LE VIE DI DIO SONO MIGLIORI

di  G.Campbell Morgan  –  Noi scegliamo per primi; Dio sceglie per secondo. La storia dimostra, e il futuro lo verificherà, che le vie di Dio sono migliori delle nostre.

Il primo Adamo fallì, il secondo Adamo ebbe successo. Il primo figlio di Adamo (Caino) fu un assassino, il secondo (Abele) fu un martire. Il primo figlio di Abramo (Ismaele) era nato dalla carne, il secondo (Isacco) fu scelto da Dio. Isacco scelse il primogenito (Esaù), Dio scelse il secondogenito (Giacobbe). Giacobbe desiderava dare al primogenito di Giuseppe (Manasse) la benedizione più grande, ma il secondo (Efraim) fu fatto erede.

Non il primo capo d’Israele (Mosè) poté entrare nella terra promessa, ma il secondo (Giosuè) guidò il popolo di Dio in essa. Non il primo re di Israele (Saul) fu secondo il cuore di Dio, ma il secondo (Davide). Non il primo patto della legge porta la salvezza, ma il secondo (Ebrei 10:9). Non il primo apostolo (Pietro) fu scelto per fare discepoli di tutte le nazioni, ma l’Apostolo Paolo.

Al tempo della prima venuta del Messia (Gesù Cristo), noi facevamo con lui ciò che desideravamo. Alla seconda venuta Dio farà ciò che vuole. I redenti di Dio serviranno Dio e Cristo nei nuovi cieli e nella nuova terra, dopo che il primo cielo e la prima terra saranno passati.

La via di Dio non è soltanto migliore; è l’unica via per la benedizione. L’uomo ha fallito e fallirà sempre senza lo Spirito di Dio.  Se noi non operiamo mediante il suo Spirito, noi falliremo completamente.

Dov’è la tua fede?

Questa è una domanda se vista in relazione alle circostanze nella quale fu fatta. La storia riguarda l’attuazione della potenza di Dio in aiuto a coloro che si rivolgono a lui nell’angoscia e che vengono poi ripresi per questa angoscia.

È una strana e pur bella storia che ci rivela la tenerezza del Suo cuore e la Sua alta passione per coloro che gli appartengono. È probabile che la loro angoscia fosse più che personale. Il pronome “noi” nel loro gridare “Maestro, noi periamo” includeva lui come anche loro.

Se quella barca fosse andato a fondo, la Sua missione, le loro speranze e le grandi opere che Egli avrebbe chiamato a fare sarebbero state vanificate. A quel grido, con dolcezza e forza, per amor loro, Egli immediatamente rispose trasformando una tempesta in bonaccia, provando loro ciò che era sempre vero, che “nessun’acqua può inghiottire la nave dove giace il Maestro dell’oceano della terra e del cielo”.

Poi Egli chiese loro: “Dov’è la vostra fede?” riprendendoli per la loro mancanza di fede e mostrando loro il suo desiderio che essi si confidassero in Lui a tal punto da rimanere tranquilli anche in mezzo a circostanze inquietanti. Quanto spesso noi siamo ansiosi circa le opere del Signore! Nell’ora della tempesta, noi pensiamo che ogni cosa stia per perire. Allora Egli ci dice: “Dov’è la tua fede?”

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Lo scudo della fede
    In Devotional
    di GIOVANNI ROSTAGNO    –  “Prendete lo scudo della fede col quale potrete spegnere tutti i dardi infocati del maligno”.  Efesi 6 : 16.  –  Gli assalti del maligno vengono paragonati da Paolo – quei dardi infiammati che si lanciavano sulle città nemiche per incendiarle. L’immagine è vivissima. Essa fa pensare ai cattivi pensieri, alle passioni ardenti che Satana ispira ad un cuore per raggiungere i suoi fini micidiali. Ma non ci sgomentiamo. Come i guerrieri antichi op­ponevano alle saette che piovevano loro addosso, lo scudo, così noi, ai dardi infiammati del maligno, opporremo il no­stro : lo scudo della fede. [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Un nuovo passo avanti della medicina.
    2 Dicembre 2012 | di  Elisabeth Elliot  –   Qualche tempo fa ho letto di un nuovo trionfo nel campo medico che riguarda gemelli non ancora nati. L’amniocentesi ha dimostrato che uno di loro aveva la sindrome di Down. La madre ha deciso che non voleva quel bambino, quindi con un semplice espediente di perforare il cuore del bambino con un lungo ago, è stato ucciso nel grembo materno. Lei ha portato la gravidanza a termine e un bambino è nato  vivo –   quello che lei voleva tenersi – e un bambino morto – quello che non voleva. Ciò è stato salutato come un notevole passo avanti. Vi chiedo di fermarvi per un istante e considerare questa domanda: cos’era, appunto, quello che è stato ucciso? Che cos’è quello che non è stato ucciso? La risposta a […]
  • L’AMORE DI CRISTO CHE SOPRAVANZA OGNI CONOSCENZA
    di Dwight L. MOODY – “E conoscere l’ amore di Cristo che sopravanza ogni conoscenza?. (Efesi 3:19). Se potessi soltanto fare intendere agli uomini il vero senso delle parole dell’apostolo Giovanni “Dio è amore” prenderei questo solo testo e andrei su e giù per il mondo proclamando questa gloriosa verità. Convincere un uomo che voi l?amate, significa esservi cattivato il suo cuore. Se noi riuscissimo a convincere gli individui che Iddio li ama, li vedremmo affollarsi nel regno dei cieli! Il guaio è che gli uomini pensano che Iddio non li ami e per questo essi si allontanano maggiormente da Lui. Anni fa, erigemmo una chiesa in Chicago, ed eravamo ansiosissimi di insegnare alle genti l’amore di Dio e di colpirli nell’animo con un tale […]
  • NON SIATE SCHIAVI DELLE ABITUDINI
    di OSWALD CHAMBERS  –  «Perché se queste cose si trovano e abbondano in voi, non vi renderanno né oziosi né sterili». 2 Pietro 1:8   –   Quando noi ci accorgiamo di aver preso delle buone abitudini e ci rendiamo conto di diventare migliori, dobbiamo pensare che si tratta solo di una tappa, che, se noi ci fermiamo a questo punto, acquistiamo una mentalità farisaica. Le virtù vanno praticate e vissute nella nostra vita nascosta in Cristo, in modo da diventare innate in noi e non delle abitudini coscienti. Dobbiamo essere coscienti solo delle qualità che ci mancano per poterle acquistare. Dopo di che la comunione col Padre sarà più semplice. Forse vi è successo di farvi un idolo delle vostre abitudini religiose, come leggere la Bibbia e pregare a ore ben determinate; ma vi sarete […]
  • EBREI MESSIANICI
    Una realtà del nostro tempo. Affrontare questo soggetto non è facile, sia per il poco tempo che abbiamo a disposizione, sia per la complessità dei temi che questo argomento richiederebbe fossero trattati. Non si può parlare di Ebrei messianici in maniera esaustiva se non si toccano anche  temi come la storia di Israele, la storia della Chiesa,  l’antisemitismo, le profezie bibliche…. e tanti altri soggetti correlati. Potete intuire che tutto ciò richiederebbe molto più tempo di quello che noi possiamo dedicare questa sera a questo soggetto. Cercherò quindi di restare strettamente aderente al tema, e cioè il confronto tra Ebrei messianici e cristiani, e poi se resterà un po’ di tempo, potremo, tramite le vostre domande toccare anche questi altri punti. Dovremo comunque […]
  • CORRIE TEN BOOM E IL RAPIMENTO
    “Il mondo è insanabilmente malato e sul punto di morire. Il Medico per eccellenza ha già firmato il certificato di morte, ma ancora c’è molto da fare per i cristiani. Il loro compito è di essere fiumi d’acqua viva, canali di benedizione per coloro che sono ancora nel mondo e possono esserlo, perché sono dei Vincitori. I cristiani sono ambasciatori per Cristo, dei rappresentanti dei cieli per questa generazione morente ed è a causa della loro presenza qui sulla terra che le cose cambieranno.  Mia sorella Betsy ed io eravamo nel campo di concentramento nazista a Ravensbruck, perché avevamo commesso il crimine di amare gli ebrei. Settecento di noi, provenienti da Olanda, Francia, Russia, Polonia e Belgio furono ammassati in una stanza che ne poteva contenere duecento: per quanto ne sapevo, […]
  • Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”
    Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad allontanarmi dall’Iddio che amo”, si pensa sia particolarmente autobiografica, e si riferisce all’adolescenza di Robinson, quando sua madre lo ha mandò a Londra per diventare apprendista barbiere. Fu durante questo periodo che egli si associò ad una famigerata banda di teppisti e visse una […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti