa opere benigne. Matthew Henry, commentando «L’amore è benigno» dice: «Esso è pronto a fare il bene, cerca di essere utile, non coglie solamente l’opportunità quando gli si presenta, ma la cerca». L’amore sarà sempre pronto ad agire. Questo …
Leggi Tutto

COMUNIONE CON DIO

di George Muller  –  Il Signore mi ha insegnato la verità, che per parecchi anni mi è stata utilissima per la mia vita cristiana. Ad un certo momento della mia vita m’accorsi che era di capitale importanza che io mi mantenessi in continua comunione col Signore, per nutrire il mio spirito. Infatti — pensai — io potrei proporre la verità ai non cristiani, potrei aiutare spiritualmente i credenti, …
Leggi Tutto

AL CENTRO DELLA VOLONTA' DI DIO.

Estratto da un predica di TOMMASO GRAZIOSO.  –   Avevo ricevuto una chiamata per andare a predicare a New York per la mia prima volta da predicatore Non stavo nei miei panni per la tanta gioia e per l’emozione. La mattina presto presi la macchina e mi avviai per andare a predicare. Stavo in macchina e ripetevo i passi biblici con entusiasmo quando, improvvisamente spuntò un uomo quasi …
Leggi Tutto

New Age e Cristianesimo

di B. E. Underwood   –   Uno dei più famosi “pseudoevangelisti” del mondo è una donna. Il suo nome è Shirley MacLaine. Il suo “vangelo contraffatto” è quello del movimento New Age (o Nuova Era). Guadagna circa quattro milioni di dollari all’anno propagando la sue fede. L’oggetto dei suoi seminari propagandistici è presentare ai partecipanti una persona che secondo la MacLaine è la più importante del mondo. Questa persona …
Leggi Tutto

POTENZA DALL’ALTO

Ed ecco, io mando su di voi la promessa del Padre mio; ma voi rimanete nella città di Gerusalemme, finché siate rivestiti di potenza dall’alto.    LUCA 24: 49 –  Ma voi riceverete potenza quando lo Spirito Santo verrà su di voi, e mi sarete testimoni in Gerusalemme e in tutta la Giudea, in Samaria e fino all’estremità della terra”.    ATTI 1: 8  –    Nel momento in cui siamo stati salvati abbiamo ricevuto …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti