GIUSTO IN TEMPO!

di OSWALD J. SMITH  –  Al principio del mio ministerio, ebbi una esperienza che mi fece rendere conto, in una maniera come non mi era mai accaduto prima, della serietà della mia chiamata. Accadde all’improvviso e posso ancora ricordare la chiamata telefonica che mi fece alzare dalla mia indifferenza e correre al capezzale di uno dei miei parrocchiani.

– Potreste venire a vedere una donna inferma?
– E’’ urgente?
–  Si, molto ; può darsi che non viva fino a domattina.
– Va bene, verrò subito. E riappesi il ricevitore.

Attraverso le strade della città, raggiunsi in breve il luogo e fui introdotto nella camera dell’ammalata. Una donna con una espressione di profondo sconforto dipinta sul volto mi guardò mentre entravo. Cercò di parlarmi, ma la sua voce era così debole e rotta che dovetti chinarmi su di lei per poter afferrare il senso delle sue parole. Avvertii subito di trovarmi alia presenza dell’Angelo della Morte, perché era chiaramente visibile che la vita di quella donna stava declinando rapidamente.

Il suo volto esprimeva tutta la disperazione. Mi resi conto che non vi era tempo da perdere, non vi era tempo per parlare delle cose di questo mondo: era in giuoco il destino eterno di quella donna.

–          Signora Charles, siete pronta ad andare; avete qualche speranza ? Le chiesi.

–          No, nessuna speranza, rispose scuotendo la testa, mentre un profondo sospiro le usciva dulie labbra.

Le spiegai più chiaramente che mi fu possibile il meraviglioso piano della salvezza: inginocchiatomi al suo fianco, pregai con lei. In ultimo intonai sommessamente l’inno:

Cosi qual sono, pien di peccato
Vengo a quel sangue da Te versato;
A Te m’accosto e Tu, Signore.
Lava il mio cuore; pietà di me!

Così qual sono, disavveduto
E senza forze, quasi perduto
Vengo pentito a Te, Signore,
Lava il mio cuore; pietà di me!

Avevo appena incominciato a cantare che udii la sua voce debole, rotta e tremante unirsi alla mia. A tratti potevo distinguere le parole che pronunciava ; ma il più delle volte erano inintelligibili, fino a che non arrivammo alla penultima riga del secondo verso. Allora ella cantò con tutto il suo cuore e la sua voce :

«Vengo pentita a Te, Signore!»

Ed in verità ella andò, andò in piena certezza di fede. Quando la lasciai ero certo che tutto era a posto e che presto quella sorella sarebbe andata a casa, con il Signore.

E pensare che ella era un membro della chiesa, un membro… ma inconvertito. La conversione era il suo bisogno più urgente, perché la Parola di Dio chiaramente ed, enfaticamente afferma che «Se non mutate non entrerete nel regno dei Cieli» (Matteo 18:3).

Mentre percorrevo la strada del ritorno, il mio cuore, ripieno di tristezza, meditava sulla tremenda responsabilità che grava sui ministri di culto che permettono alle persone di divenire membri delle loro chiese senza preoccuparsi che esse siano « nate di nuovo ».

Non vidi più la Signora Charles in vita. La vidi per l’ultima volta in una bara con il volto freddo di morte. Mentre predicavo al suo funerale, feci in me stesso la determinazione di mettere da una parte ogni ultra cosa e consacrarmi. senza riserve all’unico grande lavoro di cercare di preparare le anime per il Cielo.

Caro amico, sei pronto? Che cosa sarebbe di te se tu morissi all’improvviso ? Sei forse impreparato? Può darsi che anche tu sia membro di una chiesa; membro… ma inconvertito.

Lascia che io ti faccia premura di rendere certa la tua chiamata ed elezione, permettimi di esortarli calorosamente di accettare Gesù Cristo quale tuo Personale Salvatore. Lo vuoi fare? Sì, fallo e fallo ora!

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

I CONDUTTORI

di Roberto Bracco   –   Il Pastore deve essere l’esempio del gregge, ma ciò non esclude che egli possa fallire intorno a molte cose! Se riconosciamo quali Conduttori soltanto coloro che sono “irreprensibili” in senso assoluto della parola, cioè perfetti, dobbiamo attendere pazientemente la venuta del nostro Sommo Pastore. Giacomo, primo Vescovo della chiesa di Gerusalemme, scriveva: “…tutti falliamo intorno a molte cose!”. Egli non si escludeva dalla inesorabile …
Leggi Tutto

Leonard Ravenhill

VIDEO –   “Siamo disposti a bere dalla Sua coppa?”   –   Un altro sermone di Leonard Ravenhill che tratta di un tema fondamentale specialmente in questi giorni di caos e corruzione nella Chiesa, il risveglio! Tutti lo vogliono, ma nessuno prega per averlo, tutti ne parlano ma nessuno lo vuole, per avere un risveglio bisogna pagare un prezzo tremendo, un prezzo che lo stesso Gesù ha …
Leggi Tutto

I BRILLANTI DELLA CORONA

di  ROBERTO BRACCO   –  Quando sorgerà la mattina radiosa della gloria; quando Gesù Cristo ritornerà a prendere la Sua chiesa… ci saranno delle sorprese scon­volgenti; alcune saranno liete, altre saranno drammatiche. Dio farà “conoscere” chi è Suo e chi è santo!  Oggi il trionfo della falsità e dell’ipocrisia riesce ad alterare agli occhi nostri le realtà del mondo ecclesiastico ma allora tutto apparirà nella sua reale fisionomia. Oggi …
Leggi Tutto

PECCATORI NELLE MANI DI UN DIO ADIRATO

di Jonathan Edwards . –  Jonathan Edwards nacque nel 1703 e morì nel 1758. Questo sermone fu predicato nel pomeriggio dell’ 8 luglio 1741 ad Enfield, nel Connecticut. I fuochi del risveglio erano iniziati in tutta l’area della nuova Inghilterra mediante il ministero di George Whitefield, ma Enfield, la comunità più malvagia di tutte, non era stata raggiunta. Un servizio speciale era stato convocato da un gruppo di ministri …
Leggi Tutto

FRUTTI DI PENITENZA

GIUSEPPE MANAFO’ –  Matteo 3: 7-8  – Ma vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire l’ira futura? 8 Fate dunque dei frutti degni del ravvedimento. Giovanni Battista, anche se visse una vita solitaria nel deserto, era divenuto popolare. Egli appari come un lampo con lo spirito del profeta Elia ed il deserto stesso non era più un posto …
Leggi Tutto

Dai nostri culti: Salvezza senza ravvedimento

Pastore Agostino Masdea  –  Domenica 23  Marzo 2014  –  (Marco 1:14-20))                                   Questo sermone confuta la dottrina della “grazia estrema” o “ipergrace”, e ribadisce che senza ravvedimento non c’è salvezza. William Booth, fondatore dell’Esercito della salvezza aveva previsto che nel XX secolo ci sarebbe stato: -Una religione senza lo Spirito Santo. -Cristiani …
Leggi Tutto

C'E' SPERANZA PER LE NAZIONI E PER IL MONDO?

di AGOSTINO MASDEA – Questo è un tempo di straordinario cambiamento. Come non mai prima. La storia dell’umanità è una storia di cambiamenti: demografici, tecnologici, religiosi, sociali, politici, economici. La differenza rispetto al passato è che oggi questi cambiamenti avvengono a velocità supersonica. Dal modo di vestire alle automobili, dalla musica all’arredamento della casa… tutto è in evoluzione, tutto procede speditamente.  Cambia anche il clima.   Tutto sembra   nuovo… …
Leggi Tutto

LA TUA VECCHIA VITA È FINITA E ORA TUTTO È NUOVO IN CRISTO.

Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, tutte le cose sono diventate nuove. (2 Corinzi 5:17)  –  Che meravigliosa promessa. La nostra vecchia vita è finita e tutte le cose sono diventate nuove. In questo brano della Bibbia, l’apostolo Paolo non sta parlando della nostra vita naturale, ma della nostra vita spirituale. Quando abbiamo ricevuto il dono di Gesù Cristo …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti