I BRILLANTI DELLA CORONA

di  ROBERTO BRACCO   –  Quando sorgerà la mattina radiosa della gloria; quando Gesù Cristo ritornerà a prendere la Sua chiesa… ci saranno delle sorprese scon­volgenti; alcune saranno liete, altre saranno drammatiche. Dio farà “conoscere” chi è Suo e chi è santo!  Oggi il trionfo della falsità e dell’ipocrisia riesce ad alterare agli occhi nostri le realtà del mondo ecclesiastico ma allora tutto apparirà nella sua reale fisionomia. Oggi soltanto Dio conosce perfettamente “tutti” quelli che sono Suoi (2 Timoteo 2:19) ma domani Egli li farà conoscere a tutto l’universo; li manifesterà come un” tesoro tenuto in serbo” (Malachia 3:17).

Molti nomi sconosciuti, molti credenti ignorati, molti membri di chiesa inconsiderati usciranno domani dallo scrigno di Dio e saranno presentati come i brillanti della Sua corona di gloria. Mentre nessuno badava a loro e si accorgeva di loro, Dio li seguiva con il suo occhio (Proverbi 15:3) e li ascoltava attentamente mentre 

Scarica questo file539 downloads
ragionavano di cose grate al suo cuore ( Malachia 3:16).

Lo stesso Dio che ha scelto Noè nel mezzo di una generazione corrotta che ha salvato Lot dal seno di una terra contaminata, che ha sempre veduto e protetto il giusto nel mezzo degli empi, farà” conoscere” coloro che sono stati “sconosciuti” agli uomini, ma non sono stati ignorati da LUI…  Domani, quando l’Eterno farà “conoscere” quelli che sono suoi, quelli che sono santi, tanti nomi illustri saranno eclissati e tante per­sonalità eminenti saranno inghiottite dallo stesso baratro che si è aperto per ricevere i rivoltosi capeggiati da Core (Numeri 16:31).

Guai agli ipocriti, ai bugiardi, agli istrioni…i loro splendici abiti religiosi saranno stracciati dalla mano di Dio ed essi appariranno in tutta la loro lebbrosa, ripugnante nudità. In quel giorno i canti squil­lanti e le recitazioni religiose saranno legate in un fascio con le quali­fiche ecclesiastiche e le opere meritorie saranno gettate nell’inferno e tutti coloro che erano vestiti ed ornati soltanto di queste cose saranno “presentati” da Dio per quelli che sono, per quelli che “realmente sono…”  Quelli che stavano più in alto conosceranno l’urto di una più terribile caduta e quelli che meglio avevano saputo mascherare la propria iniquità sentiranno più cruda l’onta della rivelazione.

Dio farà conoscere i suoi, i santi, e li farà accostare a Se per acco­glierli nelle braccia dell’eternità e della gloria. Non vogliamo polemizzare con un sedicente mondo religioso che è collocato più nella politica che non nella vocazione cristiana, ma forse vedremo eminenti titolati che oggi hanno saputo imporre il proprio nome e la personalità rovesciati domani dal loro trono di gloria ecclesiastica e gettati nel fango dell’obbrobrio del tormento.

Avevano saputo conquistare il loro grado e il loro posto nell’esercizio di una diplomazia religiosa tanto abile quanto spregiudicata; avevano saputo vincere resistenze e comporre opposizioni mediante le più generose e ipocrite concessioni, avevano anche, naturalmente, saputo spezzare crudelmente gli ostacoli non altrimenti eliminabili…ed ora??? Tutte le fatiche, tutta la gloria, tutte le conquiste…appariranno sol­tanto per dirci che “Dio non li conosce”(Matteo 7:23).

Vedremo anche coloro che hanno accettate le “generose concessioni” dei diplomatici della religione; coloro che hanno accettato qualifiche, ministeri e servizi che non venivano offerti da DIO e che non servivano per esaltare l’Eterno, ma venivano offerte dall’uomo e servivano soltanto per soddisfare le più basse aspirazioni dell’ambizione umana o per appagare le più umane esigenze della personalità; vedremo costoro denudati dei loro abiti e presenti con il marchio dei loro scopi carnali e peccaminosi, vedremo quei credenti ipocriti che oggi ostentano la loro santità e la sbandierano come il più glorioso fra i vessilli, messi severamente da parte dalla mano dell’Eterno, domani, quando Dio raccoglierà tutto il grano per essere posto sul suo granaio. (Matteo 13:50).

Avevano tanto faticato per farsi un nome illustre, una fama brillante; non avevano risparmiate apologie, non avevano risparmiato manifestazioni di zelo e di religiosità, non avevano neanche risparmiate opere messe bene in evidenza, e soprattutto non avevano risparmiato una sistematica opera di calunnia e di maldicenza perché nella denigrazione e nella distruzione degli altri fosse esaltata la loro santità…ed ora????

C’è soltanto un mucchio polveroso di rovine che ci dice che quella non è la santità che “Dio conosce”; non è quella santità modesta, sincera, pura che non esalta l’uomo, ma Dio e che non cerca la gloria di quaggiù, ma vive fiorendo e fruttificando per la gloria di lassù. Vedremo, vedremo, vedremo!!!

Il giorno del Signore sarà un giorno di sorprese e queste saranno tanto più sconvolgenti quanto gli uomini si saranno abituati a dar valore alle realtà che Dio giudica prive di valore e a non dar valore alle realtà che Dio dichiara preziose agli occhi suoi.  La tattica dell’inferno mira ad un suo scopo ben definito, quello di sostituire ciò che è reale con ciò che è apparente e questa tattica rappresenta oggi il programma del diavolo nel seno della chiesa.

Il tentatore vuole abituare i cristiani a dare valore ai titoli, alle ricchezze, alle qualifiche, alle parole, alle manifestazioni esteriori di religiosità, e vuol far dimenticare l’importanza della vocazione, della chiamata, della sincerità, del timore di Dio… della guida di Dio…  quanto più i cristiani si abitueranno a considerare la religione dal punto di vista consigliato dal diavolo, tanto più saranno grandi e sconvolgenti le sorprese che si riceveranno in quella mattina radiosa della gloria.

E’ triste vedere lo spettacolo desolante di un popolo che si chiama cristiano e vive come se la propria speranza fosse soltanto entro il ristretto limite della vita terrena eppure è lo spettacolo che s’incontra più facilmente nelle chiese dove tutto si svolge come se il “Signore non dovesse mai apparire”…  I cristiani, proprio i cristiani, cercano gloria “oggi”, applausi “oggi”,  benessere “oggi”, supremazia “oggi”, godimento “oggi”, e “tutti” si sentono grandi, importanti, “tutti” si sentono santi, anzi più santi di “tutti”.

Mentre questo popolo si muove, si agita; mentre le competizioni e le concorrenze, i conflitti e le manovre s’intrecciano, mentre tutto è “apparente” fervore religioso e tutto è “illusorio” progresso ecclesi­astico una voce potente ci ricorda:  “Domattina il Signore farà conoscere chi è Suo e chi è santo e lo farò accostare a se.”                

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

ESSERE COME TRALCI

Ci sono due problemi che fanno particolarmente soffrire la chiesa di Gesù Cristo: l’immaturità e la solitudine in cui vivono alcuni credenti! Benché siamo abituati a guardare queste cose con meno apprensione di azioni decisamente peccaminose e malvagie, pur nondimeno costituiscono un grave ostacolo, sia per lo sviluppo della propria vita spirituale, sia per il progresso della testimonianza dell’Evangelo. Vivere nell’immaturità, significa, secondo il dettato biblico, restare eternamente …
Leggi Tutto

PENTECOSTALI: SIAMO UN MOVIMENTO, NON UNA DENOMINAZIONE RELIGIOSA

di J.M. MacKnight  –  La Pentecoste era la seconda festa importante dell’anno ebraico, quando si presentavano a Dio le primizie della raccolta del grano (Levitico 23:13). Analogamente, la Pentecoste simbolizza per la Chiesa l’inizio della raccolta di anime nel mondo da parte di Dio. INIZIO DI UN MOVIMENTO Il termine «movimento» significa semplicemente «muovere» o «essere mossi». Rappresenta un insieme di persone con un obiettivo comune; il loro fine …
Leggi Tutto

OBBEDIRE A DIO

di A.W.Tozer.  –   Nel Nuovo Testamento, obbedire significa ascoltare la parola di Dio, piegarsi alla sua autorità e condurre a termine gli incarichi che Dio ci affida.  Questo tipo di obbedienza sembra scomparso al tempo d’oggi. Ogni tanto ci accade di sentire una predica, un po’ stiracchiata, su questo soggetto. Il messaggio però è tanto scialbo che non può certamente influenzare la vita di coloro che lo ascoltano …
Leggi Tutto

DAI SERMONI DI ROBERTO BRACCO

SCEGLIETE OGGI CHI VOLETE SERVIRE  (Giosuè 24) …
Leggi Tutto

Siamo Troppo Attaccati alle cose Terrene

di David Wilkerson. Hai notato che si parla davvero poco oggi del cielo o del lasciarci dietro questo mondo? Piuttosto, siamo bombardati di messaggi su come usare la nostra fede per acquisire più cose possibili. “Il prossimo risveglio”, disse un noto dottore, “sarà un risveglio finanziario. Dio riverserà benedizioni finanziarie su tutti i credenti” …
Leggi Tutto

DIO PARLA ANCORA

di BILLY GRAHAM  –  I diplomatici pensano che la diversità delle lingue sia il motivo basilare delle incomprensioni internazionali. Noi scopriamo però che le radici delle difficoltà internazionali sono più profonde. Nonostante che i mezzi di comunicazione siano migliori non ci siamo avvicinati maggiormente alla pace. La violazione della legge e le rivoluzioni inondano la terra. Le Nazioni Unite si riuniscono a New York e si comprendono sempre …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti