NON UNIRTI AGLI INFEDELI

di John R. Rice  –  Secondo me non c’è nulla di più importante al mondo per un Cristiano del matrimonio con una persona della medesima fede. Il matrimonio è stato creato da Dio. Esso è un’istituzione santa, stabilita da Dio per il nostro beneficio.

L’unione tra uomo e donna è tanto intima o preziosa nella sua continuità che in ammonio tra una persona credente e non credente non potranno mancare disaccordi dovuti al fatto che i due coniugi hanno scopi e opinioni diverse.

All’inizio l’amore è tanto grande che ognuno dei due coniugi pensa che l’altro sia il compagno ideale della sua vita. Un noto adagio dice a questo proposito che “l’amore è cieco”. Quante fanciulle cristiane hanno sposato uomini che non avevano fede, pensando in fondo al cuore: “Quando saremo sposati non berrà più. Dice che mi ama: che verrà con me in chiesa. È tanto buono e gentile e l’unica cosa di cui ha bisogno è la mia comunità cristiana”. Queste giovani donne hanno scoperto più tardi con raccapriccio di aver sposato un uomo che non voleva saperne di Dio. L’amore per una donna non è sufficiente a trasformare in un Cristiano un uomo che non vuole saperne di Dio. Questi matrimoni non sono in genere né buoni né felici, Non saranno mai veramente felici e completi a meno che Dio, nella sua grazia divina, non aiuti uno dei coniugi a conquistare l’altro. Questo però non accade sempre e anche se accade, avviene dopo anni di avvilimento e di lotte che indeboliscono la fede della persona credente e la trascinano verso il peccato.

2 Corinzi 6:14-16 dice a questo proposito: “Non vi mettete con gli infedeli sotto un giogo che non è per voi; perché qual comunione c’è fra la giustizia e l’iniquità? O quale comunione fra la luce e le tenebre? E quale armonia  fra Cristo e Belial? O che v’è v’è di comune tra il fedele e l’infedele? E quale accordo tra il tempio di Dio e gli idoli? Poiché noi siamo il tempio dell’Iddio vivente come disse Dio: Io abiterò in mezzo camminerò a loro e camminerò tra loro; e sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo.”  Non ci può essere unione spirituale tra un fedele e un infedele. “Perché qual comunanza vi è tra la giustizia e l’iniquità?” Non possono avere   molto in comune poiché: “Quale comunione vi è fra la luce e le tenebre?” C’è un’enorme differenza naturale tra la vita, il carattere  e le tendenze di una persona che è salvata e la vita e le tendenze di una persona che è perduta. Uno ama il Signore, l’altro lo evita. Uno è cosciente di aver la salvezza attraverso Cristo, l’altro rifiuta Cristo.

Non ci può essere armonia tra un Cristiano e un uomo che volta la schiena a Cristo. La Bibbia dice anche: “Cosa unisce un fedele con un infedele?” Come possono due coniugi vivere in armonia giorno per giorno quando uno cerca costantemente la pace in Cristo, frequenta i culti e cura la compagnia di altri fedeli, desideroso di cambiare la propria vita in Cristo mentre per l’altro tutte queste sono cose estranee?

LO SPIRITO DI DIO IN NOI

“Quale accordo v’è tra il tempio di Dio e gli idoli? Poiché noi siamo il tempio dell’iddio vivente. Come disse Iddio: Io abiterò in mezzo a loro e camminerò tra loro, sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo”.

Lo Spirito Santo vive in una persona che è salvata. Questa è la cosa più importante della sua vita. Potete non essere sempre coscienti della sua presenza, ma il fatto rimane che, se credete a Cristo come vostro Salvatore, avete ricevuto una nuova vita da Dio e siete una creatura del Signore, lo Spirito di Dio abita in voi e voi siete il tempio dello Spirito Santo (1 Corinzi 3,16,17).

Se questo tempio viene a trovarsi sotto il controllo di un infedele questo potrà procurare molti avvilimenti. Il matrimonio di un Cristiano con un infedele è contrario alla volontà di Dio. Dio è turbato quando si trova di fronte a tali situazioni e certamente questi matrimoni saranno causa di grande infelicità.

In 1 Corinzi 7,39, le Sacre Scritture ci parlano del matrimonio delle vedove: “La moglie è vincolata per tutto il tempo che vive suo marito, se il marito muore ella è libera di maritarsi a chi vuole, purché sia nel Signore”.

Una vedova può sposarsi nuovamente dopo la morte del marito. Anche in questo caso viene sottolineato quanto abbiamo detto sopra, essa può sposarsi “solo nel Signore”. Tutte le donne, siano esse maritate o nubili, dovrebbero sposarsi solo “nel Signore” se vivono in Gesù Cristo. Nessun credente dovrebbe prendere una decisione contraria a questa regola. Se lo fanno, si troveranno “sotto il loro giogo” che trascinerà con se peccato, preoccupazioni e dolori.

LA STOLTEZZA DI SALOMONE

La triste storia della perdita di fede di Salomone viene riportata nel primo libro dei Re, al cap. 11. Dai versi 1,4 apprendiamo: “Ora

Il re Salomone, oltre la figliuola di Faraone, amò molte donne straniere: delle Moabite, delle Ammonite, delle Idumee, delle Sidonite, delle Hittee, donne appartenenti ai popoli dei quali l’Eterno aveva detto al figliuoli d’Israele: “Non andate da loro e non vengano essi da voi; perché essi certo pervertirebbero il vostro cuore per farvi seguire i loro dei”. A tali donne si unì Salomone nei suoi amori. Ed ebbe settecento principesse per mogli e trecento concubine; e le sue mogli gli pervertirono il cuore; cosicché al tempo della vecchiaia di Salomone, le sue mogli gl’inclinarono il cuore verso altri dei; e il cuore di lui non appartenne tutto quanto all’Eterno, al suo Dio, come aveva fatto il cuore di Davide, suo padre.

Perfino Salomone, l’uomo più saggio che sia mai vissuto, non ha potuto resistere alla tentazione e alle conseguenze che i suoi matrimoni con donne pagane portarono nella sua vita.

Ai tempi di Nehemia, quando una parte degli Israeliti ritornò nel paese dopo la prigionia, molti di essi si erano uniti in matrimonio con donne appartenenti ai popoli pagani tra i quali avevano vissuto. Nehemia fece loro presente la condizione peccaminosa in cui vivevano, citando ad esempio il caso di Salomone e le tragiche conseguenze della sua colpa che ricaddero sul popolo che, pur appartenendo a Dio, non aveva esitato ad unirsi con popoli infedeli.

Se amate il Signore e avete fede nella sua Parola, se avete accettato Gesù Cristo come il vostro Redentore, e siete quindi dei figli di Dio che desiderano vivere secondo i principi stabiliti da vostro Padre celeste, se desiderate inoltre che il vostro matrimonio sia felice e benedetto, non dovreste scegliere un compagno o una compagna che non sia spiritualmente dalla vostra parte. Un tale passo vi procurerebbe senz’altro grandi angoscie e preoccupazioni.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

STRANO

Strano che un biglietto da 10 euro sembri tanto grande quando diamo un’offerta, ma tanto piccolo quando siamo alla cassa del supermercato. Strano quanto possano essere lunghe due ore quando siamo seduti in chiesa e quanto siano brevi quando siamo ad una festa. Strano che siamo contenti se in una partita di calcio si va ai supplementari, ma ci infastidiamo se il culto la domenica dura più del …
Leggi Tutto

Sermone: La Chiesa il Tempio di Dio

​     Sermone di Agostino Masdea  –  1 Corinti 3  – “La Chiesa, il tempio di Dio”. Da cosa sono causati i problemi nella chiesa oggi? Cos’è che porta divisione? Qual è il marchio di una chiesa matura e spirituale? Nella chiesa non ci sarebbero problemi, non ci sarebbero mal di pancia, lamentele e critiche, se ogni credente si arrendesse all’opera dello Spirito Santo! Bisognerebbe avvisare tanti …
Leggi Tutto

TRASFORMATI TRAMITE L’OPERA DI CRISTO

di  JESSIE PENN LEWIS  –  “Poiché l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti; e che egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono, non vivano più d’ ora in avanti per sé stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. Perciò d’ ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 31 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea La religiosità ha a che fare con le cose visibili, esteriori. La spiritualità è soprattutto qualcosa che riguarda il cuore.Uno dei più grandi pericoli che deve affrontare il cristiano nel suo cammino di fede verso la ricerca di una vita santa è diventare troppo religioso e poco spirituale. La religiosità può essere spesso scambiata per spiritualità… come distinguere l’una …
Leggi Tutto

Amare Dio con tutto il cuore.

di Agostino Masdea   –  Marco 12:28-34   –  Fin dal giorno che siamo nati di nuovo, continuiamo ad essere  meravigliati ed affascinati dall’amore di Dio. Come Suoi figli sappiamo che Egli ci invita alla Sua presenza perché ci ama e perché vuole essere amato da noi. Il Suo desiderio per ogn’uno di noi è che possiamo “crescere nella grazia e nella conoscenza del Suo Figliuolo Gesù Cristo” …
Leggi Tutto

VENITE DIETRO A ME... (Matteo 4:19)

di Roberto Bracco   –  Gesù Cristo è “ogni cosa” per “ogni credente”; in Lui si risolvono tutti problemi, in Lui si compiono tutti programmi e in Lui, in Lui soltanto, si raggiungono tutte le mete. “Venite a me!” “Imparate da me! ” ” Dimorate in me! “… queste e tante altre espressioni analoghe a queste ci dichiarano che Gesù Cristo è il “capo” della chiesa, la “luce” della …
Leggi Tutto

LA FATALE RISPOSTA DI DIO

di M. R. DeHaan –   “Ed egli dette loro quel che chiedevano, ma mandò la consunzione nelle loro persone.” Salmo 106:15 I figli d’Israele non erano soddisfatti del cibo di Dio ma desideravano poter stabilire essi stessi la propria dieta. Non erano contenti della manna, al suo posto volevano carne. Dio esaudì la loro preghiera a loro proprio danno. Sarebbe stato molto meglio se Dio non li avesse …
Leggi Tutto

PERCHÈ LE LINGUE?

di J. ROBERT ASCHROFT   –  Molto si sa del parlare in altre lingue; molto non si sa e rimane un mistero. Eppure nelle Scritture ci sono insegnamenti sufficienti a darci una chiara rivelazione sul valore del parlare in altre lingue e sul come bisogna usare questo dono. Ecco i punti più importanti. 1.      E’ chiaramente detto che si sarebbe verificato l’avvenimento del parlare in altre lingue. « …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti