COME PREGARE IN PUBBLICO

 di C. H. SPURGEON  –  Un primo scoglio da evitare nella preghiera pubblica è il fatto d’avere troppo in vista l’uditorio e di pregare con lo scopo di piacergli. Guardiamoci dal fare della preghiera una forma indiretta di sermone; le belle preghiere sono spesso delle brutte preghiere. Quando siamo nella presenza dell’Eterno degli eserciti non è buono abbellire il nostro stile per attirarci le approvazioni umane. Le nostre preghiere devono avere direttamente Dio per oggetto, non dobbiamo pensare ai nostri ascoltatori se non per renderci gli interpreti dei loro bisogni spirituali e presentarli al Signore.

Rimuoviamo dalle nostre preghiere anche ogni qualsiasi forma di leggerezza. Spesso basta, in tal caso, un piccolo avvertimento amichevole, dato a proposito, per evitare la ripetizione di immagini alquanto rischiose.

Un terzo pericolo da segnalare è la ripetizione fastidiosa di un troppo gran numero di termini esprimenti l’idea della supplicazione o dell’adorazione. Sentir ripetere costantemente « Signore », « Caro Salvatore », non fa altro che produrre degli effetti sgradevoli. Una tale abitudine è la violazione incosciente del comandamento di Dio, che vieta di nominare il Suo nome invano e noi non dobbiamo mai pronunciarLo col solo scopo di sostituirlo alle parole che ci mancano.

Preghiamo con serietà e con tutto il nostro cuore. Non ve nulla di peggio di una preghiera assonnata: è una triste preparazione alla predicazione ed è la cosa più adatta a disturbare le persone nel culto!  Ai consigli che precedono ne aggiungerei ancora uno : non fate preghiere lunghe. «Se tu preghi con fervore», ha detto qualcuno, «sii breve, perché quelli che ti ascoltano sono incapaci di seguirti per molto tempo sulle alture di una spiritualità così elevata; e se la tua preghiera è fredda, sii breve lo stesso, per paura di stancare quelli che ti ascoltano ».

Whitefìeld diceva un giorno, parlando di un predicatore «che gli aveva fatto del bene con la sua preghiera e che essa sarebbe stata eccellente se si fosse fermato in tempo; ma che, purtroppo, pregando troppo a lungo, gli aveva fatto perdere la pazienza». Le preghiere lunghe, piene di spiegazioni oziose su ciò che Dio richiede o non richiede, degenerano spesso in sermoni indiretti. Non è necessario citare nella preghiera testi della Sacra Scrittura, di tirare in ballo Davide, Daniele, Giobbe, Paolo o Pietro e di prolungare la nostra orazione fino al momento in cui tutti diventano impazienti di sentir pronunciare l’amen finale. Ciò che pure produce uno spiacevole effetto, è dare l’impressione di stare per terminare mentre invece si prende di nuovo lo slancio per altri cinque minuti. Non ve nulla di più controproducente e di più fastidioso di un simile modo d’agire.

Evitate anche la tentazione che consiste nel cercare di produrre, pregando con espedienti artificiali, un’esplosione di fervore nell’assemblea; non vi sforzate d’apparire pieni d’unzione, e se siete freddi e mal disposti, ditelo al Signore, chiedendoGli  una misura nuova di vita; voler simulare entusiasmo divino è la peggiore di tutte le menzogne.

Un ultimo consiglio che vi dò è quello di preparare le vostre preghiere. Non occorre, naturalmente, scriverle e impararle a memoria, perché allora meglio sarebbe servirsi di una liturgia; ma vi è un altro modo di prepararle ed è quello di immedesimarsi in anticipo nel carattere solenne di quest’atto, di meditare sui bisogni dell’anima umana e di ripensare alle promesse di Dio. Ciò vale più, in ogni caso, che comparire nella Sua presenza come per caso e in qualche modo precipitarsi dinanzi al Suo trono.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL RE RITORNA

di Agostino Masdea   –  «Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora quelli che sono in Giudea, fuggano sui monti; e quelli che sono in città, se ne allontanino; e quelli che sono nella campagna non entrino nella città. Perché quelli sono giorni di vendetta, affinché si adempia tutto quello che è stato scritto…. Vi saranno segni nel sole, nella luna …
Leggi Tutto

TRASFORMATI TRAMITE L’OPERA DI CRISTO

di  JESSIE PENN LEWIS  –  “Poiché l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti; e che egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono, non vivano più d’ ora in avanti per sé stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. Perciò d’ ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo …
Leggi Tutto

UNA PROMESSA PER OGGI: IL MIO AMORE PERFETTO CACCERÀ VIA LA PAURA DAL TUO CUORE. 

-Nell’amore non c’è paura; anzi, l’amore perfetto caccia via la paura. (1 Giovanni 4:18)  –  Secondo la Concordanza Biblica Strong, il significato della parola greca per “perfetto” è “completo”. Immaginate un amore completo in tutto. L’amore di un padre, l’amore di una madre, l’amore di un amico, l’amore di un fratello, l’amore di un coniuge, ecc. Qualunque tipo di amore abbiamo bisogno, la vera sorgente si trova nella completezza …
Leggi Tutto

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  –  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte… per fede Noè fabbricò un’Arca per la salvezza della sua famiglia… per fede Abrahamo, essendo chiamato, ubbidì, per andarsene al luogo che egli aveva da ricevere in eredità» (Ebrei 11-4, 8). Ci è solo una via per appropriarci dei …
Leggi Tutto

NOI DICIAMO:

“E ‘impossibile!” –  DIO TI DICE: “Tutto è possibile!” (Luca 18:27)Sono troppo stanco”  –   DIO TI DICE: “Io ti darò riposo” (Matteo 11:28, 29, 30)”Nessuno mi ama veramente” –  DIO TI DICE: “Io ti amo”. (Gv 3,16; 13,34)”Non posso andare avanti” –  DIO TI DICE : “La mia grazia ti basta” (2 Corinzi 12:9; Sal 91:15)”Non riesco a capire come vanno le cose”  –  DIO TI DICE:  “Io …
Leggi Tutto

Non toccate i miei unti...

di ROBERTO BRACCO  –  Non bisogna dimenticare che un ministro, un pastore, rappresentano sempre le persone più notate, più osservate, più conosciute della comunità. Non bisogna dimenticare cioè che essi vengono seguiti da centinaia di occhi e giudicati da un numero più o meno grande di fedeli.  Non c’è un’ora della loro giornata o non c’è una circostanza della loro vita che non cadano sotto l’osservazione di tutti …
Leggi Tutto

POSSO ESSERE CRISTIANO SENZA ANDARE IN CHIESA?

La domanda risulta simpatica riguardo al cristianesimo, ma anche suscita riserve riguardo al frequentare o meno la chiesa. Voglio immediatamente chiarire che si può essere cristiani senza andare in Chiesa, perché la conversione è una esperienza che ha luogo fra il singolo individuo e il Signore Gesù Cristo. È interessante notare nel Nuovo Testamento la varietà di luoghi nei quali le persone presero le loro decisioni di seguire Cristo …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti