ALLATTA IL BAMBINO E AVRAI IL TUO SALARIO

“Porta via questo bambino… allattalo, e io ti darò il tuo salario” (Esodo 2:9).

Jokebed non si rendeva completamente conto del significato della sua fede quando affidava il suo piccolo al Signore, deponendolo dentro una cesta e nascondendolo nel canneto sulla riva del Nilo. Ella non pensava neppure che stava dando un bellissimo esempio a favore di milioni di bambini che, come Mosè, sarebbero stati usati da Dio per le Sue grandi opere. Molte madri, dal tempo di Jokebed a noi, sanno bene di non poter nascondere e proteggere i propri bambini dalle cattive influenze che li circondano, e per questo, si affrettano ad offrirli al Signore fin dai primi giorni di vita.

Spesso alla madre che affida il suo piccolo alla Scuola Domenicale viene chiesto d’insegnare allo stesso gruppo al quale appartiene il suo bambino. Come Jokebed diventa nutrice del suo stesso bambino. Oltre la madre del piccolo, divengono responsabili della sua educazione anche gli altri insegnanti.  Essi devono rispondere dei bambini sui quali riposa la speranza della chiesa. Jokebed nella piccola culla dondolava il futuro d’Israele; era in suo potere fare di Mosè un idolatra, un materialista oppure un uomo di profonda convinzione e coraggio; un uomo che avrebbe poi “scelto piuttosto d’esser maltrattato col popolo di Dio, che di godere per breve tempo i piaceri del peccato; stimando egli il vituperio di Cristo ricchezza maggiore de’ tesori d’Egitto, perché riguardava alla rimunerazione” (Ebrei 11:25-27).

Jokebed ricevette il suo salario. Il fanciullo nutrito da lei divenne un uomo di grandi successi, unto da Dio e condottiere illuminato del popolo di Israele. La nutrice di Joas lo prese da bambino e lo nutrì per sette anni con grande pericolo del- la propria vita; la Scrittura ci dice che il suo pupillo divenne re e così ricevette il suo salario. Anche Anna, madre di Samuele, ebbe il suo salario, poiché il suo piccolo di- venne il potente sacerdote di Dio che ebbe poi il privilegio di ungere il primo ed il secondo re d’Israele.

Ebbe il suo salario Elisabetta, per aver allevato ed istruito Giovanni Battista. Questi divenne il coraggioso predicatore di giustizia ed il grande precursore di Cristo. Paolo scrive che Eunice e Loide, madre e nonna di Timoteo, avevano il merito della “fede non finta” che questi riponeva nel Vangelo di Gesù.

I portatori della fiaccola del risveglio, che oggi scuote il mondo, sono più generazioni di ministri pentecostali. A coloro che li hanno allattati, pastori pieni di Spirito, missionari, evangelisti ed insegnanti, il Signore ha detto: “lo vi darò il vostro salario”.

Per allevare, istruire e formare gli alunni della Scuola Domenicale di oggi abbiamo bisogno d’insegnanti pieni di unzione, istruiti, ricchi d’esperienza e di fede. La forza di questa generazione determinerà il futuro della chiesa. A coloro che accettano la responsabilità di condurre un bambino per le vie della giustizia, il Signore ha promesso: “Io ti darò il tuo salario”.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

COME SUPERARE L’AUTOCOMMISERAZIONE

di  TIM LAHAYE  –  La pietà verso se stessi non è solo un peccato, è anche una cattiva abitudine. Più uno si lascia trasportare da essa e più sprofonda in un certo modo di pensare nel quale cercherà rifugio ogni volta che gli accadrà qualcosa di sgradevole. Nella maggior parte le nostre reazioni sono dettate dall’abitudine e sono messe in moto dai nostri istinti e dalle circostanze esterne …
Leggi Tutto

BIOGRAFIE: GEORGE MULLER

George Müller nacque in Prussia il 27 settembre 1805 e venne allevato nella cittadina di Heimersleben, dove suo padre era un esattore delle tasse. Benché questi provvedesse generosamente per lui, George rubava soldi in continuazione e ne spendeva la maggior parte in donne e birra. Può apparire strano il fatto che decidesse di studiare teologia all’università di Halle, conoscendo un po’ il suo carattere irreligioso, ma a quel tempo …
Leggi Tutto

Perché c'è la chiesa

by Kenneth D. Barney 1. C’è la chiesa perché Gesù disse: “lo edificherò la mia chiesa” (Matteo 16:18). Gesù visse su questa terra per 33 anni; solo gli ultimi anni vennero dedicati al ministerio pubblico. Prima di abbandonare la terra Egli disse che stava andando ad edificare la Sua Chiesa, ed incominciò con i suoi discepoli. Il loro numero fu molto. ampliato nel giorno della Pentecoste la Chiesa …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Niente sarà impossibile per chi ha una fede anche piccola

E Gesù disse loro: «… io vi dico in verità che, se avete fede quanto un granel di senape, direte a questo monte: “Spostati da qui a là”, ed esso si sposterà; e niente vi sarà impossibile. (Matt. 17:20) In questa promessa, Gesù ci dice che, anche se la nostra fede è piccola come un granello di senape, siamo in grado di dire ad una montagna di spostarsi e …
Leggi Tutto

STRANO

Strano che un biglietto da 10 euro sembri tanto grande quando diamo un’offerta, ma tanto piccolo quando siamo alla cassa del supermercato. Strano quanto possano essere lunghe due ore quando siamo seduti in chiesa e quanto siano brevi quando siamo ad una festa. Strano che siamo contenti se in una partita di calcio si va ai supplementari, ma ci infastidiamo se il culto la domenica dura più del …
Leggi Tutto

PERDERE, PER GUADAGNARE

Dr. M.R. de Haan  –  Chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà»  Mat. 16:25 .  –  Quale debba essere la meta d’un atleta professionista ce lo dice Vince Lombardi: «Vincere non significa essere il primo in tutte le gare — ciò che conta è la vittoria finale!» Una squadra può aver vinto la maggior parte delle partite di qualificazione, ma se perde la partita finale, …
Leggi Tutto

IL RUOLO DELLA BIBBIA NELLA CHIESA (e nella vita del credente)

La Bibbia non è una collezione di scritti umani, o solo un capolavoro letterario. Non possiamo accogliere nemmeno la teoria che la Bibbia “contiene” la Parola di Dio, ma affermiamo e crediamo che la Bibbia è l’infallibile, ispirata ed efficace Parola di Dio. Abraham Lincoln un giorno disse: “io credo che la Bibbia sia il miglior dono che Dio abbia fatto agli uomini. LA PAROLA NEL MINISTERIO DI CRISTO …
Leggi Tutto

II battesimo nello Spirito Santo.

di DAVID PETTS     –    Il battesimo nello Spirito Santo è l’adempimento di una promessa fatta dal Signore Gesù ai discepoli, affinché essi ricevessero potenza per essere Suoi testimoni (Atti 1:4-8). La promessa fu adempiuta la prima volta il giorno della Pentecoste (Atti 2), successivamente in varie altre occasioni (Atti 8, 10, 19) in cui leggiamo che lo Spirito Santo scese sopra i seguaci di Gesù …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti