COS’E’ UN VERO RISVEGLIO?


praying-for-revival

di Reuben A. Torrey (1855 – 1928) noto evangelista, insegnante e scrittore.  –   Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola ebraica corrispondente ha il medesimo significato. Essa viene tradotta nel Salmo 85:7 con i termini “ravvivare” o “dar vita”: “Non tornerai tu a ravvivarci, onde il tuo popolo si rallegri in te?”. In un’altra traduzione troviamo: “Torna a darci la vita e sarai la gioia del tuo popolo.”

La vita può’ venire soltanto da Dio perciò’ ogni risveglio è un periodo in cui Dio si rende manifesto al suo popolo donando ai suoi figli un rinnovato vigore attraverso lo Spirito Santo. Questa ondata di vitalità’ si espanderà’ anche in mezzo ai peccatori, che sono morti spiritualmente, accendendo nei loro cuori una scintilla di vita eterna. Spesso il risveglio viene confuso con un entusiasmo verso le cose religiose, provocato in vari modi, ma soprattutto attraverso la predicazione di evangelisti di professione e dei cosiddetti “predicatori di risveglio “. Questi predicatori non sono però quello che professano di essere e noi non abbiamo certo bisogno di un risveglio provocato artificialmente. Queste cose non sono una benedizione ma un’opera satanica che cerca di imitarla. Risveglio significa nuova vita che proviene da Dio. Un risveglio universale è un tempo in cui questa nuova vita si propaga ovunque, e non si manifesta solo in poche località’. Essa si manifesta ovunque tra i Cristiani e in tutto il mondo.

Un risveglio a livello mondiale è perciò’ molto necessario perché la sterilità spirituale si è propagata ovunque. Le conseguenze di questa sterilità si manifestano con maggiore intensità’ in certi paesi, men tre in altri paesi appaiono più’ blande. Esse esistono però dappertutto. Le troviamo al l’interno dei nostri paesi come pure nei più’ remoti campi di missione. Abbiamo avuto ed abbiamo ancora risvegli di carattere lo cale. Lo Spirito di Dio che ci ravviva, tocca ogni tanto un certo predicatore e una certa chiesa; abbiamo però tutti bisogno di un risveglio universale.

Per poter comprendere quello che vera mente è un risveglio vogliamo ora esaminare le conseguenze che porta:

  1. La prima diretta conseguenza possiamo trovarla in coloro che predicano il Vangelo.
  2. a) Nei tempi di risveglio i predicatori ricevono un rinnovato amore per le anime degli uomini.

Noi pastori e predicatori non abbiamo abitualmente l’amore che dovremmo avere verso il nostro gregge. Non abbiamo in noi l’amore di Gesù’ o dell’apostolo Paolo. Quando Dio però visita il suo popolo i cuori dei predicatori sono grandemente preoccupati per le anime perdute. Essi hanno un grande desiderio di guidare i peccatori verso la salvezza. Essi dimenticano ogni ambizione e ogni desiderio di fama quando incominciano a predicare. Il loro unico desiderio è quello di guidare anime verso Cristo e verso la salvezza.

  1. b) Quando un risveglio è genuino i predicatori ricevono un nuovo amore per la Parola di Dio mentre la loro fede viene rinnovata.

Critiche e dubbi svaniscono e la Parola viene predicata in tutta la sua verità’, soprattutto per quel che riguarda Cristo crocifisso. Il risveglio fa sì che i predicatori, che spesso sono di parere contrario, siano fedeli ai testi bilici. Un risveglio di carattere mondiale sarebbe più’ utile per riportare i nostri predicatori e professori di teologia verso il vero fondamento della fede, che tutte le discussioni e le commissioni che sono state organizzate per tale scopo.

  1. c) I risvegli aiutano coloro che predicano il Vangelo a sentirsi più’ liberi e rinvigoriscono la loro gioia e la loro energia.

Non sono più’ necessarie settimane di preparazione, spesso penose, per mettere insieme una predica. La tensione nervosa, che spesso accompagna il predicatore nel momento in cui sale sul pulpito, scompare. La predicazione diventa una gioia e un’attività rinfrescante come pure una nuova fonte di forza.

  1. Esaminiamo ora le conseguenze che un risveglio può’ avere tra i Cristiani in generale. Tra la massa dei Cristiani si manifestano gli stessi fenomeni che hanno luogo tra coloro che predicano.
  2. a) Nei periodi di risveglio i Cristiani si allontanano dal mondo e conducono una vita separata.

Cristiani che si dedicavano prima volentieri ad attività mondane ricevono una nuova visione spirituale e comprendono che certe cose non sono compatibili con la luce e con la vita che è entrata nei loro cuori.

  1. b) Nei periodi di risveglio i Cristiani ricevono un nuovo spirito di preghiera.

Le riunioni di preghiera cessano di essere qualcosa di obbligatorio a cui è doveroso partecipare, esse diventano una necessità per quei cuori umani che sono ora desiderosi di comunicare con Dio. Anche la preghiera individuale viene fatta con più zelo. Giorno e notte fervide preghiere salgono al Signore. Gli uomini non si chiedono più’: “Chissà se Dio ha ascoltato la mia preghiera?”   Essi sanno che Dio li ascolta e continuano a presentarsi davanti al trono di grazia, giorno e notte.

  1. c) Nei tempi di risveglio i Cristiani si danno da fare per la salvezza delle anime perdute.

Essi non si accontentano di partecipare soltanto alle riunioni per goderne i benefici, lo fanno piuttosto per poter aiutare gli altri e guidarli verso Cristo. Essi prendono con tatto con le persone sulla strada, nei negozi e nelle famiglie. I loro temi prediletti sono la croce e la redenzione attraverso Cristo, il paradiso e l’inferno. Passeranno quindi in seconda linea argomenti come la politica, il tempo e gli ultimi capolavori letterari. Le cose di Dio riempiranno i loro pensieri.

  1. d) Nei tempi di risveglio i Cristiani prova no una nuova gioia nel Signor Gesù’ Cristo.

La vita è sempre un argomento di gioia; una nuova vita è una nuova gioia. Le giornate di risveglio sono giornate di gioia, di grande gioia, giornate che porteranno “il cielo al disopra della terra” (cfr. Deuteronomio 11:21).

  1. e) Nei tempi di risveglio i Cristiani prova no un rinnovato amore verso la Parola di Dio.

 

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Vita cambiata
    In Devotional
    by  J. Hudson Taylor – “Quando l’agonia della mia anima era al suo apice, una frase in una lettera è servita per togliere le scaglie dai miei  occhi, e lo Spirito di Dio mi ha rivelato la verità della nostra unione con Gesù, come non l’avevo mai conosciuto prima … “Come puoi avere una fede vigorosa? Non sforzandoti ad avere fede, ma riposando sul Fedele”. Mentre leggevo, ho capito! “ Se siamo infedeli, Egli rimane fedele. Related posts: Meditazione del giorno: PANE DI VITA Meditazione del giorno: UNA VITA GRANDE Meditazione del giorno: ISTRUZIONI SULLA VITA DELLA CHIESA Meditazione del giorno: Vita eterna insieme con [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • CASA O TENDA
    Sappiamo infatti che se questa tenda che è la nostra dimora terrena viene disfatta, abbiamo da Dio un edificio, una casa non fatta da mano d’uomo, eterna, nei cieli. Perciò in questa tenda gemiamo, desiderando intensamente di essere rivestiti della nostra abitazione celeste, se pure saremo trovati vestiti e non nudi. Poiché noi che siamo in questa tenda, gemiamo, oppressi; e perciò desideriamo non già di essere spogliati, ma di essere rivestiti, affinché ciò che è mortale sia assorbito dalla vita. (2 Corinzi 5:1-4) […]
  • SODOMA NON AVEVA LA BIBBIA
    9 Dicembre 2012  –  di Leonard Ravenhill   –   Ho spesso pensato ultimamente ad una frase pronunciata dal noto predicatore Jonathan Edwards, che tanto influsso ha avuto sul risveglio spirituale. Per descrivere la giustizia divina, che è puntata verso il nostro cuore come una freccia aguzza, egli dice: “Tutto ciò che ci meritiamo è un Dio adirato che ci guarda da lontano senza rivelarci nulla e senza aiutarci”. Questa frase mi viene continua mente in mente e mi chiedo: quali doveri dovrebbe avere Dio verso un popolo che riesce a commettere in un solo giorno più peccati di quelli che venivano commessi a Sodoma e Gomorra in un anno intero? Pensiamo inoltre al grande privilegio che abbiamo di sentir predicare l’Evangelo già da molti secoli, mentre invece gli abitanti di Sodoma non […]
  • I falsi profeti all’opera oggi
      di ROBERT J. WELLS   –  In Matteo 7:15, è scritto: «Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono a voi in vesti da pecore, ma dentro sono lupi rapaci».  Ci sono solo due vie lungo le quali gli uomini possono viaggiare: la via larga che conduce alla distruzione e la stretta via che conduce alla vita. Questo affermò Gesù Cristo, il vero profeta di Dio, il quale fece la più urgente ammonizione che si possa trovare nella Bibbia: «Entrate attraverso la porta stretta … perché stretta è la porta e angusta la via che mena alla vita, e pochi sono quelli che la trovano». Gesù sapeva che questo suo principio avrebbe suscitato nei secoli tempestosi a venire le più terribili controversie. Affinché i suoi seguaci fedeli non rimanessero senza guida Gesù li ammonì: «Guardatevi dai falsi […]
  • Il vero risveglio
    di Charles H. Spurgeon – Messaggio di Charles H. Spurgeon ai suoi predicatori Come possiamo attenderci di ricevere una benedizione se siamo pigri nel richiederla? Come possiamo aspettarci una nuova Pentecoste se non c’incontriamo mai in un medesimo luogo per cercare il Signore? Fratelli, non vedremo mai un grande cambiamento, un marcato progresso spirituale nelle nostre chiese finché la riunione di preghiera non occuperà un posto primario nella considerazione dei cristiani. Ora che siamo convenuti in questo luogo, come pregheremo? Non permettiamo che la preghiera degeneri nel formalismo altrimenti diventeremo morti mentre crediamo di vivere. […]
  • “LA TUA PAROLA MI RISTORA”
    di N. A. Woychuk  –   R. A. Torrey disse: “C’è è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomini, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere la nostra vita più bella, di quanto tutti i libri di letteratura messi assieme possano contenere”. […]
  • POTENZA DI VITA NELLO SPIRITO SANTO 
     di Andrew Murray  –   “Giovanni rese testimonianza, dicendo: «Ho visto lo Spirito scendere dal cielo come una colomba e fermarsi su di lui. Io non lo conoscevo, ma colui che mi ha mandato a battezzare in acqua, mi ha detto: “Colui sul quale vedrai lo Spirito scendere e fermarsi, è quello che battezza con lo Spirito Santo e col fuoco!” Giovanni 1:32-33.  –  La predicazione di Giovanni Battista parlava di Cristo come dell’Agnello di Dio che “lava i peccati del mondo”, e come di colui che battezzerà i suoi discepoli “con lo Spirito Santo e col fuoco” (Giovanni 1:29; Luca 3:16). Il sangue dell’Agnello e il battesimo dello Spirito: ecco due verità centrali della Sua professione di fede e della Sua predicazione. Esse sono, in effetti, inseparabili. Per far sì che la chiesa […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti