Un rimedio efficace per i mali nazionali, per tutte le persone, in tutti i paesi.

Abraham-LincolnProclama del Presidente Abramo Lincoln per una giornata di umiliazione nazionale, digiuno e preghiera – 1863
Da Sua Eccellenza, Abraham Lincoln, presidente degli Stati Uniti.

Considerando che, il Senato degli Stati Uniti, devotamente riconoscendo la Suprema l’autorità e il governo dell’Iddio Onnipotente in tutti gli eventi degli uomini e delle nazioni, con una risoluzione ha chiesto al Presidente di stabilire e dedicare una giornata di preghiera e umiliazione nazionale. Considerando che è dovere di ogni nazione, così come di ogni uomo, sottomettersi all’indiscutibile potere di Dio e confessare i propri peccati e trasgressioni, in umile cordoglio, ma con la speranza certa che un sincero pentimento porterà misericordia e perdono, per riconoscere la sublime verità annunciata nelle Sacre Scritture e dimostrata nel corso di tutta la storia, che solo quelle nazioni il cui Dio è il Signore sono benedette.
E poiché sappiamo che, per la Sua legge Divina, le nazioni, come gli individui, sono sottoposti a punizioni e castighi in questo mondo, non potremmo giustamente temere che la terribile calamità della guerra civile, che ora devasta la nostra terra, potrebbe essere una punizione inflittaci a causa dei nostri peccati volontari, per il necessario fine di una riforma nazionale come intero popolo?
Siamo stati beneficiari di grandi doni del Cielo. Siamo stati preservati in tutti questi anni in pace e prosperità. Siamo cresciuti in numero, in ricchezza e potere come nessun altra nazione mai prima.
Ma abbiamo dimenticato Dio!
Abbiamo dimenticato la generosa mano che ci ha conservato in pace, e fatto moltiplicare, che ci ha arricchito e ci ha rafforzato, e hanno vanamente immaginato, nell’inganno del nostro cuore, che tutte queste benedizioni sono stati il frutto di una nostra superiore saggezza e virtù. Inebriati dal nostro stabile successo, siamo diventati troppo autosufficienti per poter sentire la necessità della grazia redentrice e preservante, troppo orgogliosi per pregare l’Iddio che ci ha creati!
Conviene quindi umiliarci davanti al Potere offeso, e confessare i nostri peccati come nazione e pregare per clemenza e perdono.
Quindi, ora, in conformità con la richiesta, e pienamente concordante con quanto espresso dal Senato, faccio questo decreto, designando e stabilendo Giovedì 30 Aprile 1863, come giorno di umiliazione nazionale, digiuno e preghiera. E con la presente richiedo a tutte le persone di astenersi in quel giorno dalle loro ordinarie occupazioni secolari, e di radunarsi nei loro diversi luoghi di culto e nelle loro rispettive case, per mantenere questo giorno sacro al Signore, e dedicare gli umili adempimenti dei doveri religiosi a questa solenne occasione.
Tutto questo fatto con sincerità e in verità, ci farà riposare umilmente nella speranza, autorizzata dagli insegnamenti Divini, che il grido unito della Nazione sarà ascoltato in alto, e la risposta verrà in benedizioni, e anche il perdono dei peccati della nostra nazione, e il ristabilimento del nostro paese, ora così diviso e sofferente, alla sua passata felice condizione di unità e di pace.
In fede, ho apposto la mia firma, e il Sigillo degli Stati Uniti per essere eseguito.

Washington lì 30 Marzo 1863.
                                                                       Firmato da Abraham Lincoln Presidente degli USA SEAL


                                                                                  William H. Seward, segretario di Stato

Non c’era altro rimedio allora, non c’è altro rimedio oggi!

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PREDICAZIONE DEL PASTORE AGOSTINO MASDEA nella Chiesa Bethel di Milano …
Leggi Tutto

I falsi profeti all'opera oggi

  di ROBERT J. WELLS   –  In Matteo 7:15, è scritto: «Guardatevi dai falsi profeti i quali vengono a voi in vesti da pecore, ma dentro sono lupi rapaci».  Ci sono solo due vie lungo le quali gli uomini possono viaggiare: la via larga che conduce alla distruzione e la stretta via che conduce alla vita. Questo affermò Gesù Cristo, il vero profeta di Dio, il quale …
Leggi Tutto

COSA VUOL DIRE “ESSERE SALVATO”.

Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3: 16-17 )   –   Gesù pronunciò queste parole in una conversazione con un importante personaggio religioso del suo …
Leggi Tutto

...MA DAVIDE SI FORTIFICO' NELL'ETERNO.

1 Samuele 30: 6  –  È una cosa che si comprende all’istante, fortificarsi o farsi coraggio, è un’arte delle più importanti e maggiormente utili. Ma, perché?Perché un uomo scoraggiato è un essere indebolito e vinto. Egli è anche, ed è bene dirlo, un uomo pressocché inutile. Quanta gente è fallita nella vita, non per­ché mancava di capacità, ma perché non ha avuto coraggio sufficiente. Questa, per esempio, è …
Leggi Tutto

CHI, E COSA E' DIO

di BILLY GRAHAM  –  Nella Bibbia Dio si rivela in mille maniere e se noi la leggiamo con eguale attenzione e regolarità del nostro giornale quotidiano, saremo informati di Dio  come  del  nostro giocatore di calcio favorito! Come un diamante ha molteplici facce, così gli aspetti della rivelazione di Dio circa Se stesso, sono innumerevoli e riempirebbero degli interi volumi. Ne illustrerò quattro che sembrano i più significativi …
Leggi Tutto

Io benedirò i costruttori di pace e li chiamo miei figli

Beati coloro che si adoperano per la pace, perché essi saranno chiamati figli di Dio. (Matteo 5:9) Come pensi si senta un padre nel vedere i suoi figli litigare in casa sua? Come padre io stesso so quanto dispiacere ho provato quando ho visto i miei figli non andare d’accordo. Il cuore di un padre è per la pace e l’armonia dei suoi figli. Quando penso a questa promessa, sono …
Leggi Tutto

UNA PERSONA CHE DOVRESTI CONOSCERE

di R.A. Torrey  –  Prima di poter capire correttamente l’opera dello Spirito Santo, bisogna conoscere lo Spirito Santo stesso. Una frequente sorgente di errori e di fanatismo, circa l’opera dello Spirito Santo, è costituita dallo studiare e comprendere l’opera dello Spirito senza prima conoscere lo Spirito come persona. E’ della massima importanza, per quanto concerne l’adorazione, che decidiamo se lo Spirito Santo è una persona divina, atta a …
Leggi Tutto

Uganda: il padre di un martire racconta il proprio cammino di fede

UGANDA  –   William Masolo, padre di Francis Namokubalu (un credente ex-musulmano ucciso a causa della sua fede), ci testimonia del risultato della campagna di lettere organizzata da Porte Aperte, che ha permesso alla sua famiglia di rimanere salda e unita nonostante la perdita del figlio. William ha inoltre condiviso con noi il suo personale cammino di fede. La storia della conversione di William risale agli inizi degli …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti