PERCHÈ LE LINGUE?

di J. ROBERT ASCHROFT   –  Molto si sa del parlare in altre lingue; molto non si sa e rimane un mistero. Eppure nelle Scritture ci sono insegnamenti sufficienti a darci una chiara rivelazione sul valore del parlare in altre lingue e sul come bisogna usare questo dono. Ecco i punti più importanti.

1.      E’ chiaramente detto che si sarebbe verificato l’avvenimento del parlare in altre lingue. « Questi sono i segni che accompagneranno coloro che avranno creduto … parleranno in lingue nuove … ». (Marco 16 :17). Queste parole furono dette da Gesù, e questo fatto in se stesso dà la misura dell’importanza del parlare in altre lingue.

2.      Lo straordinario fenomeno del parlar in nuove lingue fu manifestato durante l’effusione iniziale dello Spirito Santo. « E tutti furono ripieni delio Spirito Santo, e cominciarono a parlare in altre lingue, secondo che lo Spirito dava loro d’esprimersi » (Atti 2:4). Così abbiamo ora il Signore stesso e lo Spirito Santo, che ci accertano del parlare in altre lingue.

3.      In tutte le circostanze (eccetto una) in cui il libro degli Atti parla di quelli che erano riempiti di Spirito Santo, vediamo che i credenti parlavano

in altre lingue. E nell’unica eccezione, non possiamo logicamente concludere che non parlarono in lingue sebbene non espressamente detto.

4.      Paolo parla dello scopo del parlare in altre lingue : « Chi parla in altra lingua non parla agli uomini ma a Dio » (1 Corinzi 14:2). Questo è lo scopo più nobile che vi possa essere. A questo punto dobbiamo notare che ora abbiamo la conferma dal Vangelo, dagli Atti e dalle Epistole. Anche dalla storia della Chiesa sappiamo che questo fenomeno si è manifestato per affermare che questo dono è da Dio.

5.      Il parlare in lingue non ha solo

lo      scopo menzionato da Paolo, ma serve anche quando c’è l’interpretazione o quando la lingue è capita da qualcuno dei presenti, come avvenne nel giorno della Pentecoste, quando molti del popolo dicevano : « E come che li udiamo parlare ciascuno nel nostro proprio natio linguaggio? … li udiamo parlare delle cose grandi di Dio nelle nostre lingue » (Atti 2:8, 11).

6.      C’è uno scopo anche nel parlare in lingue non comprese dai presenti, in quanto serve come segno per i non credenti (1 Corinzi 14:22). Serve per attirare l’attenzione e suscitare interesse nei presenti. Poi il Signore parla loro per mezzo della profezia e rivela i segreti dei loro cuori, ed essi si avvicinano a Dio.

7.      Vi sono personali vantaggi per coloro che parlano in altre lingue, in quanto non esiste più la barriera della struttura di una lingua umana, e quindi c’è una maggiore libertà di esprimere i sentimenti dell’anima senza alcun impedimento. Esiste una segreta comunione tra il nostro essere più profondo e Dio.

8.      Paolo dice: « Non impedite il parlare in altre lingue » (1 Corinzi 14:39). E’ molto importante notare che il grande apostolo dice anche : « Io parlo in altre lingue più di tutti voi » (1 Corinzi 14:18), e che è grato a Dio per questo fatto !

Prima di finire, vogliamo far notare che vi sono limiti nell’uso delle lingue.

Il primo è quello a cui abbiamo accennato più sopra, e cioè che devono essere usate solo per parlare a Dio, eccetto quando la chiesa ha bisogno di essere edificata.

Queste osservazioni bibliche ci dovrebbero far comprendere l’importanza di avvalerci di tutti i privilegi inerenti a questa nuova dimensione provveduta dal Battesimo nello Spirito Santo.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

QUELL’UOMO PUOI ESSERE TU

 di ROBERTO BRACCO   –   Il mondo non ha ancora veduto quello che Dio può fare per un uomo, in un uomo, attraverso un uomo! Un uomo che sappia consacrare se stesso fino al punto di dipendere soltanto da Dio, da desiderare soltanto la gloria di Dio, da cercare esclusivamente l’approvazione di Dio può realizzare tutta la potenza necessaria per sorprendere e sconvolgere il mondo. Le testimonianze che sono …
Leggi Tutto

praise-Him-all-creatures

di Peter Scothem  – Ti senti solo, scoraggiato e impaurito? Allora alza il tuo cuore a lodare il Signore! Sei debole, ammalato e abbattuto? Allora alza la tua voce a lodare il Signore! La lode è il linguaggio della fede. Un cuore che loda è sempre un cuore che crede. La lode è la fede in azione! La lode ravviverà l’anima tua e farà suonare le campane della …
Leggi Tutto

Grandi Inni: "Because He lives" (Perch'Egli vive)

BILL & GLORIA GAITHER BECAUSE HE LIVES (con testo e traduzione) Senza dubbio alcuno non c’è sulla faccia della terra un fan della Southern Gospel Music che non ha sentito almeno una canzone scritta da Bill e Gloria Gaither. Milioni di americani e di altre nazioni nel mondo cominciano ad amare il Southern Gospel, e la maggior parte di loro può citare una o più canzoni dei Gaithers …
Leggi Tutto

SEGUIRE GESÙ OVUNQUE

Francis W. Dixon  –   «Or avvenne che mentre camminavano per la via, qualcuno gli disse: Io ti seguiterò dovunque tu andrai. E Gesù gli rispose: Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo dei nidi, ma il Figliuol dell’uomo non ha dove posare il capo» (Luca 9:57-58).  Le parole sulle quali desidero richiamare la tua particolare attenzione sono queste: «Signore, io ti seguirò dovunque tu andrai» …
Leggi Tutto

UN’OPERA PER OGNI TEMPO, UN TEMPO PER OGNI OPERA!

di ROBERTO BRACCO   –   Come trascorri il tuo tempo? Le ore passano, volano, scompaiono, ma tu stai fermo o ti muovi?  Il tempo della nostra vita è breve, spaventevolmente breve ed anche quando lo impieghiamo tutto per lavorare nel campo di Dio, possiamo compiere soltanto un piccolo lavoro. Quando poi lo lasciamo trascorrere senza utilizzarlo ci accorgiamo con rimpianto amarissimo che non abbiamo fatto «nulla» che rimanga …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: UN GIORNO VEDRAI IL MIO VOLTO E PORTERAI IL MIO NOME SULLA TUA FRONTE

…essi vedranno la sua faccia e porteranno il suo nome sulla loro fronte. Apocalisse 22:4  –   Il libro della Genesi comincia con il nostro Dio e Padre che crea i cieli e la terra e tutto ciò che essa contiene. Nel libro dell’Apocalisse, la Bibbia si conclude con la promessa che un giorno vedremo Dio faccia a faccia e il Suo nome sarà scritto sulle nostre fronti. E questa è …
Leggi Tutto

GRANDI INNI: HOW GREAT THOU ART  -  (Grande sei Tu)

In origine questo famoso inno era una poesia. Composta da un predicatore svedese di nome  Carl Boberg, aveva per titolo  “O Store Gud  (O grande Dio)” e fu  pubblicata nel 1886.  Quando  Carl Boberg scrisse questa poesia mai avrebbe pensato che sarebbe diventato un inno.  Alcuni anni dopo, Boberg partecipando  a una riunione rimase sorpreso nel  sentire la sua poesia cantata sulle note di una vecchia melodia svedese …
Leggi Tutto

CROCIFISSI CON CRISTO

di George D. Watson  –  La Bibbia mette spesso in rilievo l’infinita debolezza morale degli uomini. Perfino gli uomini migliori e validi strumenti della provvidenza di Dio vengono a volta presentati nella Scrittura come esseri deboli e soggetti al peccato: Abramo disse di essere »polvere e cenere«; Isaia disse che noi periamo come una foglia; Giobbe a momenti aveva orrore di se stesso e lo stesso Apostolo Paolo …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti