L’ Asse del male

di RUDI JOAS  –  George W. Bush, l’ex presidente degli USA, ha suscitato l’attenzione del mondo, parlando in uno dei suoi precedenti discorsi governativi di «asse del male».

Che cosa comprendiamo con il concetto «asse del male»? È riferito a persone o nazioni? Credo di no. Tutta l’umanità ha stabilito un’empia alleanza con il male. Tutti più o meno facciamo parte dell’ “asse del male”.

Già dalla creazione in poi, si compie la lotta di Dio contro il male. Il male viene chiamato per nome nella Bibbia: Satana. Da quando il diavolo spinse i primi uomini ad allontanarsi dal Creatore, il male non ha fatto altro che diffondersi. Non solo negli orrori della storia, ma anche nei nostri cuori. Alla televisione e al cinema il male e il demoniaco sono diventati elementi di divertimento. Le notizie quotidiane mostrano tuttavia che il male è più che semplice fantasia. È un’orribile realtà! La Bibbia dichiara: «il nostro combattimento infatti non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potenze, contro i dominatori di questo mondo di tenebre, contro le forze spirituali della malvagità, che sono nei luoghi celesti» (Efesini 6:12).

La buona notizia, tuttavia, è che Dio limita temporaneamente l’azione del male. Ogni persona, che sia o meno un dittatore, un giorno dovrà trovarsi davanti al Santo Iddio per essere giudicata. «Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli che raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono l’iniquità» (Mt 13,41).

Questo giudizio globale di Dio sul male un giorno arriverà, ma potrebbe essere che tu compaia davanti a Dio ancora prima. La Bibbia dice: «Non c’è uomo che abbia potere … sul giorno della morte» (Ecclesiaste 8:8). Che Gli dirai in quel giorno? Quali motivi vuoi nominare perché Egli ti faccia entrare in cielo? Le tue buone opere? La tua appartenenza a una chiesa? La tua partecipazione a dimostrazioni contro la guerra? Il fatto che non hai mai ucciso nessuno?

La verità è che niente del genere basta per vincere il male nel tuo cuore! È il tuo cuore o il tuo essere peccaminoso che si rivela sia nelle cose piccole e apparentemente insignificanti sia ad esempio nei tuoi pensieri. Non c’è bisogno di essere dittatori o omicidi, poiché la Parola di Dio dice che siamo tutti peccatori e questo basta per finire all’inferno per sempre. «… tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio» (Romani 3:23). «perché il salario del peccato è la morte…» (Romani 6:23).

Esiste solo una possibilità di comparire davanti al Dio santo e giusto con un «cuore puro»: dobbiamo farci lavare dai nostri peccati! L’unico che può farlo è Dio stesso.

Egli ha fatto proprio questo, tramite Suo Figlio Gesù Cristo alla croce del Golgota. Lì il Signore Gesù morì per liberare l’umanità dalla maledizione del peccato e della morte (separazione eterna da Dio). Egli morì perché noi vivessimo. Egli è risorto dai morti affinché noi avessimo la vita eterna.

In cielo non c’è più morte, guerra e sofferenza. Per quelli che hanno accettato Gesù Cristo come Salvatore e Signore nella loro vita, vale il seguente passo: «… Egli (Dio) asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore…» (Apocalisse 21:4). Non si può liberare il proprio cuore dal peccato ma si può fare qualcosa contro il potere del peccato. Ci si può liberare dalla maledizione eterna del peccato, ponendo la propria fiducia in Gesù Cristo.

Questo avviene dicendo con parole proprie al Signore Gesù ciò che c’è nel proprio cuore. Digli semplicemente che anche nel tuo cuore c’è il male e che ti vergogni quando esso si manifesta. Digli che riconosci la tua colpa e pregaLo di perdonare i tuoi peccati. InvitaLo a essere il tuo Salvatore e Signore nella tua vita. RingraziaLo perché ha espiato la colpa per i tuoi peccati sulla croce, è risorto dai morti e ti ha donato vita eterna! Se lo hai fatto, hai rotto l’«asse del male» nella tua vita.

Non aspettare oltre! Vieni oggi a Gesù Cristo. Egli ti ama.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

GEORGE MULLER: Salmo 23

Sermone predicato da GEORGE MULLER nella Bethesda Chapel, in Great George Street, Bristol, domenica sera 20 giugno 1897. «Il SIGNORE è il mio pastore: nulla mi manca. Egli mi fa riposare in verdeggianti pascoli, mi guida lungo le acque calme. Egli mi ristora l’anima, mi conduce per sentieri di giustizia, per amore del suo nome. Quand’anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei alcun male, perché …
Leggi Tutto

QUESTIONE DI SOVRANITA'

di  A. W. TOZER  –  Se Dio governa il Suo universo secondo le Sue leggi sovrane, come può l’uomo avere il libero arbitrio? E se non può esercitare il libero arbitrio, come può essere considerato responsabile per la sua condotta? Non è forse un semplice burattino, le cui azioni sono stabilite da un Dio “dietro le scene” che muove i fili come Gli piace? Il tentativo di rispondere …
Leggi Tutto

VIDEO BATTESIMI 14 OTTOBRE 2012

Alcuni momenti del culto del 14 OTTOBRE, durante il quale 10 giovani sono scesi nelle acque del battesimo. (Video amatoriale e audio da telecamera))   …
Leggi Tutto

Uganda: il padre di un martire racconta il proprio cammino di fede

UGANDA  –   William Masolo, padre di Francis Namokubalu (un credente ex-musulmano ucciso a causa della sua fede), ci testimonia del risultato della campagna di lettere organizzata da Porte Aperte, che ha permesso alla sua famiglia di rimanere salda e unita nonostante la perdita del figlio. William ha inoltre condiviso con noi il suo personale cammino di fede. La storia della conversione di William risale agli inizi degli …
Leggi Tutto

COME PREGARE IN PUBBLICO

 di C. H. SPURGEON  –  Un primo scoglio da evitare nella preghiera pubblica è il fatto d’avere troppo in vista l’uditorio e di pregare con lo scopo di piacergli. Guardiamoci dal fare della preghiera una forma indiretta di sermone; le belle preghiere sono spesso delle brutte preghiere. Quando siamo nella presenza dell’Eterno degli eserciti non è buono abbellire il nostro stile per attirarci le approvazioni umane. Le nostre …
Leggi Tutto

RAVVEDETEVI

di G. Robert Ashcroft  –   Questo fu il grido dei profeti e degli apostoli, questo deve essere il grido degli odierni predicatori.  –   «Ricordati, dunque, donde sei caduto, e ravvediti, e fa’ le opere di prima; se no, verrò a te, e rimuoverò il tuo candelabro dal suo posto, se tu non ti ravvedi. (Apoc. 2:5).  Giovanni Battista venne a predicare il suo messaggio e si mantenne …
Leggi Tutto

LO SCOPO DEL VANGELO

 di  Watchman Nee  –  Trovandosi Egli a Betania in casa di Simone il lebbroso, mentre era seduto a tavola, entrò una donna con un vaso di alabastro di un unguento profumato di autentico nardo, di grande valore; or ella, rotto il vaso, lo versò sul Suo capo …. Gesù disse: .. ” In verità vi dico, che in tutto il mondo, ovunque sarà predicato questo vangelo, si racconterà …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti