INGRATITUDINE

di FILIPPO WILES   –  Purtroppo l’ingratitudine è inerente alla nostra natura. Quando si tratta di bambini ci si può passare oltre, tal­volta, ma ciò non è il caso con gli adulti.  L’ingratitudine è stata causa di mol­te sofferenze e addirittura di conse­guenze fatali ed eterne. La storia del­l’uomo è iniziata con l’ingratitudine e terminerà con la medesima. Sta scrit­to, «…pur avendo conosciuto Iddio non l’hanno glorificato come Dio, né l’hanno ringraziato… per questo, Iddio ci ha abbandonati ». Nella 2a lettera a Timoteo si trova una descrizione degli ultimi tempi : «Gli uomini saranno egoisti, amanti del danaro, vanaglorio­si, superbi, bestemmiatori, disubbidien­ti ai genitori, INGRATI … ».

« Una persona ingrata facilmente di­venta prepotente ed arrogante. «Il re Joas non si ricordò della benevolenza usata verso lui da Jehoiada, padre di Zaccaria, e gli uccise il figliuolo»! (2 Cron. 24:22). «I figliuoli d’Israele non dimostrarono alcuna gratitudine alla casa di Ierubbaal . .. per tutto il bene che egli aveva fatto ad Israele » (Giudici 8:34,35). Joas doveva la sua posizione reale alla saggezza e alla guida di Je­hoiada, che l’aveva assistito nella sua infanzia. Similmente i figli d’Israele dovevano la loro sicurezza e liberazio­ne al coraggio e alla lealtà di Gedeone. Prima che Gedeone fosse fatto giudi­ce, Israele era ridotto in misero stato dai Madianiti. I loro prodotti venivano distrutti ed il paese era devastato, e loro stessi vivevano in uno stato di paura. Siamo tutti bravi a gridare nel bisogno ma uno solo fra dieci, come il lebbroso samaritano, tornò a rendere lode a Dio (Luca 17:16). Siamo pronti a lagnarci, a compiangerci, e addirittura a brontolare, ma i mor­morii non stanno bene sulle labbra di un figlio di Dio.

La Bibbia ci esorta a rendere «del continuo grazie d’ogni cosa a Dio e Padre, nel nome del Signore nostro Gesù Cristo». Giovanni Wesley ringra­ziava perfino Iddio per sua moglie che era ostile e ribelle nella sua condotta. Lo ringraziava non per la condotta sba­gliata di sua moglie, ma perché tra­mite essa, doveva cercare, egli stesso, più grazia da Dio per sopportarla! La preghiera (Fil. 4:6), il nostro parlare ed il nostro operare (Col. 3 :17) dovrebbero essere sempre sospinti e raffor­zati dalla gratitudine. Certo la grati­tudine è più che un «grazie» detto con le labbra. E’ possibile dire grazie con le labbra, e allo stesso tempo mormo­rare col cuore. Siamo grati davvero? Se tua madre di corregge, se tuo fra­tello in Cristo t’avverte di un pericolo, se il tuo Padre che è nei cieli ti lascia passare per le prove e per la disciplina per l’utile tuo, sei veramente grato? Davide ringraziava Dio per l’afflizione che aveva conosciuto, perché aveva ca­pito che prima di essa era andato er­rando, ma dopo di essa aveva imparato gli statuti divini. Un cuore grato è se­gno di vera umiltà e di alto grado di maturità spirituale.

Chi può essere sempre grato? Chi non ha la memoria corta ! Purtroppo si leg­ge del gran coppiere d’Egitto che «egli non si ricordò di Giuseppe ma lo di­menticò». L’ingratitudine e la dimenti­canza sono gemelle. Non è per caso che la Bibbia ci esorta ovunque a non dimenticare … non è per caso che il rito più significativo e centrale della chiesa sia stato istituito con le parole : «Fate questo in memoria di me». Si fratello, si sorella, ricordati di LUI e di quello che ha fatto per te, così facendo non avrai mai un cuore insensibile né ingrato.

Siamo Cristiani? Seguiamo il Maestro che non si permetteva di prendere perfino un pezzo di pane senza prima rendere lode a Dio suo Padre.

“Pria ch’io scordi il Golgota,

Pria ch’io scordi i tuoi dolor,

Pria ch’io scordi il tuo amor,

Guidami a Te, Signor.”

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

COME SUPERARE L’AUTOCOMMISERAZIONE

di  TIM LAHAYE  –  La pietà verso se stessi non è solo un peccato, è anche una cattiva abitudine. Più uno si lascia trasportare da essa e più sprofonda in un certo modo di pensare nel quale cercherà rifugio ogni volta che gli accadrà qualcosa di sgradevole. Nella maggior parte le nostre reazioni sono dettate dall’abitudine e sono messe in moto dai nostri istinti e dalle circostanze esterne …
Leggi Tutto

Un nuovo passo avanti della medicina.

2 Dicembre 2012 | di  Elisabeth Elliot  –   Qualche tempo fa ho letto di un nuovo trionfo nel campo medico che riguarda gemelli non ancora nati. L’amniocentesi ha dimostrato che uno di loro aveva la sindrome di Down. La madre ha deciso che non voleva quel bambino, quindi con un semplice espediente di perforare il cuore del bambino con un lungo ago, è stato ucciso nel grembo materno. Lei …
Leggi Tutto

Quando i padri volgono i loro cuori verso i loro figli

  By Mark Ellis  –   Sembra sia stato solo ieri che stavo insegnando ai nostri figli ad andare in bici, giocare a calcio, fare delle escursioni con le guide indiane o boy scouts, e condividere felici momenti familiari con il nostro carrello-tenda da campeggio nei viaggi durante l’estate. Ora da quando i nostro ragazzi non vivono più con noi la casa è molto calma. Padri, voi solo avete …
Leggi Tutto

Jim Cymbala  -  1 Dicembre 2011

Giovedì 1 Dicembre 2011  –  JIM CYMBALA – Pastore BROOKLYN  TABERNACLE – N.Y …
Leggi Tutto

CRISTIANI INFUOCATI

di Agostino Masdea  –  Ci sono molte figure nella Parola che rappresentano lo Spirito Santo: l’olio, il vento, la colomba, il fuoco. A Pentecoste, due di questi simboli, il fuoco e il vento si sono manifestati contemporaneamente, e fu quel tipo di battesimo che segnò una nuova era, perché segnò la nascita della chiesa di Gesù Cristo. Ed è stato quel fuoco, quel battesimo, che ha trasformato quei discepoli …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti