Spingi e basta…!

(anonimo)  Una notte un uomo stava dormendo nella sua capanna, quando all’improvviso la sua stanza si riempì di luce, e Dio apparve. Il Signore disse all’uomo che gli avrebbe dato del lavoro da fare, e gli mostrò una grande roccia di fronte alla sua capanna.  Il Signore spiegò che l’uomo doveva spingere contro la roccia con tutta la sua forza. Così l’uomo fece, giorno dopo giorno. Per molti anni, dal sorgere del sole fino al tramonto, si affaticava spingendo con tutta la sua forza le sue spalle contro la fredda, massiccia, superficie dell’irremovibile roccia.
Ogni sera tornava alla sua capanna indolenzito ed esasperato, con la convinzione che tutta la sua giornata era stata spesa invano.

Poiché l’uomo stava mostrando segni di scoraggiamento, l’avversario decise di entrare in azione mettendo cattivi pensieri nella sua mente stanca: “Sei stato a spingere contro quella roccia per un lungo tempo ed essa non si è mossa”. In questo modo cominciò a dare all’uomo l’impressione che il compito fosse impossibile e che lui era un fallimento.

Questi pensieri scoraggiarono e sconsolarono l’uomo: “Perché dovrei uccidermi per questo?”, pensò, “Io farò lo stretto necessario, sforzandomi il meno possibile, e quello sarà abbastanza”.   Fece così per un po’ di tempo, ma finalmente un giorno decise di pregarci su, portando i suoi problematici pensieri al Signore. “Signore”, disse, “ho lavorato a lungo e duramente nel tuo servizio, mettendo tutta la mia forza per fare ciò che mi hai chiesto. Eppure, dopo tutto questo tempo, non ho spostato quella pietra neanche di un millimetro. Che succede? Perché sto fallendo?

Il Signore rispose con compassione, amorevolmente: ”Figlio mio, quando ti chiesi di servirmi, e tu accettasti, ti dissi che il tuo compito era di spingere contro la roccia con tutta la tua forza, e tu l’hai fatto. Non ti ho mai detto che mi aspettavo che tu la spostassi. Il tuo compito era di spingere. Ora vieni a me sfinito e scoraggiato, pensando di aver fallito. Ma è veramente cosi?

Guardati bene: le tue braccia sono forti e muscolose, la tua schiena è robusta, le tue mani sono callose per la costante pressione, le tue gambe sono divenute massicce e dure. Attraverso l’opposizione sei cresciuto molto e le tue abilità ora sorpassano quelle che avevi. Tuttavia non hai mosso la roccia. Ma la tua chiamata era quella di essere obbediente, di spingere, di esercitare la tua fede ed avere fiducia nella mia saggezza. E questo l’hai fatto. Ora, amico mio, sarò Io che sposterò la roccia.”

A volte, quando sentiamo una parola da Dio, tendiamo ad usare il nostro intelletto per decifrare ciò che vuole, quando in realtà ciò che Dio vuole è solo, e semplicemente, l’obbedienza e la fede in Lui.

Certo, noi esercitiamo la fede che sposta i monti, ma non dimentichiamo che è sempre Dio che li sposta. Quando non riesci a capire il perché… spingi e basta! Quando il tuo lavoro non dà i frutti sperati… spingi e basta! Quando nonostante il tuo impegno tutto sembra andar male… spingi e basta!  Quando le persone non reagiscono come vorresti… spingi e basta! Quando sembra che nessuno ti comprenda… spingi e basta!

Benedetto l’uomo che confida nell’Eterno e la cui fiducia è l’Eterno! (Geremia 17:7)

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

IL SERMONE

di ROBERTO BRACCO   –   Come si prepara un sermone? Preparando la propria vita!  Se noi crediamo che il ministro rappresenta soltanto il canale attraverso il quale deve fluire la gloria di Dio, ci dobbiamo preoccupare che questo canale sia completamente libero per far passare lo Spirito di Dio. La lettura, la meditazione, la preghiera unite alla santità della vita sono gli elementi più preziosi per preparare un sermone …
Leggi Tutto

Essere ripieni  di Spirito Santo

di  Zac Poonen  –   Ho visto un cartone animato, una volta che mostrava i discepoli nell’alto solaio che aspettavano di essere pieni di Spirito Santo (Atti 1:12-14). (Oggi sappiamo che hanno aspettato dieci giorni, ma in quel momento, nessuno di loro sapeva per quanto tempo avrebbero dovuto attendere.) Al nono giorno, uno di loro uscì e se ne andò a casa dicendo che era stanco di aspettare …
Leggi Tutto

GIUSTO IN TEMPO!

di OSWALD J. SMITH  –  Al principio del mio ministerio, ebbi una esperienza che mi fece rendere conto, in una maniera come non mi era mai accaduto prima, della serietà della mia chiamata. Accadde all’improvviso e posso ancora ricordare la chiamata telefonica che mi fece alzare dalla mia indifferenza e correre al capezzale di uno dei miei parrocchiani. – Potreste venire a vedere una donna inferma? – E’’ …
Leggi Tutto

LA FAMIGLIA CRISTIANA

di Roberto Bracco  –   Non ci riferiamo alla famiglia nel senso sociale, ma a quella che è “famiglia” per vincoli spirituali; ci riferiamo cioè alla chiesa cristiana non come organizzazione o denominazione, ma come popolo di “fratelli” che si amano, si stimano, si aiutano in virtù di quell’amore celeste che è stato sparso in loro mediante lo Spirito Santo.     La famiglia cristiana è la più perfetta, la …
Leggi Tutto

E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)

di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in …
Leggi Tutto

COME INGRID BERGMAN HA INCONTRATO GESU'

di Chad Dou e Mark Ellis   –    Ingrid Bergman, l’attrice premio Oscar famosa per il suo ruolo nel film “Casablanca”, è stata salvata dopo aver recitato nel ruolo di una missionaria in Cina, e l’ironia sta nel fatto che la missionaria non voleva la Bergman in quel ruolo a causa della ben nota relazione adulterina che la stella aveva avuto con un regista italiano.  (R. Rossellini …
Leggi Tutto

INSEGNATI AD AMARCI

Quanto all’amore fraterno non avete bisogno che io ve ne scriva, giacché voi stessi avete imparato da Dio ad amarvi gli uni gli altri. (1°Tessalonicesi 4:9)    –   Amati fratelli, pace, vera pace! Vi supplico di ascoltare le parole che escono dal cuore di un vecchio fratello, conservo con voi nel ministero cristiano. Parole che esprimono un’esortazione: – “Apriamoci totalmente all’opera dello Spirito Santo che vuole spandere generosamente l’amore …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: HOW GREAT THOU ART  -  (Grande sei Tu)

In origine questo famoso inno era una poesia. Composta da un predicatore svedese di nome  Carl Boberg, aveva per titolo  “O Store Gud  (O grande Dio)” e fu  pubblicata nel 1886.  Quando  Carl Boberg scrisse questa poesia mai avrebbe pensato che sarebbe diventato un inno.  Alcuni anni dopo, Boberg partecipando  a una riunione rimase sorpreso nel  sentire la sua poesia cantata sulle note di una vecchia melodia svedese …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti