POSSO ESSERE CRISTIANO SENZA ANDARE IN CHIESA?

La domanda risulta simpatica riguardo al cristianesimo, ma anche suscita riserve riguardo al frequentare o meno la chiesa. Voglio immediatamente chiarire che si può essere cristiani senza andare in Chiesa, perché la conversione è una esperienza che ha luogo fra il singolo individuo e il Signore Gesù Cristo.

È interessante notare nel Nuovo Testamento la varietà di luoghi nei quali le persone presero le loro decisioni di seguire Cristo. Zaccheo, l’uomo piccolino di cui abbiamo inteso parlare alla Scuola Domenicale fin dalla nostra prima infanzia, fu convertito nella sua casa. Un altro convertito, questa volta si tratta di una donna, riconobbe Cristo presso un pozzo. I pescatori fecero la loro esperienza presso le rive del mare, mentre un criminale si volse al Salvatore durante l’esecuzione della sua condanna. In questi ultimi giorni, alcuni hanno accettato Cristo ascoltando la radio. Si può quindi divenire cristiano ovunque, accettando Cristo nel cuore.

Per quanto concerne la frequenza in Chiesa, la risposta è questa: Si può diventare cristiano senza andare in Chiesa, ma non si può continuare ad essere cristiano fedele e vittorioso senza andarvi. Ed eccone il motivo:

Prima di tutto, andare in Chiesa è quanto ogni cristiano dovrebbe ovviamente fare, perché le persone che posseggono un interesse comune desiderano sempre ritrovarsi assieme. Un solerte fotografo si unirà al club dei fotografi; un diligente membro dell’unione dei commercianti sarà presente alle riunioni d’affari. Il giocatore di tennis o di golf si ritroverà spesso assieme ai suoi colleghi sportivi. Il bambino deve prendere il suo posto a scuola insieme con gli altri. Il soldato non ha alcuna obiezione ad essere identificato con il reggimento, piuttosto ne è orgoglioso.

Parimenti, il cristiano non deve essere un isolazionista, ma deve associarsi alla comunione della Chiesa. Nel fondare la Chiesa il Signore considerava il profondo bisogno che è nella nostra natura di amicizia e comunione, e la persona che continuamente si isola va in un certo qual modo considerata eccentrica.

La Chiesa pertanto è il luogo d’incontro della famiglia di Dio, ed incontrarsi con questa famiglia è un grande privilegio, perché è una forza spirituale. È là che troviamo uomini dotati da Dio, i quali possono insegnarci le grandi verità della fede.

Frequentare la chiesa è anche una testimonianza. La tua andata in chiesa sarà notata dai vicini, dai tuoi compagni di lavoro e per tutti costoro sarà una testimonianza. Starà a significare la posizione che hai assunto, la posizione del cristiano, e pertanto dovrai controllare il tuo modo di agire. Spero proprio che coloro che non frequentano la Chiesa non lo facciano per evadere da questa responsabilità.

È facile criticare la Chiesa, i suoi membri ed il suo pastore, ma perché invece di criticare non ci uniamo a loro e portiamo fra loro il nostro apporto cristiano?

Chiunque sia stato sia pure una volta soltanto ad uno stadio durante una partita, ha certamente incontrato il signor “So-tutto”. Egli è il sostenitore che non perde mai una partita. Conosce tutte le regole del gioco e sa come si dovrebbe giocare. Secondo lui ogni arbitro commette errori di svista. Conosce tutti i giocatori per il giusto nome, e se non riescono a segnare in dieci minuti li apostrofa con nomi che non sono poi tanto giusti.

Sì, è facile stare fuori e criticare, perché invece non entriamo e godiamo la salvezza che Cristo ci offre liberamente?

da « Redemption Tidings »

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Promessa per oggi: Io do buoni doni ai miei figli quando essi chiedono

Se dunque voi, che siete malvagi, sapete dare buoni doni ai vostri figli, quanto più il Padre vostro, che è nei cieli, darà cose buone a quelli che gliele domandano! Matteo 7:11  –   In questa parte del sermone sul monte, Gesù incoraggia i suoi ascoltatori a non aver paura di chiedere a Dio ciò di cui hanno bisogno. Nei versetti precedenti, Gesù incoraggia le persone a continuare a …
Leggi Tutto

Jim Cymbala  -  1 Dicembre 2011

Giovedì 1 Dicembre 2011  –  JIM CYMBALA – Pastore BROOKLYN  TABERNACLE – N.Y …
Leggi Tutto

EVITARE I PARAGONI

Poiché noi non abbiamo il coraggio di classificarci o confrontarci con certuni che si raccomandano da sé; i quali però, misurandosi secondo la loro propria misura e paragonandosi tra di loro stessi, mancano d’intelligenza. 2 Corinti 10:12 La pubblicità è spesso orientata a far si che le persone si sforzino di guardare il meglio, essere i migliori, i migliori in assoluto. Se indossi “questa” particolare marca di vestito, …
Leggi Tutto

Roberto Bracco: Vorremmo vedere Gesù

Sermone di Roberto Bracco –  “Or tra quelli che erano saliti ad adorare a durante la festa c’ erano alcuni Greci. Costoro dunque, accostatisi a Filippo, che era di Betsaida di Galilea, lo pregarono dicendo: “Signore, vorremmo vedere Gesù”. Filippo andò a dirlo ad Andrea; a loro volta, Andrea e Filippo lo dissero a Gesù. Ma Gesù rispose loro, dicendo: “L’ ora è venuta, in cui il Figlio dell’ uomo deve …
Leggi Tutto

I TRE ALBERI

Nelle chiese perseguitate viene? spesso e volentieri raccontata questa? parabola. Per quelli che soffrono il? carcere ? motivo di consolazione. ?In un bosco c’erano una volta tre giovani alberi, legati fra loro da uno? stretto rapporto di amicizia. Vollero? pregare insieme, affinch? non fosse la? putrefazione a mettere fine alla loro vita,? ma che il loro legno fosse utilizzato dagli? uomini. Il primo albero espresse il desiderio di? …
Leggi Tutto

VUOI ESSERE SALVATO?

di AGOSTINO MASDEA –  In ogni uomo vi è l’inquietante sensazione di una mancanza: egli cerca continuamente qualche cosa di importante, che “dovrebbe possedere”, ma che non riesce mai a raggiungere. Spesso gli accade di osservare qualcuno che sembra aver ottenuto una posizione sociale invidiabile, o individui che hanno scalato “le vette del successo”, ed in questi momenti egli pensa di essere il solo ad avvertire quel “senso …
Leggi Tutto

Opportunità per il Movimento Pentecostale

Un interessante articolo pubblicato negli anni 70 da “World Pentecostal” e ripreso dal periodico “Risveglio pentecostale”. Sebbene siano passati quasi quarant’anni, risulta di estrema attualità. Il giornale «Time» del 2 aprile di quest’anno apriva una serie speciale di articoli dal titolo: «Alcuni pensieri in seconda dell’uomo». La serie riportava documentazioni impressionanti che dimostravano come nell’ambito del comportamento umano, della religione, dell’educazione e della scienza, vi è oggi un’onda montante …
Leggi Tutto

«PARLERANNO IN ALTRE LINGUE»

di  A. THOMAS BRES   –   Questo segno è incompreso, criticato e combattuto da molti e anche da alcuni cristiani. Gli uni lo con­siderano una pazzia, il risultato di un disturbo mentale; gli altri un fenomeno spiritista, diabolico. Sono rari quelli che ne parlano con serenità e che si dimostrano scevri da pre­giudizi. Tra le obiezioni che spesso si fanno in mezzo ai cristiani, c’è questa: — Il …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti