TIMORE E TREMORE

david_wilkerson

di David Wilkerson  –  I profeti ci avvertono che quando vediamo Dio scuotere le nazioni, e quando avvengono dei periodi pericolosi, il nostro uomo naturale ha molta paura. Ezechiele si chiedeva: “Potrà reggere il tuo cuore o potranno rimanere forti le tue mani nei giorni in cui agirò contro di te?” (Ezechiele 22:14).  Quando Dio avvertì Noè dei giudizi imminenti e gli disse di costruire un’arca, Noè fu “mosso da santo timore” (Ebrei 11:7). Persino il coraggioso Davide disse:

“L’anima mia si consuma per il desiderio dei tuoi decreti in ogni tempo” (Salmo 119:20). E quando il profeta Habacuc vide i giorni disastrosi in avvenire, gridò: “Ho udito e le mie viscere fremettero a quella voce le mie labbra tremarono un tarlo entrò nelle mie ossa, e fui preso da gran paura dentro di me. Tuttavia rimarrò tranquillo nel giorno dell’avversità, che verrà contro il popolo che lo invade” (Habacuc 3:16).

Per favore notate leggendo questi brani che il timore sceso in questi santi uomini di Dio non era un timore carnale, ma un tremore riverenziale verso il Signore. Questi santi non avevano paura del nemico delle loro anime ma temevano i giusti giudizi divini. E questo perché comprendevano la grande potenza celata dietro le calamità che si stavano abbattendo in quei momenti. Non temevano la tempesta, ma piuttosto la santità di Dio!

Allo stesso modo, ciascuno di noi avvertirà una paura crescente nei momenti di distruzione e di disastro che verranno. Ma la nostra paura nasce da una santa riverenza per il Signore, e mai da un’ansietà carnale per il destino. Dio disprezza ogni paura peccaminosa in noi, la paura di perdere le cose materiali, il benessere, il nostro standard di vita.

In tutto il mondo, la gente è piena di questo genere di paura, man mano che vede deteriorare l’economia della propria nazione. Hanno paura che un diluvio economico spazzi via ciò per cui hanno lavorato per tutta la vita. Questo è il grido degli increduli che non hanno speranza. Non dovrebbe essere il grido dei santi. Infatti, se sei un figlio di Dio, il tuo Padre celeste non sopporterà questo genere di incredulità nel tuo cuore. Isaia avvertiva: “…Chi sei tu da dover temere l’uomo che muore e il figlio dell’uomo destinato ad essere come erba? Tu hai dimenticato l’Eterno che ti ha fatto, che ha disteso i cieli e gettato le fondamenta della terra. Avevi sempre paura, tutto il giorno, davanti al furore dell’oppressore, quando si preparava a distruggere” (Isaia 51:12-13). “L’Eterno degli eserciti, lui dovete santificare. Sia lui il vostro timore, sia lui il vostro spavento” (8:13).

Che Dio sia il tuo timore e tremore. Questo genere di paura non porta alla morte, ma alla vita!

da: http://davidwilkersoninitalian.blogspot.it/2009/12/timore-e-tremore.html

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  –  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte… per fede Noè fabbricò un’Arca per la salvezza della sua famiglia… per fede Abrahamo, essendo chiamato, ubbidì, per andarsene al luogo che egli aveva da ricevere in eredità» (Ebrei 11-4, 8). Ci è solo una via per appropriarci dei …
Leggi Tutto

II battesimo nello Spirito Santo.

di DAVID PETTS     –    Il battesimo nello Spirito Santo è l’adempimento di una promessa fatta dal Signore Gesù ai discepoli, affinché essi ricevessero potenza per essere Suoi testimoni (Atti 1:4-8). La promessa fu adempiuta la prima volta il giorno della Pentecoste (Atti 2), successivamente in varie altre occasioni (Atti 8, 10, 19) in cui leggiamo che lo Spirito Santo scese sopra i seguaci di Gesù …
Leggi Tutto

SAREMO SIMILI A LUI

di MW. B. RILEY   –  Paolo scrisse: “Ma dirà qualcuno: Come risuscitano i morti, e con quale corpo verranno? Stolto! Quello che tu semini non è vivificato, se prima non muore.  E quanto a quello che semini, tu non semini il corpo che ha da nascere, ma un granello ignudo, che può essere di frumento o di qualche altro seme. E Dio gli dà un corpo come ha …
Leggi Tutto

GIUSTO IN TEMPO!

di OSWALD J. SMITH  –  Al principio del mio ministerio, ebbi una esperienza che mi fece rendere conto, in una maniera come non mi era mai accaduto prima, della serietà della mia chiamata. Accadde all’improvviso e posso ancora ricordare la chiamata telefonica che mi fece alzare dalla mia indifferenza e correre al capezzale di uno dei miei parrocchiani. – Potreste venire a vedere una donna inferma? – E’’ …
Leggi Tutto

IO SO CHE IL MIO REDENTORE VIVE

di Agostino Masdea   –   Ma io so che il mio Redentore, vive e che alla fine si leverà sulla terra. Dopo che questa mia pelle sarà distrutta, nella mia carne vedrò Dio. Lo vedrò io stesso; i miei occhi lo contempleranno, e non un altro. Il mio cuore si strugge dentro di me. (Giobbe 19:25-27) – Giobbe, un uomo provato, in estrema difficoltà, prigioniero della sofferenza. a. – Il libro di Giobbe …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti