FUOCO SPIRITUALE

Samuel Chadwick  –  ” Il nostro Dio è un fuoco consumante”. Il simbolo scelto della Sua presenza è il fuoco acceso sulla terra, e il segno preferito della Sua approvazione è la fiamma che consuma il sacrificio. Patto e sacrificio, santuario e consacrazione, erano santificati ed approvati con la discesa del fuoco celeste. “Dio che risponde per mezzo della fiamma di fuoco; Lui è Dio!” Gesù è venuto ad accendere un fuoco sulla terra. Il vero simbolo del cristianesimo non è una croce ma una lingua di fuoco.

Il ministerio di Giovanni il Battista scosse la nazione di Israele, ma era soltanto una preparazione. ”Io vi battezzo sì con acqua, ma Lui vi battezzerà con lo Spirito Santo e col fuoco.” E il Signore parlò della venuta del fuoco come dello scopo della Sua missione e del frutto della Sua passione e della Sua morte.”Sono venuto ad accendere un fuoco sulla terra”.

Il battesimo dello Spirito è il battesimo di fuoco. Accende il fuoco di Cristo dentro le anime degli uomini. Ed essi ricevono e riproducono la Sua mente, il Suo cuore e la Sua vita. Il Suo zelo diventa la caratteristica dominante e che tutto riempie nelle loro vite. Essi manifestano la stessa Sua fervente devozione per la volontà del Padre. La stessa Sua santa passione per la realtà eterna e la giustizia divina. Lo stesso Suo zelo consumante per la salvezza di quelli che sono perduti.

La sicurezza dell’anima sta nel suo calore. Il fuoco è la migliore difesa contro la corruzione. Se vogliamo essere sicuri dobbiamo rivestirci di zelo ardente. Ed è il fuoco che vince. Wesley, Whitefield, il Generale Booth, fecero cose meravigliose perché infiammati del fuoco dello Spirito Santo. I cuori così infiammati sono invincibili. Il peccato, il mondo, l’incredulità, sono a prova di tutto meno che del fuoco di Dio.

Il ministerio vivificato dallo Spirito Santo è segnato da una evangelizzazione ardente, da conseguenze socialmente rivoluzionarie, e dalla persecuzione. La predicazione nella potenza dello Spirito Santo portò alla distruzione nel fuoco dei libri magici e sollevò l’opposizione di tutti quelli che trafficavano alla rovina del popolo. È impossibile l’indifferenza nelle cose religiose dove ci sono dei credenti e degli evangelizzatori simili a fiamme di fuoco!

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: VUOI UNA RISPOSTA?
    In Devotional
    di  Elisabeth Elliot  –  Questa è la domanda che dovremmo porci quando siamo alla ricerca di “soluzioni” ai nostri problemi. Spesso vogliamo solo un pubblico. Vogliamo la possibilità di esternare  lamentele,  presentare le nostre scuse, dare  una spiegazione per il nostro comportamento, piuttosto che una cura. Il più delle volte la risposta più chiara e diretta la  possiamo trovare nella Parola di Dio, ma dobbiamo cercarla onestamente. “La via dell’Eterno è una fortezza per l’uomo integro, ma è rovina per gli operatori d’iniquità“. (Prv 10:29).3 Possiamo accostarci alla parola di Dio con la [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • IO SO CHE IL MIO REDENTORE VIVE
    di Agostino Masdea   –   Ma io so che il mio Redentore, vive e che alla fine si leverà sulla terra. Dopo che questa mia pelle sarà distrutta, nella mia carne vedrò Dio. Lo vedrò io stesso; i miei occhi lo contempleranno, e non un altro. Il mio cuore si strugge dentro di me. (Giobbe 19:25-27) – Giobbe, un uomo provato, in estrema difficoltà, prigioniero della sofferenza. a. – Il libro di Giobbe si apre con la testimonianza di Giobbe: Quest’uomo era integro e retto, temeva DIO e fuggiva il male. (1:1) – Sappiamo che satana volle accusarlo e provare a Dio che la sua devozione era dettata dalla convenienza. Così Giobbe subì delle tremende prove… dalla morte di tutti i suoi figli a malattie terribili e penose… ma in tutto questo rimase fermo nella fede. – Egli è ricordato […]
  • DIO PARLA ANCORA
    di BILLY GRAHAM  –  I diplomatici pensano che la diversità delle lingue sia il motivo basilare delle incomprensioni internazionali. Noi scopriamo però che le radici delle difficoltà internazionali sono più profonde. Nonostante che i mezzi di comunicazione siano migliori non ci siamo avvicinati maggiormente alla pace. La violazione della legge e le rivoluzioni inondano la terra. Le Nazioni Unite si riuniscono a New York e si comprendono sempre meglio tramite simultanee traduzioni. Ma questa stessa organizzazione non ha saputo dare una soluzione durevole ai problemi mondiali durante gli ultimi quindici anni. Un Professore d’Università mi domandò un giorno se io credo che Dio potrebbe parlare agli uomini anche oggi. Il collegamento del cielo con la terra è interrotto o è ancora […]
  • Io benedirò i costruttori di pace e li chiamo miei figli
    Beati coloro che si adoperano per la pace, perché essi saranno chiamati figli di Dio. (Matteo 5:9) Come pensi si senta un padre nel vedere i suoi figli litigare in casa sua? Come padre io stesso so quanto dispiacere ho provato quando ho visto i miei figli non andare d’accordo. Il cuore di un padre è per la pace e l’armonia dei suoi figli. Quando penso a questa promessa, sono incoraggiato che ci sia una benedizione per noi quando amiamo la pace e facciamo tutto il possibile per vivere in pace con tutti coloro che ci circondano. A volte semplicemente non è possibile, ma per quanto dipende da noi, dobbiamo essere un popolo che ama la pace. Nella promessa di oggi, leggiamo che i figli di Dio saranno operatori di pace. Visto che siamo stati fatti uno con Gesù, e uno dei suoi nomi è […]
  • Non siamo protestanti.
    di ROBERTO BRACCO   –    –  Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma.     Il 19 aprile 1529 i Principi che avevano apertamente aderito al movimento religioso sorto con il messaggio di Lutero protestavano contro l’editto di Spira e quindi contro Carlo V ed i suoi compiacenti sostenitori. Quale di questi due episodi storici ha dato il nome al protestantesimo?     I più protendono per il secondo senza poter escludere, naturalmente, che l’uno e l’altro sono strettamente collegati assieme e […]
  • Una promessa per oggi: C’è una corona che aspetta coloro che amano Mio Figlio.
    Per il resto, mi è riservata la corona di giustizia che il Signore, il giusto giudice, mi assegnerà in quel giorno, e non solo a me, ma anche a tutti quelli che hanno amato la sua apparizione. (2 Timoteo 4:8) Quando l’apostolo Paolo scrive questa lettera a Timoteo, che era spiritualmente suo figlio, è ormai prossimo alla fine della sua vita. Egli proclama con forza che c’è una corona di giustizia che è conservata nel cielo per lui, e che Dio stesso la metterà sul suo capo in quel giorno speciale. Dice anche che non c’è solo una corona solo per lui, ma per tutti coloro che amano il Signore Gesù Cristo e aspettano l’ora di sua apparizione. Ciò mi pone l’interrogativo se c’è una corona letterale preparata per ognuno di noi, riposta in qualche deposito celeste, […]
  • ADORAZIONE COL CANTO
    Istruzioni su come cantare  in chiesa – dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ed efficace per te stesso e per gli altri, fai attenzione ad osservare le seguenti indicazioni: 1. CANTA INSIEME A TUTTI Unisciti alla congregazione più spesso che puoi. Non permettere che una leggera difficoltà o un po’ di stanchezza ti blocchino. Se anche si  tratti di una croce per te, mettitela sulle spalle, e troverai una benedizione. 2. CANTA CON VIGORE E CON CORAGGIO Attenzione a non cantare come se fossi mezzo morto, o mezzo addormentato; ma alza la voce con forza. Non aver paura ora di alzare la voce, né vergogna che qualcuno ti senta, come quando cantavi le canzoni del diavolo. 3. CANTA CON […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti