GUARDATE DI NON TURBARVI

di W.C MOORE   –   Mentre era ancora sulla terra, Gesù ;pregò il Suo e nostro Padre : « Io non Ti prego che Tu li tolga dal mondo, ma che Tu li preservi dal male » (Giovanni 20:17 – Giovanni 17:15).  Gesù quale Figlio di Dio, conosceva, e preannuncio, i tempi pericolosi, in cui noi viviamo. «Voi udrete parlare di guerre e di rumori di guerre; guardate di non turbarvi»  (Matteo 24:6). Sapeva che, con i cuori degli uomini che vengono meno per la paura (Luca 21:26) e con le guerre etc., ci sarebbe stato un grave pericolo che anche i Suoi seguaci fossero assaliti dal terrore. Perciò, alla descrizione degli orrori degli ultimi tempi, aggiunge questa parola di FEDE molto necessaria. «Guardate di non turbarvi». In Giovanni 16:33 Gesù dice: «Nel mondo avrete tribolazioni’. MA FATEVI ANIMO; Io ho vinto il mondo».

Vigilanti! Ma non timorosi!

Come nostro saggio Capo, Gesù ci incita ed ammonisce ad essere vigilanti, aspettando gli eventi terrificanti, ed in mezzo alla confusione ed alla sventura del mondo, desidera che i Suoi seguaci, il Suo popolo composto di “nati di nuovo ” non partecipi né alla disperazione e del terrore, né dell’indifferenza e del fatalismo del mondo. Egli ci preannuncia gli eventi che verranno, perché possiamo essere pronti a fronteggiarli, e possiamo glorificare Dio, in qualunque circostanza ci troviamo, con piena fiducia che la potenza di Dio ci salverà.

Una cura particolare di Dio per coloro che Lo amano.

In Isaia 43:1, 2, il Signore mostra in un modo meraviglioso come il Suo popolo sia l’oggetto della Sua particolare cura — ed anche come tutte le COSE siano soggette a Lui, che controlla le situazioni, provvedendo per noi. «Ma ora così parla l’Eterno che ti ha creato… Non temere, perché Io ti ho riscattato, t’ho chiamato per nome, Tu sei MIO. Quando passerai per delle acque, Io sarò teco; quando attraverserai dei fiumi, non ti sommergeranno; quando camminerai nel fuoco, non sarai arso e la fiamma non ti consumerà».

Egli è l’Onnipotente, Amoroso, Fedele Guardiano della nostra vita, ma è anche il Padrone delle acque e della fiamma, cosicché né l’inondazione né il fuoco possono salire la più piccola frazione di un pollice al di sopra di quanto Egli permette, e questo Suo onnipotente potere è costantemente esercitato in favore dei Suoi figli che confidano in Lui!

Gioiosa perseveranza.

« Corriamo con pazienza (gioiosa perseveranza) la gara che ci è posta davanti» (Ebrei 12:1).  Qualcuno ha detto «Noi non possiamo prendere d’assalto Dio». Il Signore ha un meraviglioso lavoro da compiere in noi, provando la nostra fede. «Considerate come argomento di completa allegrezza le prove svariate in cui venite a trovarvi» (Giacomo 1:2).

Non mormorate per le prove, ma consideratele argomento di completa allegrezza «sapendo che la prova della vostra fede produce costanza» (Giacomo 1-2).

Dio è un giudice imparziale, e, poiché nella Sua sapienza e nel Suo amore ha fatto aspettare Abramo per anni — per fede — prima che nascesse Isacco, possiamo aspettarci che il Suo amore invariabile tenterà e proverà anche noi affinché possiamo uscirne come l’oro (1 Pietro 1:7) – (Giobbe 23:10).  Abramo «avendo aspettato con pazienza, ottenne la promessa (Ebrei 6:15)

«Non gettate dunque via la vostra franchezza, la quale ha una grande ricompensa! Poiché voi avete bisogno di costanza, affinché, avendo fatta la volontà di Dio, otteniate quel che v’è promesso». (Ebrei 10:35-36)

Incitati alla fede.

Dio vuole che noi ci risvegliamo – agitati fin nel profondo del nostro essere – ma incitati alla Fede – non dal terrore, o dal dubbio, od dalla paura.  «NON TEMERE; ABBI SOLO FEDE. » (Luca 8:50).

Tempo di rialzarsi.

« Ma quando queste cose cominceranno ad avvenire, rialzatevi, levate il capo; perché la vostra redenzione è vicina » (Luca 21:28).

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Emozioni
    In Devotional
    di LEWI PETHRUS   –  Avete notato chi sono i critici che biasimano i  cristiani felici che lodano Iddio? Essi sono quelli che si mantengono ad una certa distanza e guardano dalla finestra come fece Mical, la moglie di Davide. Non c’è nulla di più pericoloso che stare in disparte e criticare quando qualcuno sta lodando e ringraziando Iddio. I primi cristiani dovevano essere un gruppo felice. Secondo Atti 2:13 gli inconvertiti dissero che erano ebbri. Nell’originale abbiamo la parola “extasis” e da questa radice deriva la parola “estasi”. Tuttavia, questa parola non viene usata in riferimento ai discepoli, ma alla folla che stava vicino [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • DIOTREFE
    Chi era Diotrefe? Etimologicamente il suo nome significa «nutrito dall’Eterno » e se tale nome era stato scelto dopo la conversione, come è da supporsi, dobbiamo dedurne che in origine questo fedele doveva manifestare le caratteristiche della consacrazione. Nelle scritture facciamo la conoscenza di questo poco noto cristiano leggendo la terza breve epistola di S. Giovanni, in cui si parla di lui in termini poco lusinghieri; viene presentato come un superbo, cianciatore e odioso. […]
  • Meditazione del giorno: Tradizioni religiose
    di ROBERTO BRACCO  –  In occasione delle festività  torna nelle conversazioni cristiane l’argomento delle tradizioni religiose e molti si chiedono in che modo o fino a quale limite i credenti devono o possono partecipare alle consuetudini che impegnano la cristianità nel senso generico di quest’ultimo termine. Si parla di “cenoni”, di “pranzi”, di” strenne”, di “presepi”, di “alberi di Natale”, di “auguri”, e poi… di “Babbo Natale”, della “Befana”, delle “recite”, delle “tombolate”… Si parla, si parla e, naturalmente vengono  fuori le più diverse conclusioni e le più svariate e contrastanti decisioni. […]
  • GIOIA TRASCENDENTALE
    di Jim Cymbala  –  La felicità ha i suoi alti e bassi in base alle nostre mutevoli circostanze. Nasce un bimbo o un nipote, e siamo tutti contenti. Vinciamo una vacanza gratis e siamo in estasi! Il capo ci dà un bell’aumento proprio quando ne avevamo bisogno e siamo entusiasti. Ma l’euforia è solo temporanea. Inevitabilmente, qualcosa cambia e si porta via la nostra felicità. Il bambino si ammala; la nostra vacanza è piovosa; il nostro lavoro viene spazzato via da una fusione aziendale. Quel sentimento di positività inizia a vacillare. Nel migliore dei casi, ci sentiamo svuotati, e nel peggiore siamo persino adirati. Dunque, come possiamo riappropriarci della nostra felicità quando le situazioni cambiano? Non basta solo desiderarlo. Non possiamo rincorrerla. Cercare in ogni modo di […]
  • COSA VUOL DIRE “ESSERE SALVATO”.
    Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3: 16-17 )   –   Gesù pronunciò queste parole in una conversazione con un importante personaggio religioso del suo tempo. Nicodemo era un dottore della legge, un fariseo. Gesù dice a quell’uomo in modo molto chiaro, che Egli è venuto nel mondo per offrire la salvezza a tutti gli uomini. La salvezza è un soggetto di vitale importanza per ogni per ogni uomo che vive sulla faccia della terra, a prescindere dalla religione che professa, dalla razza a cui appartiene, o dal suo stato sociale.  La nostra scelta o decisione […]
  • COME PREGARE IN PUBBLICO
     di C. H. SPURGEON  –  Un primo scoglio da evitare nella preghiera pubblica è il fatto d’avere troppo in vista l’uditorio e di pregare con lo scopo di piacergli. Guardiamoci dal fare della preghiera una forma indiretta di sermone; le belle preghiere sono spesso delle brutte preghiere. Quando siamo nella presenza dell’Eterno degli eserciti non è buono abbellire il nostro stile per attirarci le approvazioni umane. Le nostre preghiere devono avere direttamente Dio per oggetto, non dobbiamo pensare ai nostri ascoltatori se non per renderci gli interpreti dei loro bisogni spirituali e presentarli al Signore. […]
  • Una promessa per oggi: Quando lascerai questo corpo, sarai a casa nella Mia presenza.
    ma siamo pieni di fiducia e preferiamo partire dal corpo e abitare con il Signore. (2 Corinzi 5:8) Sono così felice che l’apostolo Paolo abbia fatto questa dichiarazione che ci rivela una promessa molto speciale di Dio. Essere assenti dal nostro corpo significa essere presenti con il Signore! Egli promette di non lasciarci mai e non abbandonarci in questo mondo, e quando sarà il momento per noi di lasciare questo mondo, noi saremo con Lui per sempre. Ebrei 12:1 dice che siamo circondati da un gran numero di testimoni che ci hanno preceduto nella corsa. Un giorno, saremo con Gesù nella gloria eterna, ed uniremo le nostre voci a quelle della grande nube di testimoni di oggi. Alleluia che la morte ha perso il suo dardo! Nulla potrà mai separarci dall’amore di Dio in Gesù […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti