POTENZA NELLA PREGHIERA

di H. D. Pettit   —    L’Apostolo Giacomo ci meraviglia con la sua dichiarazione, “Voi non avete, perché non domandate” (Giacomo 4:2). Ciò mette in risalto l’importanza della preghiera: soltanto da Dio possiamo ricevere ciò che ci necessita, ciò che aneliamo; dobbiamo sempli­cementechiedere. “Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, domandate quel che volete e vi sarà fatto”. (Giov. 15:7). La promessa è illimitata; ma le condizioni sono precise. Similmente, l’Apostolo Giacomo continua su­bito dopo: “Domandate e non ricevete, perché domandate male per spendere nei vostri piaceri”. (Giac. 4:3). E, da uomo pra­tico che era, e ispirato dallo Spirito Santo, egli continua, nei capitoli quattro e cinque, con l’elencare sette requisiti essenziali per ricevere l’esaudimento delle preghiere. Se anche tu, sarai al riguardo un uomo pratico e ubbidirai all’insegnamento dello Spirito, riceverai potenza nella pre­ghiera. Niente di ciò che chiederai ti sarà negato. (Giovanni 15:16).

Questi sette elementi riguardanti la pre­ghiera assomigliano a sette sezioni che messe assieme formano una diga potente. Mantenetele alte e forti e costruirete un serbatoio di potenza spirituale che renderà la vostra vita di preghiera una fonte crescente di benedizione per coloro che vi circondano. Chi crede in me. fiumi d’acqua viva sgor­gheranno dal suo seno.” (Giov. 7 : 37).

La maggior parte dei cristiani si sente soddisfatta dopo aver costruito la sezione numero uno e la sezione numero sette: con­sacrazione e zelo. Questi sono i capisaldi e le più importanti, ma senza le sezioni intermedie la potenza della vostra preghiera si disperderebbe inutilmente da una testimo­nianza non equilibrata di vita cristiana. Le condizioni indispensabili per avere potenza nella preghiera non possono essere raggiunte in un minuto; ma non si otterrà mai nulla rinviando.

Sette condizioni per la preghiera in Gia­como quattro e cinque:

1. CONSACRAZIONE. Giacomo 4:4-5. Se tu sei un “amico del mondo”, sei “nemico di Dio”. La tua deve essere un’obbedienza completa. Che cos’è che s’interpone tra te e Dio quando preghi? Ti condanna forse il tuo cuore? I Giov. 3:18-22; II Co­rinti 6:13.18; Romani 12:1-2.

2.  UMILTA’. Giacomo 4:6-10. Sei tu in grado di affrontare pene, critica, umiliazione e conservare la dolcezza? L’orgoglio è stata la causa della caduta del diavolo ed è la sua arma favorita. Il Signore Gesù “sprezzando il vituperio”, si è posto a sedere alla destra di Dio. “Umiliatevi nel co­spetto del Signore ed Egli vi innalzerà”. 1 Pietro 5:5.9; Salmo 51:17.

3.  AMOR FRATERNO. Giacomo 4:11-12. So­prattutto non “giudicare i tuoi fratelli“. L’Amor Fraterno costituisce la sommità della scala della fede; la via per eccellenza di 1 Corinzi 13. Puoi tu dire, “Padre perdonali?” Luca 23:34; Atti 7:60; Mat­teo 7:15.

4.  GUIDA. Giac. 4:13 – 5:6. Lascia che Iddio diriga le occupazioni giornaliere della tua vita. Sono i tuoi programmi, i tuoi affari, le tue attività giornaliere, i tuoi svaghi, il tuo denaro, le tue relazioni con coloro che lavorano per te o con te, interamente arrese a Dio e dirette da Lui?

5.  PAZIENZA. Giacomo 5:7-12. “Si, spera nell’Eterno”. (Salmo 27:14). Perché il frutto maturerà se saprai attendere. I frutti acerbi sono poco buoni. Sii  pa­ziente  ed  aspetta. Gesù non può venir meno! Giobbe attraversò una serie di ca­lamità, ma ne usci fuori vittorioso nel Signore. Giobbe 42:5; Lam, 3:26, 36; Prov. 24:10-12.

6.  COOPERAZIONE. Giacomo 5:13-16. Partecipa i problemi degli altri cristiani. Coopera con i conduttori di chiesa nelle sante attività. Unisciti alle preghiere collettive. Allontana dal tuo cuore  l’invidia amara” e le “contese”, che creano la divisione e il disordine. Giacomo 3:13-18; Ebrei 12:14-15; 2 Tim. 2:22-26.

7.  ZELO. Giacomo 5:16-20. Prega come Elia. (1 Re 18:36-44): sicuro, zelante, persisten­te. Prega fino all’ottenimento. Permetti allo Spirito Santo di pregare attraverso di te. (Romani 8:26, 27). Cerca la Sua guida in riguardo agli oggetti della preghiera. Chiedi cose grandi. “Apri la bocca ed io la riempirò”. (Salmo 81:10).

Queste sono le condizioni imposte da Dio per poter avere potenza nella preghiera. I risultati che si avranno glorificheranno Iddio per tutta l’eternità.

http://www.laparola.net/

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LUTTO NATALIZIO

di Keith Green  –   Non dimenticherò mai la gioia incredibile del Natale e tutto ciò che mi aspettavo. La nostra casa addobbata, le luci colorate, l’odore particolare. Parenti e amici che venivano a trovarci… tutti con grandi. sorrisi e risate… e tutti con dei doni!! Quel periodo era pieno di vita, calore e voglia di dare. Sono i migliori ricordi della mia infanzia. L’aria, fuori, era fredda e …
Leggi Tutto

coro

Istruzioni su come cantare  in chiesa – dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ed efficace per te stesso e per gli altri, fai attenzione ad osservare le seguenti indicazioni: 1. CANTA INSIEME A TUTTI Unisciti alla congregazione più spesso che puoi. Non permettere che una leggera difficoltà o un po’ di stanchezza …
Leggi Tutto

EMOZIONI ARTIFICIALI

Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti. Il dizionario dice che emozionante significa “che causa grande entusiasmo e fervore.” Certamente, nessuna cosa dovrebbe causare maggiore entusiasmo e fervore del fatto di incontrarsi con la chiesa e raccontare ciò che Dio ha fatto per salvarci dalla sua ira …
Leggi Tutto

DAI SERMONI DI ROBERTO BRACCO

LA PAROLA DOLCE (Proverbi 15) …
Leggi Tutto

Sermone Domenica 13 Gennaio 2013

Agostino Masdea: VITA SOPRANNATURALE (Giovanni 10:10) …
Leggi Tutto

Grandi servitori di Dio: Oswald J. Smith

Il Dr. Oswald J. Smith è nato in una fattoria nella periferia di Odessa, Ontario, l’ 8 novembre 1889. Suo padre era un operatore del telegrafo, e per questo ha trascorso la sua infanzia nelle stazioni ferroviarie. Il tempo trascorso a Mount Albert, Ontario, una piccola e tranquilla cittadina, dove solitamente viveva per brevi periodi, non l’ha mai  dimenticato. Dopo essere diventato famoso, vi tornò a meditare e …
Leggi Tutto

LE DUE CASE

di AGOSTINO MASDEA   –  Perciò, chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, io lo paragono ad un uomo avveduto, che ha edificato la sua casa sopra la roccia.  Cadde la pioggia, vennero le inondazioni, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa; essa però non crollò, perché era fondata sopra la roccia.  Chiunque invece ode queste parole e non le mette in pratica, sarà paragonato ad …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti