SIA IL VOSTRO PARLARE SI,SI…!

NEW43di ROBERTO BRACCO  –  L’esortazione di Gesù’ vuol ricordare ad ogni cristiano la correttezza che deve caratterizzare i propri rapporti con gli uomini. Non servono giuramenti, promesse solenni, dichiarazioni enfatiche; serve soltanto precisione e fedeltà. Il cristiano deve essere riconosciuto per la propria veracità e per la propria correttezza, e tutte, tutte le sue azioni devono dire che egli é un uomo di parola sano e integro nelle sue relazioni col prossimo.  Il cristiano deve essere preciso e fedele agli appuntamenti; un servo di Dio affermava che fare attendere una persona significa rubarle del tempo, e chi ruba tempo al prossimo è come chi gli ruba del denaro. Se il furto è un atto disonesto, è anche disonesto fare attendere coloro con i quali abbiamo un appuntamento.

L’abitudine di arrivare in ritardo denota anche superbia perché indica sprezzo verso coloro che attendono ed alta considerazione di se stessi. Farsi attendere equivale a farsi desiderare, farsi reputare importanti e, naturalmente, equivale anche a mettere coloro che sono tn attesa in una condizione di inferiorità e di subordinazione. Un cristiano fedele anche se ha realmente un appuntamento con subalterni e sottoposti, giungerà’ sempre puntualmente in orario per correttezza e per umiltà. Il ritardo é anche disordine, cioè pessima sistemazione delle proprie attività e dei propri impegni; il disordine, come la superbia, sono caratteristiche negative che squalificano la vita del credente.

Oltre che negli appuntamenti, il cristiano è fedele alla propria parola data in qualunque circostanza e per qualsiasi ragione. Nel mondo corrotto di questi giorni tutti diffidano della “parola” ma il cristiano deve far crollare questa diffidenza per quanto concerne la propria vita: deve essere “di parola” sul lavoro, nelle sue promesse, nei suoi impegni sociali o religiosi. Qualche volta “essere di parola” implica sacrificio o rinuncia, ma il cristiano non compromette i propri impegni per evitare il sacrificio. Una data di consegna di un lavoro, un prezzo stabilito, una prestazione promessa devono rappresentare per il cristiano mezzi per rendere la propria testimonianza di correttezza e di precisione.

Anche in casa, con la famiglia: una promessa alla moglie, ai figli, un programma annunciato devono servire al cristiano per dimostrare che la sua parola è chiara, sincera, ferma. Soprattutto negli impegni economici il cristiano deve far brillare la luce della propria correttezza. E’ sempre preferibile non contrarre debiti perché anche in questo senso possiamo interpretare le parole dell’Apostolo “Non dobbiate nulla ad alcuno …” Ma se debiti vengono contratti i crediti devono essere accettati col senso della più profonda responsabilità cristiana: le date di scadenza devono essere rispettate rigorosamente e le promesse devono essere mantenute fedelmente. Anche ritardi e inadempienze sul piano finanziario possono essere considerati piccoli e grandi furti che producono turbamenti, biasimo e sempre vituperio alla testimonianza cristiana. E’ necessario ricordare che un debito rappresenta un atto di fiducia da parte di colui che ha concesso il credito ed il cristiano non deve “tradire” la fiducia e tanto meno deve trattenere denaro che non gli appartiene e che il creditore contava di riavere alla data stabilita.

Sia il vostro parlare si, si: dobbiamo eliminare leggerezza e disordine dalla nostra vita e prima di assumere un impegno e di dare una parola dobbiamo riflettere profondamente e seriamente affinché quando l’impegno è preso emerga intera la nostra onestà cristiana.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

PERCHÉ SONO PENTECOSTALE

di   Luis H. Hauff –  Recentemente mi è stato chiesto di parlare sulle credenze dottrinali delle Assemblee di Dio ad una classe dell’Università di Redlas. L’interesse generale verteva su ciò che distingue le Assemblee di Dio dalle altre denominazioni: il parlare in altre lingue. Dissi alla classe che la mia fede nella Pentecoste è basata sul fatto che il parlare in lingue, secondo come lo Spirito dà da …
Leggi Tutto

IL POTENTE MI HA FATTO GRANDI COSE

di Agostino Masdea   –   E Maria disse: »L’anima mia magnifica il Signore, e lo spirito mio esulta in Dio, mio Salvatore, perché egli ha avuto riguardo alla bassezza della sua serva, poiché ecco d’ora in poi tutte le generazioni mi proclameranno beata, perché il Potente mi ha fatto cose grandi, e Santo è il suo nome! (Luca 1: 46-49) Sono parole meravigliose. Se queste parole non fossero state riportate mancherebbe alla …
Leggi Tutto

NON ERANO CHE DEI RAGAZZI

Uno studente dell’Università Yale (Usa), un giorno, intraprese una strenua difesa a favore dell’opera delle missioni al punto che fu espulso dalla sua scuola. Questo giovane si chiamava David Brainerd, grande missionario  e  pioniere  tra  i  Pellirossa.  Il suo diario, pubblicato dopo la sua morte, andò nelle mani di un calzolaio inglese: William Carey, che divenne una “colonna di fuoco”. Dio si usò di lui in India dove …
Leggi Tutto

Sermone: La Chiesa il Tempio di Dio

​     Sermone di Agostino Masdea  –  1 Corinti 3  – “La Chiesa, il tempio di Dio”. Da cosa sono causati i problemi nella chiesa oggi? Cos’è che porta divisione? Qual è il marchio di una chiesa matura e spirituale? Nella chiesa non ci sarebbero problemi, non ci sarebbero mal di pancia, lamentele e critiche, se ogni credente si arrendesse all’opera dello Spirito Santo! Bisognerebbe avvisare tanti …
Leggi Tutto

coro

Istruzioni su come cantare  in chiesa – dal grande predicatore del XVIII secolo John Wesley Perché questa parte del culto di adorazione sia più gradita a Dio, così come più utile ed efficace per te stesso e per gli altri, fai attenzione ad osservare le seguenti indicazioni: 1. CANTA INSIEME A TUTTI Unisciti alla congregazione più spesso che puoi. Non permettere che una leggera difficoltà o un po’ di stanchezza …
Leggi Tutto

35-Vance_Havner

di Vance Havner  –  Mentre il tuo servo era occupato qua e là, quell’uomo sparì (1 Re 20:40).  L’uomo in questa storia ricevette un incarico da portare avanti, ma si dimostrò infedele, non perché oziò o perché si addormentò, ma perché era troppo occupato. La pigrizia può essere opera del diavolo, ma lo è anche l’essere tanto occupati se ciò fa si che le cose ci sfuggano di mano …
Leggi Tutto

LE VIE DI DIO SONO MIGLIORI

di  G.Campbell Morgan  –  Noi scegliamo per primi; Dio sceglie per secondo. La storia dimostra, e il futuro lo verificherà, che le vie di Dio sono migliori delle nostre. Il primo Adamo fallì, il secondo Adamo ebbe successo. Il primo figlio di Adamo (Caino) fu un assassino, il secondo (Abele) fu un martire. Il primo figlio di Abramo (Ismaele) era nato dalla carne, il secondo (Isacco) fu scelto …
Leggi Tutto

R.A.Torrey

 di  R.A. TORREY    –   “La potenza appartiene a Dio”. Pertanto è a disposizione dell’uomo. Vi è una cosa che crea la separazione tra Dio e l’uomo: il peccato. Leggiamo in Isaia: “Ecco, la mano del Signore non è troppo corta per salvare, né il suo orecchio troppo duro per udire; ma sono le nostre iniquità quelle che han posto una barriera fra voi e il vostro Dio; sono i vostri peccati quelli …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti