Non dare spazio al lamento e all’insoddisfazione

Login

di  BOB GASS –  “Sono dei mormoratori, degli scontenti”.  –   Jon Gordon scrive: “Un’amica di mia moglie, Rachel, si lamentava di continuo del suo lavoro… l’azienda, l’economia, il calo delle vendite… Ad un certo punto sono intervenuto nella conversazione: “In fondo è semplice, ho detto, devi fare una scelta. Puoi decidere di accettare le nuove politiche aziendali, andare al lavoro con un’attitudine costruttiva e dare il meglio, oppure puoi cercare un impiego diverso. Quale che sia la tua scelta, però, smetti di lamentarti, perché non ti conduce da nessuna parte. Cambia lavoro o cambia atteggiamento”.

Fine della conversazione, e fine anche della nostra amicizia, pensai. Rachel non mi rivolse parola per alcuni mesi. La rividi per caso ad una festa e mi disse di aver ascoltato il mio consiglio. Aveva deciso di cambiare atteggiamento. Aveva smesso di lamentarsi e si era impegnata a vendere di più. Dopo tre mesi, la sua percentuale di vendita era aumentata del 30%, un anno dopo del 70%.

Pochi giorni fa, a tre anni dalla nostra conversazione iniziale, l’ho incontrata e le ho chiesto come andassero le cose. Le vendite erano cresciute costantemente e lei aveva ottenuto due promozioni; ora svolgeva il lavoro dei suoi sogni, quello che aveva sempre desiderato ed era più felice ed entusiasta che mai. L’atteggiamento di lamento e insoddisfazione sta forse minando la tua vita e/o il tuo team? Dieci anni fa ero in una situazione del genere. Ho imparato, però, che quando smetti di piagnucolare e inizi ad essere costruttivo, allora inizi a vincere. Dio associa scontenti e mormoratori, sono “degli empi peccatori… mormoratori e scontenti; camminano secondo le loro passioni… per interesse” (leggi vv.15-16). Dovresti invece essere ripieno di fede, di riconoscenza a Dio per le sue benedizioni e fidarti di Lui per il tuo futuro.

I commenti sono chiusi.