L’ Asse del male

di RUDI JOAS  –  George W. Bush, l’ex presidente degli USA, ha suscitato l’attenzione del mondo, parlando in uno dei suoi precedenti discorsi governativi di «asse del male».

Che cosa comprendiamo con il concetto «asse del male»? È riferito a persone o nazioni? Credo di no. Tutta l’umanità ha stabilito un’empia alleanza con il male. Tutti più o meno facciamo parte dell’ “asse del male”.

Già dalla creazione in poi, si compie la lotta di Dio contro il male. Il male viene chiamato per nome nella Bibbia: Satana. Da quando il diavolo spinse i primi uomini ad allontanarsi dal Creatore, il male non ha fatto altro che diffondersi. Non solo negli orrori della storia, ma anche nei nostri cuori. Alla televisione e al cinema il male e il demoniaco sono diventati elementi di divertimento. Le notizie quotidiane mostrano tuttavia che il male è più che semplice fantasia. È un’orribile realtà! La Bibbia dichiara: «il nostro combattimento infatti non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potenze, contro i dominatori di questo mondo di tenebre, contro le forze spirituali della malvagità, che sono nei luoghi celesti» (Efesini 6:12).

La buona notizia, tuttavia, è che Dio limita temporaneamente l’azione del male. Ogni persona, che sia o meno un dittatore, un giorno dovrà trovarsi davanti al Santo Iddio per essere giudicata. «Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli che raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono l’iniquità» (Mt 13,41).

Questo giudizio globale di Dio sul male un giorno arriverà, ma potrebbe essere che tu compaia davanti a Dio ancora prima. La Bibbia dice: «Non c’è uomo che abbia potere … sul giorno della morte» (Ecclesiaste 8:8). Che Gli dirai in quel giorno? Quali motivi vuoi nominare perché Egli ti faccia entrare in cielo? Le tue buone opere? La tua appartenenza a una chiesa? La tua partecipazione a dimostrazioni contro la guerra? Il fatto che non hai mai ucciso nessuno?

La verità è che niente del genere basta per vincere il male nel tuo cuore! È il tuo cuore o il tuo essere peccaminoso che si rivela sia nelle cose piccole e apparentemente insignificanti sia ad esempio nei tuoi pensieri. Non c’è bisogno di essere dittatori o omicidi, poiché la Parola di Dio dice che siamo tutti peccatori e questo basta per finire all’inferno per sempre. «… tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio» (Romani 3:23). «perché il salario del peccato è la morte…» (Romani 6:23).

Esiste solo una possibilità di comparire davanti al Dio santo e giusto con un «cuore puro»: dobbiamo farci lavare dai nostri peccati! L’unico che può farlo è Dio stesso.

Egli ha fatto proprio questo, tramite Suo Figlio Gesù Cristo alla croce del Golgota. Lì il Signore Gesù morì per liberare l’umanità dalla maledizione del peccato e della morte (separazione eterna da Dio). Egli morì perché noi vivessimo. Egli è risorto dai morti affinché noi avessimo la vita eterna.

In cielo non c’è più morte, guerra e sofferenza. Per quelli che hanno accettato Gesù Cristo come Salvatore e Signore nella loro vita, vale il seguente passo: «… Egli (Dio) asciugherà ogni lacrima dai loro occhi e non ci sarà più la morte, né cordoglio, né grido, né dolore…» (Apocalisse 21:4). Non si può liberare il proprio cuore dal peccato ma si può fare qualcosa contro il potere del peccato. Ci si può liberare dalla maledizione eterna del peccato, ponendo la propria fiducia in Gesù Cristo.

Questo avviene dicendo con parole proprie al Signore Gesù ciò che c’è nel proprio cuore. Digli semplicemente che anche nel tuo cuore c’è il male e che ti vergogni quando esso si manifesta. Digli che riconosci la tua colpa e pregaLo di perdonare i tuoi peccati. InvitaLo a essere il tuo Salvatore e Signore nella tua vita. RingraziaLo perché ha espiato la colpa per i tuoi peccati sulla croce, è risorto dai morti e ti ha donato vita eterna! Se lo hai fatto, hai rotto l’«asse del male» nella tua vita.

Non aspettare oltre! Vieni oggi a Gesù Cristo. Egli ti ama.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Meditazione del giorno: Tradizioni religiose

di ROBERTO BRACCO  –  In occasione delle festività  torna nelle conversazioni cristiane l’argomento delle tradizioni religiose e molti si chiedono in che modo o fino a quale limite i credenti devono o possono partecipare alle consuetudini che impegnano la cristianità nel senso generico di quest’ultimo termine. Si parla di “cenoni”, di “pranzi”, di” strenne”, di “presepi”, di “alberi di Natale”, di “auguri”, e poi… di “Babbo Natale”, della “Befana”, …
Leggi Tutto

LE COMPASSIONI DI DIO

di Agostino Masdea   –  E Gesù, sbarcato, vide una grande folla e ne ebbe compassione, perché erano come pecore senza pastore, e prese a insegnare loro molte cose. (Marco 6:34) La visione che si prospettò davanti al Signore quando discese dalla barca in questo passo dell’evangelo di Marco è simile a quella che si presenta davanti ai nostri occhi ogni giorno: folle immense di uomini che vanno e …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io sono il Signore tuo Dio, che guarisce tutte le tue malattie

“Se tu ascolti attentamente la voce dell’Eterno, il tuo DIO, e fai ciò che è giusto ai suoi occhi e porgi orecchio ai suoi comandamenti e osservi tutte le sue leggi io non ti manderò addosso alcuna delle malattie che ho mandato addosso agli Egiziani perché io sono l’ Eterno che ti guarisco”. Esodo 15:26 Questa promessa Dio la pronuncia presso le acque di Mara, dove gli Israeliti …
Leggi Tutto

LA CONVERSIONE DI GUIDO SCALZI

Dal Convento a Cristo. Il Signore non si è mai stancato di cercarmi. Fin da bambino ho desiderato di servire Iddio, da quando avevo otto – nove anni. Guardando il creato e le bellezze che c’erano in esse, mi resi conto che qualcuno aveva fatto tutto ciò. Nacque in me il desiderio di servire questo Dio che ha creato il cielo e la terra. Essendo di famiglia cattolica, …
Leggi Tutto

UNA PERSONA CHE DOVRESTI CONOSCERE

di R.A. Torrey  –  Prima di poter capire correttamente l’opera dello Spirito Santo, bisogna conoscere lo Spirito Santo stesso. Una frequente sorgente di errori e di fanatismo, circa l’opera dello Spirito Santo, è costituita dallo studiare e comprendere l’opera dello Spirito senza prima conoscere lo Spirito come persona. E’ della massima importanza, per quanto concerne l’adorazione, che decidiamo se lo Spirito Santo è una persona divina, atta a …
Leggi Tutto

TUTTI GLI OSTACOLI AL RISVEGLIO NELLA CHIESA SONO DOVUTI AL PECCATO

di JONATHAN GOFORTH  –  Missionario Presbiteriano in Manciuria e in Cina 1888-1935.   Al ritorno in Cina nell’autunno del 1901, dopo essermi ripreso dagli effetti sconvolgenti della rivolta dei Boxer, (La Rivolta dei Boxer fu una ribellione sollevata in Cina da un grande numero di organizzazioni cinesi popolari, contro l’influenza straniera colonialista. N.d.t.) cominciai a sperimentare una crescente insoddisfazione per i risultati del mio lavoro missionario. Nei primi anni pionieristici incoraggiavo me …
Leggi Tutto

COSA VUOL DIRE “ESSERE SALVATO”.

Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3: 16-17 )   –   Gesù pronunciò queste parole in una conversazione con un importante personaggio religioso del suo …
Leggi Tutto

SOTTO IL SOLE

di BILLY SUNDAY  –   ″Che profitto ha l’uomo di tutta la fatica che sostiene sotto il sole?″  (Ecclesiaste 1:3)    –   È lo stesso re Salomone a formulare questa domanda e a darle una risposta. Nel modo d’esprimersi contemporaneo, significa più o meno: ″Che bene ricava un uomo da questa vita, se vive solamente per le cose che può dare il mondo?″ Se c’è mai stato qualcuno in …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti