APPELLO ALLA PENTECOSTE

di THOMAS BALL BARRATT  (1862-1940) – (Fondatore del Movimento Pentecostale in Norvegia)  –  Sia lodato il Signore! Vi sono molti cristiani, sia tra i ministri del Vangelo e sia tra i laici, che pregano per il risveglio ed attendono. Essi hanno già udito il suono di molte acque. Il risveglio sta per venire, il risveglio sta per venire! Alleluia! Quando sarà venuto, molti di coloro che hanno pregato per esso saranno sorpresi.

Per essere sincero, non credo che un risveglio inferiore alla potenza pentecostale che scese sui discepoli radunati a Gerusalemme possa essere sufficiente oggi; ma non appena la stessa potenza scenderà sulla Chiesa nel suo assieme, saremo testimoni delle stesse dimostrazioni di cui si legge negli Atti degli Apostoli; sì, delle stesse e finanche di maggiori, perché la Chiesa è oggi più estesa di allora.

Puoi aspettarti qualsiasi manifestazione meravigliosa della «potenza dall’Alto» in questi giorni. Perciò non essere incredulo. Se desideri essere nella mischia quando la potenza verrà, se desideri vedere la gloria di Dio quando Egli spiegherà la Sua immensa forza per salvare i peccatori, santificare e rivestire i Suoi figliuoli con la virtù divina, è necessario che entri in sintonia con i Suoi desideri.

Oh, prendiamo la cosa con serietà! Non c’è posto per gli schemi fatti dall’uomo e per l’orgoglio e l’alterigia con cui egli cerca di fare l’opera che solo Dio può fare.

cross-and-fireQuand’è che ci renderemo conto che i nostri piani, idee, teorie e schemi che chiediamo a Dio di benedire sono soltanto un impedimento alla Sua causa, immondizia che ostruisce i binari lungo i quali deve correre il treno del Vangelo? Prima li spazzeremo via e meglio sarà. Dobbiamo arrivare al punto di chiedere a Dio: «Quali sono i Tuoi piani, i Tuoi programmi per me? Che specie di lavoro vuoi che faccia?» (Efesi 2:10) . Ogni altra cosa deve essere allontanata e distrutta. Se andremo dove Dio vuole che andiamo e facciamo interamente la Sua volontà, rivestiti con la potenza Pentecostale — dinamite spirituale — saremo meravigliati del successo glorioso che Dio ci darà.

Prima, però, qualcosa deve morire (Giov. 12:24) e quel qualcosa potresti essere tu. Devi morire a te stesso, al mondo, a tutto il tuo orgoglio, a tutti i morivi che non onorano Cristo e fare un completo arrendimento di te stesso a Dio.

Ed allora questo glorioso risveglio irromperà nella chiesa di Cristo nella sua piena potenza, la Chiesa deve avere il suo “Bokim” (valle del pianto, Giudici 2:1-5). Il suo orgoglio e formalismo, il suo egoismo e il suo bigottismo e la sua mondanità devono essere allontanati per mezzo del sangue di Cristo, onde poter ricevere la potenza. La chiesa ha peccato e insozzato la sua via toccando cose contaminate. Lo Spirito Santo è stato contristato, tutti i ministri di culto, di tutte le denominazioni, debbono richiamare il popolo di Dio ed esortarlo al ravvedimento, mentre essi stessi confessano i loro peccati. Il continuo coprire i propri peccati e le proprie debolezze, scusarsi per le proprie impurità e mollezze non soddisferà mai lo Spirito Santo. E’ giunto il momento per la chiesa di scuotersi di dosso i ferri, di rompere il giogo del formalismo, di abbandonare la sua arroganza. Dovrebbe esserci un richiamo generale alla preghiera ed al digiuno in tutto il mondo cristiano per una lunga stagione.

Dio deve avere il giusto posto nella chiesa! Parlando della chiesa in generale non dobbiamo dimenticare che la benedizione di cui abbiamo bisogno deve essere accettata dal singolo membro. Pertanto, se la chiesa nel suo assieme è troppo morta per sollevarsi dalla polvere, che ciò non ci impedisca di cercare la nostra personale Pentecoste! Assoggettati alle condizioni stabilite alla Parola di Dio. Fai tua, mentre per fede consacri la tua vita a Dio, la perfetta purificazione per mezzo della espiazione di Cristo (Atti 15:9-12; 1 Cor. 6:11-18). Quindi ricevi il dono dello Spirito Santo, e mentre la potenza scende su di te non chiedere a Dio di «trattenere la Sua mano». Molti hanno fatto questo, ma la loro ansietà non era necessaria. Ignora forse Iddio ciò che possiamo sostenere? E’ lo Spirito Santo di Dio che prende pieno possesso di tutto il tuo essere, che desidera darti la stessa benedizione che ricevettero di primitivi cristiani.

Migliaia e migliaia di persone in tutto il mondo godono oggi l’esperienza della Pentecoste e la luce nuova e meravigliosa riempie le loro vite. Ringrazio Dio che sono nel numero di costoro.

Sei elevato ad un livello superiore nella tua vita spirituale. Questa non è la benedizione culminante, ma rende il terreno del tuo cuore fertile per il frutto dello Spirito (Galati 5:22-23) e deve quindi segnare l’inizio della nostra corsa spirituale (Ebrei 12:1), permettendoci di essere sempre vittoriosi. Ciò non implica che riceveremo altri doni soprannaturali, quali i doni delle guarigioni, del cacciare i demoni, o dei miracoli. Tutti i “doni” eccettuato il dono delle lingue e dell’interpretazione di esse erano già nella chiesa di Dio prima della Pentecoste ed esercitati dai discepoli stessi. Ma si possono cercare questi doni speciali secondo la guida dello Spirito.

Per favore, non facciamo confusione ! Mi sembra che proprio in questo punto si facciano degli errori. Alcuni pensano di ricevere con il battesimo dello Spirito Santo i doni soprannaturali e si scoraggiano quando i supposti risultati non seguono. Alcuni, e fra questi vi sono anche dei ministri, sono portati a condannare il movimento e dire : «la Pentecoste non è venuta» perché coloro che asseriscono di averla ricevuta non compiono miracoli.

Vogliamo dire che è un miracolo che essi abbiano ricevuto la loro Pentecoste. E’ un miracolo anche il parlare in lingue. Il grande commentatore della Bibbia Matthew Henry afferma che le lingue appartengono alle «cose più grandi» promesse da Cristo. Il messaggio profetico è anche un miracolo, ed un miracolo è anche l’interpretazione. Potremmo parlare di visioni e guarigioni meravigliose che hanno avuto luogo in questo glorioso Risveglio Pentecostale, proprio come quelle di cui si legge nella Bibbia, ma il miracolo più grande è la vita trasformata e i nuovi e più grandi risultati spirituali nella vita e nel lavoro per il Maestro da parte di colui che ha ricevuto la sua Pentecoste.

Il mondo potrà essere salvato e reso migliore per mezzo di uomini e donne ripiene di Spirito Santo.

Per mezzo di questa piena Pentecoste, il tuo cuore e la tua vita sono interamente cambiati. In un senso più vero puoi dire : «tutte le cose son divenute nuove!»

Sia lode a Dio questo è per tutto il Suo popolo. Cristo non è morto per una nazione, una chiesa, o una setta, ma per tutto il mondo ed ha acquistato la stessa benedizione per tutti. Nella Sua vita di ritorno al cielo dopo essere passato per il                Getsemani ed il Calvario, il terremoto e la rivelazione della Pasqua di Resurrezione, Egli ha lasciato aperta la porta alla Pentecoste per tutti coloro che sarebbero voluti entrare (Atti 2:1- 4, 39).

« Chiedete, e vi sarà dato ; cercate e troverete; picchiate, e vi sarà aperto » (Luca 11:9).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

DOMANDE PER GLI AMICI CATTOLICI, RIGUARDO GESÙ E IL PERDONO.

di Matt Slick  –   I cattolici hanno il confessionale, i sacerdoti, la penitenza, i sacramenti, i santi e Maria, e tutti in un modo o in un altro incidono sul  perdono dei peccati. In confessionale, il Cattolico confessa i suoi peccati a un sacerdote che gli da l’assoluzione e gli  prescrive la penitenza – un mezzo necessario per il perdono (CCC 980) “con la quale i peccati commessi …
Leggi Tutto

EBREI MESSIANICI

di Agostino Masdea   –   Una realtà del nostro tempo. Affrontare questo soggetto non è facile, sia per il poco tempo che abbiamo a disposizione, sia per la complessità dei temi che questo argomento richiederebbe fossero trattati. Non si può parlare di Ebrei messianici in maniera esaustiva se non si toccano anche  temi come la storia di Israele, la storia della Chiesa,  l’antisemitismo, le profezie bibliche…. e tanti altri soggetti correlati. Potete …
Leggi Tutto

LUTTO NATALIZIO

di Keith Green  –   Non dimenticherò mai la gioia incredibile del Natale e tutto ciò che mi aspettavo. La nostra casa addobbata, le luci colorate, l’odore particolare. Parenti e amici che venivano a trovarci… tutti con grandi. sorrisi e risate… e tutti con dei doni!! Quel periodo era pieno di vita, calore e voglia di dare. Sono i migliori ricordi della mia infanzia. L’aria, fuori, era fredda e …
Leggi Tutto

Pastore Elio Marrocco: La Visione

Ospiti: Elio Marrocco, Pastore della  New Life Church Weston Road, Woodbridge, Ontario, e sua moglie Micki. Clicca per ascoltare la predicazione.  “LA VISIONE”. La Visione (Atti 26:19) –   …
Leggi Tutto

IL MALE NASCOSTO

di Roberto Bracco   –   Fratello, hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver pronunciato un ispirato sermone, o dopo aver reso una testimonianza guidata, o dopo aver elevato una calda preghiera? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver compiuto una buona opera, o dopo aver fatto una generosa elargizione? Hai mai esaminato l’attitudine del tuo cuore dopo aver ottenuto una vittoria spirituale, o dopo …
Leggi Tutto

CASA O TENDA

Sappiamo infatti che se questa tenda che è la nostra dimora terrena viene disfatta, abbiamo da Dio un edificio, una casa non fatta da mano d’uomo, eterna, nei cieli. Perciò in questa tenda gemiamo, desiderando intensamente di essere rivestiti della nostra abitazione celeste, se pure saremo trovati vestiti e non nudi. Poiché noi che siamo in questa tenda, gemiamo, oppressi; e perciò desideriamo non già di essere spogliati, …
Leggi Tutto

This is my King!

Sebbene in rete ci sono infinite versioni di questo video, ci sentiamo di riproporlo perché è un messaggio straordinario che ogni volta che lo si ascolta suscita emozioni meravigliose e si rimane toccati dalla grandezza del nostro Re! “This is my King”… Questo è il mio Re. IL pastore nero S.M. Lockridge parla per sei minuti, in questo famoso sermone, di ciò che Gesù, il nostro Re è …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Io sono un padre per gli orfani e difendo la causa delle vedove.

Dio è padre degli orfani e difensore delle vedove nella sua santa dimora; (Salmo 68:5) È confortante sapere che Dio promette di essere un padre per l’orfano. In questa generazione di orfani nella quale viviamo, c’è un grande bisogno come non mai dell’amore di un padre. Con quasi il 50% delle famiglie, nei paesi occidentali, finite in divorzio, c’è un grido che oggi ripete quello dei discepoli di Gesù …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti