L’AMORE PERFETTO CACCIA VIA LA PAURA.

di FILIPPO WILES  –  «Perché avete paura, o gente di poca fede?» In un mare burrascoso ove le onde infuriate dal vento coprivano la barca, sembra una domanda ingiusta ed illogica. Che altro potevano fare quegli uomini terrorizzati se non gridare? Eppure Colui che domanda non provoca inutilmente perché Egli è amore.

Come i discepoli, così tutte le persone, compresi i credenti, talvolta sono schiavi della paura. C’è chi ha paura della malattia: ogni epidemia ed ogni sintomo di male sono causa di preoccupazioni. A qualcuno lo spettro della prematura morte di un parente stretto lo induce a pronosticare la sua propria morte prematura: così morirò anch’io. Altri al solo pensare d’essere d’aggravio un domani ai loro parenti temono la vecchiaia. Molti sono spaventati da ogni sinistro rumore, da ogni telegramma o suono di campanello, da ogni ritardo nell’arrivo di un figlio o del marito, e si pensa al peggio. A questo funesto elenco bisogna aggiungere la paura del buio, della notte, del nuovo lavoro, degli esami, del viaggio in aereo (forse per qualcuno in treno o in macchina) e mille altri timori quotidiani.

La paura è un tiranno spietato e crudele che sferza la sua vittima e paralizza la volontà nel servizio cristiano, e ruba la gioia della comunione con Dio. La paura non si limita ai nostri rapporti con gli uomini ma si manifesta maggiormente nei rapporti degli uomini con Dio, malgrado la loro riluttanza di ammetterlo. Per la paura l’uomo nella parabola dei talenti non ne guadagnò altri ; e Adamo per la paura si nascose da Dio. Il Cristiano è stato liberato dal timore della morte che lo   teneva soggetto a schiavitù (Ebrei 2, 15), e del giudizio e dalla condanna per i suoi peccati. L’accusatore ti accusa? Certo ogni tentativo è manipolato dall’avversario per farci ricadere nella paura inducendoci, se ciò fosse possibile, a dubitare l’efficacia della potenza del sangue di Cristo. Chi accuserà gli eletti di Dio? Iddio è quel che li giustifica ; Chi sarà quel che li condannerà? Cristo Gesù è quel che è morto … è risuscitato … ed intercede per noi. Non abbiamo ricevuto uno spirito di timidità, ma di forza e d’amore e di correzione (2 Tim. 1.7). Il piano di Dio distrugge la paura. Paolo servendosi dell’immagine di uno schiavo liberato e riconosciuto pubblicamente quale figlio adottivo del suo padrone, in conformità con le leggi romane, adopera tale esempio per descrivere una liberazione e adorazione ben più nobile che non ha pari : Poiché non avete ricevuto lo spirito di servitù per ricadere nella paura; ma avete ricevuto lo spirito d’adozione per il quale gridare: Abba! Padre! Non vi è alcuna condanna per chi confessa i suoi peccati e li abbandona, perché in Cristo c’è ampia redenzione e perdono.

La liberazione nello spirito agevola la liberazione nei nostri rapporti con gli uomini e con il mondo. Eppure quanti che leggono queste righe sono vinti da vari timori? Il puerile timore di fare una magra figura non permette che tu alberghi degli angeli » (Ebrei 13.1, 2)? La paura del domani con l’aumento spaventoso del costo della vita ti porta a privare il Signore della decima e delle offerte? La presenza di estranei paralizza tutte le buone intenzioni di testimoniare per Cristo?.

Perché avete paura, o gente di poca fede? Nella domanda stessa troviamo la risposta. E’ chiaro che la paura approfitta della poca fede. Se ciò è vero, potremmo dedurre che più fede significherebbe meno paura e fede completa escluderebbe addirittura la paura. Sia ben chiaro che quanto è stato detto non danneggia minimamente il timore di Dio, quella riverenza dovuta alla Sua maestà, che è il principio della sapienza. Ce un menefreghismo che non ha nulla a che fare con i credenti. Anzi il nostro timore di Dio rafforza la nostra fede nel Suo amore e la Bibbia dichiara che l’amore perfetto caccia via la paura.

Non ve uomo che non conosca la paura; anche i grandi santi di Dio. Perfino Daniele, «l’uomo grandemente amato», rimase tutto tremante davanti alla visione celeste. Giuseppe temette davanti allo stato interessante di Maria, Pietro temette prima di recarsi nella casa di Cornelio, Paolo temeva a Corinto e via dicendo, ma il messaggio della Bibbia in ogni tempo è: non temere! Diciamo perciò, per la nostra fede in Cristo: Non temerò male alcuno perché Tu sei meco.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

TUTTI PARLAVANO IN EBRAICO.

  di Stanley H. Frodsham  –   Sono nato in Austria da genitori giudei e conosco l’ebraico fin dalla mia infanzia. Mi trovo in America da sei anni un mio ricco zio che abita a Seattle Washington, mi scrisse di andare a lavorare nella sua azienda e io andai.  Un piovoso martedì dell’inverno scorso mi trovai a passare davanti all’edificio di una missione alla settima strada di quella città …
Leggi Tutto

PREGHIERA DI UN SERVITORE MINORE

 di A. W. TOZER – Questa è la preghiera di un uomo chiamato ad essere testimone alle Nazioni, questo  ci che egli disse al Signore il giorno in cui fu ordinato. Dopo che gli anziani e i ministri ebbero pregato ed imposto le mani su di lui, egli si ritirò per incontrare il suo Signore in un posto segreto e silenzioso, lontano anche dai suoi fratelli, e disse: …
Leggi Tutto

SIETE PRONTI PER L’ETERNITÀ?

di Charles H. Spurgeon  – Il cibo è necessario e indispensabile per mantenere in forza l’organismo umano. Supponiamo die voi diciate un giorno: “Non voglio più mangiare perché non voglio essere uno schiavo del materialismo”. Potete mettervi in viaggio verso una località più sana e soleggiata ma vi accorgerete ben presto che il clima e l’esercizio fisico non sono sufficienti a mantenervi in vita se vi rifiutate di …
Leggi Tutto

Promessa per oggi: NON ESSERE TRISTE, PERCHÉ LA MIA GIOIA È LA TUA FORZA.

Poi Neemia disse loro: «Andate, mangiate cibi grassi e bevete bevande dolci, e mandate delle porzioni a quelli che non hanno preparato nulla per loro; perché questo giorno è consacrato al nostro Signore; non siate tristi; perché la gioia del SIGNORE è la vostra forza». Neemia 8:10 In questo brano della Scrittura, Israele era riunito per ascoltare la Parola di Dio. Sembra fosse un momento molto intenso e tutte …
Leggi Tutto

Sermone  predicato Domenica 31 Maggio 2015: pastore Agostino Masdea La religiosità ha a che fare con le cose visibili, esteriori. La spiritualità è soprattutto qualcosa che riguarda il cuore.Uno dei più grandi pericoli che deve affrontare il cristiano nel suo cammino di fede verso la ricerca di una vita santa è diventare troppo religioso e poco spirituale. La religiosità può essere spesso scambiata per spiritualità… come distinguere l’una …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: Tradizioni religiose

di ROBERTO BRACCO  –  In occasione delle festività  torna nelle conversazioni cristiane l’argomento delle tradizioni religiose e molti si chiedono in che modo o fino a quale limite i credenti devono o possono partecipare alle consuetudini che impegnano la cristianità nel senso generico di quest’ultimo termine. Si parla di “cenoni”, di “pranzi”, di” strenne”, di “presepi”, di “alberi di Natale”, di “auguri”, e poi… di “Babbo Natale”, della “Befana”, …
Leggi Tutto

SALVATO DAL FALLIMENTO

R. G. LETOURNEAU (1888 – 1969) – Egli mi ha tratto fuori da una fossa di perdizione, dal pantano fangoso; ha fatto posare i miei piedi sulla roccia, ed ha stabilito i miei passi. Egli ha messo nella mia bocca un nuovo cantico a lode del nostro Dio. Molti vedranno questo e temeranno e confideranno nell’Eterno? (Salmo 40: 2, 3). –  Giobbe disse:  Il mio orecchio aveva sentito parlar di …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti