EGLI NON SAPEVA…

di E.K.Rusthoi  –  Egli (Sansone), non sapeva che Dio s’era ritirato da lui” (Giudici 16,20).  –  “Or Mosè, quando scese dal monte Sinai – scendendo Mosè aveva in mano le due tavole della testimonianza – non sapeva che la pelle del suo viso era diventata tutta raggiante” (Esodo 34,29).

Vorrei attirare la vostra attenzione su questi due versetti biblici che sembrano in aperto contrasto. Il primo è un versetto negativo e triste. Il secondo è proprio l’opposto ed è un invito alla preghiera, positivo e pieno di letizia.  Che enorme differenza! Che grande contrasto! Sansone non sapeva che il Signore s’era allontanato da lui. Mosè non sapeva che il suo volto era raggiante poiché la sua pelle rifletteva la gloria del Signore. Uno di questi due uomini si era tanto allontanato da Dio da non accorgersi nemmeno che il Signore non era più presente in lui. L’altro si era avvicinato a Dio in tal modo da non rendersi conto dello splendore che la presenza del Signore aveva lasciato in lui.

I genitori di Sansone lo avevano dedicato al Signore fin dalla nascita. Dio lo aveva fornito di tutto il necessario, sia nel fisico che nell’intelletto, per un’opera di mole eccezionale. Le Sacre Scritture ci informano che, fin dai tempi della sua giovinezza, lo Spirito dell’Eterno cominciò ad agitarlo. Col passare degli anni divenne sempre più chiaro che Dio era con lui. Egli uccise un leone, che lo minacciava, con le sue stesse mani e senza usare armi.

“I regali che uno fa gli aprono la strada e lo porta alla presenza dei grandi“  (Proverbi 18,16).

Sansone fu accettato dagli Israeliti e svolse per vent’anni la carica di giudice. Grandi erano la sua sapienza e conoscenza. Era l’uomo di Dio in quel momento storico.  Ad un certo punto le cose cambiarono. Sansone incominciò a disobbedire alle leggi divine. Entrò in territorio nemico. Dalila conquistò il suo cuore e scoprì dove risiedeva la sua forza: conobbe il giuramento sacro che gli garantiva la protezione del Signore.

Quale tragedia ebbe inizio allora! Dalila apprese il suo segreto e, con mille sotterfugi, neutralizzò Sansone ed invitò i Filistei ad attaccarlo. Quando Sansone si risvegliò pensò di potersi liberare come aveva già fatto altre volte. Non sapeva però che il Signore non era più con lui.

È possibile pensare a qualcosa di più triste?

Cosa ci può essere di più tragico? Essere stati vicini a Dio, ripieni del suo Spirito e usati dal Signore in modo potente e trovarsi improvvisamente privati di tutto a causa della propria disobbedienza. Sansone tentò di usare ancora una volta la propria forza per compiere imprese straordinarie ma le conseguenze furono disastrose.

La storia si ripete. Anche oggi ci sono persone che continuano a pretendere di essere cristiani anche dopo che hanno perso da lungo tempo il loro rapporto con Dio. L’unzione divina e la fresca testimonianza sono spariti. I “Sansoni” del nostro tempo ignorano anch’essi che il Signore si è allontanato da loro.

Può accadere che delle persone si immergano nelle cose del mondo, che prendano parte a mille attività e coltivino mille abitudini, correndo dietro alla ricchezza e ad altri valori materiali ed allontanandosi dalle cose di Dio a tal punto da non accorgersi che il Signore, messo da parte, si è allontanato da loro.

Gioia e vittoria

Vogliamo però anche considerare un altro testo, un testo biblico che ha il sapore della letizia e della vittoria. “Or Mosè, quando scese dal monte Sinai – scendendo Mosè aveva in mano le due tavole della testimonianza – non sapeva che la pelle del suo viso era diventata tutta raggiante…”  Ci troviamo qui di fronte ad un uomo che non smise di pagare il prezzo che gli costava la sua devozione a Dio e la separazione dal mondo.

“Or l’Eterno parlava con Mosè faccia a faccia come un uomo, parla col proprio amico” (Esodo 33,11). Mosè non si fermò a questo punto ma espresse il desiderio di conoscere la gloria di Dio in modo ancor più completa (Esodo 33,18). Dio esaudì il desiderio di questo patriarca fedele. “Sii pronto domattina e sali il mattino sul monte Sinai, e presentati quivi da me in vetta al monte … e Mosè si alzò la mattina di buonora, e salì sul monte Sinai come l’Eterno gli aveva comandato”  (Esodo 34, 2-4)

La mattina di buonora, quando non siamo ancora presi dalle nostre preoccupazioni, dai nostri compiti, dalle nostre responsabilità e dai divertimenti, Dio si mostra nella sua gloria a quelli che salgono spontaneamente sul monte della preghiera, cercando la sua presenza. Considerate che c’erano per lui moltissimi compiti urgenti da svolgere e grandi responsabilità a cui doveva far fronte nella valle del suo servizio. Se Mosè tuttavia desiderava veramente vedere la gloria di Dio, doveva anche prendere la decisione di dare a Dio il primo posto nella sua vita. Doveva salire sulla cima del monte, e lo fece!

“E l’Eterno discese nella nuvola… E Mosè subito s’inchinò fino a terra e adorò” (Esodo 34,5;8). L’unione di Dio con il patriarca era tanto forte che Mosè passò quaranta giorni e quaranta notti in cima al monte.

Dopo esser sceso dalla montagna, Dio era ancora tanto vicino che la sua pelle luccicava. La presenza e la compagnia del Signore avevano lasciato tracce visibili sulla sua persona e queste tracce avevano un carattere duraturo.

Un processo analogo si manifestò anche nella persona di Gesù in cima al monte della trasfigurazione “Mentre pregava il suo volto cambiò d’aspetto e il suo vestito diventò candido e sfolgorante” (Luca 9,29). “La missione della legge, scritta su tavole di pietra, fu inaugurata con tanta gloria che gli Israeliti, per un po’ di tempo, non potevano guardare la faccia di Mosè, per lo splendore che irradiava. Ora, se la missione della legge, che pure conduceva alla morte, fu così gloriosa, non sarà forse più gloriosa la missione dello Spirito? (2 Corinzi 3).

Se Mosè fu reso partecipe della gloria del Signore, all’atto del ricevimento della legge, a tal punto che il suo volto splendeva di luce, anche noi, attraverso lo Spirito Santo, dovremmo essere riempiti dalla gloria di Dio in tal modo da irradiarla attorno a noi.

Le vicissitudini della vita e gli inevitabili conflitti con cui noi tutti veniamo confrontati sono una minaccia per la nostra forza spirituale e talvolta impediscono il manifestarsi della presenza di Dio in noi. Se pere continuiamo a salire fedelmente il monte della preghiera e dedichiamo una parte del nostro tempo al Signore, lo Spirito Sante potrà compiere la sua opera. Le benedizioni e la gloria del Signore entreranno allora a far parte della nostra personalità e ci trasformeranno in fonti di luce in questo monde tenebroso.

Sansone non sapeva che lo Spirito di Die lo aveva abbandonato. Mosè non sapeva che il suo volto era diventato luminoso. Oggi ognuno di noi deve rispondere personalmente alla domanda: Quale sarà l’aspetto della mia vita? Sto camminando insieme alle masse, dopo aver voltato le spalle alla fonte dell’acqua vivente? Sono diventato torbido, scialbo, vuoto, sono incapace di produrre frutti e sono destinato ad essere “gettato via”?

Sono invece capace, come Mosè, di salire ogni giorno sul monte della preghiera e di pregare anche durante la giornata, ogni volta che mi si presenta l’occasione? Mi trovo nella presenza del Signore fino al punto da identificarmi con questa affermazione: “Ora noi tutti contempliamo a viso scoperto la gloria del Signore, una gloria sempre maggiore che ci trasforma per essere simili a lui. Questo compie lo Spirito del Signore” (2 Corinzi 3:18).

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Come capire ciò che vuole Dio
    In Devotional
    di Elisabeth Elliot – Una giovane donna si recò, con grande perplessità, da un predicatore scozzese, chiedendogli come avrebbe potuto risolvere il problema dei suoi desideri quando questi sembravano essere in forte contraddizione con la volontà di Dio. Il predicatore prese un foglietto di carta, scrisse su di esso due parole, lo diede alla giovane donna e le chiese di sedersi per dieci minuti, di riflettere sulle parole, di sbarrare poi una di queste e di restituirgli il foglietto. La donna si sedette e lesse: “No, Signore”. Quale delle due sbarrare? Non ci volle molto per capire che, se avesse detto” No”, non avrebbe potuto dire [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Grandi inni: Just as I am – (Così qual sono).
    Questo famoso inno è stato composto da Charlotte Elliott.  Fin dalla sua giovane età Charlotte era consapevole della sua natura peccaminosa e della sua incapacità a resistere alle lusinghe del peccato. Crescendo, Charlotte si sentiva sempre più indegna della grazia di Dio e insufficiente  di fronte a un Dio perfetto e giusto. Chiese aiuto a molti pastori, i quali la consigliavano di pregare di più, di studiare la Bibbia, di compiere buone azioni, e impegnarsi a fare sempre meglio. Tuttavia, tutti questi consigli si rivelavano inutili. Per molti anni, Charlotte continuò a lottare invano contro questa sensazione di essere una peccatrice,  vivendo in un continuo stato di auto-condanna.  A questo si aggiungeva la sua precaria salute, perché dall’età di 19 anni rimase invalida.           […]
  • GEORGE MULLER: Salmo 23
      Sermone predicato da GEORGE MULLER nella Bethesda Chapel, in Great George Street, Bristol, domenica sera 20 giugno 1897. «Il SIGNORE è il mio pastore: nulla mi manca. Egli mi fa riposare in verdeggianti pascoli, mi guida lungo le acque calme. Egli mi ristora l’anima, mi conduce per sentieri di giustizia, per amore del suo nome. Quand’anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone e la tua verga mi danno sicurezza. Per me tu imbandisci la tavola, sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo; la mia coppa trabocca. Certo, beni e bontà m’accompagneranno tutti i giorni della mia vita; e io abiterò nella casa del SIGNORE per lunghi giorni». Con l’aiuto del Signore, stasera il […]
  • COME SUPERARE L’AUTOCOMMISERAZIONE
    di  TIM LAHAYE  –  La pietà verso se stessi non è solo un peccato, è anche una cattiva abitudine. Più uno si lascia trasportare da essa e più sprofonda in un certo modo di pensare nel quale cercherà rifugio ogni volta che gli accadrà qualcosa di sgradevole. Nella maggior parte le nostre reazioni sono dettate dall’abitudine e sono messe in moto dai nostri istinti e dalle circostanze esterne. Ogni volta che le nostre reazioni ci portano verso un certo tipo di pensieri, questi pensieri si fisseranno sempre di più in noi fino a diventare una parte del nostro essere. Le abitudini sono soltanto una forma che denota un «condizionamento del comportamento». Dobbiamo renderci conto che non dobbiamo diventare schiavi delle nostre abitudini anche se la maggior parte degli uomini pensa che sia […]
  • TRASFORMATI TRAMITE L’OPERA DI CRISTO
    di  JESSIE PENN LEWIS  –  “Poiché l’amore di Cristo ci costringe, essendo giunti alla conclusione che, se uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti; e che egli è morto per tutti, affinché quelli che vivono, non vivano più d’ ora in avanti per sé stessi, ma per colui che è morto ed è risuscitato per loro. Perciò d’ ora in avanti noi non conosciamo nessuno secondo la carne; e anche se abbiamo conosciuto Cristo secondo la carne, ora però non lo conosciamo più così.” 2 Corinzi 5:14-16 Ci troviamo di fronte al risultato dell’opera di trasformazione del nostro “io” che sviluppa in noi dei punti di vista totalmente nuovi. Quando il nostro “io” viene crocifisso, la prospettiva delle cose concernenti la nostra vita viene […]
  • POTENZA DI VITA NELLO SPIRITO SANTO 
     di Andrew Murray  –   “Giovanni rese testimonianza, dicendo: «Ho visto lo Spirito scendere dal cielo come una colomba e fermarsi su di lui. Io non lo conoscevo, ma colui che mi ha mandato a battezzare in acqua, mi ha detto: “Colui sul quale vedrai lo Spirito scendere e fermarsi, è quello che battezza con lo Spirito Santo e col fuoco!” Giovanni 1:32-33.  –  La predicazione di Giovanni Battista parlava di Cristo come dell’Agnello di Dio che “lava i peccati del mondo”, e come di colui che battezzerà i suoi discepoli “con lo Spirito Santo e col fuoco” (Giovanni 1:29; Luca 3:16). Il sangue dell’Agnello e il battesimo dello Spirito: ecco due verità centrali della Sua professione di fede e della Sua predicazione. Esse sono, in effetti, inseparabili. Per far sì che la chiesa […]
  • Una promessa per oggi: Io posso fare per te più di quanto tu possa immaginare.
    Or a colui che può, secondo la potenza che opera in noi, fare smisuratamente al di là di quanto chiediamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa in Cristo Gesù per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli. Amen. (Efesini 3:20-21)  –  Dopo aver letto questa promessa, prova per un attimo ad immaginare la più grande, impensabile cosa, per la tua vita. Non importa quanto grande sia, i piani di Dio per te sono molto più grandi! Una versione della bibbia traduce la grandezza dei piani di Dio con ”infinitamente al di là” ed un’altra con “ampiamente al di là”. Non importa in quale versione della Bibbia scegli di leggere questo versetto; Dio è in grado di fare molto di più per noi di quanto mai noi possiamo comprendere, per mezzo della sua incredibile potenza che opera in noi… […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti