ESSERE COME TRALCI

Ci sono due problemi che fanno particolarmente soffrire la chiesa di Gesù Cristo: l’immaturità e la solitudine in cui vivono alcuni credenti! Benché siamo abituati a guardare queste cose con meno apprensione di azioni decisamente peccaminose e malvagie, pur nondimeno costituiscono un grave ostacolo, sia per lo sviluppo della propria vita spirituale, sia per il progresso della testimonianza dell’Evangelo.

uva

Vivere nell’immaturità, significa, secondo il dettato biblico, restare eternamente bambini. Vuol dire prolungare quello che deve essere un momento di transizione, in una situazione di sconcertante immobilità. Per questa ragione la Sacra Scrittura non esita a definire questo stato: carnalità (1 Cor. 3:1 – 3). Difatti colui che rimane fanciullo nella fede, non è mai in grado di contribuire alla propagazione dell’Evangelo e di realizzare una conoscenza più profonda del Signore, della Sua grazia e delle Sue benedizioni. Al contrario ha continuamente bisogno di altri che lo aiutino e lo sostengano nel suo traballante cammino. Così succede che molto spesso l’opera dell’Evangelo viene impedita più dai cristiani immaturi che dai suoi stessi nemici.

Anche il problema della solitudine si rivela alquanto complesso. Si può essere soli perché situazioni contingenti ce lo impongono. Oppure c’è solitudine perché ci isoliamo volontariamente lasciandoci dominare dai nostri interessi egoistici. In tutti e due i casi, sebbene molto diversi fra di loro, ci troviamo in una condizione che non è quella prevista dal Signore per i Suoi figli. Egli, infatti, ha promesso di essere con noi “tutti i giorni” (Mat. 28:20). Per cui, se ci trovassimo anche in un deserto, non saremmo mai soli. E se l’isolamento è il prodotto del nostro peccato, va da sé che la presenza del Signore è potente per infrangere i suoi legami schiavizzanti.

Per superare queste situazioni così dannose per la nostra vita spirituale, Gesù Cristo ci ha introdotti in una realtà molto bella, di cui dobbiamo tenere conto. Alla fine del Suo ministero terreno, Gesù ha narrato ai suoi discepoli la parabola della vite e dei tralci (Giov. 15:1 – 17). In questo discorso, chiarissimo ed ‘accessibile anche al più semplice dei credenti, Gesù rivela il segreto per una vita soddisfacente, capace di superare immaturità e solitudine.

Riflettiamo per un istante sulle caratteristiche dei tralci. Se, come cristiani, siamo tralci che dimorano saldamente attaccati alla vite fino ad essere una stessa cosa con essa, non ci saranno problemi di immaturità. Perché la linfa proveniente dalla vite ci attraverserà, facendoci, allo stesso tempo, crescere e portare frutto. Invece, rimarremo in una situazione di immaturità finché cercheremo di vivere una vita autonoma da Dio. Ma dal momento che ci affideremo senza riserve all’azione di Dio parteciperemo alla rigogliosità della Sua vita ed è questa che farà di noi degli esseri maturi, capaci di portare frutto abbondante e permanente.

Nello stesso modo supereremo qualsiasi forma di solitudine ed isolamento. Difatti i tralci della vite hanno una caratteristica tutta particolare. Oltre ad avere foglie ed a produrre grappoli, essi emettono dei cirri o viticci, cioè dei filamenti con cui aggrapparsi gli uni agli altri. Questo evita loro di cadere e perdere il frutto. Ebbene, proprio come credenti anche noi abbiamo ricevuto la capacità di amarci (Rom. 5:5) e di sostenerci a vicenda. Ed anche questa è una conseguenza ed un risultato della vita di Dio che, come tralci, riceviamo da Alto.

Siamo disposti a vivere questa realtà divina che ci è stata donata?

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)

di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in …
Leggi Tutto

Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”

Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad …
Leggi Tutto

LIBERTÀ O LASSISMO?

di AGOSTINO MASDEA  –  (Galati 5:1-5:13)  i) Non sempre è facile gestire la libertà: si può riperdere e ritornare in schiavitù. Esempio: Israele (Giudici 2:10-16) –  A. – CRISTIANESIMO O LASSISMO? a) Cos’è il lassismo? ” – “Dottrina che modifica in forme accomodanti e rilassate il rigore dei precetti cristiani.” (Zingarelli) “Indulgenza verso le norme del cristianesimo.” b) E’ la Religione del ” che male c’è? “! c) …
Leggi Tutto

FOLLA

di R. REED  –   E questo tanto più dovete fare, conoscendo il tempo nel quale siamo; poiché è ora ormai che vi svegliate dal sonno; perché la salvezza ci è adesso più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata, il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre, e indossiamo le armi della luce. Camminiamo onestamente come di giorno; non in gozzoviglie ed ebbrezze; non …
Leggi Tutto

L' Asse del male

di RUDI JOAS  –  George W. Bush, l’ex presidente degli USA, ha suscitato l’attenzione del mondo, parlando in uno dei suoi precedenti discorsi governativi di «asse del male». Che cosa comprendiamo con il concetto «asse del male»? È riferito a persone o nazioni? Credo di no. Tutta l’umanità ha stabilito un’empia alleanza con il male. Tutti più o meno facciamo parte dell’ “asse del male”. Già dalla creazione …
Leggi Tutto

IL RISVEGLIO NASCE NELLA NOSTRA CASA

Quando una chiesa entra in crisi, generalmente si attribuisce la colpa a questo o a quella persona ( quasi mai a noi stessi…) ed in percentuale logicamente maggiore al Pastore ed ai suoi più stretti collaboratori ; vale a dire a quelli che hanno delle responsabilità e fanno qualcosa per sostenere e portare a- vanti l’Opera del Signore. Chi non fa nulla non sbaglia mail Oppure si cercano …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

"La santificazione"

“La santificazione”

Sermone predicato nella chiesa Evangelica di via Anacapri 26 – Roma – trascritto in forma integrale.  -    Alleluia! La ...
Leggi Tutto
CAMMINO' CON DIO

CAMMINO’ CON DIO

di DONALD GEE - La storia di Enoc, descritta per sommi capi in poche righe, ha sempre racchiuso un certo ...
Leggi Tutto
SANSONE: FORZA E DEBOLEZZA

SANSONE: FORZA E DEBOLEZZA

di H. CARTER  -  La storia di Sansone, l’uomo forte consacrato a Dio, contiene un insegnamento utile a tutti. È il ...
Leggi Tutto
LA FEDE E LE OPERE

LA FEDE E LE OPERE

 Studio Biblico del Pastore R. BRACCO (inedito)   - 1)      CHE COS’È LA FEDE: Introduzione: Per approfondire il tema, sempre ...
Leggi Tutto
IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

IL BATTESIMO NELLO SPIRITO SANTO

di ROBERTO BRACCO  -  Ogni volta che il libro degli Atti si sofferma a descrivere il battesimo nello Spirito, la ...
Leggi Tutto
Testimonianze da Azusa Street 

Testimonianze da Azusa Street 

di A. W. Orwig  -   A.W Orwig, ex ministro metodista, battezzato nello Spirito Santo nella missione di Azusa Street, nel ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti