LA TUA PAROLA MI RISTORA

Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomini, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere la nostra vita più bella, di quanto tutti i libri di letteratura messi assieme possano contenere”. Il poeta Samuel Coleridge notò: “Nella Bibbia vi sono più cose che mi riguardano, di quanto io non abbia mai trovato in altri libri.” “Signor maestro, posso avere questo libro?” chiese un piccolo bambino nello Zaire, “esso penetra nel mio cuore”. Queste sono tutte testimonianze della potenza, che è nella Parola di Dio, come anche viene rivelato in Ebrei 4:12, e in molti altri passi. La Parola di Dio è viva ed attiva.

Essa non è un pesante manuale pieno di istruzioni, ma ha in sé la vita e porta beneficio. Il nostro Signore ci informa che: “… le parole che vi ho dette sono spirito e vita” (Giovanni 6:63).

Nei nostri giorni si presenta una corrente pericolosa, che toglie alla Parola ciò che gli spetta; si dice, essa sia solo un “aiuto”, uno “strumento” di cui lo Spirito Santo si può usare, quindi una parola senza vita. Sarebbe come se dicessimo che il sole ha capacità di azione solo se la luce e le radiazioni termiche la accompagnano.

Lo Spirito Santo non si stacca mai dalla Sua Parola. Ciò che la Parola trasmette è il pensiero dello Spirito; ciò che lo Spirito pensa, vuole anche trasmettercelo “Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese” (Apocalisse 3:22).

Quindi è chiaro che ciò che lo Spirito intende comunicare, viene dato per mezzodella Parola scritta. La Bibbia è nella sua perfezione un libro divino. “Infatti nessuna profezia venne mai dalla volontà dell’uomo, ma degli uomini hanno parlato da parte di Dio, perché sospinti dallo Spirito Santo” (II Pietro 1:21). Essa è creata dal dinamismo di Dio e parla con potenza divina direttamente al cuore sotto l’attività dello Spirito Santo. La Bibbia è ispirata da Dio e la sua potenza spirituale è “utile” a ogni opera buona (II Timoteo 3:16-17).

Il salmista lo testimonia: “… la tua parola mi fa vivere” (Salmo 119:50).

Gesù Cristo confrontò la parola “semina- re” con la forza di germogliare e spuntare. Pietro prende questo pensiero e mostra che alla nuova nascita “… siete stati rigenerati non da seme corruttibile, ma incorruttibile …”(1Pietro 1:23).

Giacomo e Paolo rafforzano questo pensiero: “Egli ha voluto generarci secondo la sua volontà mediante la parola di verità…” (Giacomo 1:18); “… perché sono io che vi ho generati in Cristo Gesù, mediante il vangelo” (1 Corinzi 4:15).

La Parola di Dio è potente. E’ potente e ripiena di vita ed energia.

“È un defluire della Sua vita, pervaso dalla stessa natura santa, immortale e potente, per accendere in noi una vita simile o per opporsi a tutti gli ostacoli” (Lenski).

Se questo libro non porta alla salvezza di un’anima, allora causerà la sua perdizione, perché non è né “… il profumo di Cristo fra quelli che sono sulla via della salvezza”, né “un odore di morte per quelli che sono sulla via della perdi- zione” (II Corinzi 2:15-16).

Essa brucia “come un fuoco” e “batte come un martello” (Geremia 23:29, Osea 6:5; Matteo 3:10). Dato che la Bibbia racchiude in sé il Evangelo, essa è “potenza di Dio per la salvezza di chiunque che crede” (Romani 1:16).

La Parola di Dio penetra. Essa è più tagliente di una spada a due tagli ed ha capacità di scrutare od esaminare la profondità dell’anima. Essa esamina insistentemente la natura del cuore umano ed ha accesso ai luoghi in cui nessuno può inoltrarsi’.

La Parola di Dio è un esaminatore dei pensieri e delle intenzioni del cuore.

Testualmente (da “critos”) è un critico, un giudice zelante della natura e dei pensieri de; cuore. Essa porta alla luce i sentimene p: j segreti dell’uomo. Essa esamina, confronta e differenzia i suoi pensieri ed i suoi piani, essa esplora i più segreti propositi e motivi. Essa espone la natura interiore dell’uomo e gli tiene davanti uno specchio affinché egli possa riconoscere i lineamenti del proprio cuore. Con la sua forza vivente, la Parola di Dio può risvegliare la coscienza morta, donandole nuova vita.

Le Sacre Scritture “possono darti la sapienza che conduce alla salvezza mediante la fede in Gesù Cristo” (II Timoteo 3:15). Questa miracolosa forza toccante testimonia la sua fonte sovrumana e la sua infallibile natura. A questo motivo forse diranno di te che tu sei uno studioso biblico oppure un fanatico. Ma se credi veramente alla Parola vivente, se la conosci e la accetti per le tue esigenze, allora non ti spaventare più se ti dicono tu sei uno studioso di scienze solo perché ti distingui in un certo settore. Anche ti dovessero rimproverare di essere un idolatro della Bibbia: neanche per questo motivo devi desistere, a meno che tu non attribuisca alle Sacre Scritture, cose che non richiede per sé stessa e non indulgi nel metterla fra te ed il nostro Signore Gesù Cristo. Ma se la Bibbia ti porta faccia a faccia col Signore, allora custodiscila e serbala sempre di più.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Lo Spirito opera in noi oggi
    In Devotional
    di Charles Swindoll.   –   Charles Swindoll, nel suo libro “Flying Closer to the Flame”, p 246 – suggerisce che se  siamo ripieni di Spirito Santo e in una giusta relazione con Lui possiamo, su base quotidiana, affermare le seguenti cose : Related posts: Studi Biblici Testimonianza Personale Meditazione del giorno: La pienezza dello Spirito Meditazione del giorno: LO CAPIRAI DOPO[...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Una promessa per oggi: Io sono il Signore tuo Dio, che guarisce tutte le tue malattie
    “Se tu ascolti attentamente la voce dell’Eterno, il tuo DIO, e fai ciò che è giusto ai suoi occhi e porgi orecchio ai suoi comandamenti e osservi tutte le sue leggi io non ti manderò addosso alcuna delle malattie che ho mandato addosso agli Egiziani perché io sono l’ Eterno che ti guarisco”. Esodo 15:26 Questa promessa Dio la pronuncia presso le acque di Mara, dove gli Israeliti arrivarono sperando di trovare acqua fresca e dissetarsi. Invece trovarono acqua amara che li portò insorgere e lamentarsi contro Mosè. In risposta alla preghiera di Mosè, il Signore mostrò un pezzo di legno e gli disse di gettarlo nell’acqua. Non appena il legno entrò in contatto con l’acqua, l’acqua divenne dolce e potabile. È fu proprio dopo questo che Dio fece la promessa di oggi agli […]
  • Meditazione del giorno: Crescita spirituale
    di Agostino Masdea   –   “Colui che ha cominciato un’opera buona in voi, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù”. (Filippesi 1:6) La Parola di Dio mette il credente davanti all’ineluttabile necessità di un costante cambiamento. Non solo un cambiamento iniziale, alla conversione, ma una trasformazione progressiva operata dallo Spirito Santo nella misura in cui il credente si arrende alla Sua opera.  A Nicodemo Gesù dice: ““In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo, non può vedere il regno di Dio”. Ma più tardi ai Suoi discepoli dirà: “In verità vi dico: se non cambiate e non diventate come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Il progresso spirituale avviene passo dopo passo nella vita del cristiano.  Il […]
  • PAROLE E FATTI
    Ogni cristiano deve desiderare ardentemente l’approvazione di Dio e per conseguirla deve essere risolutamente disposto a rinunciare alla purtroppo ambita approvazione umana. Se questo sano desiderio non giganteggia nel cuore, la vita del fedele sarà sempre un susseguirsi di mezze misure o di compromessi che ostacoleranno ogni progresso spirituale e ogni conquista cristiana. […]
  • Storia di un inno: IT’S WELL WITH MY SOUL
     Horatio Spafford era un avvocato di successo ed un insegnante di giurisprudenza nella Chicago del 1860. Insieme a sua moglie, Anna, erano ben noti in città, sia per la carriera legale di Spafford, ma anche perché i due coniugi erano amici e sostenitori di D.L. Moody, famoso evangelista. La città di Chicago era in forte espansione, le attività industriali erano fiorenti e lo sviluppo sociale era in forte crescita. Nel 1870 Spafford investì la quasi totalità delle sue risorse finanziarie in beni immobiliari, ma, l’anno successivo, il grande incendio dell’ottobre 1871 distrusse tutte le sue proprietà. Questo fu un durissimo colpo per la famiglia Stafford, se si aggiunge anche il fatto che prima di questa tragedia, il loro unico figlio maschio, di soli quattro anni era morto di scarlattina. […]
  • Una promessa per oggi: “IO NON ABBANDONERO’ LA MIA EREDITA'”
    Poiché l’Eterno non rigetterà il suo popolo, e non abbandonerà la sua eredità. (Salmo 94:14) I miei figli naturali sono i miei figli per la vita. Non importa quello che fanno, restano sempre i miei figli. Anche se i genitori non sono sempre contenti per le scelte dei loro figli, questo non cambia il fatto che essi faranno sempre parte della famiglia. La promessa di oggi è un buon promemoria per ricordare che il Signore non ci rigetta, perché Egli ci ha costituiti sua eredità. Una versione della Bibbia ci definisce la sua ”proprietà speciale”.  A volte, quando ci relazioniamo con Dio, è come se sfogliassimo i petali di un fiore, ripetendo “mi ama, non mi ama“. Spesso il nostro ragionamento dietro tale concetto è che essere accettati da Lui dipende da ciò che facciamo e […]
  • Non dare spazio al lamento e all’insoddisfazione
    di  BOB GASS –  “Sono dei mormoratori, degli scontenti”.  –   Jon Gordon scrive: “Un’amica di mia moglie, Rachel, si lamentava di continuo del suo lavoro… l’azienda, l’economia, il calo delle vendite… Ad un certo punto sono intervenuto nella conversazione: “In fondo è semplice, ho detto, devi fare una scelta. Puoi decidere di accettare le nuove politiche aziendali, andare al lavoro con un’attitudine costruttiva e dare il meglio, oppure puoi cercare un impiego diverso. Quale che sia la tua scelta, però, smetti di lamentarti, perché non ti conduce da nessuna parte. Cambia lavoro o cambia atteggiamento”. Fine della conversazione, e fine anche della nostra amicizia, pensai. Rachel non mi rivolse parola per alcuni mesi. La rividi per caso ad una festa e mi […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti