L’ANTICRISTO

666-2di HENK SCHOUTEN  –   Molti cristiani si raffigurano l’Anticristo come il «superuomo» degli ultimi tempi ma la Bibbia lo mostra anche sotto un altro aspetto, raramente percepito dai cristiani.   –   Ci sarebbe molto da dire sull’Anticristo. Non appena si nomina questa parola, tutti vogliono sentire. Soprattutto le speculazioni su tale figura sono molto diffuse. Il numero 666 e altre caratteristiche e proprietà di questo personaggio colpiscono, soprattutto se si pensa a una figura ambigua.

Poi si comincia a sperimentare con le lettere del nome di questa e quella persona, e con il loro valore numerico. Forse in questo modo si può «degradare» qualcuno, chiamandolo Anticristo, ma non si può fare di uno qualsiasi la bestia di Apocalisse 13 ovvero un dittatore mondiale. Si parla davvero di «superuomo» degli ultimi tempi, o dobbiamo pensare ad altri particolari? Il termine «Anticristo» viene nominato un paio di volte nella Bibbia, nella prima e nella seconda epistola di Giovanni (1 Giovanni 2:18-22; 4,3; 2 Giov. 1:7).

Significativo per l’Anticristo è il fatto che egli nega il Padre e il Figlio, nonché la venuta di Cristo come uomo. Questa negazione del Figlio di Dio è di portata maggiore, poiché la Scrittura ci insegna: «Chiunque nega il Figlio, non ha neppure il Padre» (1 Giovanni 2:23), poiché il Padre si è rivelato nel Figlio. È chiaro che qui si parla dell’essenziale, del cuore dell’Evangelo. Se leggiamo ancora in Giovanni, ci accorgiamo che l’Anticristo sarà preceduto da tanti anticristi (1 Giov. 2:18).

Di quali persone si tratta quando si parla di questi anticristi? Si parla di per¬sone che lasciano la chiesa di Gesù, ma in realtà non vi hanno mai fatto parte (1 Giov. 2:19). Queste persone non si sentono più a loro agio in chiesa e perciò la lasciano di propria volontà. Coloro che non vi fanno parte, vi si separano anche se non è sempre così. A volte, anche come veri cristiani, ci si deve separare da un gruppo crescente di anticristiani. È davvero sconvolgente che Giovanni intenda per anticristi dei cristiani apostati. Ecco perché l’Anticristo diviene un problema «cristiano». Egli e i suoi predecessori derivano dalla chiesa di Gesù. Si semplifica troppo se si dichiara Anticristo un pagano empio o un ebreo empio. Così, qualcosa viene trascurato nei calcoli e nelle speculazioni sulla persona dell’Anticristo.

Quando i turchi si trovarono alle porte di Vienna, i cristiani di allora dissero che l’Anticristo era il regno Osmanico. Ai tempi dell’Inquisizione, l’Anticristo era il Papa, sebbene la chiesa cattolica romana confessi  la deità e la venuta come uomo di

 

Gesù Cristo. Anche Napoleone e Hitler sono stati definiti anticristi. Ai nostri tempi si fanno spesso simili riflessioni rispetto all’IsIam. Non si può dubitare del fatto che l’IsIam abbia dei tratti anticristiani, ma dobbiamo stare attenti con le nostre valutazioni. Una caratteristica importante dellAnticristo è, come già citato, la negazione del Padre e del Figlio, nonché la venuta di Cristo come uomo. Questi elementi fanno parte del cuore della dottrina cristiana, e quindi non possono essere assolutamente considerati come secondari.

La negazione del Padre e del Figlio allontana dalla vera fede, poiché non è possibile restare nella verità. Dobbiamo comunque sottolineare che questa separazione non avviene di solito in modo spontaneo e diretto, ma questi anticristi spruzzano il loro veleno per lungo tempo nella chiesa di Gesù. Questo veleno ci circonda da ogni parte. In molte scuole, Cristo viene messo al pari di Gandhi, Buddha e Krishna. Si parla di un simbolo cristologico e un mito cristologico ma non di Cristo, l’Unto di Dio, il Signore dei signori e Re dei re. Anche la venuta come uomo di Cristo viene trascurata. La morte sulla croce e la risurrezione, così come il ritorno di Cristo vengono a volte citati solo ai margini. Molti teologi e pastori rinunciano tuttavia alle verità di base del cristianesimo, senza le quali la fede cristiana è impossibile.

Alla domanda riguardante la venuta in forma umana e la deità di Cristo dobbiamo quindi essere intolleranti e prendere una posizione chiara. Chi rifiuta questi fatti, potrà fare quanti discorsi religiosi vuole, ma appartiene allo spirito dell’Anticristo. Non si tratta di miscredenti, ma di persone che si definiscono cristiane, pur essendo profondamente anticristiane. Qui non possiamo far valere altre opinioni. Ecco perché non saremo mai abbastanza radicali rispetto a tale questione.

Se riflettiamo in tal modo sull’essere dell’anticristo, ci accorgeremo con orrore che esso è una realtà minacciosa della chiesa di Gesù piuttosto che un sensazionale «superuomo» degli ultimi tempi.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

 IO SUPPLIRÒ QUALSIASI TUO BISOGNO, TRAMITE  LE MIE ETERNE RICCHEZZE IN GESÙ CRISTO.

Ora il mio Dio supplirà ad ogni vostro bisogno secondo le sue ricchezze in gloria, in Cristo Gesù. (Filippesi 4:19) Il nostro Dio e Padre ha promesso di soddisfare ogni nostro bisogno in base alle immense ricchezze del deposito glorioso celeste che è in Gesù Cristo.  Il nostro Dio sa di che cosa abbiamo bisogno prima ancora che abbiamo quel bisogno e si diletta a provvederci ciò che ci …
Leggi Tutto

UN SEGRETO SULLA GRAZIA

di Max Lucado  –  Ecco un segreto sulla GRAZIA:  dieci piccole parole che spiegano tutto quello che c’è da sapere: “Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?” (Romani 8:28). Da un lato questo concetto può sembrare cosi semplice, in realtà, queste parole contengono un significato veramente profondo. Esaminiamo attentamente le quattro parole di questo versetto. Leggete lentamente la frase: “Dio è per noi”. Fate una …
Leggi Tutto

Essere ripieni  di Spirito Santo

di  Zac Poonen  –   Ho visto un cartone animato, una volta che mostrava i discepoli nell’alto solaio che aspettavano di essere pieni di Spirito Santo (Atti 1:12-14). (Oggi sappiamo che hanno aspettato dieci giorni, ma in quel momento, nessuno di loro sapeva per quanto tempo avrebbero dovuto attendere.) Al nono giorno, uno di loro uscì e se ne andò a casa dicendo che era stanco di aspettare …
Leggi Tutto

IL RUOLO DELLA BIBBIA NELLA CHIESA (e nella vita del credente)

La Bibbia non è una collezione di scritti umani, o solo un capolavoro letterario. Non possiamo accogliere nemmeno la teoria che la Bibbia “contiene” la Parola di Dio, ma affermiamo e crediamo che la Bibbia è l’infallibile, ispirata ed efficace Parola di Dio. Abraham Lincoln un giorno disse: “io credo che la Bibbia sia il miglior dono che Dio abbia fatto agli uomini. LA PAROLA NEL MINISTERIO DI CRISTO …
Leggi Tutto

POTENZA DALL’ALTO

Ed ecco, io mando su di voi la promessa del Padre mio; ma voi rimanete nella città di Gerusalemme, finché siate rivestiti di potenza dall’alto.    LUCA 24: 49 –  Ma voi riceverete potenza quando lo Spirito Santo verrà su di voi, e mi sarete testimoni in Gerusalemme e in tutta la Giudea, in Samaria e fino all’estremità della terra”.    ATTI 1: 8  –    Nel momento in cui siamo stati salvati abbiamo ricevuto …
Leggi Tutto

CHI, E COSA E' DIO

di BILLY GRAHAM  –  Nella Bibbia Dio si rivela in mille maniere e se noi la leggiamo con eguale attenzione e regolarità del nostro giornale quotidiano, saremo informati di Dio  come  del  nostro giocatore di calcio favorito! Come un diamante ha molteplici facce, così gli aspetti della rivelazione di Dio circa Se stesso, sono innumerevoli e riempirebbero degli interi volumi. Ne illustrerò quattro che sembrano i più significativi …
Leggi Tutto

PERCHÉ SONO PENTECOSTALE

di   Luis H. Hauff –  Recentemente mi è stato chiesto di parlare sulle credenze dottrinali delle Assemblee di Dio ad una classe dell’Università di Redlas. L’interesse generale verteva su ciò che distingue le Assemblee di Dio dalle altre denominazioni: il parlare in altre lingue. Dissi alla classe che la mia fede nella Pentecoste è basata sul fatto che il parlare in lingue, secondo come lo Spirito dà da …
Leggi Tutto

Dio vuole salvare il peccatore

di JACK HAYFORD  –  L’onestà verso Dio è una premessa indispen­sabile per una preghiera efficace. Se non ri­spettiamo questa premessa corriamo il rischio di finire nella trappola che Satana, il nostro nemico mortale, è sempre pronto a tenderci. Finiremo quindi per cadere in un circolo vi­zioso che renderà la nostra vita spirituale as­solutamente inefficiente. Se ci troviamo in questa situazione, ci chiederemo inevitabil­mente: »Come posso permettermi di pregare, …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti