SIA IL VOSTRO PARLARE SI,SI…!

NEW43di ROBERTO BRACCO  –  L’esortazione di Gesù’ vuol ricordare ad ogni cristiano la correttezza che deve caratterizzare i propri rapporti con gli uomini. Non servono giuramenti, promesse solenni, dichiarazioni enfatiche; serve soltanto precisione e fedeltà. Il cristiano deve essere riconosciuto per la propria veracità e per la propria correttezza, e tutte, tutte le sue azioni devono dire che egli é un uomo di parola sano e integro nelle sue relazioni col prossimo.  Il cristiano deve essere preciso e fedele agli appuntamenti; un servo di Dio affermava che fare attendere una persona significa rubarle del tempo, e chi ruba tempo al prossimo è come chi gli ruba del denaro. Se il furto è un atto disonesto, è anche disonesto fare attendere coloro con i quali abbiamo un appuntamento.

L’abitudine di arrivare in ritardo denota anche superbia perché indica sprezzo verso coloro che attendono ed alta considerazione di se stessi. Farsi attendere equivale a farsi desiderare, farsi reputare importanti e, naturalmente, equivale anche a mettere coloro che sono tn attesa in una condizione di inferiorità e di subordinazione. Un cristiano fedele anche se ha realmente un appuntamento con subalterni e sottoposti, giungerà’ sempre puntualmente in orario per correttezza e per umiltà. Il ritardo é anche disordine, cioè pessima sistemazione delle proprie attività e dei propri impegni; il disordine, come la superbia, sono caratteristiche negative che squalificano la vita del credente.

Oltre che negli appuntamenti, il cristiano è fedele alla propria parola data in qualunque circostanza e per qualsiasi ragione. Nel mondo corrotto di questi giorni tutti diffidano della “parola” ma il cristiano deve far crollare questa diffidenza per quanto concerne la propria vita: deve essere “di parola” sul lavoro, nelle sue promesse, nei suoi impegni sociali o religiosi. Qualche volta “essere di parola” implica sacrificio o rinuncia, ma il cristiano non compromette i propri impegni per evitare il sacrificio. Una data di consegna di un lavoro, un prezzo stabilito, una prestazione promessa devono rappresentare per il cristiano mezzi per rendere la propria testimonianza di correttezza e di precisione.

Anche in casa, con la famiglia: una promessa alla moglie, ai figli, un programma annunciato devono servire al cristiano per dimostrare che la sua parola è chiara, sincera, ferma. Soprattutto negli impegni economici il cristiano deve far brillare la luce della propria correttezza. E’ sempre preferibile non contrarre debiti perché anche in questo senso possiamo interpretare le parole dell’Apostolo “Non dobbiate nulla ad alcuno …” Ma se debiti vengono contratti i crediti devono essere accettati col senso della più profonda responsabilità cristiana: le date di scadenza devono essere rispettate rigorosamente e le promesse devono essere mantenute fedelmente. Anche ritardi e inadempienze sul piano finanziario possono essere considerati piccoli e grandi furti che producono turbamenti, biasimo e sempre vituperio alla testimonianza cristiana. E’ necessario ricordare che un debito rappresenta un atto di fiducia da parte di colui che ha concesso il credito ed il cristiano non deve “tradire” la fiducia e tanto meno deve trattenere denaro che non gli appartiene e che il creditore contava di riavere alla data stabilita.

Sia il vostro parlare si, si: dobbiamo eliminare leggerezza e disordine dalla nostra vita e prima di assumere un impegno e di dare una parola dobbiamo riflettere profondamente e seriamente affinché quando l’impegno è preso emerga intera la nostra onestà cristiana.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

NON VI LASCERO' ORFANI

di Agostino Masdea  –  Giovanni 16:16-18  –  Introduzione: la Bibbia mostra la condizione dell’uomo che non conosce Dio: è come una pecora perduta, errante, senza pastore o qualcuno che si curi di lei. Notoriamente le pecore non hanno senso di orientamento. Non sanno ritrovare la via… hanno bisogno dell’aiuto e della guida del pastore. Così eravamo noi . Non solo smarriti nel caos di questo mondo, confusi e stanchi di vagare …
Leggi Tutto

FRUTTI DI PENITENZA

GIUSEPPE MANAFO’ –  Matteo 3: 7-8  – Ma vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire l’ira futura? 8 Fate dunque dei frutti degni del ravvedimento. Giovanni Battista, anche se visse una vita solitaria nel deserto, era divenuto popolare. Egli appari come un lampo con lo spirito del profeta Elia ed il deserto stesso non era più un posto …
Leggi Tutto

COME UN BRUTALE KILLER  DI NOME “SCISSORS” DA LA SUA VITA A CRISTO

di Mark Ellis  –  Campo di rieducazione in Vietnam. Ha trascorso più di 10 anni nelle prigioni comuniste in Vietnam a causa della sua fede cristiana perché  il governo ha provato a  “rieducarlo”. Ma attraverso la sua coraggiosa testimonianza in quel carcere, molti, tra cui anche degli assassini, hanno dato la loro vita a Cristo e hanno visto le loro vite trasformate. “Il comunismo è una religione”, dice …
Leggi Tutto

LA GUARIGIONE DIVINA

di DAVID PETTS  –  Uno dei maggiori aspetti dell’effusione dello Spirito Santo in questo secolo è che insieme alla fede nel Battesimo dello Spirito e nei doni dello Spirito vi è anche un risorgere di fede nella potenza e nella volontà di Dio per la Guarigione Divina. Molte sono state le benedizioni ricevute nella pratica della Guarigione Divina, ma sono stati molti anche i problemi e gli abusi …
Leggi Tutto

RICOMINCIARE

John R. Rice – Tutti i cristiani hanno bisogno periodicamente di cominciare daccapo. Io non accetto l’argomento secondo cui noi abbiamo preso delle buone risoluzioni prima e perciò non abbiamo bisogno di altre nuove risoluzioni. Nessun uomo ha mai fatto tutto ciò che aveva progettato di fare. Nessuna donna ha mai adempiuto tutto ciò che si era proposta di fare. Ma ognuno deve cercare di fare quanto meglio …
Leggi Tutto

Comunione o Comunella?

di Felice Leveque  |  Comunella significa associazione, accordo, specialmente per scopi equivoci. Alcuni suoi sinonimi sono combriccola, combutta, cricca. Anche se nel significato ha alcune accezioni positive, di solito il vocabolo è usato in senso negativo. Fanno comunella quei gruppi di persone che tramano alle spalle di qualcuno o di altri …
Leggi Tutto

LA SHEKINAH MANCANTE

“Shekinah”: parola ebraica che descrive la nuvola scintillante che aleggiava sul coperchio dell’arca, simbolo ed espressione della gloria di Dio.  di A. W. TOZER  –  Viviamo in giorni nei quali l’opera del Signore è portata avanti da personalità brillanti secondo i metodi del mondo dell’intrattenimento e dello spettacolo. Come è importante perciò considerare il consiglio di uomini di Dio sinceri e umili, che tengono ascosta la loro personalità …
Leggi Tutto

E mi sarete testimoni. (Atti 1:8)

di Agostino Masdea  –   Viviamo in una nazione che si definisce cristiana. Le persone si sentono cristiani per il semplice fatto che vivono in questa nazione, o forse perché  frequentano una chiesa, o hanno una solida tradizione familiare religiosa. Ma tutto questo non è sufficiente per essere “veramente” un cristiano. Si può conoscere persino la Scrittura, la teologia, la dottrina eppure non essere cristiani, o almeno non esserlo in …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti