FATE VOSTRA LA VITTORIA DI CRISTO

di  F. J. Huegel  –  Partecipiamo alla Sua vittoria riconoscendo interamente, e facendo nostra, la Sua opera completa del Calvario.  Il cristiano vittorioso deve essere fermo e irremovibile come il Salvatore quando disse:  ”Viene il principe di questo mondo e non ha nulla in me” (Giov. 14:30). Quali sforzi fece il nemico perché Gesù gli desse qualche appiglio sul quale egli potesse lavorare contro di Lui! Dietro gli scherni, gli sputi, la crudele flagellazione, le ingiurie e le parole blasfeme, era il principe delle tenebre di questo mondo, del quale il Salvatore era venuto a distruggere le opere. Ma tutto fu vano! Il malvagio non trovò nulla in Lui.

Satana è un avversario sconfitto. Fate vostra la vittoria completa che riportò sul Calvario il nostro Signore Gesù.  Ora noi dobbiamo poter dire: ”II diavolo non trova nulla in me ”. Se può trovare in noi qualcosa che possa utilizzare contro di noi: un po’ di cattiva volontà, un po’ d’invidia, animosità o risentimento contro un fratello che ci ha offeso, un po’ di orgoglio nascosto, qualche brutto pregiudizio, qualche desiderio sciocco della lode umana, ecc., in una parola, qualcosa che Paolo chiama  ”carne”, noi saremo sicuramente sconfitti nello scontro con il principe delle tenebre.

Ma voi dite: ”Come possiamo essere forti, irremovibili, come fu Gesù? ”. Rispondo – ” Per mezzo del riconoscimento e dell’appropriazione completa di quel che Egli ha conquistato per noi sul Calvario ”. Egli vi ha portato con Sé sulla Croce, perché l’uomo vecchio in voi fosse distrutto. Voi siete risuscitati poi con Lui e con Lui vi è stato concesso di sedere ”nei luoghi celesti ” (Romani  6; Efesini 2).

Satana non ha più alcun potere sulla nuova creatura. Egli può lavorare solo sul vecchio uomo. Se vivete nella condizione della vecchia creatura non crocifissa con Cristo, sarete sicuramente vulnerabili ai dardi infuocati del nemico.

La battaglia contro l’egoismo, il peccato e Satana è stata già vinta.

La vittoria cristiana non è che un ” Amen di fede ” alla grande, definitiva, completa vittoria che Cristo riportò sul Calvario. Per partecipare a questa vittoria non dobbiamo fare altro che dire quell’ “AMEN ” a quel che Dio, nella Sua Parola, dichiara un fatto, cioè che la nostra povera umanità, che Cristo aveva portato con Sé sulla Croce, è passata al trono, attraverso una tomba vuota.

Dovete imparare ad affermare come vuole la Scrittura; non possiamo sbagliare affermando quel che afferma Dio stesso.

Non è più necessario che chiediamo al Signore che ci conceda di sedere nei  ”luoghi celesti ”, sopra tutte le cose, in una vita cristiana vittoriosa; se crediamo davvero in Cristo, noi siamo già ”nei luoghi celesti ”. Abbiamo bisogno solo di affermare, dichiarare la nostra posizione. Questa è la fede!

Questo era il metodo di Paolo. Ascoltate le sue affermazioni di fede: ” Io posso ogni cosa in Colui che mi fortifica ” (Filippesi 4:13). ” Sono stato crocifisso con Cristo, e non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me; e la vita che vivo ora nella carne, la vivo nella fede nel Figlio di Dio, il quale m’ha amato e ha dato se stesso per me ” (Galati 2:20).

”Noi siamo più che vincitori, in virtù di colui che ci ha amati” (Romani 8:37). Questo potrebbe apparire presunzione, ma non c’è presunzione nella fede. A che serve implorare da Dio qualcosa che già abbiamo in Cristo Gesù? Fate vostra la Sua vittoria; fatelo ADESSO.

Vivete nella vostra resurrezione.  La nuova creazione cominciò al momento della resurrezione del Salvatore Gesù. ”Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, tutte le cose sono diventate nuove.” (2 Corinzi 5:17).

“Corriamo con perseveranza la gara che ci è posta davanti,  tenendo gli occhi su Gesù, autore e compitore della nostra fede, il quale, per la gioia che gli era posta davanti, soffrì la croce disprezzando il vituperio e si è posto a sedere alla destra del trono di Dio.” (Ebrei 12:1, 2).

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

SERVIZIO RAI TG1 SULLA NOSTRA CHIESA

Servizio del TG1 trasmesso Sabato 1 Novembre nella rubrica TG1 DIALOGO  dopo il  TG delle 8.   …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: LA GRANDEZZA DEL VANGELO

di CORRIE TEN BOOM   –  Molto spesso, l’infelicità nella vita cristiana è causata dalla mancanza di comprensione della grandezza del Vangelo.   Il Vangelo non è un qualcosa di circoscritto, ma comprende la vita intera, la storia intera e tutto il mondo. Parte a raccontare dalla creazione per arrivare al giudizio finale e comprende tutto ciò che vi è in questo intermezzo. È una visione completa della …
Leggi Tutto

LE COSE LECITE

di Roberto Bracco  –  Un servo di Dio disse: – “La parte più numerosa di coloro che naufragano nell’oceano della fede è vinta non dall’immoralità, ma dalle cose lecite.” Oggi quest’affermazione sembra una didascalia della situazione della cristianità. Le “cose lecite” sono diventate un’altra volta le catene dei credenti; i loro polsi e le loro caviglie, parliamo in metafora, sono serrati strettamente …
Leggi Tutto

E’ pericoloso "beffarsi" dell’Iddio Onnipotente.

Anche nel dopoguerra continuava ad infierire la persecuzione contro i Pentecostali, perché la circolare Buffarini-Guidi continuava ad essere in vigore, e questo nonostante la Costituzione Italiana, entrata in vigore il 1° gennaio 1948 affermasse nel 19° articolo: ‘Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si …
Leggi Tutto

C'È POTENZA NELLA PAROLA DI DIO

di BURKHARD VETSCH –  «Prendete oltre a tutto ciò lo scudo della fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infocati del maligno. Prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio» (Ef. 6,16-17). «Oh, no, mi si incita alla lotta! Ma io non ho un’indole da combattente, voglio armonia e pace! Preferirei una maschera che mi rendesse invisibile al …
Leggi Tutto

Una promessa per oggi: Il mio amore per te durerà per sempre

Da tempi lontani il SIGNORE mi è apparso. “Sì, io ti amo di un amore eterno; perciò ti prolungo la mia bontà. Geremia 31:3 Che cosa significa che Dio ci ama con un amore eterno? Un mio caro amico una volta mi disse che essere amato di un amore eterno significa che non c’è mai stato un momento in tutta l’eternità in cui non sono stato amato. Ero …
Leggi Tutto

Non toccate i miei unti...

di ROBERTO BRACCO  –  Non bisogna dimenticare che un ministro, un pastore, rappresentano sempre le persone più notate, più osservate, più conosciute della comunità. Non bisogna dimenticare cioè che essi vengono seguiti da centinaia di occhi e giudicati da un numero più o meno grande di fedeli.  Non c’è un’ora della loro giornata o non c’è una circostanza della loro vita che non cadano sotto l’osservazione di tutti …
Leggi Tutto

Sermone A. Masdea - 4-11-2012

A. MASDEA –  RELIGIOSO NON VUOL DIRE ESSERE SALVATO (1 Corinzi 5) …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti