GLI OCCHI DEL CUORE

di Jim Cymbala  –  (Pastore della Chiesa Brooklyn Tabernacle – New York)  –  E’ più probabile che si trovi un neo credente nelle montagne del Perù che capisca della Bibbia  più di un teologo con un dottorato di ricerca. Infatti, quel Peruviano privo di istruzione non solo potrebbe saperne di più della Bibbia, ma potrebbe anche conoscere il Signore in un modo che lo studente Greco o Ebreo ignorano. Ricorda, fu Gesù a gioire e dire:  “Io ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e agli intelligenti, e le hai rivelate ai piccoli” (Luca 10:21, enfasi mia).

PREGA PRIMA DI LEGGERE LA PAROLA

È facile per molti di noi approcciare quotidianamente la Parola di Dio dando poco spazio allo Spirito Santo. Spesso non preghiamo prima di leggere la Bibbia anche se abbiamo bisogno dell’aiuto di Dio per comprendere la Sua Parola. Più siamo intelligenti e istruiti, più è difficile per noi approcciarci come piccoli fanciulli, fidandoci dello Spirito affinché faccia diventare reale la Parola. Dobbiamo desiderare l’aiuto dello Spirito, e se lo chiediamo in fede, Egli ci aiuterà.
Il salmista pregava:
“Apri i miei occhi, e contemplerò le meraviglie della tua legge” (Salmo 119:18).
Da notare che la preghiera non chiede che gli vengano aperti gli occhi per “leggere la Tua legge” o per “comprendere la Tua legge”. No, la preghiera del salmista chiede a Dio qualcosa che raramente pensiamo quando apriamo la Parola: “Apri i miei occhi affinché possa vedere le cose meravigliose della Tua legge”. Egli non stava parlando dei suoi occhi fisici, stava parlando degli occhi del suo cuore.
RIVELAZIONE COSTANTE
Tutti noi abbiamo due paia di occhi. Abbiamo occhi nella nostra testa e poi abbiamo gli occhi del cuore, ai quali la Bibbia fa spesso riferimento (per esempio, Efesini 1:18). Il processo mediante il quale vediamo le cose spirituali attraverso gli occhi del cuore (non soltanto della mente) è chiamato “rivelazione”. Questa non è la tipica follia selvaggia dei credenti di fede pentecostale, ma è un’opera quotidiana fatta dallo Spirito Santo su tutti coloro che lo desiderano.
I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno:Visione e verità
    In Devotional
    di OSWALD CHAMBERS  –  Chiamati ad essere santi (1 Corinzi 1:2)  –  Ringrazia Dio perchè ti fa vedere te stesso come ancora non sei: te ne dà una visione, anche se ne sei ancora lontano.  E’ proprio quando siamo nella valle che invece di dare la prova di trovarci fra coloro che accettano di essere secondo il Suo cuore, Lo lasciamo per andarcene. Non siamo affatto disposti a ricevere i colpi che dovranno renderci conformi alla visione. Ci siamo visti come non siamo, ma come Dio vuole che diventiamo; Gli permettiamo di martellarci “per forma ed uso”, per forgiarci fino a che prendiamo la forma che avevamo nella [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • IL VERO AMORE ASPETTA
    True love waits         7 BUGIE SULL’AMORE   –    Prendiamo in esame sette bugie sull’amore e scopriremo la verità sul vero amore.   BUGIA N. 1: Il sesso crea fiducia! Una ragazza ci ha scritto la lettera seguente: «Sono alla continua ricerca d’amore. Ma l’unica forma di amore che conosco è quella fisica, il sesso. Nella mia vita sono già andata a letto con   18 uomini diversi… Per qualche motivo, ho la sensazione di non avere il diritto di dire NO e di respingerli, sebbene sia quello che più vorrei fare.» L’autrice della lettera si è «bevuta» la bugia che il sesso sia in grado di creare un rapporto di intimità e fiducia. Ma la verità è che la sessualità è l’espressione di un rapporto di intimità e non il mezzo per realizzarlo. Perciò le […]
  • LE COSE LECITE
    di Roberto Bracco  –  Un servo di Dio disse: – “La parte più numerosa di coloro che naufragano nell’oceano della fede è vinta non dall’immoralità, ma dalle cose lecite.” Oggi quest’affermazione sembra una didascalia della situazione della cristianità. Le “cose lecite” sono diventate un’altra volta le catene dei credenti; i loro polsi e le loro caviglie, parliamo in metafora, sono serrati strettamente. […]
  • NON CONOSCO QUELL’UOMO
    E ancora, poco dopo, coloro che erano lì dicevano a Pietro: «Certamente tu sei uno di quelli, anche perché sei Galileo». Ma egli prese a imprecare e a giurare: «Non conosco quell’uomo di cui parlate». E subito, per la seconda volta, il gallo cantò. Allora Pietro si ricordò della parola che Gesù gli aveva detta: «Prima che il gallo abbia cantato due volte, tu mi rinnegherai tre volte». E si abbandonò al pianto. (Marco, 14:70-73 ) […]
  • QUANDO DIO PROVVEDE – Nicky Cruz
    È di grande conforto vivere sotto la guida e l’aiuto convenevole di Dio. Ci permette di scrollarci dalle spalle tanta preoccupazione. Non devo chiedermi da dove verrà il mio prossimo pasto o se avrò un posto dove riposare. Io so che Dio ha il pieno controllo e non permetterà mai che mi scoraggi. All’inizio del mio ministero ero molto preoccupato per i miei bambini. Sapevo che il mio passato mi avrebbe perseguitato e mi chiedevo se la maledizione sotto la quale vivevano i miei genitori sarebbe scesa anche sulla mia famiglia. Sapevo che Satana non gradiva il modo in cui lo attaccavo settimana dopo settimana ed il modo in cui lo facevo nel suo stesso campo. Si prendeva gioco di me costantemente ed io sapevo che avrebbe fatto lo stesso con mia moglie ed i miei bambini. Essendo un […]
  • ONORIAMO IL SIGNORE
    di Agostino Masdea  –  Malachia – Capitolo 1   –   Malachia significa “angelo” “messaggero”. Probabilmente questo non era il suo vero nome, ma questo era sicuramente il suo compito. Egli era “il messaggero di Dio”. Visse in un periodo particolare: il tempio era stato ricostruito (siamo al tempo di Zaccaria e Aggeo), c’era stato un tempo di risveglio, ma ora  il popolo d’Israele viveva un periodo di crisi spirituale. Crisi che durerà per molti secoli… Malachia è l’ultimo dei profeti del vecchio testamento. Per quattrocento anni Dio non farà più sentire la sua voce. Le prime parole che Dio rivolge al popolo di Israele sono parole meravigliose: “IO vi ho amati”. L’uso del tempo passato non è per […]
  • Amare il prossimo.
    di Agostino Masdea  –  “E chi è il mio prossimo?” (Luca 10:27-29)  i) – Prossimo: dall’ebraico”rea” colui che è vicino, col quale stai trattando. Dal greco ” plesion”  –  avvicinarsi. a) Prima di Gesù, anche nel v. T., ” prossimo ” e un termine riservato ai “connazionali” ai “parenti” agli amici e ai compagni. Al massimo il termine si estende allo straniero che dimora in terra di Israele; ma il “detto” conosciuto da tutti era: ” ama il tuo prossimo… e odia il tuo nemico ” (Matteo 5:43) b) La legge non diceva questo (Levitico 19:18) ;  c) – Dall’esilio in poi si manifestano due tendenze: una farisaica, chiusa, che restringe la cerchia del prossimo, (ama […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti