COME PREGARE IN PUBBLICO

 di C. H. SPURGEON  –  Un primo scoglio da evitare nella preghiera pubblica è il fatto d’avere troppo in vista l’uditorio e di pregare con lo scopo di piacergli. Guardiamoci dal fare della preghiera una forma indiretta di sermone; le belle preghiere sono spesso delle brutte preghiere. Quando siamo nella presenza dell’Eterno degli eserciti non è buono abbellire il nostro stile per attirarci le approvazioni umane. Le nostre preghiere devono avere direttamente Dio per oggetto, non dobbiamo pensare ai nostri ascoltatori se non per renderci gli interpreti dei loro bisogni spirituali e presentarli al Signore.

Rimuoviamo dalle nostre preghiere anche ogni qualsiasi forma di leggerezza. Spesso basta, in tal caso, un piccolo avvertimento amichevole, dato a proposito, per evitare la ripetizione di immagini alquanto rischiose.

Un terzo pericolo da segnalare è la ripetizione fastidiosa di un troppo gran numero di termini esprimenti l’idea della supplicazione o dell’adorazione. Sentir ripetere costantemente « Signore », « Caro Salvatore », non fa altro che produrre degli effetti sgradevoli. Una tale abitudine è la violazione incosciente del comandamento di Dio, che vieta di nominare il Suo nome invano e noi non dobbiamo mai pronunciarLo col solo scopo di sostituirlo alle parole che ci mancano.

Preghiamo con serietà e con tutto il nostro cuore. Non ve nulla di peggio di una preghiera assonnata: è una triste preparazione alla predicazione ed è la cosa più adatta a disturbare le persone nel culto!  Ai consigli che precedono ne aggiungerei ancora uno : non fate preghiere lunghe. «Se tu preghi con fervore», ha detto qualcuno, «sii breve, perché quelli che ti ascoltano sono incapaci di seguirti per molto tempo sulle alture di una spiritualità così elevata; e se la tua preghiera è fredda, sii breve lo stesso, per paura di stancare quelli che ti ascoltano ».

Whitefìeld diceva un giorno, parlando di un predicatore «che gli aveva fatto del bene con la sua preghiera e che essa sarebbe stata eccellente se si fosse fermato in tempo; ma che, purtroppo, pregando troppo a lungo, gli aveva fatto perdere la pazienza». Le preghiere lunghe, piene di spiegazioni oziose su ciò che Dio richiede o non richiede, degenerano spesso in sermoni indiretti. Non è necessario citare nella preghiera testi della Sacra Scrittura, di tirare in ballo Davide, Daniele, Giobbe, Paolo o Pietro e di prolungare la nostra orazione fino al momento in cui tutti diventano impazienti di sentir pronunciare l’amen finale. Ciò che pure produce uno spiacevole effetto, è dare l’impressione di stare per terminare mentre invece si prende di nuovo lo slancio per altri cinque minuti. Non ve nulla di più controproducente e di più fastidioso di un simile modo d’agire.

Evitate anche la tentazione che consiste nel cercare di produrre, pregando con espedienti artificiali, un’esplosione di fervore nell’assemblea; non vi sforzate d’apparire pieni d’unzione, e se siete freddi e mal disposti, ditelo al Signore, chiedendoGli  una misura nuova di vita; voler simulare entusiasmo divino è la peggiore di tutte le menzogne.

Un ultimo consiglio che vi dò è quello di preparare le vostre preghiere. Non occorre, naturalmente, scriverle e impararle a memoria, perché allora meglio sarebbe servirsi di una liturgia; ma vi è un altro modo di prepararle ed è quello di immedesimarsi in anticipo nel carattere solenne di quest’atto, di meditare sui bisogni dell’anima umana e di ripensare alle promesse di Dio. Ciò vale più, in ogni caso, che comparire nella Sua presenza come per caso e in qualche modo precipitarsi dinanzi al Suo trono.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

"DAVANTI AL GOLGOTA"

di ROBERTO BRACCO  –  Torno con la mia mente al Golgota, a quell’immenso cranio di pietra grigia con le sue occhiaie austere e rivivo l’emozione profonda provata davanti a quel monte, fuori di Gerusalemme e separato da questa da una strada brulicante oggi, come forse ieri, di gente frettolosa. Mi sembra che davanti all’immagine anche fisica di quel monte fatale ho potuto rivivere più intensamente il dramma del Golgota; …
Leggi Tutto

UNA PROMESSA PER OGGI: Se perseveri nel fare la mia volontà, riceverai ciò che ti ho promesso.

Avete infatti bisogno di perseveranza affinché, fatta la volontà di Dio, otteniate ciò che vi è stato promesso. Ebrei 10:36  –  La versione della Bibbia King James dice che abbiamo “bisogno di pazienza”, la Bibbia NLT dice che abbiamo bisogno di “paziente perseveranza”. La Bibbia NIV dice che “dobbiamo perseverare”. In Ebrei 12: 1-2, siamo chiamati a correre la gara che ci viene proposta. Alla luce dell’eternità, potrebbe …
Leggi Tutto

IL PERICOLO DELL’INSODDISFAZIONE

di AGOSTINO MASDEA  –   Infatti io so che in me, cioè nella mia carne, non abita alcun bene, poiché ben si trova in me la volontà di fare il bene, ma io non trovo il modo di compierlo. Infatti il bene che io voglio, non lo faccio; ma il male che non voglio, quello faccio… O miserabile uomo che sono! Chi mi libererà da questo corpo di morte? Io rendo grazie …
Leggi Tutto

UN MOTIVO PER RALLEGRARSI

di R. Carmicheal   –   Il Signore ha dei piani meravigliosi per il vostro futuro. Forse voi vi chiedete come io possa affermare una cosa del genere giacché probabilmente non ci siamo mai incontrati. Beh, quest’affermazione la poggio non tanto sulla conoscenza della vostra (o della mia) persona, ma sulla conoscenza del Signore. Non importa in quale situazione vi troviate – che sia meravigliosa o terribile. Il Signore ha …
Leggi Tutto

ARMONIA SPIRITUALE

di Agostino Masdea   –  “Rendete perfetta la mia gioia, avendo uno stesso modo di pensare, uno stesso amore, un solo accordo…” (Filippesi 2.2)  –   Questa richiesta di Paolo ai credenti di Filippi ci parla di armonia.  Che parola straordinaria… armonia! Ci parla di bellezza, di equilibrio, di gradevolezza.  E’ una parola legata alla musica: E’ una consonanza di voci o strumenti musicali che produca una sensazione piacevole, …
Leggi Tutto

COSA SIGNIFICA ESSERE UN SERVO

di Brian L. Harbour – Dopo la conversione, molti credenti si chiedono: “E adesso? Ora che sono stato riscattato dalla schiavitù di Satana e liberato dal peso dei miei peccati, cosa devo fare?”. Nell’introduzione della sua epistola a Tito, Paolo dà una risposta a questo interrogativo coll’appellativo che applicava a sé stesso. Lui si definiva: “Servo di Gesù Cristo”. Diverse parole greche hanno il significato di servo. “Diaconos” …
Leggi Tutto

Ehi Dio! Ci sei?

di Frank Foglio  –  Bellissima testimonianza di una famiglia italiana emigrata in America   –  Era 1925 la mia famiglia; la famiglia Foglio, italiani emigrati in America del nord in Pennsylvania, ci trasferimmo dalla nostra abitazione in una grande fattoria, con novantacinque acri con una grande casa colonica. Un giorno, papà fece una proposta a un uomo di colore, un certo Slim Hopper. Che se avrebbe arato la nostra terra …
Leggi Tutto

IL BATTESIMO (ISTRUZIONI PER CATECUMENI)

 Introduzione   Frequentemente il battesimo cristiano viene amministrato con troppa sollecitudine e con troppa superficialità. Frequentemente coloro che scendono nelle acque battesimo non hanno una conoscenza precisa del significato e del valore della rito che compiono. Frequentemente questo importantissimo atto cristiano si riduce ad un povero rito di formalismo liturgico… È per questo che desideriamo, nelle pagine che seguono, esprimere alcune considerazioni che potranno aiutare ad esaminare il …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti