COME PREGARE IN PUBBLICO

 di C. H. SPURGEON  –  Un primo scoglio da evitare nella preghiera pubblica è il fatto d’avere troppo in vista l’uditorio e di pregare con lo scopo di piacergli. Guardiamoci dal fare della preghiera una forma indiretta di sermone; le belle preghiere sono spesso delle brutte preghiere. Quando siamo nella presenza dell’Eterno degli eserciti non è buono abbellire il nostro stile per attirarci le approvazioni umane. Le nostre preghiere devono avere direttamente Dio per oggetto, non dobbiamo pensare ai nostri ascoltatori se non per renderci gli interpreti dei loro bisogni spirituali e presentarli al Signore.

Rimuoviamo dalle nostre preghiere anche ogni qualsiasi forma di leggerezza. Spesso basta, in tal caso, un piccolo avvertimento amichevole, dato a proposito, per evitare la ripetizione di immagini alquanto rischiose.

Un terzo pericolo da segnalare è la ripetizione fastidiosa di un troppo gran numero di termini esprimenti l’idea della supplicazione o dell’adorazione. Sentir ripetere costantemente « Signore », « Caro Salvatore », non fa altro che produrre degli effetti sgradevoli. Una tale abitudine è la violazione incosciente del comandamento di Dio, che vieta di nominare il Suo nome invano e noi non dobbiamo mai pronunciarLo col solo scopo di sostituirlo alle parole che ci mancano.

Preghiamo con serietà e con tutto il nostro cuore. Non ve nulla di peggio di una preghiera assonnata: è una triste preparazione alla predicazione ed è la cosa più adatta a disturbare le persone nel culto!  Ai consigli che precedono ne aggiungerei ancora uno : non fate preghiere lunghe. «Se tu preghi con fervore», ha detto qualcuno, «sii breve, perché quelli che ti ascoltano sono incapaci di seguirti per molto tempo sulle alture di una spiritualità così elevata; e se la tua preghiera è fredda, sii breve lo stesso, per paura di stancare quelli che ti ascoltano ».

Whitefìeld diceva un giorno, parlando di un predicatore «che gli aveva fatto del bene con la sua preghiera e che essa sarebbe stata eccellente se si fosse fermato in tempo; ma che, purtroppo, pregando troppo a lungo, gli aveva fatto perdere la pazienza». Le preghiere lunghe, piene di spiegazioni oziose su ciò che Dio richiede o non richiede, degenerano spesso in sermoni indiretti. Non è necessario citare nella preghiera testi della Sacra Scrittura, di tirare in ballo Davide, Daniele, Giobbe, Paolo o Pietro e di prolungare la nostra orazione fino al momento in cui tutti diventano impazienti di sentir pronunciare l’amen finale. Ciò che pure produce uno spiacevole effetto, è dare l’impressione di stare per terminare mentre invece si prende di nuovo lo slancio per altri cinque minuti. Non ve nulla di più controproducente e di più fastidioso di un simile modo d’agire.

Evitate anche la tentazione che consiste nel cercare di produrre, pregando con espedienti artificiali, un’esplosione di fervore nell’assemblea; non vi sforzate d’apparire pieni d’unzione, e se siete freddi e mal disposti, ditelo al Signore, chiedendoGli  una misura nuova di vita; voler simulare entusiasmo divino è la peggiore di tutte le menzogne.

Un ultimo consiglio che vi dò è quello di preparare le vostre preghiere. Non occorre, naturalmente, scriverle e impararle a memoria, perché allora meglio sarebbe servirsi di una liturgia; ma vi è un altro modo di prepararle ed è quello di immedesimarsi in anticipo nel carattere solenne di quest’atto, di meditare sui bisogni dell’anima umana e di ripensare alle promesse di Dio. Ciò vale più, in ogni caso, che comparire nella Sua presenza come per caso e in qualche modo precipitarsi dinanzi al Suo trono.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

INSEGNATI AD AMARCI

Quanto all’amore fraterno non avete bisogno che io ve ne scriva, giacché voi stessi avete imparato da Dio ad amarvi gli uni gli altri. (1°Tessalonicesi 4:9)    –   Amati fratelli, pace, vera pace! Vi supplico di ascoltare le parole che escono dal cuore di un vecchio fratello, conservo con voi nel ministero cristiano. Parole che esprimono un’esortazione: – “Apriamoci totalmente all’opera dello Spirito Santo che vuole spandere generosamente l’amore …
Leggi Tutto

Una Testimonianza

di ROBERTO BRACCO – Lettura biblica: 1 Timoteo 1:12-20 – La storia di Saulo da Tarso, persecutore della Chiesa cristiana, fariseo zelante, difensore della fede giudaica, è troppo nota per aver bisogno di essere ricordata, ma la testimonianza che egli rende, attraverso questa pagina della sua lettera a Timoteo, esprime un messaggio così vivo, così attuale, da non poter essere ignorato. In poche parole, l’apostolo mette a fuoco …
Leggi Tutto

UNA CHIESA CONSCIA DI DIO

di Donald Gee  –   Lo stesso Dio che è stato una realtà per i cristiani del primo secolo desidera esserlo per i cristiani della presente generazione.  –   Recentemente, mentre rileggevo in Atti 15 la cronistoria del concilio di Gerusalemme, fui colpito, come mai prima, dell’enfasi posta su DIO. Questa enfasi porta sostanzialmente all’affermazione conclusiva : “E’ parso bene allo Spirito Santo ed a noi” (v. 28). Tale linguaggio …
Leggi Tutto

 Una promessa per oggi: “Io so tutto della tua vita e conosco tutte le tue vie”.

Salmo 139: 1-3  Tu mi hai investigato, o Eterno, e mi conosci.  Tu sai quando mi siedo e quando mi alzo, tu intendi il mio pensiero da lontano.  Tu esamini accuratamente il mio cammino e il mio riposo e conosci a fondo tutte le mie vie.   –    Ti sei mai trovato in una stanza piena di persone e sentirti completamente solo? A volte possiamo essere circondati da tante persone nella nostra vita quotidiana, …
Leggi Tutto

MEFIBOSHET: Riscoprire il valore del patto!

Studio biblico Scuola Domenicale Adulti –  Domenica 12 Ottobre  –  Testo biblico: 2 Samuele 4:4 – 9:1-13 Introduzione: Un patto si differenzia sostanzialmente da un contratto. Il contratto è l’accordo bilaterale tra due parti e si base sull’interesse, il patto invece è unilaterale e si basa sulla promessa. Il contratto dura per un tempo delimitato e stabilito, il patto dura per sempre. Il nostro rapporto con Dio non è stabilito …
Leggi Tutto

PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

“Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi …
Leggi Tutto

IL RUOLO DELLA BIBBIA NELLA CHIESA (e nella vita del credente)

La Bibbia non è una collezione di scritti umani, o solo un capolavoro letterario. Non possiamo accogliere nemmeno la teoria che la Bibbia “contiene” la Parola di Dio, ma affermiamo e crediamo che la Bibbia è l’infallibile, ispirata ed efficace Parola di Dio. Abraham Lincoln un giorno disse: “io credo che la Bibbia sia il miglior dono che Dio abbia fatto agli uomini. LA PAROLA NEL MINISTERIO DI CRISTO …
Leggi Tutto

Le stanze del Re

ROBERTO BRACCO:  “LE STANZE DEL RE” – Cantico dei Cantici 1 – ” Il Cantico dei Cantici che è di Salomone. 2 Mi baci con i baci della sua bocca! Poiché il tuo amore è migliore del vino. 3 Per la fragranza dei tuoi gradevoli olii profumati il tuo nome è un olio profumato versato; per questo ti amano le fanciulle. 4 Attirami a te! Noi ti correremo dietro. Il re mi …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti