INGRATITUDINE

di FILIPPO WILES   –  Purtroppo l’ingratitudine è inerente alla nostra natura. Quando si tratta di bambini ci si può passare oltre, tal­volta, ma ciò non è il caso con gli adulti.  L’ingratitudine è stata causa di mol­te sofferenze e addirittura di conse­guenze fatali ed eterne. La storia del­l’uomo è iniziata con l’ingratitudine e terminerà con la medesima. Sta scrit­to, «…pur avendo conosciuto Iddio non l’hanno glorificato come Dio, né l’hanno ringraziato… per questo, Iddio ci ha abbandonati ». Nella 2a lettera a Timoteo si trova una descrizione degli ultimi tempi : «Gli uomini saranno egoisti, amanti del danaro, vanaglorio­si, superbi, bestemmiatori, disubbidien­ti ai genitori, INGRATI … ».

« Una persona ingrata facilmente di­venta prepotente ed arrogante. «Il re Joas non si ricordò della benevolenza usata verso lui da Jehoiada, padre di Zaccaria, e gli uccise il figliuolo»! (2 Cron. 24:22). «I figliuoli d’Israele non dimostrarono alcuna gratitudine alla casa di Ierubbaal . .. per tutto il bene che egli aveva fatto ad Israele » (Giudici 8:34,35). Joas doveva la sua posizione reale alla saggezza e alla guida di Je­hoiada, che l’aveva assistito nella sua infanzia. Similmente i figli d’Israele dovevano la loro sicurezza e liberazio­ne al coraggio e alla lealtà di Gedeone. Prima che Gedeone fosse fatto giudi­ce, Israele era ridotto in misero stato dai Madianiti. I loro prodotti venivano distrutti ed il paese era devastato, e loro stessi vivevano in uno stato di paura. Siamo tutti bravi a gridare nel bisogno ma uno solo fra dieci, come il lebbroso samaritano, tornò a rendere lode a Dio (Luca 17:16). Siamo pronti a lagnarci, a compiangerci, e addirittura a brontolare, ma i mor­morii non stanno bene sulle labbra di un figlio di Dio.

La Bibbia ci esorta a rendere «del continuo grazie d’ogni cosa a Dio e Padre, nel nome del Signore nostro Gesù Cristo». Giovanni Wesley ringra­ziava perfino Iddio per sua moglie che era ostile e ribelle nella sua condotta. Lo ringraziava non per la condotta sba­gliata di sua moglie, ma perché tra­mite essa, doveva cercare, egli stesso, più grazia da Dio per sopportarla! La preghiera (Fil. 4:6), il nostro parlare ed il nostro operare (Col. 3 :17) dovrebbero essere sempre sospinti e raffor­zati dalla gratitudine. Certo la grati­tudine è più che un «grazie» detto con le labbra. E’ possibile dire grazie con le labbra, e allo stesso tempo mormo­rare col cuore. Siamo grati davvero? Se tua madre di corregge, se tuo fra­tello in Cristo t’avverte di un pericolo, se il tuo Padre che è nei cieli ti lascia passare per le prove e per la disciplina per l’utile tuo, sei veramente grato? Davide ringraziava Dio per l’afflizione che aveva conosciuto, perché aveva ca­pito che prima di essa era andato er­rando, ma dopo di essa aveva imparato gli statuti divini. Un cuore grato è se­gno di vera umiltà e di alto grado di maturità spirituale.

Chi può essere sempre grato? Chi non ha la memoria corta ! Purtroppo si leg­ge del gran coppiere d’Egitto che «egli non si ricordò di Giuseppe ma lo di­menticò». L’ingratitudine e la dimenti­canza sono gemelle. Non è per caso che la Bibbia ci esorta ovunque a non dimenticare … non è per caso che il rito più significativo e centrale della chiesa sia stato istituito con le parole : «Fate questo in memoria di me». Si fratello, si sorella, ricordati di LUI e di quello che ha fatto per te, così facendo non avrai mai un cuore insensibile né ingrato.

Siamo Cristiani? Seguiamo il Maestro che non si permetteva di prendere perfino un pezzo di pane senza prima rendere lode a Dio suo Padre.

“Pria ch’io scordi il Golgota,

Pria ch’io scordi i tuoi dolor,

Pria ch’io scordi il tuo amor,

Guidami a Te, Signor.”

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

L’AMORE PERFETTO CACCIA VIA LA PAURA.

di FILIPPO WILES  –  «Perché avete paura, o gente di poca fede?» In un mare burrascoso ove le onde infuriate dal vento coprivano la barca, sembra una domanda ingiusta ed illogica. Che altro potevano fare quegli uomini terrorizzati se non gridare? Eppure Colui che domanda non provoca inutilmente perché Egli è amore. Come i discepoli, così tutte le persone, compresi i credenti, talvolta sono schiavi della paura. C’è …
Leggi Tutto

IL BISOGNO DEL MOMENTO

di BILLY GRAHAM              Il mondo oggi ha ancora un disperato bisogno di risveglio spirituale. É la sola speranza di sopravvivenza della razza umana. In mezzo ai problemi che il mondo deve affrontare, i cristiani sono stranamente silenziosi e impotenti, quasi sopraffatti dalla marea del secolarismo.Eppure, proprio loro sono chiamati ad essere “il sale della terra” (Mt 5,13), che impedisce ad un mondo in decadenza di corrompersi ulteriormente. I …
Leggi Tutto

CHI E' COSTUI?

di ROBERTO BRACCO – Coloro che avevano risposto all’appello del Maestro divino, che lo avevano seguito, che erano entrati nelle file dei suoi discepoli, avevano avuta la possibilità più degli altri di vedere le opere, di udire le parole di Cristo. La potenza soprannaturale del Redentore era stata messa in azione davanti a loro attraverso molteplici circostanze ed essi avevano veduto miracoli, guarigioni, liberazioni. Erano passati di meraviglia …
Leggi Tutto

RIGUARDANDO A GESU'

di  AGOSTINO MASDEA  –  “…deposto ogni fascio, e il peccato che è atto a darci impaccio, corriamo con perseveranza il palio propostoci,  riguardando a Gesù, capo, e compitor della fede; (Ebrei 12:1-2) (Diodati)   –   La lettera agli Ebrei ci mostra la gloria di Cristo attraverso la storia del popolo di Dio, l’Antico Testamento, cioè il tempo di preparazione per la salvezza. Ci rivela come nessun altro libro del N.T …
Leggi Tutto

PAROLE E FATTI

Ogni cristiano deve desiderare ardentemente l’approvazione di Dio e per conseguirla deve essere risolutamente disposto a rinunciare alla purtroppo ambita approvazione umana. Se questo sano desiderio non giganteggia nel cuore, la vita del fedele sarà sempre un susseguirsi di mezze misure o di compromessi che ostacoleranno ogni progresso spirituale e ogni conquista cristiana …
Leggi Tutto

LE COMPASSIONI DI DIO

di Agostino Masdea   –  E Gesù, sbarcato, vide una grande folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore senza pastore, e prese a insegnare loro molte cose. (Marco 6:34) La visione che si prospettò davanti al Signore quando discese dalla barca in questo passo dell’evangelo di Marco è simile a quella che si presenta davanti ai nostri occhi ogni giorno: folle immense di uomini che vanno e …
Leggi Tutto

PER LA SUA GRAZIA

di Agostino Masdea  –  Ma per la grazia di Dio sono quello che sono; e la sua grazia verso di me non è stata vana, anzi ho faticato piú di tutti loro non io però, ma la grazia di Dio che è con me. ( 1 Corinzi 15:10 ) a) Cos’è la grazia? E’ un favore immeritato che ci viene da Dio! Ma è più di questo: E’ la Sua misericordia che …
Leggi Tutto

LA VITA  DI  ADONIRAM  JUDSON

di T.W. ENGSTROM  –  In tutti gli annali delle Missioni, la storia di Adoniram e Anna Judson, missionari-pionieri dell’India, sta come mirabile testimonianza del modo in cui Dio può operare attraverso vite che si dedicano completamente al Suo servizio. La loro fortezza, la fede in Dio e lo spirito di perseveranza saranno di stimolo e di ispirazione a coloro che hanno seguito e seguiranno le loro orme, come …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti