Spingi e basta…!

(anonimo)  Una notte un uomo stava dormendo nella sua capanna, quando all’improvviso la sua stanza si riempì di luce, e Dio apparve. Il Signore disse all’uomo che gli avrebbe dato del lavoro da fare, e gli mostrò una grande roccia di fronte alla sua capanna.  Il Signore spiegò che l’uomo doveva spingere contro la roccia con tutta la sua forza. Così l’uomo fece, giorno dopo giorno. Per molti anni, dal sorgere del sole fino al tramonto, si affaticava spingendo con tutta la sua forza le sue spalle contro la fredda, massiccia, superficie dell’irremovibile roccia.
Ogni sera tornava alla sua capanna indolenzito ed esasperato, con la convinzione che tutta la sua giornata era stata spesa invano.

Poiché l’uomo stava mostrando segni di scoraggiamento, l’avversario decise di entrare in azione mettendo cattivi pensieri nella sua mente stanca: “Sei stato a spingere contro quella roccia per un lungo tempo ed essa non si è mossa”. In questo modo cominciò a dare all’uomo l’impressione che il compito fosse impossibile e che lui era un fallimento.

Questi pensieri scoraggiarono e sconsolarono l’uomo: “Perché dovrei uccidermi per questo?”, pensò, “Io farò lo stretto necessario, sforzandomi il meno possibile, e quello sarà abbastanza”.   Fece così per un po’ di tempo, ma finalmente un giorno decise di pregarci su, portando i suoi problematici pensieri al Signore. “Signore”, disse, “ho lavorato a lungo e duramente nel tuo servizio, mettendo tutta la mia forza per fare ciò che mi hai chiesto. Eppure, dopo tutto questo tempo, non ho spostato quella pietra neanche di un millimetro. Che succede? Perché sto fallendo?

Il Signore rispose con compassione, amorevolmente: ”Figlio mio, quando ti chiesi di servirmi, e tu accettasti, ti dissi che il tuo compito era di spingere contro la roccia con tutta la tua forza, e tu l’hai fatto. Non ti ho mai detto che mi aspettavo che tu la spostassi. Il tuo compito era di spingere. Ora vieni a me sfinito e scoraggiato, pensando di aver fallito. Ma è veramente cosi?

Guardati bene: le tue braccia sono forti e muscolose, la tua schiena è robusta, le tue mani sono callose per la costante pressione, le tue gambe sono divenute massicce e dure. Attraverso l’opposizione sei cresciuto molto e le tue abilità ora sorpassano quelle che avevi. Tuttavia non hai mosso la roccia. Ma la tua chiamata era quella di essere obbediente, di spingere, di esercitare la tua fede ed avere fiducia nella mia saggezza. E questo l’hai fatto. Ora, amico mio, sarò Io che sposterò la roccia.”

A volte, quando sentiamo una parola da Dio, tendiamo ad usare il nostro intelletto per decifrare ciò che vuole, quando in realtà ciò che Dio vuole è solo, e semplicemente, l’obbedienza e la fede in Lui.

Certo, noi esercitiamo la fede che sposta i monti, ma non dimentichiamo che è sempre Dio che li sposta. Quando non riesci a capire il perché… spingi e basta! Quando il tuo lavoro non dà i frutti sperati… spingi e basta! Quando nonostante il tuo impegno tutto sembra andar male… spingi e basta!  Quando le persone non reagiscono come vorresti… spingi e basta! Quando sembra che nessuno ti comprenda… spingi e basta!

Benedetto l’uomo che confida nell’Eterno e la cui fiducia è l’Eterno! (Geremia 17:7)

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Non siamo protestanti.

di ROBERTO BRACCO   –    –  Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma.     Il 19 aprile 1529 i Principi che avevano apertamente aderito al …
Leggi Tutto

ONORIAMO IL SIGNORE

di Agostino Masdea  –  Malachia – Capitolo 1   –   Malachia significa “angelo” “messaggero”. Probabilmente questo non era il suo vero nome, ma questo era sicuramente il suo compito. Egli era “il messaggero di Dio”. Visse in un periodo particolare: il tempio era stato ricostruito (siamo al tempo di Zaccaria e Aggeo), c’era stato un tempo di risveglio, ma ora  il popolo d’Israele viveva un periodo di crisi spirituale. Crisi …
Leggi Tutto

Roberto Bracco: Vorremmo vedere Gesù

Sermone di Roberto Bracco –  “Or tra quelli che erano saliti ad adorare a durante la festa c’ erano alcuni Greci. Costoro dunque, accostatisi a Filippo, che era di Betsaida di Galilea, lo pregarono dicendo: “Signore, vorremmo vedere Gesù”. Filippo andò a dirlo ad Andrea; a loro volta, Andrea e Filippo lo dissero a Gesù. Ma Gesù rispose loro, dicendo: “L’ ora è venuta, in cui il Figlio dell’ uomo deve …
Leggi Tutto

IL VERO GIUBILEO

 di Agostino Masdea   –  “Beato il popolo che conosce il grido di giubilo, o Eterno, perché esso camminerà alla luce del tuo volto.” (Salmo 89:15) Tra i tanti popoli della terra, ce n’è uno che conosce il ” grido del giubilo “. Questo popolo è composto da uomini e donne di tutte le nazioni, senza distinzione di razza, di etnia, di lingua, o di condizione sociale. E quel popolo di cui la …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Potete riposare sulla Mia promessa di vita eterna.

“…nella speranza della vita eterna, promessa prima di tutte le età da Dio, che non può mentire.” Tito 1:2  –  Paolo scrisse questo messaggio a Tito duemila anni fa e dopo duemila anni è ancora rilevante quanto lo era quando fu scritto … Possiamo sperare nella promessa della vita eterna che Dio ci ha assicurato prima che il mondo avesse inizio, perché Dio non può mentire. Questa verità …
Leggi Tutto

Comunione o Comunella?

di Felice Leveque  |  Comunella significa associazione, accordo, specialmente per scopi equivoci. Alcuni suoi sinonimi sono combriccola, combutta, cricca. Anche se nel significato ha alcune accezioni positive, di solito il vocabolo è usato in senso negativo. Fanno comunella quei gruppi di persone che tramano alle spalle di qualcuno o di altri …
Leggi Tutto

IL BATTESIMO DELLO SPIRITO SANTO normale esperienza cristiana.

di LEWI PETHRUS   –    «Or gli apostoli ch’erano a Gerusalemme, avendo inteso che la Samaria aveva ricevuto la Parola di Dio, vi mandarono Pietro e Giovanni. I quali, essendo discesi là, pregarono per loro affinché ricevessero lo Spirito Santo; poiché non era ancora disceso sopra alcuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati nel nome del Signor Gesù. Allora imposero loro le mani, ed essi ricevettero lo …
Leggi Tutto

IL PRIMO OPUSCOLO EVANGELICO

–  by Timothy Cross  –  Il primo opuscolo evangelico.  Il dizionario definisce un opuscolo  come “un breve trattato, che tratta in particolare un argomento religioso”. Nel corso degli anni ho dato e ricevuto molti opuscoli cristiani. Lo sapevate che il primo opuscolo cristiano è stata scritto da un non cristiano? Il primo opuscolo cristiano fu scritto da Ponzio Pilato, l’infame governatore della Giudea,  nel momento della crocifissione di …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti