ALLATTA IL BAMBINO E AVRAI IL TUO SALARIO

“Porta via questo bambino… allattalo, e io ti darò il tuo salario” (Esodo 2:9).

Jokebed non si rendeva completamente conto del significato della sua fede quando affidava il suo piccolo al Signore, deponendolo dentro una cesta e nascondendolo nel canneto sulla riva del Nilo. Ella non pensava neppure che stava dando un bellissimo esempio a favore di milioni di bambini che, come Mosè, sarebbero stati usati da Dio per le Sue grandi opere. Molte madri, dal tempo di Jokebed a noi, sanno bene di non poter nascondere e proteggere i propri bambini dalle cattive influenze che li circondano, e per questo, si affrettano ad offrirli al Signore fin dai primi giorni di vita.

Spesso alla madre che affida il suo piccolo alla Scuola Domenicale viene chiesto d’insegnare allo stesso gruppo al quale appartiene il suo bambino. Come Jokebed diventa nutrice del suo stesso bambino. Oltre la madre del piccolo, divengono responsabili della sua educazione anche gli altri insegnanti.  Essi devono rispondere dei bambini sui quali riposa la speranza della chiesa. Jokebed nella piccola culla dondolava il futuro d’Israele; era in suo potere fare di Mosè un idolatra, un materialista oppure un uomo di profonda convinzione e coraggio; un uomo che avrebbe poi “scelto piuttosto d’esser maltrattato col popolo di Dio, che di godere per breve tempo i piaceri del peccato; stimando egli il vituperio di Cristo ricchezza maggiore de’ tesori d’Egitto, perché riguardava alla rimunerazione” (Ebrei 11:25-27).

Jokebed ricevette il suo salario. Il fanciullo nutrito da lei divenne un uomo di grandi successi, unto da Dio e condottiere illuminato del popolo di Israele. La nutrice di Joas lo prese da bambino e lo nutrì per sette anni con grande pericolo del- la propria vita; la Scrittura ci dice che il suo pupillo divenne re e così ricevette il suo salario. Anche Anna, madre di Samuele, ebbe il suo salario, poiché il suo piccolo di- venne il potente sacerdote di Dio che ebbe poi il privilegio di ungere il primo ed il secondo re d’Israele.

Ebbe il suo salario Elisabetta, per aver allevato ed istruito Giovanni Battista. Questi divenne il coraggioso predicatore di giustizia ed il grande precursore di Cristo. Paolo scrive che Eunice e Loide, madre e nonna di Timoteo, avevano il merito della “fede non finta” che questi riponeva nel Vangelo di Gesù.

I portatori della fiaccola del risveglio, che oggi scuote il mondo, sono più generazioni di ministri pentecostali. A coloro che li hanno allattati, pastori pieni di Spirito, missionari, evangelisti ed insegnanti, il Signore ha detto: “lo vi darò il vostro salario”.

Per allevare, istruire e formare gli alunni della Scuola Domenicale di oggi abbiamo bisogno d’insegnanti pieni di unzione, istruiti, ricchi d’esperienza e di fede. La forza di questa generazione determinerà il futuro della chiesa. A coloro che accettano la responsabilità di condurre un bambino per le vie della giustizia, il Signore ha promesso: “Io ti darò il tuo salario”.

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: ISTRUZIONI SULLA VITA DELLA CHIESA
    In Devotional
    by JIM CYMBALA  –  La più chiara istruzione in merito alla vita della chiesa ci viene data da Paolo quando dice al giovane Timoteo come procedere. “Esorto dunque, prima di ogni altra cosa, che si facciano suppliche, preghiere, intercessioni, ringraziamenti per tutti gli uomini” (1 Timoteo 2:1).   –  Più avanti nello stesso capitolo (verso 8) Paolo dice: “Io voglio dunque che gli uomini preghino in ogni luogo, alzando mani pure, senza ira e senza dispute”. Questo è un segno distintivo della chiesa di Cristo.  Il libro dell’Apocalisse dice che quando i ventiquattro anziani cadranno ai piedi di Gesù, ognuno di loro avrà una [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • E’ pericoloso “beffarsi” dell’Iddio Onnipotente.
    Anche nel dopoguerra continuava ad infierire la persecuzione contro i Pentecostali, perché la circolare Buffarini-Guidi continuava ad essere in vigore, e questo nonostante la Costituzione Italiana, entrata in vigore il 1° gennaio 1948 affermasse nel 19° articolo: ‘Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume’. Nel periodo 1948-1952 in oltre ottanta diverse località d’Italia si manifestarono atti di intolleranza e persecuzione con chiusura di locali di culto, denunce all’Autorità Giudiziaria e in alcuni casi perfino abuso di autorità da parte delle forze dell’ordine. Va precisato tuttavia che […]
  • CREDENTI INCREDULI
    di LEONARD RAVENHILL –  Uno di questi giorni qualche anima semplice prenderà la Parola di Dio, la leggerà e crederà. Allora noi altri ci sentiremo imbarazzati. Noi abbiamo adottato la conveniente teoria che la Bibbia sia il Libro da spiegare, laddove innanzi tutto si tratta di un Libro che deve essere creduto (e subito dopo obbedito). La realtà che occupa ininterrottamente i miei pensieri in questi giorni è che c’è un mondo di differenza fra il conoscere la Parola di Dio e il conoscere l’Iddio della Parola. Non è forse vero che partecipando alle conferenze bibliche noi udiamo soltanto ripetere vecchi concetti e con molte probabilità veniamo via senza aver sperimentato una reale crescita di fede? Forse Dio non ha mai avuto un insieme tale di increduli credenti come nell’attuale […]
  • I TRE ALBERI
    Nelle chiese perseguitate viene? spesso e volentieri raccontata questa? parabola. Per quelli che soffrono il? carcere ? motivo di consolazione. ?In un bosco c’erano una volta tre giovani alberi, legati fra loro da uno? stretto rapporto di amicizia. Vollero? pregare insieme, affinch? non fosse la? putrefazione a mettere fine alla loro vita,? ma che il loro legno fosse utilizzato dagli? uomini. Il primo albero espresse il desiderio di? diventare una mangiatoia da cui? potessero mangiare delle bestie stanche? dopo una lunga giornata di lavoro. Dio? ricompens? la sua modestia. Da lui? venne ricavata una speciale mangiatoia,? e cio? quella in cui venne posto pi? tardi? il neonato Figlio di Dio. Vide angeli vegliare sul bambino, ascolt? Maria cantare delle ninne nanne e i magi e i? […]
  • LA DISCIPLINA NELLA CHIESA. (Ebrei 12:1-14)
    Leggi più severe sono invocate da tutti nella società di oggi.  Le regole sono necessarie in una nazione, in una comunità, in un qualsiasi circolo di persone. Dove mancano le leggi e le regole regna il caos e l’anarchia. Il problema è che ogni categoria invoca “severità” per tutte le altre categorie meno che per se stessa. Morale della favola: ognuno tira l’acqua al suo mulino. Si, tutti invocano severità e disciplina, ma verso gli altri e non verso se stessi. E così gli uomini hanno una costante necessità di cambiare continuamente le loro leggi. Non è così però per la Chiesa. La chiesa non è governata da leggi e principi umani, ma dalla Parola di Dio. La nostra unica regola di fede, la nostra unica fonte per determinare la nostra condotta è la parola divina. Ma […]
  • Manda la tua luce e la tua verità
    di  Wilhelm Busch   –   Manda la tua luce e la tua verità; mi guidino esse e mi conducano al tuo santo monte e al luogo della tua dimora. (Salmo 43:3)  –   Se leggete l’intero salmo vi renderete conto che il salmista dice continuamente: “Non c’è la faccio più! Non vedo alcuna via d’uscita!” E questo 3000 anni fa. Quanto spesso sento proprio questa frase: “Non c’è la faccio più! Non vedo alcuna via d’uscita!” Sono persone che hanno difficoltà nel matrimonio, giovani in lotta con se stessi che sono aggravati dalle limitazioni della loro vita. Pure loro dicono: ”Non c’è la faccio più!”. Questa frase la sento dire da coloro che vivono in circostanze difficili – per esempio, famiglie numerose che abitano in appartamenti troppo piccoli. Essi si lamentano: “Non c’è la faccio […]
  • SEGUIRE GESÙ
    di ROBERTO BRACCO  –  Alcuni episodi ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè: “Come pervenire alla vita eterna”. Bisogna premettere che “vita eterna” non è sinonimo d’immortalità: tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la vita eterna cioè la pienezza della vita. Uno dei capi lo interrogò, dicendo: “Maestro buono, che devo fare per ereditare la vita eterna?”. E Gesù gli disse: “Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, cioè Dio. Tu conosci i comandamenti: “Non commettere adulterio, non […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti