L’ANTICRISTO

666-2di HENK SCHOUTEN  –   Molti cristiani si raffigurano l’Anticristo come il «superuomo» degli ultimi tempi ma la Bibbia lo mostra anche sotto un altro aspetto, raramente percepito dai cristiani.   –   Ci sarebbe molto da dire sull’Anticristo. Non appena si nomina questa parola, tutti vogliono sentire. Soprattutto le speculazioni su tale figura sono molto diffuse. Il numero 666 e altre caratteristiche e proprietà di questo personaggio colpiscono, soprattutto se si pensa a una figura ambigua.

Poi si comincia a sperimentare con le lettere del nome di questa e quella persona, e con il loro valore numerico. Forse in questo modo si può «degradare» qualcuno, chiamandolo Anticristo, ma non si può fare di uno qualsiasi la bestia di Apocalisse 13 ovvero un dittatore mondiale. Si parla davvero di «superuomo» degli ultimi tempi, o dobbiamo pensare ad altri particolari? Il termine «Anticristo» viene nominato un paio di volte nella Bibbia, nella prima e nella seconda epistola di Giovanni (1 Giovanni 2:18-22; 4,3; 2 Giov. 1:7).

Significativo per l’Anticristo è il fatto che egli nega il Padre e il Figlio, nonché la venuta di Cristo come uomo. Questa negazione del Figlio di Dio è di portata maggiore, poiché la Scrittura ci insegna: «Chiunque nega il Figlio, non ha neppure il Padre» (1 Giovanni 2:23), poiché il Padre si è rivelato nel Figlio. È chiaro che qui si parla dell’essenziale, del cuore dell’Evangelo. Se leggiamo ancora in Giovanni, ci accorgiamo che l’Anticristo sarà preceduto da tanti anticristi (1 Giov. 2:18).

Di quali persone si tratta quando si parla di questi anticristi? Si parla di per¬sone che lasciano la chiesa di Gesù, ma in realtà non vi hanno mai fatto parte (1 Giov. 2:19). Queste persone non si sentono più a loro agio in chiesa e perciò la lasciano di propria volontà. Coloro che non vi fanno parte, vi si separano anche se non è sempre così. A volte, anche come veri cristiani, ci si deve separare da un gruppo crescente di anticristiani. È davvero sconvolgente che Giovanni intenda per anticristi dei cristiani apostati. Ecco perché l’Anticristo diviene un problema «cristiano». Egli e i suoi predecessori derivano dalla chiesa di Gesù. Si semplifica troppo se si dichiara Anticristo un pagano empio o un ebreo empio. Così, qualcosa viene trascurato nei calcoli e nelle speculazioni sulla persona dell’Anticristo.

Quando i turchi si trovarono alle porte di Vienna, i cristiani di allora dissero che l’Anticristo era il regno Osmanico. Ai tempi dell’Inquisizione, l’Anticristo era il Papa, sebbene la chiesa cattolica romana confessi  la deità e la venuta come uomo di

 

Gesù Cristo. Anche Napoleone e Hitler sono stati definiti anticristi. Ai nostri tempi si fanno spesso simili riflessioni rispetto all’IsIam. Non si può dubitare del fatto che l’IsIam abbia dei tratti anticristiani, ma dobbiamo stare attenti con le nostre valutazioni. Una caratteristica importante dellAnticristo è, come già citato, la negazione del Padre e del Figlio, nonché la venuta di Cristo come uomo. Questi elementi fanno parte del cuore della dottrina cristiana, e quindi non possono essere assolutamente considerati come secondari.

La negazione del Padre e del Figlio allontana dalla vera fede, poiché non è possibile restare nella verità. Dobbiamo comunque sottolineare che questa separazione non avviene di solito in modo spontaneo e diretto, ma questi anticristi spruzzano il loro veleno per lungo tempo nella chiesa di Gesù. Questo veleno ci circonda da ogni parte. In molte scuole, Cristo viene messo al pari di Gandhi, Buddha e Krishna. Si parla di un simbolo cristologico e un mito cristologico ma non di Cristo, l’Unto di Dio, il Signore dei signori e Re dei re. Anche la venuta come uomo di Cristo viene trascurata. La morte sulla croce e la risurrezione, così come il ritorno di Cristo vengono a volte citati solo ai margini. Molti teologi e pastori rinunciano tuttavia alle verità di base del cristianesimo, senza le quali la fede cristiana è impossibile.

Alla domanda riguardante la venuta in forma umana e la deità di Cristo dobbiamo quindi essere intolleranti e prendere una posizione chiara. Chi rifiuta questi fatti, potrà fare quanti discorsi religiosi vuole, ma appartiene allo spirito dell’Anticristo. Non si tratta di miscredenti, ma di persone che si definiscono cristiane, pur essendo profondamente anticristiane. Qui non possiamo far valere altre opinioni. Ecco perché non saremo mai abbastanza radicali rispetto a tale questione.

Se riflettiamo in tal modo sull’essere dell’anticristo, ci accorgeremo con orrore che esso è una realtà minacciosa della chiesa di Gesù piuttosto che un sensazionale «superuomo» degli ultimi tempi.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

COSA SIGNIFICA VERAMENTE SEGUIRE GESÙ CRISTO?

di William MacDonald  –  L’essenza del cristianesimo è l’abbandono totale alla signoria di Cristo. Il Signore non cerca uomini e donne che dedichino a Lui le loro serate libere, oppure qualche fine settimana o che aspettino di andare in pensione per mettersi al suo servizio. Egli cerca invece quelli che sono pronti ad offrirgli il primo posto, il posto migliore nella loro vita. La nostra risposta al suo sacrificio …
Leggi Tutto

Manda la tua luce e la tua verità

di  Wilhelm Busch   –   Manda la tua luce e la tua verità; mi guidino esse e mi conducano al tuo santo monte e al luogo della tua dimora. (Salmo 43:3)  –   Se leggete l’intero salmo vi renderete conto che il salmista dice continuamente: “Non c’è la faccio più! Non vedo alcuna via d’uscita!” E questo 3000 anni fa. Quanto spesso sento proprio questa frase: “Non c’è la faccio più! …
Leggi Tutto

Denzel Washington e la sua esperienza con lo Spirito Santo.

– Denzel Washington, il 57enne attore, noto per i numerosi ruoli da gangster in film come “Training Day” è noto anche per essere solito condividere il suo amore per Gesù Cristo. Nel corso di una intervista con GQ Magazine, Washington ha parlato anche dei suoi valori cristiani, rivelando all’intervistatore di essere anche solito leggere quotidianamente la Bibbia. L’attore cristiano ha poi raccontato al giornalista di quando, durante un servizio presso la Church of …
Leggi Tutto

CRESCERE NELLA GRAZIA

 di AGOSTINO MASDEA – L’ultima delle esortazioni che l’apostolo Pietro indirizza ai credenti è anche l’ultimo verso del capitolo tre della sua seconda epistola. Questo capitolo è dedicato agli avvenimenti degli ultimi tempi e al ritorno del Signore. Nell’attesa del suo ritorno, Pietro esorta a stare fermi nella fede e ad  aspettare queste cose facendo in modo da “essere trovati da lui immacolati e irreprensibili, in pace”. Esortando alla …
Leggi Tutto

ADAMO DOVE SEI? (Genesi 3:10)

Ma l’uomo era nascosto!     Nel luogo degli incontri abituali non si udiva la voce dei coniugi amici di Dio e forse il silenzio era reso ancora più cupo dal peccato consumato, ormai entrato come un’ombra triste nella natura. E’ il dramma! …
Leggi Tutto

DAI NOSTRI CULTI

PASTORE AGOSTINO MASDEA: LA SOFFERENZA NEL CREDENTE  –  Sermone Domenica 7 Aprile 2013 [mp3player width=500 height=20 config=fmp_jw_widget_config.xml file=http://www.chiesadiroma.it/wp-content/uploads/2013/04/La-sofferenza.mp3] …
Leggi Tutto

GEORGE MULLER: Salmo 23

Sermone predicato da GEORGE MULLER nella Bethesda Chapel, in Great George Street, Bristol, domenica sera 20 giugno 1897. «Il SIGNORE è il mio pastore: nulla mi manca. Egli mi fa riposare in verdeggianti pascoli, mi guida lungo le acque calme. Egli mi ristora l’anima, mi conduce per sentieri di giustizia, per amore del suo nome. Quand’anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, io non temerei alcun male, perché …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Ho iniziato in te un'opera buona e la porterò a compimento.

Essendo convinto di questo, che colui che ha cominciato un’ opera buona in voi, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù. (Filippesi 1:6) Prima della fondazione del mondo, Dio ha stabilito un piano dinamico. Lui ha visto me e te, e ha pianificato che noi, tramite il suo Figlio Gesù Cristo nascessimo nella sua famiglia. (Efesini 1: 3-6) Fu  il suo grande amore per noi che lo spinse …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti