IL PRIMO OPUSCOLO EVANGELICO

–  by Timothy Cross  –  Il primo opuscolo evangelico.  Il dizionario definisce un opuscolo  come “un breve trattato, che tratta in particolare un argomento religioso”. Nel corso degli anni ho dato e ricevuto molti opuscoli cristiani. Lo sapevate che il primo opuscolo cristiano è stata scritto da un non cristiano? Il primo opuscolo cristiano fu scritto da Ponzio Pilato, l’infame governatore della Giudea,  nel momento della crocifissione di Cristo.


Fu scritto i tre lingue. Quando il Signore Gesù fu inchiodato alla croce, Giovanni 19:19 ci dice che Pilato fece un’iscrizione  e la fece apporre sulla croce. Diceva “Gesù di Nazareth, IL RE DEI GIUDEI”. Giovanni ci dice inoltre che questo fu scritto in ebraico, in latino e in greco.  L’ ebraico era la lingua sacra della Scrittura e della sinagoga, il latino la lingua dei Romani che avevano il dominio su Israele, e il greco era il linguaggio universale, la lingua parlata ai giorni dell’impero Romano di quel tempo. Essendo scritto in tre lingue l’opuscolo era quindi universalmente comprensibile. Pilato ha attirato l’attenzione – anche se involontariamente – sul Salvatore dell’universo. Alcuni anni più tardi, Giovanni dirà: E noi abbiamo veduto e testimoniamo che il Padre ha mandato il Figlio per essere il Salvatore del mondo. (1 Giovanni 4:14).

Uno dei ladroni crocifissi insieme al Signore Gesù lesse il trattato di Pilato e fu salvato . Un re implica un regno. Girandosi verso il Re Gesù, lo implorò di avere pietà, e di essere accolto nel suo regno. E Gesù lo  fece.  Più tardi in quello stesso giorno, quel criminale crocifisso era veramente con il Salvatore in paradiso. Il suo viaggio dal patibolo alla gloria è inspiegabile se la salvezza non è esclusivamente per la grazia di Dio, per mezzo di Gesù Cristo.  Tutti i quattro evangelisti parlano del “primo opuscolo del Vangelo”. Se mettiamo insieme tutti i riferimenti, vediamo questo pienamente: “Questo è Gesù di Nazareth, IL RE DEI GIUDEI” (Matteo 27:37 , Marco 15:26 , Luca 23:38 , Giovanni 19:19 ) . Da queste parole possiamo notare:

 

UNA PERSONA ILLUSTRE.  “QUESTO E’ GESU’”. Al centro della fede cristiana troviamo una persona -. Una persona storica, ma nello stesso tempo una persona che trascende la storia     Ci riferiamo alla persona di Gesù, il Figlio eterno di Dio, che “per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria

e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato”,(credo niceno-costantinopolitano). Il nome “Gesù” significa “Salvatore”, così vediamo che la persona e l’opera di Cristo sono intimamente e indissolubilmente legate. “Tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai loro peccati ” (Matteo 1:21). Ed Egli era sulla croce, proprio sotto questo primo trattato Evangelico, ed è lì che Gesù di fatto ha ottenuto la salvezza del suo popolo: per questo Pietro dirà: “Egli ha portato i nostri peccati nel suo corpo, sul legno della croce, affinché, morti al peccato, vivessimo per la giustizia, e mediante le sue lividure siete stati  guariti.” ( 1 Pietro 2:24 ).

 

UN POSTO DISPREZZATO.  Il trattato di Pilato dichiara “QUESTO E’ GESÙ DI NAZARET”. Nazareth è una cittadina nel nord di Israele. Questo sottolinea la storicità del vangelo. Nazareth esiste ed è visitata fino ad oggi. Il Vangelo si occupa di eventi reali nel tempo e nello spazio.  Nazareth era il luogo del concepimento di Gesù e della sua formazione. Eppure Nazareth era un luogo disprezzato. Un proverbio popolare recitava così: “Può venire qualcosa di buono da Nazareth?” ( Giovanni 1:46 ).  Anche Gesù è stato “Disprezzato e abbandonato dagli uomini “( Isaia 53:3 ). Questo rifiuto è culminato con la sua crocifissione, dove è stato  abbandonato anche da Dio Padre, perché Egli portava la condanna ed il peccato del suo popolo.  Ma per il suo abbandono il credente ha ottenuto la riconciliazione, per la sua morte abbiamo ricevuto vita eterna, la sua condanna ha prodotto la nostra divina giustificazione. 

 

UN PRINCIPE DIVINO. L’opuscolo che Pilato scrisse chiamava Gesù “IL RE DEI GIUDEI”. La conoscenza di Pilato della Scrittura è incerta, ma, per l’autorità della Bibbia, possiamo affermare che la regalità di Gesù è un aspetto del suo essere il Messia.  Come il Messia che unisce il triplice ufficio di profeta, sacerdote e re nella sua unica persona . Ma paradossalmente, qui abbiamo un Re crocifisso. Un conquistatore in apparenza  conquistato…

La debolezza e la povertà del Calvario sono, paradossalmente, la potenza di Dio per la salvezza, che conferisce al credente la ricchezza della redenzione divina. Gesù è veramente “IL RE DEI GIUDEI”.     Più di questo, la Bibbia lo descrive come il “Re dei re e Signore dei signori” (Apocalisse 19:16), e davanti a Lui  un giorno ogni ginocchio si piegherà.     Pilato, senza rendersene conto, ha dato al mondo il primo di molti opuscoli evangelici. Ha richiamato l’attenzione su Gesù di Nazareth, il re dei Giudei, crocifisso e incoronato.     Tutti i veri trattati cristiani e ogni vera predicazione del Vangelo cercano di fare lo stesso. “Noi predichiamo Cristo crocifisso … potenza di Dio e sapienza di Dio” (1 Corinzi 1,23-24).

 

C’è vita per uno sguardo al crocifisso,
C’è vita in questo momento per te;
Poi guarda, peccatore, guarda a Lui e sarai salvato,
da Colui che è stato inchiodato sulla croce.  

 

Fonte: Evangelical Times  –  Le immagini sono il frontespizio di alcuni opuscoli cristiani

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

GEORGE MULLER: Salmo 23

Sermone predicato da GEORGE MULLER nella Bethesda Chapel, in Great George Street, Bristol, domenica sera 20 giugno 1897. «Il SIGNORE è il mio pastore: nulla mi manca. Egli mi fa riposare in verdeggianti pascoli, mi guida lungo le acque calme. Egli mi ristora l’anima, mi conduce per sentieri di giustizia, per amore del suo nome. Quand’anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei alcun male, perché …
Leggi Tutto

SANSONE: FORZA E DEBOLEZZA

di H. CARTER  –  La storia di Sansone, l’uomo forte consacrato a Dio, contiene un insegnamento utile a tutti. È il racconto di un israelita così forte che poteva portare sulle spalle le porte della città di Gaza, ed anche così debole che fu vinto dalle astuzie di una donna.  Leggendo la sua storia, ci si meraviglia ad un tempo sia della sua forza che della sua debolezza. Quando …
Leggi Tutto

NEL CUORE DEI GIOVANI

di BILLY GRAHAM –  Uno dei racconti più belli che ci ha dato la letteratura è quello di Isacco e di Rebecca contenuto nelle Sacre Scritture. Pochi ammettono che la Bibbia sia un libro per i giovani, ricco di episodi idilliaci! Questa storia si svolge in un antico paese, in mezzo a un popolo di costumi particolari, ma Dio, tramite, essa, ha molte cose da insegnarci oggi. Si …
Leggi Tutto

C'E' POTENZA NEL SANGUE DI GESU'

di Charles Greeneway  –  Ricordo nel 1945, quando giacevo in una capanna di fango in Africa. Avevo la febbre nera, ed era un tempo in cui si poteva morire di quella malattia. Ho contato 124 tombe di missionari che non avevano raggiunto i quarant’anni. Ho seppellito i miei amici, ho dovuto imbracciare un fucile per poter difendere il loro corpo esanime dagli animali feroci perché al mattino potessimo …
Leggi Tutto

VUOI ESSERE SALVATO?

di AGOSTINO MASDEA –  In ogni uomo vi è l’inquietante sensazione di una mancanza: egli cerca continuamente qualche cosa di importante, che “dovrebbe possedere”, ma che non riesce mai a raggiungere. Spesso gli accade di osservare qualcuno che sembra aver ottenuto una posizione sociale invidiabile, o individui che hanno scalato “le vette del successo”, ed in questi momenti egli pensa di essere il solo ad avvertire quel “senso …
Leggi Tutto

E’ pericoloso "beffarsi" dell’Iddio Onnipotente.

Anche nel dopoguerra continuava ad infierire la persecuzione contro i Pentecostali, perché la circolare Buffarini-Guidi continuava ad essere in vigore, e questo nonostante la Costituzione Italiana, entrata in vigore il 1° gennaio 1948 affermasse nel 19° articolo: ‘Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si …
Leggi Tutto

gocceNelTempo

di  ROBERTO BRACCO                                           Questo studio ha, soprattutto, uno scopo: esaminare l’uomo nel suo aspetto di “creatura di Dio”, quindi nel suo aspetto più profondo, più importante. Noi speriamo che questo esame possa rappresentare un raggio, sia pur debole, di luce, per una conoscenza più intera dell’uomo, la …
Leggi Tutto

L' Asse del male

di RUDI JOAS  –  George W. Bush, l’ex presidente degli USA, ha suscitato l’attenzione del mondo, parlando in uno dei suoi precedenti discorsi governativi di «asse del male». Che cosa comprendiamo con il concetto «asse del male»? È riferito a persone o nazioni? Credo di no. Tutta l’umanità ha stabilito un’empia alleanza con il male. Tutti più o meno facciamo parte dell’ “asse del male”. Già dalla creazione …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti