CASA TUA!

di FILIPPO WILES   –   Quanti sermoni il lettore avrà ascol­tato sulla parola che Gesù rivolse a Zaccheo: «Scendi presto, perché oggi debbo albergare in casa tua».  Credo di non sbagliarmi quando di­co che l’interpretazione data a queste parole è, nella maggioranza dei casi, spirituale, cioè una interpretazione fi­gurativa, essendo la casa  paragonata alla nostra vita. Poche sono le volte quando sono prese alla lettera. Ebbene il messaggio che segue è di questa ul­tima categoria, non per questo però sarà meno spirituale! La Bibbia parla molto della casa, di quell’ambiente fatto di quattro mura dove tu dimori. E’ evidente dalle Sacre pagine che vi è una grande responsa­bilità verso la propria casa. Ciò che succede dentro le mura è responsabi­lità di chi vi dimora, e maggiormente di chi è capo della famiglia. Secondo la Bibbia il tuo domicilio è sacrosanto. Agli Ebrei fu detto: Quando presterai qualsivoglia cosa al tuo prossimo, non entrerai in casa sua per prendere il suo pegno. Sebbene gli spettasse il pe­gno, non aveva però alcun diritto di entrare nella casa del suo prossimo per prenderlo, perché il domicilio al­trui doveva essere rispettato. Quando poi la Scrittura aggiunge «Te ne sta­rai di fuori, e l’uomo a cui avrai fatto il prestito, ti porterà il pegno fuori», è ancora più evidente che la casa non è un luogo qualsiasi, ma costituisce il ”regno’’ diretto di chi vi abita. Su quel ”regno” tu devi regnare, fratello, sorella, sia pure esso una sola stanza.

 Si legge di Lidia il cui cuore il Si­gnore aperse, che lei mise a disposi­zione degli Apostoli la sua casa: «Se mi avete giudicata fedele al Signore, entrate in casa mia…». Non stava agli Apostoli di varcare la soglia della sua casa senza che lei li invitasse ad entrare. Similmente si legge del carce­riere di Filippi, che egli menò «in ca­sa sua» gli apostoli Paolo e Sila e «apparecchiò loro la tavola». Come carceriere egli era sotto ordini di cu­stodire la prigione, ma come padrone di casa propria aveva il diritto di apri­re o chiudere la porta a chi voleva. Dio ti tiene responsabile per chi entra in casa tua! « Se qualcuno viene a voi e non reca questa dottrina », (cioè che Gesù è venuto in carne), «non lo ri­cevete in casa…» (2 Giovanni 10). Questo sebbene si riferisca ad una particolare categoria di persone, serve nondimeno come ammaestramento più largo. Bi­sogna star attenti a chi si riceve in casa, s’intende «ricevere» nel senso accomodare o trattenersi insieme come se si avesse in comune la dottrina. Un gesto di carità, verso chi è nel biso­gno è un’altra cosa. Viviamo nei tempi in cui molte false sette propagano le loro eresie andando di casa in casa. Non è bene parlare con tali persone con la speranza che giungano alla co­noscenza di Cristo? Si, certo è bene se Dio vi guida così, ma se doveste «ricevere» loro in casa, come ricevete un fratello, no! Tu non puoi impedire che uno creda alla dottrina di demoni, ma tu puoi impedire e devi impedire che tali persone si trovino a loro agio nella tua casa.

 Finora abbiamo parlato di persone, ma ci sono pericoli più sottili che vor­rebbero minacciare la pace della tua casa e la benedizione di Dio su essa. Gli Ebrei erano avvertiti contro il cul­to agli idoli e a loro fu detto: «Non introdurrai cosa abominevole in casa tua, perché saresti maledetto com’è quella cosa, la detesterai e l’abomine­rai assolutamente, perché è un inter­detto». Forse qualcuno pensa subito a qualche quadro o madonnina ! Ma non sono questi gli unici idoli, ci sono riviste e programmi televisivi che fan­no poco onore alla casa di un vero credente! Qualche casa è adorna di or­namenti che sono volgari o addirittura pagani, qualche casa ha troppi portaceneri in giro! Ma se dovessi continua­re su questo tono dovrei altrettanto parlare di non introdurre in casa il rancore, l’odio, lo spirito di critica, gli imbrogli, le buffonerie … le conversa­zioni fatte in segreto contro i fratelli o contro il tuo conduttore di chiesa. Sette cose sono in abominio all’Eterno: «Gli occhi alteri, la lingua bugiarda, le mani che spandono sangue innocen­te, il cuore che medita disegni iniqui, piedi che corrono frettolosi al male, il falso testimonio che proferisce men­zogne, chi semina discordie tra fra­telli ». Proverbi 6:16-19. Stiamo attenti di non introdurre alcuna cosa simile in casa nostra.

 Ricordiamo che la Chiesa di Gesù Cristo, la Chiesa che ha la sua origine nel cielo, adorna come una sposa per il suo sposo, è nata non in un duomo o una cattedrale, né nel tempio di Ge­rusalemme, ma nell’alto solaio! Più vol­te si legge della «Chiesa in casa loro» Rom. 16.5, 1° Corinzi 16:19 o di «Ninfa, e la chiesa che è in casa sua» o di «Filemone … e la chiesa che è in casa tua». E’ un immenso privilegio ospi­tare la chiesa di Gesù Cristo in casa. Beata davvero quella famiglia che sgom­bra una stanza (cucina o camera che sia) due o tre volte alla settimana per accomodare il raduno dei credenti. Ma come è possibile che la nostra casa alber­ghi la chiesa del Signore se essa alberga a sua volta cose immonde? Fra­telli, consacriamo all’Eterno le nostre case, per essere cose sante all’Eterno. Levitico 27.14 e teniamole in condizioni tali che potrebbero in qualsiasi mo­mento ospitare la Chiesa di Gesù Cristo, se Egli dovesse dire: «Oggi debbo albergare in casa tua».

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

C'È POTENZA NELLA PAROLA DI DIO

di BURKHARD VETSCH –  «Prendete oltre a tutto ciò lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infocati del maligno. Prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio» (Ef. 6,16-17). «Oh, no, mi si incita alla lotta! Ma io non ho un’indole da combattente, voglio armonia e pace! Preferirei una maschera che mi rendesse invisibile al …
Leggi Tutto

CRESCERE NELLA GRAZIA

 di AGOSTINO MASDEA – L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: QUANDO SORGE UN PROBLEMA, INVOCAMI E IO TI RISPONDERÒ.

Io t’invoco nel giorno della mia avversità, perché tu mi risponderai. (Salmo 86:7) Gesù ci ha detto che nel mondo avremo problemi. Ha continuato incoraggiandoci a rimanere contenti perché Egli ha vinto il mondo. In questo Salmo, David sta invocando il Signore perché ha bisogno di aiuto. David era consapevole delle tante promesse che Dio aveva fatto ad Israele, ed era perciò sicuro che nel momento della difficoltà …
Leggi Tutto

Salmo 91

di D. L. MOODY  –   Questo salmo potrebbe esser stato scritto da Mosè in seguito a qualche spaventosa sciagura abbattutasi sul popolo d’Israele. Forse fu scritto in Egitto, dopo quella terribile notte di morte in cui i primogeniti egiziani, …
Leggi Tutto

RIGUARDANDO A GESU'

di  AGOSTINO MASDEA  –  “…deposto ogni fascio, e il peccato che è atto a darci impaccio, corriamo con perseveranza il palio propostoci,  riguardando a Gesù, capo, e compitor della fede; (Ebrei 12:1-2) (Diodati)   –   La lettera agli Ebrei ci mostra la gloria di Cristo attraverso la storia del popolo di Dio, l’Antico Testamento, cioè il tempo di preparazione per la salvezza. Ci rivela come nessun altro libro del N.T …
Leggi Tutto

PERCHE’ PREDICHIAMO IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

“Ragione storica“. – La cristianità della nostra generazione ha smarrito il significato del messaggio della Pentecoste. Le chiese non guardano più a questa data o a quest’avvenimento come ad una meta che, come è stata raggiunta ieri, deve essere raggiunta, nel succedersi dei secoli, da ogni nuova generazione. La potenza dello Spirito Santo, l’effusione del dono divino, il battesimo celeste promesso da Gesù… sono diventate espressioni teoriche e quindi …
Leggi Tutto

GOLGOTA DIMENTICATO

di J. R. GSCHWEND – Missionario in AFRICA per più di 70 anni.  –  Milioni di uomini e donne di tutte le classi sociali e di tutte le nazioni, piangono e piangeranno ancora amaramente, perché si sono dimenticati del Golgota e del Figliuolo di Dio che offri per la loro salvezza, nei giorni della sua carne, preghiere, supplicazioni con alte grida e con lacrime (Ebrei 5.7). Migliaia di …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti