Meditazione del giorno: IL PADRE NOSTRO

Colon Carterby Carter Conlon |  In Luca 11:2-4 Gesù ci insegnò come pregare. Esaminiamo brevemente alcune delle basi che Egli insegnò. “Padre nostro”— Dobbiamo capire che adesso siamo in relazione con Dio il Padre attraverso Gesù Cristo. Questo ci garantisce il diritto di andare davanti al Suo trono e far conoscere le nostre richieste.

Che sei nei cieli”— Le sue vie sono più alte delle nostre vie; i Suoi pensieri sono più alti dei nostri pensieri. Egli vive in un luogo di assoluta e totale vittoria. Non c’è possibilità di sconfitta in Dio.

Sia santificato il Tuo nome”— Possiamo fidarci del nome e della reputazione di Dio. Egli non ci dirà mai nulla che sia contrario alla verità.

Venga il Tuo Regno, sia fatta la Tua volontà, così in cielo come in terra”— Il modo in cui le cose esistono nel Suo cuore e nella Sua mente sono come dovrebbero essere sulla terra. Poiché tu ed io camminiamo con Dio, avremo un sempre crescente desiderio interiore di veder venire il Suo regno in gloria ed in potenza; di vedere la Sua volontà compiersi sulla terra come in cielo. C’è un cambiamento che deve prendere posto nelle nostre preghiere. Non dovrebbe più riguardare noi ma dovrebbe focalizzarsi sugli altri. È qui che si trova il vero potere della preghiera!

Dacci oggi il nostro pane quotidiano”— Dio ci provvederà il cibo quotidianamente così come noi lo chiediamo a Lui e ci farà comprendere che è Lui a provvedercelo.

E perdonaci i nostri peccati, perché anche noi perdoniamo a ogni nostro debitore”— Tu ed Io siamo ambasciatori del regno del perdono. Quindi è imperativo che noi perdoniamo gli altri, non essendo in grado di rappresentare il perdono di Dio sulla terra.

E non ci esporre alla tentazione, ma liberaci dal maligno”— Dobbiamo fidarci di Dio affinché ci guidi e ci liberi, riconoscendo che non siamo astuti abbastanza da affrontare questa vita da soli. Ci inganniamo da soli fin nel profondo del nostro essere, credendo che ciò che pensiamo sia sotto la guida di Dio, anche se in realtà si tratta della guida del nostro cuore. Non dobbiamo semplicemente supporre che il sentiero sul quale stiamo sia giusto, anche se potrebbe sembrare così ai nostri occhi. Secondo le Scritture: “C’è una via che all’uomo sembra diritta, ma finisce con il condurre alla morte” (Proverbi 16:25).

 

 

 

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Dormi bene?
    In Devotional
    di Warren Wiersbe.  Salmo 3:1-8   –   Anche dormire bene può a volte indicare quanta fiducia abbiamo veramente nel Signore . Davide ha detto, “Io mi son coricato e ho dormito, poi mi sono risvegliato, perché il SIGNORE mi sostiene. (v. 5). Possiamo pensare di poter fare lo stesso in qualsiasi momento. Ma cosa accadrebbe se ci trovassimo nella stessa situazione di Davide? Egli stava scappando da suo figlio Absalom, che si era messo contro di lui e lui era stato costretto ad andare via da Gerusalemme. Ora Davide si trova nel deserto con il suo esercito. Sarebbe difficile per chiunque sdraiarsi e dormire sapendo di stare in un [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Promessa per oggi: Ti darò il manto della lode invece di uno spirito abbattuto.
    “…per accordare gioia a quelli che fanno cordoglio in Sion, per dare loro un diadema invece della cenere, l’olio della gioia invece del lutto, il manto della lode invece di uno spirito abbattuto, affinché siano chiamati querce di giustizia, la piantagione dell’Eterno per manifestare la sua gloria.” (Isaia 61:3) Il capitolo 61 di Isaia è pieno di incredibili promesse di Dio, che sono state adempiute quando Gesù venne sulla terra duemila anni fa. Il verso 3 da solo contiene almeno 4 promesse che ci prenderebbe tutto il giorno per parlarne! Ma in questo devozionale mi limiterò alla promessa dove Dio dice che Egli ci darà il manto della lode invece di uno spirito abbattuto. La versione amplificata descrive lo spirito abbattuto come “uno spirito triste, pesante, e […]
  • IL CULTO
    di Roberto Bracco –  “Onore reso a Dio”. Per il cristiano è anche mezzo per realizzare comunione con Dio; quindi possibilità di offrire a Dio, ricevere da Dio. Comunemente con questo nome si definiscono le riunioni che uniscono i fedeli per la celebrazione liturgica: preghiera, canto, predicazione… In queste riunioni i fedeli vogliono offrire lode a Dio, esprimere amore, gratitudine e aspettano le benedizioni della presenza di Dio nelle manifestazioni edificative della predica e di tutti quegli elementi cultuali che possono essere di incoraggiamento, di esortazione, di consiglio.     La Scrittura è molto precisa nell’indicarci quei principi fondamentali che dovrebbero sempre disciplinare queste riunioni, ma purtroppo non sempre e non tutti hanno accettato la […]
  • Non toccate i miei unti…
    di ROBERTO BRACCO  –  Non bisogna dimenticare che un ministro, un pastore, rappresentano sempre le persone più notate, più osservate, più conosciute della comunità. Non bisogna dimenticare cioè che essi vengono seguiti da centinaia di occhi e giudicati da un numero più o meno grande di fedeli.  Non c’è un’ora della loro giornata o non c’è una circostanza della loro vita che non cadano sotto l’osservazione di tutti coloro che li guardano ed osservano e quindi non c’è un’azione, una iniziativa che nascendo da un ministro possa rimanere completamente occultata.  Una comunità sarà sempre in grado di dirvi come trascorre il suo tempo il proprio pastore; quali sono i suoi ultimi acquisti o come possono essere confezionati i suoi abiti. Potrà fornire notizie […]
  • SEGUIRE GESU’
    di ROBERTO BRACCO   –   Alcuni episodi, ricordati con dovizia di particolari, trascendono il loro significato storico per esprimere una lezione spirituale. Questo è uno di quelli perché si propone una lezione di dottrina cristiana che possiamo definire fondamentale e cioè:  «Come pervenire alla vita eterna». Bisogna premettere che «vita eterna» non è sinonimo d’immortalità : tutte le anime sono immortali, ma soltanto quelle che si uniscono a Dio hanno la vita eterna, cioè la pienezza della vita. L’episodio che ci sta davanti è de-scritto non soltanto in questo Vangelo, ma anche in quelli di Matteo e di Marco e raccogliendo gli elementi integrativi contenuti in questo e in quelli si può tracciare un profilo esauriente del soggetto. —        Colui che si presenta a Gesù è […]
  • NON SIAMO PROTESTANTI
    Il 10 dicembre 1520 Martin Lutero, l’impetuoso agostiniano che ha legato il proprio nome a quel movimento di riforma religiosa che rappresenta l’avvenimento più sensazionale dello infuocato XVI secolo, bruciava pubblicamente la bolla papale che decretava la sua scomunica e protestava così, nel modo più audace contro la chiesa di Roma. […]
  • Promessa per oggi: NON ESSERE TRISTE, PERCHÉ LA MIA GIOIA È LA TUA FORZA.
    Poi Neemia disse loro: «Andate, mangiate cibi grassi e bevete bevande dolci, e mandate delle porzioni a quelli che non hanno preparato nulla per loro; perché questo giorno è consacrato al nostro Signore; non siate tristi; perché la gioia del SIGNORE è la vostra forza». Neemia 8:10 In questo brano della Scrittura, Israele era riunito per ascoltare la Parola di Dio. Sembra fosse un momento molto intenso e tutte le persone piangevano per la solennità di quell’assemblea. Senza dubbio rimasero sorpresi quando sentirono l’incoraggiamento del Signore che diceva loro di non essere tristi, ma contare sulla gioia del Signore per trovare la loro vera forza. La parola “forza” in questo contesto significa un luogo fortificato, come un forte, una rocca, una fortezza. Pensaci per un attimo… la […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti