INSEGNARE A PREGARE

di E.M.Bounds –  Prima della Pentecoste gli Apostoli ed i discepoli di Gesù avevano solo un’idea generale circa la grande importanza della preghiera. Quando, però, vi fu la straordinaria manifestazione dello Spirito Santo, la preghiera fu elevata a quello stato di preminenza che tuttora occupa nella Chiesa cristiana.

Oggi l’appello più urgente che lo Spirito Santo rivolge ai cristiani è come sempre l’appello alla preghiera. Infatti la crescita dei cristiani nella santità è legata alla preghiera e la loro opera di evangelizzazione dalla preghiera riceve il suo incremento.

Dove sono, però, quei pastori, quegli evangelisti che possano insegnare ai cristiani di oggi a pregare? Generalmente solo le guide spirituali che pregano, hanno discepoli che pregano, e se sul pulpito vi sarà qualcuno che prega, si pregherà anche nei banchi.

Ne segue che chi vuole riformare una chiesa, deve necessariamente cominciare con la preghiera, poiché siamo convinti che gli uomini che seriamente pregano, sono anche uomini che hanno una forte fede, santità, vigore spirituale ed ardente zelo. Questa fiamma spirituale accesa dalla preghiera non potrà non infiammare coloro che vengono a contatto con essa.

Grazie a Dio, la Chiesa ha sempre avuto di questi uomini, che adornano la sua storia ed il cui esempio è di continua ispirazione e benedizione a tutti noi. Quindi il nostro desiderio e la nostra preghiera è che anche oggi vi siano di tali giganti spirituali, validi strumenti nelle mani di Dio. Si tratta insomma di uomini che credono sul serio nelle promesse del Signore; uomini che non cavillano sul significato di queste promesse e le accettano così come sono state registrate nella Bibbia. E la loro fede produce sempre frutti abbondanti: ecco la prova palpabile che il Signore è sempre fedele.

D’altra parte la Chiesa cristiana non può dipendere sulla sua storia passata, sulle imprese straordinarie compiute dai santi dei tempi passati: oggi noi abbiamo bisogno di santità, oggi abbiamo bisogno di potere spirituale per far ardere di zelo le nostre comunità, per spingerle ad una costante ed organizzata opera di evangelizzazione. E per fare tutto questo, c’è bisogno di chi non solo sia una persona dedita alla preghiera, ma chi insegni agli altri a pregare, che convinca gli altri che non vi può essere chiesa degna di questo nome se tra le sue attività la preghiera non occupa un posto di preminenza.

Questo appello non è rivolto esclusivamente ai pastori o agli evangelisti, ma a tutti i credenti, che sanno che nelle loro comunità la preghiera è forse considerata una perdita di tempo, un’attività fuori moda e noiosa. Chi accoglie questo invito e, con l’aiuto dello Spirito, promuove lo spirito di preghiera nella sua comunità o ovunque gli sia possibile, sappia che sta svolgendo forse il compito più importante che Dio possa affidare ad un Suo figliuolo in Cristo.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Il viaggio spirituale dell'attore Steve McQueen

Si dice fosse in grado di recitare anche con la nuca, non necessitava di dialoghi o fronzoli, perché la sua sola presenza incombeva in modo straordinario ad ogni fotogramma. Anche se recitava insieme agli attori più belli dello show business, Steve riusciva a metterli in ombra semplicemente venendo inquadrato dalla telecamera. I suoi penetranti occhi azzurri erano incastonati in una viso rude ma affascinante che raramente faceva trasparire forti …
Leggi Tutto

RICORDATI DI ME

Charles Greenway, eminente predicatore e direttore per anni delle missioni europee delle Assemblee di Dio, è l’autore di questa predicazione. Quest’uomo, ormai andato avanti a noi per essere per sempre con il Signore, appartiene a quella grande schiera di servitori la cui vita consistente è un riferimento prezioso in un’epoca come questa, dove spesso la Parola di Dio è diluita e banalizzata dal desiderio di protagonismo e visibilità …
Leggi Tutto

Perché c'è la chiesa

by Kenneth D. Barney 1. C’è la chiesa perché Gesù disse: “lo edificherò la mia chiesa” (Matteo 16:18). Gesù visse su questa terra per 33 anni; solo gli ultimi anni vennero dedicati al ministerio pubblico. Prima di abbandonare la terra Egli disse che stava andando ad edificare la Sua Chiesa, ed incominciò con i suoi discepoli. Il loro numero fu molto. ampliato nel giorno della Pentecoste la Chiesa …
Leggi Tutto

INGRATITUDINE

di FILIPPO WILES   –  Purtroppo l’ingratitudine è inerente alla nostra natura. Quando si tratta di bambini ci si può passare oltre, tal­volta, ma ciò non è il caso con gli adulti.  L’ingratitudine è stata causa di mol­te sofferenze e addirittura di conse­guenze fatali ed eterne. La storia del­l’uomo è iniziata con l’ingratitudine e terminerà con la medesima. Sta scrit­to, «…pur avendo conosciuto Iddio non l’hanno glorificato come …
Leggi Tutto

COME SPEZZARE LA NOSTRA RIBELLIONE:

La risposta di CRISTO all’autorità secolare.  –  di Don Basham –  Ogni autorità viene da Dio, e Dio ci chiede di sottometterci. L’autorità viene espressa con delle limitazioni della nostra volontà: –          “Potrai mangiare da tutti gli alberi, fuorché da quello della conoscenza del bene e del male.” –          E quell’albero non era relegato in un angolo, ma si trovava in mezzo al giardino dell’Eden, per ricordare di continuo quella …
Leggi Tutto

VENTO IN FACCIA

di A.W. Tozer  –  “Dio ti ha chiamato al fianco di Cristo” scrisse Samuele Rutheford, “ed il vento, in questo paese, è ora sul volto di Gesù; e siccome tu sei con Lui, non ti puoi certo aspettare d’essere sotto vento o sulla parte sollevata del pendio.”  Samuele Rutherford, con la sua grande capacità di fare un uso eccellente delle parole, anche nelle affermazioni più causali, cristallizza per noi uno …
Leggi Tutto

Consolati per poter consolare

di Agostino Masdea   –   2 Corinzi 1:3-4    “Benedetto sia Dio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre delle misericordie e il Dio di ogni consolazione, il quale ci consola in ogni nostra afflizione affinché, per mezzo della consolazione con cui noi stessi siamo da Dio consolati, possiamo consolare coloro che si trovano in qualsiasi afflizione.   –    La seconda lettera ai Corinzi …
Leggi Tutto

"CARISMATICI"

di Roberto Bracco  –  «Fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno… » (Giovanni 7:38) Con questa potente espressione Gesù ha definito l’esperienza dei credenti ripieni di Spirito Santo; la frase chiarisce in maniera precisa e dettagliata il miracolo annunciato dal Signore ed offre quindi dei riferimenti dottrinali che non possono essere ignorati dalla teologia cristiana. Il « credente» che « riceve » (v. 39) lo Spirito non …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti