EMOZIONI ARTIFICIALI

Qualche tempo fa un amico che guida la musica nella sua chiesa mi ha detto che il suo pastore chiedeva che le loro riunioni di culto fossero più emozionanti.

Il dizionario dice che emozionante significa “che causa grande entusiasmo e fervore.”
Certamente, nessuna cosa dovrebbe causare maggiore entusiasmo e fervore del fatto di incontrarsi con la chiesa e raccontare ciò che Dio ha fatto per salvarci dalla sua ira attraverso la vita, la morte e la risurrezione di Gesù. Tutti i nostri peccati sono perdonati! Siamo stati adottati nella famiglia di Dio! Gesù ha trionfato sul peccato, sulla morte, e sull’inferno! Siamo nuove creature! Siamo parte dell’inarrestabile, immutabile e inesorabile piano che Dio ha di avere un popolo sulla terra che mostri la sua gloria, la verità, la giustizia, l’amore e la compassione!

Cosa c’è di più sconvolgente, entusiasmante, ed emozionante di rivivere e rallegrarsi in queste realtà?

Noioso o eccitante?

E tuttavia, ho la sensazione che non fosse questo ciò che il pastore del mio amico chiedeva. Vedeva la gente andava alla deriva e voleva che il leader dell’adorazione facesse qualcosa.

Capisco l’avversione per le riunioni noiose. Ho partecipato ad esse e ne sono stato conduttore. Silenzi imbarazzanti. Discorsi monotoni.  Nessun prevedibile sviluppo. Noia, scarsa partecipazione. Le persone che di nascosto controllano l’orologio ogni cinque minuti. praise

Nessun senso di aspettativa. O anche di interesse.

Come reazione, un numero sempre più crescente di chiese hanno cercato di aggiungere elementi ai loro incontri che li rendessero più “emozionanti”. Conto alla rovescia per le riunioni. Video con veloci animazioni. Recite coinvolgenti. Umorismo creativo. Energici presentatori. Canzoni più allegre. Macchine del fumo. Piccoli show. E un atteggiamento mentale che vede gli spazi morti come il massimo killer dell’entusiasmo.

Ottenere il giusto obiettivo

Ma le nostre vite non sono una infinita sequenza di punti esclamativi. E neanche le nostre riunioni dovrebbero esserlo. (E neppure le nostre email, ma questo è un altro argomento).

A rigor di termini, Dio non ci dice che l’obiettivo della comune adunanza è l’eccitazione. E’ edificazione per la gloria di Dio. Ci incontriamo per esortarci l’un l’altro ad amare e alle buone opere, non solo per avere un tempo emotivamente elettrizzante. Ci incontriamo per contemplare la gloria di Dio in Cristo, attraverso la sua Parola, rispondendo appropriatamente alla rivelazione di se stesso (Ebrei 10:24. ; 2 Corinti 3:18).

Questo non significa che il nostro incontro come chiesa non deve essere un evento eccitante ed emozionante. Abbiamo tutte le ragioni quando siamo insieme di essere entusiasti di ciò che Dio ha fatto per noi in Cristo. Ma questo non vuol dire affatto avere come obiettivo, incontri solo emozionanti, ad alta tensione, pompando adrenalina con metodi professionali.  Tale approccio lascia poco spazio ad espressioni normali che fanno parte di pellegrini in viaggio verso una nuova casa (1 Pietro 1. 1-2 ). Espressioni come disorientamento (Salmo 42: 1-5), dolore per il peccato (Salmo 38: 1-8), dispiacere (Romani 12:15). Un umile consapevolezza della nostra fragilità davanti al nostro Creatore (Salmo 95:6-7). Per non parlare di riverenza e timore (Ebrei 12:28 ).

Il nostro più grande bisogno quando ci riuniamo, non è semplicemente quello di sentirsi eccitati, ma di incontrare Dio: di relazionarci con la sicurezza della sua sovranità, la realtà della sua autorità, il conforto della sua misericordia in Cristo, e la promessa della sua grazia. Abbiamo bisogno di essere rafforzati per le battaglie contro il mondo, la nostra carne e il diavolo che dobbiamo affrontare fin dal momento in cui ci svegliamo il lunedì mattina, se non prima.

Mera eccitazione emotiva, quand’anche fosse prodotta, non sarebbe sufficiente. Abbiamo bisogno della Parola di Dio chiaramente esposta, il vangelo di Dio chiaramente presentato, e la presenza di Dio chiaramente sperimentata.

Abbiamo bisogno di creare culti che producano pensieri e desideri di onorare Dio, esaltare Cristo.  Così i nostri sforzi di rendere i nostri incontri più emozionanti possono andare ad oscurare ciò che le nostre congregazioni hanno invece di più bisogno.

Verso una emozione più profonda

L’alternativa a rendere i nostri incontri più “eccitanti” non è far annoiare le persone. Ma la domenica sera non è come la celebrazione dell’ultimo dell’anno. Non sono concerti rock. Non sono la finale della Coppa del Mondo. Sono qualcosa di molto più semplice. Ma nello stesso tempo, qualcosa di molto più eterno e infinitamente più significativo.

I nostri progetti, le luci, i proiettori, la tecnologia, video, sistemi audio, effetti visivi e la nostra creatività non producono questo. Cristo, che abita in mezzo al suo popolo attraverso il suo Santo Spirito, lo produce. Ecco perché se si capisce quello che sta succedendo, condividere il culto, l’adorazione, la Parola di Dio, il pane e il calice durante la S. Cena, può essere per ognuno di noi il momento più importante di tutta la settimana e ci può coinvolgere più di qualsiasi avvenimento sportivo.

Ogni Domenica si arriva a riunirsi con i santi che Cristo ha redento e fatto uno con la sua morte in croce. Ci uniamo con le schiere celesti intorno al trono (Ebrei 12: 22-24 ). Dio parla fortemente e personalmente a noi attraverso la parola predicata. Dio uno e trino rivela e edifica la Chiesa attraverso i vari doni, atti di servizio, e le attività (1 Corinti 12: 4-6 ). Cosa c’è di più emozionante?

Devono i nostri incontri essere più eccitanti? Assolutamente. Ma cerchiamo di fare in modo di essere emozionati per le giuste ragioni. Ricordiamo e celebriamo il fatto che Gesù, il Figlio di Dio, si è fatto uomo come noi, ha ricevuto l’ira di Dio al nostro posto, è risorto dai morti, e siede ora sul Suo trono e intercede per noi, fino a quando non tornerà a debellare il male e trascorrere l’eternità con la sua sposa, la Chiesa.

E non importa quante volte ci verrà ricordato, che questo è emozionante ed entusiasmante.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: AMORE E ODIO
    In Devotional
    di David Wilkerson  |   “Se uno viene a me e non odia suo padre e sua madre, moglie e figli, fratelli e sorelle e perfino la sua propria vita, non può essere mio discepolo” (Luca 14:26)      –     Il termine greco per odio significa “amare meno rispetto a”. Gesù ci sta chiamando ad avere un amore per Lui che sia onnicomprensivo, che sia talmente fervente ed assoluto che tutti i nostri affetti terreni non vi si possano avvicinare. Pensaci: sappiamo cosa significhi entrare alla Sua dolce presenza e non chiedere nulla? Accostarsi a Lui solo perché siamo grati che Egli ci ami così perfettamente?  Siamo diventati [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • CONSIGLI PER I NUOVI CREDENTI
    di Reuben A. Torrey  –  Ora che hai iniziato la tua nuova vita ti troverai certamente di fronte a difficoltà che ti sono forse sconosciute. Forse hai già perso il coraggio ed hai incominciato a deviare. Nessuno deve vacillare perché Dio ha dichiarato nella Sua Parola: “Niuna tentazione vi ha colta che non sia stata umana; ora Dio è fedele e non permetterà che siate tentati al di là delle vostre forze; ma con la tentazione vi darà anche la via d’uscirne, onde la possiate sopportare”. (1 Corinzi: 10:13) Il segreto della gioia, della forza, della vittoria e del progresso è uno solo: dirigere sempre il proprio sguardo verso Gesù! Che queste tre parole scendano profondamente nel tuo cuore: “Guardando a Gesù” (Ebrei 12,2) – Quando tu sei tentato e stai per cedere, fissa il tuo […]
  • Una promessa per oggi: Io sono il Signore tuo Dio, che guarisce tutte le tue malattie
    “Se tu ascolti attentamente la voce dell’Eterno, il tuo DIO, e fai ciò che è giusto ai suoi occhi e porgi orecchio ai suoi comandamenti e osservi tutte le sue leggi io non ti manderò addosso alcuna delle malattie che ho mandato addosso agli Egiziani perché io sono l’ Eterno che ti guarisco”. Esodo 15:26 Questa promessa Dio la pronuncia presso le acque di Mara, dove gli Israeliti arrivarono sperando di trovare acqua fresca e dissetarsi. Invece trovarono acqua amara che li portò insorgere e lamentarsi contro Mosè. In risposta alla preghiera di Mosè, il Signore mostrò un pezzo di legno e gli disse di gettarlo nell’acqua. Non appena il legno entrò in contatto con l’acqua, l’acqua divenne dolce e potabile. È fu proprio dopo questo che Dio fece la promessa di oggi agli […]
  • APPELLO ALLA PENTECOSTE
    di THOMAS BALL BARRATT  (1862-1940) – (Fondatore del Movimento Pentecostale in Norvegia)  –  Sia lodato il Signore! Vi sono molti cristiani, sia tra i ministri del Vangelo e sia tra i laici, che pregano per il risveglio ed attendono. Essi hanno già udito il suono di molte acque. Il risveglio sta per venire, il risveglio sta per venire! Alleluia! Quando sarà venuto, molti di coloro che hanno pregato per esso saranno sorpresi. Per essere sincero, non credo che un risveglio inferiore alla potenza pentecostale che scese sui discepoli radunati a Gerusalemme possa essere sufficiente oggi; ma non appena la stessa potenza scenderà sulla Chiesa nel suo assieme, saremo testimoni delle stesse dimostrazioni di cui si legge negli Atti degli Apostoli; sì, delle stesse e finanche di maggiori, […]
  • LA COSTANZA NELLA FEDE
    di T. A. SPARKS   –  Poi Elia disse ad Acab: «Risali, mangia e bevi, poiché già si ode un rumore di grande pioggia». Acab risalì per mangiare e bere; ma Elia salì in vetta al Carmelo; e, gettatosi a terra, si mise la faccia tra le ginocchia, e disse al suo servo: «Ora va’ su, e guarda dalla parte del mare!» Quegli andò su, guardò, e disse: «Non c’è nulla». Elia gli disse: «Ritornaci sette volte!» 44 E la settima volta, il servo disse: «Ecco una nuvoletta grossa come la palma della mano, che sale dal mare». Allora Elia ordinò: «Sali e di’ ad Acab: “Attacca i cavalli al carro e scendi, perché la pioggia non ti fermi”». In un momento il cielo si oscurò di nuvole, il vento si scatenò, e cadde una gran pioggia. Acab montò sul suo carro, e se ne andò a […]
  • NEL CUORE DEI GIOVANI
    di BILLY GRAHAM –  Uno dei racconti più belli che ci ha dato la letteratura è quello di Isacco e di Rebecca contenuto nelle Sacre Scritture. Pochi ammettono che la Bibbia sia un libro per i giovani, ricco di episodi idilliaci! Questa storia si svolge in un antico paese, in mezzo a un popolo di costumi particolari, ma Dio, tramite, essa, ha molte cose da insegnarci oggi. Si legge che Isacco aveva l’età per sposarsi e suo padre Abramo desiderava ch’egli prendesse moglie. Isacco aveva la saggezza di ascoltare i consigli dei suoi genitori. Vorrei dire a questo punto che se i giovani hanno bisogno sempre d’essere consigliati dai genitori, ciò è particolarmente necessario nel periodo del fidanzamento. Un matrimonio cambia la vita di molte persone, non soltanto la vostra e quella del […]
  • Una Promessa per oggi: PERDONO E GUARIGIONE FANNO PARTE DEI MIEI TANTI BENEFICI.
    Benedici, anima mia, l’Eterno e non dimenticare alcuno dei suoi benefici. 3 Egli perdona tutte le tue iniquità e guarisce tutte le tue infermità. (Salmo 103:2-3)  –  Quando una persona fa un colloquio di lavoro, una delle cose che chiede è: “Potrebbe dirmi quali benefici ottengo da questo lavoro?” Molti lavori hanno più o meno vantaggi rispetto agli altri. L’assistenza sanitaria, tredicesima e ferie, contributi pensionistici, etc. In questa promessa, David sta adorando il Signore e vuole ricordare i tanti benefici che sono compresi e fanno parte della nostra relazione con Dio. Nel versetto 3, David parla di due di questi benefici … Il perdono e la guarigione. È interessante il fatto che Davide ricordi a se stesso di non dimenticare tutti i benefici […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti