PERCHÈ LE LINGUE?

di J. ROBERT ASCHROFT   –  Molto si sa del parlare in altre lingue; molto non si sa e rimane un mistero. Eppure nelle Scritture ci sono insegnamenti sufficienti a darci una chiara rivelazione sul valore del parlare in altre lingue e sul come bisogna usare questo dono. Ecco i punti più importanti.

1.      E’ chiaramente detto che si sarebbe verificato l’avvenimento del parlare in altre lingue. « Questi sono i segni che accompagneranno coloro che avranno creduto … parleranno in lingue nuove … ». (Marco 16 :17). Queste parole furono dette da Gesù, e questo fatto in se stesso dà la misura dell’importanza del parlare in altre lingue.

2.      Lo straordinario fenomeno del parlar in nuove lingue fu manifestato durante l’effusione iniziale dello Spirito Santo. « E tutti furono ripieni delio Spirito Santo, e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro d’esprimersi » (Atti 2:4). Così abbiamo ora il Signore stesso e lo Spirito Santo, che ci accertano del parlare in altre lingue.

3.      In tutte le circostanze (eccetto una) in cui il libro degli Atti parla di quelli che erano riempiti di Spirito Santo, vediamo che i credenti parlavano

in altre lingue. E nell’unica eccezione, non possiamo logicamente concludere che non parlarono in lingue sebbene non espressamente detto.

4.      Paolo parla dello scopo del parlare in altre lingue : « Chi parla in altra lingua non parla agli uomini ma a Dio » (1 Corinzi 14:2). Questo è lo scopo più nobile che vi possa essere. A questo punto dobbiamo notare che ora abbiamo la conferma dal Vangelo, dagli Atti e dalle Epistole. Anche dalla storia della Chiesa sappiamo che questo fenomeno si è manifestato per affermare che questo dono è da Dio.

5.      Il parlare in lingue non ha solo

lo      scopo menzionato da Paolo, ma serve anche quando c’è l’interpretazione o quando la lingue è capita da qualcuno dei presenti, come avvenne nel giorno della Pentecoste, quando molti del popolo dicevano : « E come che li udiamo parlare ciascuno nel nostro proprio natio linguaggio? … li udiamo parlare delle cose grandi di Dio nelle nostre lingue » (Atti 2:8, 11).

6.      C’è uno scopo anche nel parlare in lingue non comprese dai presenti, in quanto serve come segno per i non credenti (1 Corinzi 14:22). Serve per attirare l’attenzione e suscitare interesse nei presenti. Poi il Signore parla loro per mezzo della profezia e rivela i segreti dei loro cuori, ed essi si avvicinano a Dio.

7.      Vi sono personali vantaggi per coloro che parlano in altre lingue, in quanto non esiste più la barriera della struttura di una lingua umana, e quindi c’è una maggiore libertà di esprimere i sentimenti dell’anima senza alcun impedimento. Esiste una segreta comunione tra il nostro essere più profondo e Dio.

8.      Paolo dice: « Non impedite il parlare in altre lingue » (1 Corinzi 14:39). E’ molto importante notare che il grande apostolo dice anche : « Io parlo in altre lingue più di tutti voi » (1 Corinzi 14:18), e che è grato a Dio per questo fatto !

Prima di finire, vogliamo far notare che vi sono limiti nell’uso delle lingue.

Il primo è quello a cui abbiamo accennato più sopra, e cioè che devono essere usate solo per parlare a Dio, eccetto quando la chiesa ha bisogno di essere edificata.

Queste osservazioni bibliche ci dovrebbero far comprendere l’importanza di avvalerci di tutti i privilegi inerenti a questa nuova dimensione provveduta dal Battesimo nello Spirito Santo.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

BIOGRAFIE: Hudson Taylor 1832 - 1905

“Un giovane venuto dal nulla”, il cui impatto sulle missioni cristiane fu uguale, se non superiore a quello di William Carey.  Hudson Taylor fu, nei 19 secoli che seguirono il ministero dell’apostolo Paolo, il missionario che ebbe la visione più ampia e che portò a compimento in modo sistematico il più grande piano di evangelizzazione in una vasta zona geografica. Il suo obiettivo era di raggiungere l’intera Cina con …
Leggi Tutto

PER TUTTI I TEMPI E PER TUTTI GLI UOMINI

di  ANDRÉ THOMAS BRÈS  –    Quando si legge il libro degli Atti, ci si rende conto che lungi d’aver avuto luogo una volta per tutte, la Pentecoste non ha cessato di riprodursi. Alla fine del IV capitolo, leggiamo di una Pentecoste accordata a coloro che ne avevano già ricevuta una prima. Nell’VIII capitolo, Pentecoste a Samaria! Nell’XI capitolo, Pentecoste a Cesarea, nella casa di Cornelio ! Nel …
Leggi Tutto

LA FEDELTÀ

di Parker Baker   –   “Egli era un uomo fedele e timorato di Dio più di tanti altri”.  Nehemia 7:2   –   Nehemia aveva costruito il muro e voleva che un altro prendesse il comando delle faccende civili. Egli nominò un uomo per quel compito e il motivo per cui venne scelto Anania fu: “Era un uomo fedele e timorato di Dio più di tanti altri”. Molte persone non sono …
Leggi Tutto

CORO ALFA OMEGA

Registrazione di un canto durante una riunione di culto. CORO ALFA OMEGA  Vieni e  “LODALO”  insieme a noi, tutte le domeniche sera, ore 18 …
Leggi Tutto

E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)

di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in …
Leggi Tutto

Una Promessa per te: "TI PRESERVERÒ DA OGNI CADUTA FINO A QUANDO SARAI FELICEMENTE NELLA MIA PRESENZA."

“Or a colui che può salvaguardarvi da ogni caduta e farvi comparire davanti alla sua gloria irreprensibili e con grande gioia, all’unico Dio sapiente, il nostro Salvatore, sia gloria, grandezza, dominio e potestà, da ora e per tutte le età. Amen.  (Giuda 24-25) Un giorno, ognuno che ha invocato il nome del Signore starà davanti alla Sua presenza. La promessa di oggi ci incoraggia che in quel giorno …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: I MIEI ANGELI SONO ACCAMPATI INTORNO A COLORO CHE MI TEMONO.

Ci sono molti riferimenti nella Bibbia che parlano di angeli e del loro rapporto con il popolo di Dio. Nel Salmo 91:11 leggiamo che Dio comanda ai suoi angeli di prendersi cura di noi. In Ebrei 1:14 angeli sono chiamati “spiriti servitori” per ministrare coloro che sono “eredi della salvezza”. Nella promessa di oggi dal Salmo 34: 7, leggiamo che “l’Angelo del Signore si accampa intorno a coloro che lo temono …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io posso fare per te più di quanto tu possa immaginare.

Or a colui che può, secondo la potenza che opera in noi, fare smisuratamente al di là di quanto chiediamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa in Cristo Gesù per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli. Amen. (Efesini 3:20-21)  –  Dopo aver letto questa promessa, prova per un attimo ad immaginare la più grande, impensabile cosa, per la tua vita. Non importa quanto grande …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti