LA SHEKINAH MANCANTE

“Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio. 

tozer2di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità e mettono l’enfasi sull’opera interiore dello Spirito Santo. E’ nostra convinzione che il movimento evangelico continuerà a deviare sempre di più dagli standard del Nuovo Testamento a meno che coloro che hanno la responsabilità di guidare il movimento non passino dalla condizione di protagonismo e promozione personale alla condizione di autentici santi servitori che non chiedono lodi, non ricercano SHEKINAH prestigio e potere e sono felici solo quando la gloria è data a Dio e loro stessi vengono dimenticati.

Fino a che uomini con queste caratteristiche non ritorneranno alla leadership spirituale, dovremo aspettarci un progressivo deterioramento nella qualità del cristianesimo popolare, anno dopo anno fino a che raggiungeremo il punto di contristare lo Spirito Santo. Egli si ritirerà allora come fece la Shekinah dal tempio e noi saremo lasciati come Gerusalemme dopo la crocifissione soli e senza la presenza di Dio. Nonostante tanti tentativi di distorcere la sana dottrina per provare il contrario la Scrittura ci avverte che a volte Dio abbandona uomini, gruppi, movimenti, che sono andati troppo lontano per poter essere ristorati.

Negli ultimi trent’anni abbiamo effettivamente visto un cambiamento di vaste proporzioni nelle credenze e nei comportamenti della componente evangelicale della chiesa fino al punto da rassomigliare a una svendita di principi e fondamenti. E tutto questo a volte sotto la copertura di un’apparente fervore e fedeltà dottrinale. Se un uomo di Dio o un predicatore cerca di prendere posizione e sfidare questa eresia si espone al ridicolo e all’abuso da ogni direzione.

La nostra sola speranza è che ci sia una credente e rinnovata passione spirituale manifestata anche attraverso servitori fedeli e coraggiosi che non desiderano niente altro che la Gloria di Dio e la purezza della Chiesa. Che il Signore ci mandi molti di questi servi. Li stiamo aspettando da lungo tempo.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

COSA VUOL DIRE “ESSERE SALVATO”.

Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3: 16-17 )   –   Gesù pronunciò queste parole in una conversazione con un importante personaggio religioso del suo …
Leggi Tutto

Calvario

di John Charles Ryle  –  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non sappiamo altro che questo. Ho intitolato questo sermone “Calvario” perché voglio parlarvi delle sofferenze e della crocifissione di Cristo. Temo infatti che ci sia molta ignoranza, nel seno del popolo di Dio, sul soggetto delle sofferenze di Gesù …
Leggi Tutto

DAI SERMONI DI ROBERTO BRACCO

SCEGLIETE OGGI CHI VOLETE SERVIRE  (Giosuè 24) …
Leggi Tutto

LE DUE CASE

di AGOSTINO MASDEA   –  Perciò, chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, io lo paragono ad un uomo avveduto, che ha edificato la sua casa sopra la roccia.  Cadde la pioggia, vennero le inondazioni, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa; essa però non crollò, perché era fondata sopra la roccia.  Chiunque invece ode queste parole e non le mette in pratica, sarà paragonato ad …
Leggi Tutto

Dove sei?

di D. L. Moody    –    La primissima cosa che accadde quando fu giunta in cielo la notizia della caduta dell’uomo, fu che Dio discese alla ricerca del perduto. Mentre Egli cammina attraverso il giardino nella brezza del giorno lo sentiamo chiamare: “Adamo! Adamo! Dove sei?”. Era la voce della grazia, della misericordia, e dell’amore. Dal momento che era Adamo il trasgressore, avrebbe dovuto essere lui a cercare …
Leggi Tutto

UN UOMO SPIRITUALE: SIMEONE

di Roberto Bracco –  Luca 2:25-35  –   La figura di Simeone, il vegliardo in attesa della consolazione d’Israele, è una delle più luminose della Bibbia e può essere presa in simbolo della vera spiritualità. Purtroppo nel seno della cristianità il termine spiritualità non possiede sempre il significato che gli viene attribuito dalla Scrittura e perciò è utile considerare l’esempio di un uomo che può illuminarci intorno a questo …
Leggi Tutto

DITECI DELLE COSE PIACEVOLI (Isaia 30: 10)

di ROBERTO BRACCO   –   Il compito del servitore di Dio è stato sempre quello di predicare cose spiacevoli alla natura umana. Egli, attraverso tutte le età, è stato sospinto a colpire duramente e con parole di fuoco tutti i vizi, le passioni, le turpitudini degli uomini. Per questo unico motivo il ministero dei santi ha provocato sempre le più violente reazioni e le parole da essi pronunciate sono …
Leggi Tutto

La sostituzione che cambiò il mondo

di ZAC POONEN    –  «Colui che non ha conosciuto peccato, egli lo ha fatto diventare peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia di Dio in lui.» 2° Corinzi 5:21   –  L a Bibbia rivela che, quando Gesù morì sulla croce per noi, Egli ci sostituì occupando il nostro posto. Cristo è diventato peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia per Dio. Questo scambio si chiama giustificazione, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti