Essere ripieni di Spirito Santo

di  Zac Poonen  –   Ho visto un cartone animato, una volta che mostrava i discepoli nell’alto solaio che aspettavano di essere pieni di Spirito Santo (Atti 1:12-14). (Oggi sappiamo che hanno aspettato dieci giorni, ma in quel momento, nessuno di loro sapeva per quanto tempo avrebbero dovuto attendere.) Al nono giorno, uno di loro uscì e se ne andò a casa dicendo che era stanco di aspettare.   Egli disse agli altri che se volevano potevano attendere, ma lui andava via. Immaginate la sua delusione, quando il giorno dopo ha saputo che tutti gli altri  in quella stanza sono stati battezzati con lo Spirito Santo e col  fuoco e rivestiti della potenza dall’alto.  Come era stato vicino alla risposta. Se solo avesse aspettato un giorno in più …..

Gesù invita solo quelli che hanno SETE a venire a Lui (Giovanni 7:37-39). Solo coloro che cercano Dio CON TUTTO IL CUORE lo trovano (Geremia 29:13). Dio ricompensa solo coloro che lo cercano diligentemente (Ebrei 11: 6). Perché? Perché è solo quando cerchiamo Dio con tutto il cuore dimostriamo per noi  il nostro rapporto con Lui è la cosa più importante del  mondo.

E’ IMPOSSIBILE VIVERE LA VITA CRISTIANA COME DEVE ESSERE VISSUTA, SENZA ESSERE RIPIENI DI SPIRITO SANTO. NON SI PUO SERVIRE IL SIGNORE COME SI DEVE, SENZA ESSERE RIPIENI DI SPIRITO SANTO.

Anche  Gesù stesso ha avuto bisogno di essere unto con lo Spirito Santo, prima di iniziare il suo ministero (Luca 3:21-23).

Il Signore disse ai Suoi discepoli di aspettare  ” finché siate rivestiti di potenza dall’alto. (Luca 24:49). Mentre il mondo stava morendo e aveva  bisogno di sentire il Vangelo, gli apostoli hanno dovuto aspettare fino a che non furono battezzati nello Spirito Santo prima di poter  uscire e servire il Signore (Atti 1:8).

Che dire di noi? Come siamo sciocchi a pensare che non abbiamo bisogno anche noi di tutto questo!

Il giorno di Pentecoste, Pietro disse al popolo che Dio offriva due doni a tutti coloro che si fossero ravveduti,  e battezzati:  il perdono dei peccati e lo Spirito Santo (Leggi Atti 2:38).

Il perdono dei peccati ci qualifica per il cielo. Il battesimo nello Spirito ci rende  adatti per la vita sulla terra.
Se sei interessati solo ad andare in paradiso quando morirai, non hai bisogno di essere battezzati nello Spirito Santo. Hai solo bisogno del perdono dei peccati. Ma se vuoi vivere i tuoi giorni sulla terra in modo utile, mostrando la tua gratitudine al Signore perché è morto per te  servendolo,  allora devi essere ripieno di Spirito Santo.

Ci sono cinque motivi  fondamentali per cui molti credenti non sono battezzati nello Spirito Santo:

(1) Sono stati intellettualmente convinti  da qualche argomentazione  teologica che sono stati battezzati nello Spirito nel momento in cui sono nati di nuovo. E anche se sconfitti, impotenti, vuoti e senza frutto, continuano a credere questo inganno teologico.

(2) Loro sentono che non sono degni di ricevere il battesimo nello Spirito Santo. Il nocciolo della questione è che più indegno ti senti  e più peccatore consideri te stesso, e più sei adatto per ricevere lo Spirito Santo, perché i doni di Dio sono dati solo a coloro che si sentono indegni di riceverli . Se ti sei pentito dei tuoi peccati, non importa quanto indegno o incapace o inutile tu sia. Alleluia!

(3) Essi non credono che Dio è un Dio buono – che dà i suoi doni liberamente a tutti quelli che chiedono con fede.  Sentono che devono pagare un prezzo – fare delle buone azioni, come il digiuno e la preghiera, prima di poter ricevere. Ma i doni di Dio sono tutti dati gratuitamente.  Sia che si tratti del  perdono dei peccati o del  battesimo nello Spirito. Nessuno dei doni di Dio può essere comprato.  Molti credenti credono che avere la fede stessa sia una cosa difficile. Ma Gesù ha paragonato la fede al bere (vedi Giovanni 7:37,38, “… BERE …. CREDERE”). Ricevere lo Spirito Santo è facile come bere. Anche i bambini sanno bere – e coloro che sono appena nati di nuovo possono essere battezzati con lo Spirito Santo. Così era nei primi giorni della chiesa – come possiamo leggere negli “Atti degli Apostoli”.

4) Non hanno SETE. Non sono abbastanza disperati. Gesù ha parlato una parabola di un uomo che continuava a bussare alla porta del suo vicino, FINCHÉ NON RICEVETTE ciò che voleva. Allora Gesù disse che il nostro Padre celeste vuole dare lo Spirito Santo a coloro che chiedono, cercano e bussano così come quell’uomo (Luca 11:13 nel contesto dei versi precedenti, iniziando dal  v.5).

(5) Aspettano di fare qualche ESPERIENZA (parlare in lingue o sentire emozioni ecc), simile a ciò che hanno sentito nella testimonianza di qualcuno. Essi non sono disposti a lasciare che sia Dio a decidere quale dono o manifestazione è meglio per loro di ricevere. Lo Spirito Santo si riceve per semplice fede. Chiedete e vi sarà dato (Gal.3: 2; Luca 11:9-13). Non basarti sui sentimenti. Ma chiedi a Dio di darti una certezza. Lascia che sia lui a darti questa certezza. Non ti ha dato la certezza  che i tuoi peccati sono stati perdonati e che tu sei suo figlio? Allo stesso modo, Egli può assicurarti che ti ha riempito con lo Spirito Santo. Quello che ti serve non è un’esperienza, ma la Sua potenza (Atti 1:8).

Così: SETE – CREDERE –  RICEVERE. Ora è il tempo accettevole. Oggi è il giorno della salvezza.

Allora lo Spirito dell’Eterno ti investirà e profetizzerai con loro, e sarai cambiato in un altro uomo”. (1 Samuele 10: 6).

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • DIO SQUARCERA’ I CIELI SE…
    In Devotional
    di VANCE HAVNER   –  Oh, squarciassi tu i cieli e scendessi! Davanti a te sarebbero scossi i monti.(Isaia 64:1)   –   Qualche tempo fa mi sono svegliato nel mezzo della notte. Il tempo era cambiato e sentivo freddo. C’era una calda coperta ai piedi del letto, ma avevo così tanto sonno che non mi andava di fare uno sforzo per risolvere il problema.  Sono andato in giro per molti giorni con il torcicollo. Molte persone sanno perché Dio non squarcia i cieli e discende oggi; sanno dov’è il rimedio, ma non fanno nessuno sforzo per raggiungere Dio. Alcuni stanno aspettando solo di avere una piacevole sensazione. Sam Jones diceva [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • La sostituzione che cambiò il mondo
    di ZAC POONEN    –  «Colui che non ha conosciuto peccato, egli lo ha fatto diventare peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia di Dio in lui.» 2° Corinzi 5:21   –  L a Bibbia rivela che, quando Gesù morì sulla croce per noi, Egli ci sostituì occupando il nostro posto. Cristo è diventato peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia per Dio. Questo scambio si chiama giustificazione, cioè il dono di Dio offerto a tutti gli uomini che si rendono conto della loro colpa davanti a Dio e che sono consapevoli di non poter mai raggiungere il livello richiestoci. Solo per grazia, mediante la fede, siamo giustificati davanti a Dio. E la Bibbia lo esprime con queste parole: «Ma se è per grazia, non è più per opere; altrimenti, la grazia non è più grazia» (Romani 11:6). […]
  • COSA SIGNIFICA VERAMENTE SEGUIRE GESÙ CRISTO?
    di William MacDonald  –  L’essenza del cristianesimo è l’abbandono totale alla signoria di Cristo. Il Signore non cerca uomini e donne che dedichino a Lui le loro serate libere, oppure qualche fine settimana o che aspettino di andare in pensione per mettersi al suo servizio. Egli cerca invece quelli che sono pronti ad offrirgli il primo posto, il posto migliore nella loro vita. La nostra risposta al suo sacrificio sul Calvario non dovrebbe essere inferiore ad una dedizione totale da parte nostra. L’amore di Dio, tanto immenso e profondo può venir soddisfatto soltanto se gli offriamo tutta la nostra anima, tutta la nostra vita ed ogni parte del nostro essere. Gesù si aspettava molto da quelli che erano disposti ad essere suoi discepoli. Le aspettative di Gesù mal si aggiustano con le […]
  • Cristo nostra Roccia
    di  Theodore Epp –  Leggere Numeri 20:1-13, 22-29  –   La roccia menzionata in Esodo 17 profetizza di Cristo, che molti anni dopo sarebbe andato a morire sulla croce. La roccia di Numeri 20, invece, profetizza l’ascesa di Cristo, il quale, adesso intercede per noi credenti presso il Padre.  La significante differenza tra le due rocce, quella in Esodo 17 e Numeri 20, è anche specificata da due diverse parole usate in questi due passaggi, parole fondamentali che si riferiscono a due diverse azioni da compiere nei confronti della roccia. Sebbene entrambe le rocce parlassero di Cristo, Dio stava tentando di far comprendere, al Suo popolo ed a noi oggi, due cose diverse in merito alla Persona di Cristo Gesù. In Esodo 17 la roccia venne “percossa”, così come Cristo venne […]
  • Domenica 10 Giugno 2012: “Dio fara’ cose nuove”.
    http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2012/10/Dio-fa-cose-nuove.mp3 Predicazione del Pastore Masdea, Domenica 10 Giugno 2012 […]
  • LA VITA DI ADONIRAM JUDSON
    di T.W. ENGSTROM  –  In tutti gli annali delle Missioni, la storia di Adoniram e Anna Judson, missionari-pionieri dell’India, sta come mirabile testimonianza del modo in cui Dio può operare attraverso vite che si dedicano completamente al Suo servizio. La loro fortezza, la fede in Dio e lo spirito di perseveranza saranno di stimolo e di ispirazione a coloro che hanno seguito e seguiranno le loro orme, come pure, a tutti quelli che amano la causa di ‘Cristo ed hanno a cuore la diffusione del Vangelo, in tutti gli angoli della terra. Adoniram Judson, figlio maggiore di una veneranda e austera personalità della chiesa Congregazionista, nacque a Malden, Massachusetts, il 9 Agosto 1788. Fu un bambino straordinario e potremmo quasi definirlo un vero prodigio. Sua madre gli insegnò a […]
  • SIETE PRONTI PER L’ETERNITÀ?
    di Charles H. Spurgeon  – Il cibo è necessario e indispensabile per mantenere in forza l’organismo umano. Supponiamo die voi diciate un giorno: “Non voglio più mangiare perché non voglio essere uno schiavo del materialismo”. Potete mettervi in viaggio verso una località più sana e soleggiata ma vi accorgerete ben presto che il clima e l’esercizio fisico non sono sufficienti a mantenervi in vita se vi rifiutate di mangiare. Pensate che sarebbe giusto lamentarvi, dicendo: “E’ dure dover morire per rimanere fedele ai miei principi di astinenza dal cibo”? La morte per voi non sarebbe ingiusta se vi ostinate stupidamente a rifiutarvi di mangiare. Lo stesso accade con la fede. Ci sono delle persone che trovano ingiusta la dannazione eterna per coloro che non vogliono porre la loro fede in […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti