PERCHÉ SONO PENTECOSTALE

di   Luis H. Hauff –  Recentemente mi è stato chiesto di parlare sulle credenze dottrinali delle Assemblee di Dio ad una classe dell’Università di Redlas. L’interesse generale verteva su ciò che distingue le Assemblee di Dio dalle altre denominazioni: il parlare in altre lingue. Dissi alla classe che la mia fede nella Pentecoste è basata sul fatto che il parlare in lingue, secondo come lo Spirito dà da esprimersi, è biblico, è storico ed è un’esperienza.

 

 

 

 

 

E’ BIBLICO.

Gli Atti degli Apostoli è il libro modello della Chiesa del Nuovo Testamento. Il titolo ha indotto molti a credere che le esperienze in esso contenute erano solo per gli apostoli; ma questo libro scritto da Luca potrebbe più propriamente essere chiamato “gli Atti dello Spirito Santo, attraverso i discepoli”.

Da esso appare chiaro che il numero dei discepoli battezzati nello Spirito Santo è di molto superiore a quello degli apostoli. Il numero dei discepoli nell’alto solaio era 10 volte superiore a quello degli apostoli; si aggiungano a questi i 12 di Efeso, quelli della casa di Cornelio, e di molti che ricevettero l’esperienza in Samaria.

Il libro degli Atti menziona cinque circostanze nelle quali uno o più credenti furono battezzati nello Spirito Santo. Circa 120 erano assieme in Gerusalemme il giorno della Pentecoste,  è “tutti furono ripieni dello Spirito Santo, e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro di esprimersi” (Atti 2:4).  Pietro fu inviato in Cesarea a predicare alla casa del centurione romano Cornelio e “mentre Pietro parlava così, lo Spirito Santo cadde su tutti coloro che udivano la Parola.

E tutti i credenti della circoncisione che erano venuti con Pietro rimasero stupiti… poiché egli udivano parlare in altre lingue e magnificare Dio” (Atti 10:44-46)

L’apostolo Paolo andò ad Efeso, in Asia e vi trovò dodici discepoli. “E dopo che Paolo ebbe loro imposto le mani, lo Spirito Santo scese su loro e parlavano in altre lingue, e profetizzavano”. (Atti 19:6).  Tre giorni dopo che Saulo era stato convertito sulla via di Damasco, un discepolo chiamato Anania andò da lui e “… avendogli imposte le mani, disse: Fratello Saulo, il Signore, cioè Gesù, che ti è apparso… mi ha mandato perché tu recuperi la vista e sii  ripieno dello Spirito Santo” (Atti 9:17). La Scrittura non ci dice ciò che accade a Saulo dopo che fu riempito dello Spirito Santo, ma egli stesso scrive più tardi in 1 Corinzi  14:18 “Io ringrazio Dio che parlo in altre lingue più di tutti voi”.

Durante le persecuzioni che ebbero inizio con la morte di Stefano, Filippo si recò in Samaria e predicò Cristo. Ne seguì un grande risveglio e molti credettero e furono battezzati. Pietro e Giovanni inviati in Samaria pregarono ed “imposero le mani, ed essi ricevettero lo Spirito Santo” (Atti 8:17). Non è scritto che cosa avvenne, ma sappiamo che Simone dovette vedere una manifestazione non comune. Lo scrittore non dice che essi parlarono in lingue, ma neppure afferma il contrario. È importante conoscere il pensiero di alcuni noti esponenti della Bibbia sul capitolo otto degli Atti:

Adam Clark (1762-1832) commenta: “i doni miracolosi dello Spirito che furono comunicati, come il parlare in altre lingue ed altre manifestazioni soprannaturali, diedero successo alla predicazione del Vangelo”.

O. A. Hills (1913-?) scrive: “Essi ricevettero ciò che scese sui discepoli alla Pentecoste… ciò che fu elargito a Cornelio e alla sua casa durante la predicazione di Pietro e ciò che avvenne ai 12 di Efeso per l’imposizione delle mani di Paolo; cioè la miracolosa unzione di potenza nel dono dello Spirito. Questo dono dello Spirito è una conferma della Sua presenza interiore e della Sua grazia e, più ancora, un segno di potenza degli increduli e di disubbidienti. Per questo anch’essi parlarono in lingue e magnificarono Dio”.

La testimonianza biblica è chiara sul fatto che il parlare lingue accompagna il battesimo nello Spirito Santo. Gesù in Marco 16:17 promette a tutti i credenti: “Questi sono i segni che accompagneranno coloro che avranno creduto… parleranno nuove lingue”.

È STORICO.

Il parlare in lingue non è cessato con l’Era Apostolica. La storia della Chiesa afferma che queste manifestazioni ebbero luogo in epoche differenti e luoghi diversi. Molti Padri della Chiesa hanno fatto riferimento a questa esperienza. Ne citiamo alcuni:

Ireneo (115-202) scrive: “nello stesso modo, sentiamo molti fratelli nella chiesa che posseggono doni profetici, e che per lo Spirito parlano tutte le lingue”.

Tertulliano (160-220) fa menzione del dono delle lingue, insieme agli altri doni spirituali, era manifestato ai suoi giorni.

Agostino (354-430) scrive: “noi facciamo ancora ciò che gli apostoli fecero quando imposero le mani ai samaritani e queste ricevettero lo Spirito Santo. Ogni convertito dovrebbe parlare lingue”.

Souer, nella sua “Storia della Chiesa cristiana” (Vol 3, pag. 406) scrive: “Martin Lutero era un profeta, un evangelista, parlava lingue che interpretava. In una persona erano contenuti tutti doni dello Spirito”.

Thomas Walsh che fu uno dei più valenti collaboratori di Giovanni Wesley nella predicazione, scrive nel suo diario del giorno 8 marzo 1750: “questa mattina il Signore mi ha dato una lingua che non conoscevo, sollevando l’anima mia verso di Lui in un modo meraviglioso”.

R. Boys in “Trials anf Triumph of faith” (1875) scrive, riferendosi alla risveglio suscitato da D.L. Moody in Inghilterra: “Quando sono entrato nella camera di preghiera dei giovani della Associazione Cristiana ho trovato il luogo ripieno della fiamma dello Spirito: giovani che parlavano in lingue e profetizzavano. Che cosa significava tutto questo? Significava che D.L. Moody aveva predicato a quei giovani in quel pomeriggio”.

Quando F. B. Meyer visitò l’Estonia, e trovò delle congregazioni battiste formate da semplici contadini. In seguito scrisse sul giornale londinese “Cristiano”: “Dio sta rinnovando fra i contadini quelle meravigliose manifestazioni che si realizzavano alle prime predicazioni del Vangelo, quando Dio accompagnava il messaggio della salvezza con segni, miracoli e doni dello Spirito Santo; il dono delle lingue si manifesta spesso nelle riunioni, specialmente nelle comunità formate da persone semplici. Quando le lingue sono interpretate, il significato è unico: “Gesù viene presto! Gesù è vicino! Siate pronti; non siate oziosi!”.

All’inizio del ventesimo secolo Dio ha sparso l’ultima pioggia del Suo Spirito Santo su molti devoti cristiani che in diverse parti del mondo stavano ricercando una più profonda esperienza con Dio. Ciò ha dato inizio al presente Movimento Pentecostale. Questa ultima pioggia stava maturando il raccolto prima del ritorno del Signore.

È UN’ESPERIENZA.

Credo nell’esperienza pentecostale perché migliaia di persone di mia conoscenza l’hanno fatta e questa esperienza è stata per loro una sorgente di potenza spirituale e reso i loro cuori di benedizione agli altri. L’apostolo Paolo in 1 Corinzi 14:4 dice: “chi parla in altra lingua edifica se stesso”. “Perché chi parla in altra lingua non parla agli uomini, ma a Dio: perché nessuno l0 intende, ma in Spirito proferisce misteri”. (v. 2): “Poiché se prego in altra lingua ben prega lo spirito mio” (v.14 ). Questa esperienza pentecostale ha dato ad innumerevoli cristiani la potenza per il servizio, la gioia indescrivibile e piena di Gloria, la fede per credere nei miracoli e nella guarigione divina, la forza per una vita trionfante, la visione e il peso delle anime perdute di tutto il mondo. E ciò ha reso i ministri pentecostali aggressivi nei loro progetti missionari.

Ultimo, ma non meno importante: credo nella Pentecoste perché ne ho fatto personalmente l’esperienza. Sono stato riempito dello Spirito Santo e parlo in altre lingue, secondo come lo Spirito mi dà da esprimermi. Quando se ne è fatta l’esperienza è impossibile dubitarne. Un tale desiderava essere riempito dello Spirito Santo. Egli aveva un amico che apparteneva ad una chiesa che non accettava l’insegnamento pentecostale. Un giorno l’amico venne a lui e gli disse: “Il mio pastore mi ha dato un certo numero di ragioni per cui Dio non riempie più con lo Spirito Santo ai nostri giorni”. Egli rispose: “Sei in ritardo, sono stato riempito di Spirito Santo ieri sera”.

La Bibbia parla dell’esperienza pentecostale; la storia testimonia che l’esperienza si è ripetuta in tutte le epoche; ai nostri giorni moltissimi affermano di averla ricevuta dall’Alto; ciò prova sufficientemente la sua veridicità. Grazie al Signore, Egli continua a largire il Suo Santo Spirito a coloro che Glielo chiedono.

 

da: Risveglio Pentecostale

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

DALL'ISLAM A CRISTO -

TESTIMONIANZA   –  Mi chiamo RUBEN DAZAR, (il nome è inventato) e sono nato in una città a nord dell’Iran, sotto un nome diverso sono cresciuto in una famiglia musulmana molto fervente. Mio nonno materno era un Ayetoalah, cioè un insegnante dell’islam, ed essendo suo nipote ero ben conosciuto e molto rispettato nella comunità. Nel corso degli anni ho scritto alcuni libri sull’IsIam. Mia madre è stata allevata …
Leggi Tutto

Un vaso al servizio del Maestro

di Charles E. Greenaway  –   “La parola che fu rivolta a Geremia da parte dell’Eterno, in questi termini: “Levati, scendi in casa del vasaio, e quivi ti farò udire le mie parole”. Allora io scesi in casa del vasaio, ed ecco egli stava lavorando alla ruota; e il vaso che faceva si guastò, come succede all’argilla in man del vasaio, ed egli da capo ne fece un altro …
Leggi Tutto

SAREMO SIMILI A LUI

di MW. B. RILEY   –  Paolo scrisse: “Ma dirà qualcuno: Come risuscitano i morti, e con quale corpo verranno? Stolto! Quello che tu semini non è vivificato, se prima non muore.  E quanto a quello che semini, tu non semini il corpo che ha da nascere, ma un granello ignudo, che può essere di frumento o di qualche altro seme. E Dio gli dà un corpo come ha …
Leggi Tutto

PERCHE’ LE PERSONE SI SVIANO?

di W. H. GRIFFITH THOMAS  –  Durante una riunione di lettura della Bibbia alcuni anni fa affermai che se vi erano 500 sviati che non frequentavano più la chiesa, ognuno di essi aveva iniziato il suo sviamento per aver negletto la lettura della Sacra Scrittura. Dopo la riunione una donna mi disse, «Io non riesco a comprendere come lei può essere così sicuro, che ognuno dei 500 si sia …
Leggi Tutto

R.A.Torrey

di  R. A. TORREY –   Una delle storie più strane e più tristi dei fatti del Vecchio Testa­mento è quella di Sansone; essa è anche una delle più istruttive. Sansone era di gran lunga uno degli uomini più noti dei suoi giorni. Davanti a lui erano aperte le più grandi opportunità. Ma dopo un periodo di sorprendenti vittorie, la sua vita si concluse miseramente; e ciò a causa …
Leggi Tutto

Cos'è un vero risveglio?

di Reuben A. Torrey (1855 -1928 noto evangelista, insegnante e scrittore). Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola ebraica corrispondente ha …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

coro

ADORAZIONE COL CANTO

Istruzioni su come cantare  in chiesa - dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ...
Leggi Tutto
CONFUSI SULL’ADORAZIONE

CONFUSI SULL’ADORAZIONE

di  A. W. Tozer      -     Conoscere veramente Gesù Cristo come Salvatore e Signore significa amarLo e adorarLo! Come popolo di Dio, siamo così spesso confusi che potremmo essere ...
Leggi Tutto
LA RISCOPERTA DELLO SPIRITO

LA RISCOPERTA DELLO SPIRITO

di JIM CYMBALA  -  Non mi aspettavo che lo Spirito Santo si unisse a me per pranzo, eppure è esattamente ciò che accadde.  Mia moglie Carol era fuori città, così ...
Leggi Tutto
UNA PERSONA CHE DOVRESTI CONOSCERE

UNA PERSONA CHE DOVRESTI CONOSCERE

di R.A. Torrey  -  Prima di poter capire correttamente l’opera dello Spirito Santo, bisogna conoscere lo Spirito Santo stesso. Una frequente sorgente di errori e di fanatismo, circa l’opera dello ...
Leggi Tutto
EMOZIONI ARTIFICIALI

EMOZIONI ARTIFICIALI

Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti. Il dizionario ...
Leggi Tutto
Meditazione del giorno: Servite l'Eterno con gioia

Meditazione del giorno: Servite l’Eterno con gioia

di C.H. Spurgeon -  SERVITE L'ETERNO CON GIOIA - Salmo 100:2  - Gioire nel servizio del Signore è un segno d'appartenenza. Quelli che servono Dio con un volto triste, perché trovano che ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti