NON ERANO CHE DEI RAGAZZI

brainerd

David Brainerd

Uno studente dell’Università Yale (Usa), un giorno, intraprese una strenua difesa a favore dell’opera delle missioni al punto che fu espulso dalla sua scuola. Questo giovane si chiamava David Brainerd, grande missionario  e  pioniere  tra  i  Pellirossa.  Il suo diario, pubblicato dopo la sua morte, andò nelle mani di un calzolaio inglese: William Carey, che divenne una “colonna di fuoco”. Dio si usò di lui in India dove sorse la più grande opera missionaria che sia mai esistita al mondo e che anche oggi dà i suoi frutti gloriosi.

download

William Carey

 

 

 

 

judson

Adoniram Judson s

Tre studenti tennero dei culti di preghiera in  un fienile, durante il loro ultimo anno del corso universitario. Uno di questi dichiarò: “Se vogliamo, possiamo”. E il risultato di questo principio fu che Adoniram Judson si recò nelle lontane terre dell’India, a Bilama, e tradusse poi nella lingua Burmese l’intera Bibbia.

Un  pastore  di  un  villaggio  scozzese,  un giorno, pregava con zelo perché ci fosse chi accettasse il Signore e si convertisse. Tra  i  suoi  ascoltatori  uno  solo  accettò il Signore e questi non era che un ragazzo. Il ragazzo divenne poi un grande missionario, pioniere della missione sudafricana: Robert  Moffatt. Durante  un  suo  ritorno temporaneo  in  Patria,  Moffatt tenne  un discorso che fu ascoltato da un giovane studente. Anche questi decise di recarsi nella missione africana. Lo studente d cui parliamo è David  Livingston   che si sentì ispirato ad andare missionario nell’Uganda.

Robert Moffat

Robert Moffat

David Livingstone

David Livingstone

Altrove un umile predicatore scozzese presentava nel modo più semplice il racconto della vita di Gesù. Un ragazzo lo ascoltò e decise di darsi al servizio del Signore, in una località particolarmente difficile. Tornato  a casa,  il  ragazzo  s’inginocchiò  e  pregò così: “Se mi accetti, Signore, io offro me stesso per l’opera delle missioni”. Quel ragazzo era James Chalmers, che per  ben 25 anni, fece per il Signore opere davvero grandi tra i cannibali della Nuova Guinea.

James Chalmers

James Chalmers

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Delegare la responsabilità
    In Devotional
    di Theodore Epp  –   Leggere Esodo 18:13-27 –   Avendo studiato la parola di Dio in merito alla leadership, sono arrivato a delle conclusioni riguardo i principi spirituali della leadership stessa. Questi principi possono essere applicati non solo da chi ha una responsabilità in seno alla chiesa ma anche dagli insegnanti di scuola domenicale o da chiunque altro abbia degli incarichi spirituali. Primo principio: Dio si usa di noi per operare nel Suo campo. Quando Lui ha un compito per noi chiama individualmente una persona per farlo. Ricordiamo però che Mosè, ad esempio, mise molto tempo a prepararsi per il compito che Dio gli [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Sfida da una società in crisi
    di R. REED  –   E questo tanto più dovete fare, conoscendo il tempo nel quale siamo; poiché è ora ormai che vi svegliate dal sonno; perché la salvezza ci è adesso più vicina di quando credemmo. La notte è avanzata, il giorno è vicino; gettiamo dunque via le opere delle tenebre, e indossiamo le armi della luce. Camminiamo onestamente come di giorno; non in gozzoviglie ed ebbrezze; non in lussuria e lascivie; non in contese ed invidie; ma rivestitevi del Signor Gesù Cristo; e non abbiate cura della carne per soddisfarne le concupiscenze. (Romani 13:11—14). Qui abbiamo un modello di azione per i pastori e le chiese, che, nella provvidenza di Dio, sono chiamati a fronteggiare la sfida di una società in crisi. La società di oggi è, infatti, in crisi. Paolo scrive alle nascente chiesa di […]
  • Promessa per oggi: IO NON TI ABBANDONERO’ PERCHE’ SONO FELICE CHE TU MI APPARTIENGA
    Poiché l’Eterno non abbandonerà il suo popolo, per amore del suo grande nome, perché è piaciuto all’Eterno di farvi il suo popolo. (1 Samuele 12:22) Molte persone vivono nella continua paura che possano essere abbandonati in qualsiasi momento. Alcuni si sentono in questo modo perché sono stati delusi in passato, mentre altri semplicemente non vivono con un profondo senso di appartenenza a qualcosa o a qualcuno. Amo questa promessa perché il Signore risolve la questione una volta per tutte, dichiarando che ha stabilito in cuor suo di non abbandonarci per amore del Suo grande nome. Non è una buona notizia sapere che non dipende da voi e dalle vostre opere buone… ma da lui? Questo versetto della Bibbia dice che Dio è in realtà felice di farti far parte della sua famiglia e […]
  • RISVEGLIO O APOSTASIA?
    (Giuda 3) Stiamo vivendo un tempo estremamente difficile. La decadenza morale della società è in escalation continua. Siamo continuamente turbati dall’ indecente spettacolo che questo mondo quotidianamente ci offre. Il peccato, come una marea notturna, continua a crescere al punto che sembra non ci siano limiti che possano contenerlo. Violenze, ingiustizie, soprusi, prevaricazioni, crisi delle famiglie, crollo dei valori… tutto sembra presagire un futuro torbido e fosco. D’altronde la Bibbia aveva predetto: “negli ultimi giorni verranno tempi difficili perché gli uomini saranno…” (2 Timoteo 3:1-5). Non che prima di oggi i tempi siano stati facili, tutt’altro! Non c’è nulla di nuovo sotto il sole. Gli uomini sono stati sempre egoisti, amanti […]
  • Spingi e basta…!
    (anonimo)  Una notte un uomo stava dormendo nella sua capanna, quando all’improvviso la sua stanza si riempì di luce, e Dio apparve. Il Signore disse all’uomo che gli avrebbe dato del lavoro da fare, e gli mostrò una grande roccia di fronte alla sua capanna.  Il Signore spiegò che l’uomo doveva spingere contro la roccia con tutta la sua forza. Così l’uomo fece, giorno dopo giorno. Per molti anni, dal sorgere del sole fino al tramonto, si affaticava spingendo con tutta la sua forza le sue spalle contro la fredda, massiccia, superficie dell’irremovibile roccia. Ogni sera tornava alla sua capanna indolenzito ed esasperato, con la convinzione che tutta la sua giornata era stata spesa invano. […]
  • ADAMO DOVE SEI? (Genesi 3:10)
    Ma l’uomo era nascosto!     Nel luogo degli incontri abituali non si udiva la voce dei coniugi amici di Dio e forse il silenzio era reso ancora più cupo dal peccato consumato, ormai entrato come un’ombra triste nella natura. E’ il dramma! […]
  • SE DIO NON OPERA CI STIAMO SFORZANDO INVANO
    di  Stephen Witmer  –  Riuscire a capire la relazione tra la sovranità di Dio e la responsabilità umana è sempre stata una questione di semplice ricerca intellettuale per me – solo un sorprendente puzzle d’idee filosofiche. Ma adesso non lo è più.  Il frutto amaro della pigrizia, dell’ansia e dell’orgoglio si sono intrufolati nella mia vita ogni volta che sono caduto in questo equivoco e dall’altra parte della medaglia, il meraviglioso frutto di un cuore in pace e di un amore disinteressato sono risultati in un successo. Questa non è una discussione teoretica o teologica che non ci riguarda. Qui stiamo parlando della differenza tra una vita cristiana vissuta in pieno e la stagnazione spirituale. Come possono le nostre azioni in questo mondo essere relazionate con l’opera di Dio? […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti