QUESTIONE DI SOVRANITA’

di  A. W. TOZER  –  Se Dio governa il Suo universo secondo le Sue leggi sovrane, come può l’uomo avere il libero arbitrio? E se non può esercitare il libero arbitrio, come può essere considerato responsabile per la sua condotta? Non è forse un semplice burattino, le cui azioni sono stabilite da un Dio “dietro le scene” che muove i fili come Gli piace?

Il tentativo di rispondere a queste domande ha diviso nettamente la chiesa cristiana in due “partiti”, che hanno portato i nomi di due famosi teologi, Jacobus Arminio e Giovanni Calvino. La maggior parte dei cristiani si accontentano di entrare in uno dei due schieramenti, negando o la sovranità di Dio, o la libertà di scelta dell’uomo. Sembra possibile, però, riconciliare queste due posizioni senza fare violenza a nessuna delle due, anche se il tentativo potrebbe apparire difettoso ai partigiani dell’uno o l’altro schieramento.

CORONAEcco il mio punto di vista: Dio ha sovranamente decretato che l’uomo sarebbe stato libero di esercitare una scelta morale, e fin dal principio l’uomo ha eseguito quel decreto facendo la sua scelta fra il bene e il male. Quando sceglie di fare il male, egli non annulla quindi il sovrano volere di Dio, ma lo adempie, in quanto il decreto eterno non ha stabilito quale scelta l’uomo deve fare, ma che egli è libero di fare la scelta. Se nella Sua libertà assoluta Dio ha deciso di concedere all’uomo una libertà limitata, chi può fermare la Sua mano o dirGli, “Che fai?” Il volere dell’uomo è libero perché Dio è sovrano. Un Dio meno che sovrano non potrebbe elargire libertà morale alle Sue creature. Avrebbe timore di fare una tale cosa. Forse una semplice illustrazione ci può aiutare a comprendere. Una nave di linea parte da New York diretta a Liverpool. La sua destinazione è stata decisa dalle autorità pertinenti.

Nulla la può cambiare. Si tratta almeno di un pallido ritratto del principio di sovranità. A bordo della nave ci sono parecchi generi di passeggeri. Questi non sono incatenati, né le loro attività sono state decise da un decreto. Sono completamente liberi di muoversi intorno come desiderano. Possono mangiare, dormire, giocare, gironzolare sul ponte, leggere, parlare, del tutto come piace a loro; ma per tutto quel tempo il grande transatlantico li sta costantemente portando avanti verso un porto predeterminato. Libertà e sovranità sono qui presenti entrambe, e l’una non contraddice l’altra. E’ così, credo, per la libertà dell’uomo e la sovranità di Dio. La potente nave del disegno sovrano di Dio mantiene la sua rotta costante sul mare della storia. Dio muove non disturbato o intralciato verso l’adempimento di quei disegni eterni già da Lui prestabiliti in Cristo Gesù prima che il mondo fosse. Noi non conosciamo tutto quello che quei progetti includono, ma è stato svelato a sufficienza per darci un quadro generale delle cose a venire, e per darci una buona speranza e una salda promessa di futuro benessere.

Sappiamo che Dio adempirà ogni parola data ai profeti; sappiamo che un giorno i peccatori saranno spazzati via dalla terra; sappiamo che un gruppo redento entrerà nella gioia del Signore e che i giusti risplenderanno nel Regno del Padre loro; sappiamo che le perfezioni di Dio riceveranno ancora acclamazione universale, che tutte le creature intelligenti riconosceranno Gesù Cristo come Signore alla gloria di Dio Padre, che l’attuale ordine imperfetto sarà abolito, e nuovi cieli e nuova terra saranno stabiliti per sempre. Dio sta muovendo verso tutte queste cose con sapienza infinita e azione perfetta e precisa. Nessuno può dissuaderlo dal Suo proposito; nulla Lo fa deviare dai Suoi piani. Poiché Egli è onnisciente, non ci può essere alcuna circostanza o incidente imprevisto.

Poiché Egli è sovrano, non ci possono essere contro-ordini, né interruzioni alla Sua sovranità; e poiché Egli è onnipotente, non ci può essere alcuna mancanza di energia nel raggiungere i Suoi obiettivi prestabiliti. Per tutte queste cose Dio è sufficiente in Sé stesso. Nel frattempo, le cose non sono così lisce come questo veloce schema potrebbe suggerire.

Il mistero dell’iniquità è già all’opera. Entro il vasto campo della sovranità di Dio e del Suo volere permissivo, il conflitto mortale fra bene e male continua con furore crescente. Dio ha già la Sua via nel mezzo del turbine e della tempesta, ma turbine e tempesta al momento sono qui, e come esseri responsabili dobbiamo fare la nostra scelta nell’attuale situazione morale. Certe cose sono state decretate dalla libera decisione di Dio, e una di queste è la legge di scelta e conseguenze. Dio ha stabilito che tutti coloro che volontariamente si affidano al Suo Figlio Gesù Cristo in obbedienza e fede riceveranno vita eterna, e diventeranno Figli di Dio.

Ha anche decretato che tutti coloro che amano il buio e continuano nella ribellione contro l’alta autorità del Cielo rimarranno in uno stato di alienazione spirituale, e alla fine patiranno conseguenze eterne.

Restringendo l’intera questione in termini individuali, arriviamo a delle conclusioni vitali e altamente personali. Nel conflitto morale che infuria intorno a noi, chiunque è dalla parte di Dio, si trova dalla parte vincente e non può perdere; chiunque sta dalla parte opposta, sta con la parte perdente e non può vincere. Non ci sono altre possibilità, né si tratta di un gioco d’azzardo. C’è libertà di scegliere da che parte saremo, ma non libertà di negoziare le conseguenze della scelta fatta. Per la misericordia di Dio possiamo pentirci di una scelta sbagliata, e mutare le conseguenze facendo una nuova, giusta scelta. Al di là di questo non possiamo andare. L’intera questione della scelta morale ruota attorno a Gesù Cristo. Egli l’ha affermato in modo chiaro: “Chi non è con me è contro di me”, e “Nessuno viene al Padre, se non per mezzo di me”.

Il messaggio del Vangelo racchiude tre distinti elementi: un annuncio, un comando e una chiamata. Annuncia la buona notizia della redenzione compiuta in misericordia; comanda a tutti gli uomini in ogni luogo di ravvedersi; chiama tutti gli uomini ad arrendersi alle condizioni della grazia, credendo in Gesù Cristo come Signore e Salvatore.

Tutti dobbiamo scegliere se vogliamo obbedire al Vangelo, o respingerlo in incredulità rigettando la sua autorità.

La scelta è nostra, ma le conseguenze della scelta sono già state stabilite dalla volontà sovrana di Dio, e non c’è appello.

(da “Conoscere il Santo” di A.W.Tozer)

Fonte: “Grido di battaglia”

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: STARE FERMI
    In Devotional
    di Charles Huddon Spurgeon  –  “Non temete, state fermi, e mirate la liberazione che L’Eterno compirà oggi per voi; poiché gli Egiziani che avete veduti quest’oggi, non li vedrete mai più in perpetuo” (Esodo 14:13) Queste parole contengono il comandamento di Dio per il credente quando esso si trova nella distretta e attraversa gravi difficoltà. Quando non può recedere, né proseguire, ed è stretto fra due muri ai lati, cosa deve fare? L’esortazione del Maestro per lui è:  “Sta fermo”.  Sarebbe meglio per lui se in simili situazioni ascoltasse soltanto la voce del suo Maestro, poiché gli altri malvagi suggeritori [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • BARRIERE E SCALE PER IL SUCCESSO DELLA PREGHIERA.
     INTRODUZIONE: Il Dott. George Washington Carver ha affermato: “Non c’è nessuno che debba restare senza guida e direzione nel mezzo delle perplessità di questa vita.” Possiamo affermare chiaramente: ‘Riconoscilo in tutte le Tue vie, e ed Egli appienerà i tuoi sentieri? “Il Dott. Carver’s era abituato al sorgere di ogni giorno, alle quattro di mattina a cercare la guida di Dio per la sua vita. Riguardo alle benedizioni di quelle ore mattutine, ha detto:  “In nessuno altro tempo ho avuto una comprensione così evidente di quello che Dio intende fare con me come in quelle ore quando le altre persone dormono.  Allora ascolto meglio la voce di Dio  e comprendo i Suoi piani!  Non c’è nessun sostituto alla preghiera”. […]
  • Promessa per oggi: Un giorno asciugherò ogni tua lacrima e cancellerò ogni tua sofferenza.
    E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà più la morte, né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima son passate» Apocalisse 21:4 La promessa di oggi ci parla di un giorno che viene, quando Dio stesso asciugherà ogni lacrima dai nostri occhi. In quel grande e glorioso giorno, non ci sarà più la morte, non più dolore, non più motivi per piangere e non più sofferenze. Tutti i ricordi delle sofferenze in questo mondo svaniranno nella luce e nell’amore dell’abbraccio del nostro caro Padre. Dio stesso asciugherà ogni lacrima che abbiamo versato e promette di cancellare tutto il dolore che abbiamo sofferto su questa terra. Possa questa promessa portare speranza a coloro che sono in mezzo a circostanze difficili. Possa questa promessa portare conforto a coloro […]
  • L’AMORE DI DIO È LIMITATO AGLI ELETTI?
    Rispondere alla sfida calvinista sul Vangelo.   Tra i difensori evangelici contemporanei della redenzione limitata spiccano, più di tutti, R.C. Sproul e John Piper. Sproul, nato nel 1939, è stato un influente apologeta evangelico e teologo riformato per la maggior parte della seconda metà del ventesimo secolo. Dalla sua sede di Ligonier Ministries è intervenuto a trasmissioni radiofoniche, ha viaggiato per parlare a numerose conferenze apologetiche e teologiche, e scritto molti libri, di cui la maggior parte trattanti la sovranità di Dio da una prospettiva fortemente riformata. […]
  • RAVVEDETEVI
    di G. Robert Ashcroft  –   Questo fu il grido dei profeti e degli apostoli, questo deve essere il grido degli odierni predicatori.  –   «Ricordati, dunque, donde sei caduto, e ravvediti, e fa’ le opere di prima; se no, verrò a te, e rimuoverò il tuo candelabro dal suo posto, se tu non ti ravvedi. (Apoc. 2:5).  Giovanni Battista venne a predicare il suo messaggio e si mantenne fedele al modello profetico: « Ravvedetevi, poiché il Regno dei Cieli è vicino » Matteo 3:2. Egli preparò la via al Signore!  Gesù venne a predicare, ed anche il Suo messaggio fu fedele al modello nelle profezie: «Ravvedetevi, perché il regno dei cieli è vicino» Matteo 4:17. Il termine dominante nella Sua predicazione fu: «Pentitevi». Pietro, sotto la spinta profetica da parte dello Spirito Santo rispose […]
  • Un Salvatore vivente!
    Atti 2:22-36   –   La madre di un bambino di nove anni, di nome Marco, nel bel mezzo del pomeriggio ricevette una telefonata. Era l’insegnante di suo figlio che chiamava dalla scuola.  ” Mrs. Smith, qualcosa di strano è successo oggi in classe (terza elementare) di suo figlio. Suo figlio mi ha sorpresa così tanto con qualcosa che penso lei debba sapere subito.” La mamma cominciò a preoccuparsi.  L’insegnante continuò, “In tutti i miei anni di insegnamento non mi è mai accaduta una cosa così. Questa mattina stavo svolgendo una lezione sulla scrittura creativa.  E come faccio sempre, ho raccontato la storia della formica e della cicala: La formica lavora duro tutta l’estate e mette da parte un bel pò di cibo. Ma la cicala canta tutta l’estate […]
  • IL MIO AMICO E PADRE PERFETTO
    di Nicky Cruz  –  Ancora oggi sono un piccolo bimbo sofferente dentro di me, e Dio è ancora mio Padre. Ovunque vada, mi assicuro che cammini affianco a me, che mi tenga la mano e mi conduca. Quando inciampo e cado, Egli si protende verso me e mi rialza. Scuote la polvere dalle mie vesti, bacia le ferite e poi prosegue con me lungo il cammino. Quando faccio qualcosa di buono, Lo vedo sorridere, battere le mani, dimostrarmi il Suo sostegno. Quando faccio qualcosa di sbagliato, mi castiga e mi disciplina. Quando mi stanco e sono afflitto, Egli mi sostiene, invitandomi ad andare avanti e incoraggiandomi a non mollare. Quando ho paura, Egli prende la mia mano. Quando sono triste, Egli bacia il mio cuore. Guardo a Gesù per ricevere aiuto e guida in tutto ciò che faccio, e Lui non mi ha […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti