Una Testimonianza

di ROBERTO BRACCO – Lettura biblica: 1 Timoteo 1:12-20 – La storia di Saulo da Tarso, persecutore della Chiesa cristiana, fariseo zelante, difensore della fede giudaica, è troppo nota per aver bisogno di essere ricordata, ma la testimonianza che egli rende, attraverso questa pagina della sua lettera a Timoteo, esprime un messaggio così vivo, così attuale, da non poter essere ignorato. In poche parole, l’apostolo mette a fuoco la propria esperienza e chiarisce com’è diventato cristiano e perché è cristiano.

La testimonianza di Paolo, dottore delle genti, l’antico Saulo beniaminita, è particolarmente valida per esprimere un messaggio, perché ci parla dell’esperienza di un uomo già religioso, socialmente e moralmente irreprensibile, altamente stimato nel mondo e nella chiesa dei suoi giorni. Oggi, sarebbe stato definito uomo retto e pio, meritevole di rispetto e degno di ogni riconoscimento umano e divino. Ma ascoltiamo le sue parole, proprio quelle parole che egli ha saputo pronunziare e scrivere dopo la sua conversione: “Gesù Cristo è venuto nel mondo per salvare i peccatori, dei quali io sono il primo”!

La giustizia che rivestiva la sua antica personalità, le opere meritorie che rappresentavano il vanto della sua vita religiosa di ieri, si presentano agli occhi di Paolo nella loro reale fisionomia; quando camminava nel buio delle sue convinzioni religiose, pensava di avere abiti decenti e splendidi, ma quando la luce di Cristo Io ha illuminato, si  accorto di indossare soltanto cenci luridi ed abiti sdruciti, che davano maggior risalto alle ignobili nudità della sua vita.

L’esperienza personale si trasforma in conoscenza di una verità che ritornerà poi in tutti i messaggi dell’apostolo: Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio ! Credevo di essere vivo nel cospetto di Dio, e invece ho dovuto riconoscere che anche io, religioso, zelante, ero spiritualmente morto e quindi sono stato costretto ad ammettere che se Cristo  morto per tutti ,  stato in conseguenza della fatale realtà che  tutti, nessun escluso, erano morti . Queste, proprio queste sembrano essere le parole di Paolo.

Egli si riconosce un povero peccatore, perduto, bisognoso di salvezza; riconosce cioè che la sua religiosità e la sua moralità costituivano dei surrogati con i quali egli sperava di regolarizzare la sua posizione davanti a Dio, ma che invece servivano soltanto per creare un’insidiosa illusione che lo manteneva lontano e separato da Dio.

Cristo  venuto nel mondo per salvare i peccatori  ! Mosè, la Legge antica, le pratiche liturgiche, l’osservanza scrupolosa e, qualche volta, fanatica delle prescrizioni e delle tradizioni non potevano fare quello che Cristo  venuto a fare: salvare i peccatori, dei quali io sono il primo.

La testimonianza dell’apostolo chiarisce anche che la salvezza offerta da Cristo non si esaurisce nel perdono dei peccati, perché  una salvezza perfetta, una salvezza duratura. Egli  costretto a confessare che oltre ad essere lontano da Dio, era anche, malgrado non fosse disposto ad ammetterlo prima, vittima e schiavo del male:  ero bestemmiatore, persecutore, ingiurioso… .

Più tardi, pienamente illuminato dalla luce del Vangelo, confesserà che era costretto a fare quel che non voleva perché nella sua carne non abitava alcun bene.

Saulo da Tarso aveva esperimentato nella sua vita proprio le medesime cose che esperimentano, anche oggi, tutti coloro, e non sono pochi, che cercano riparo in una religione, di cui conoscono più gli aspetti formali, che non i contenuti spirituali anche perché spesso questi sono totalmente inesistenti. Peccatori, separati da Dio, schiavi del male, credono di avere uno scopo, di seguire un itinerario ed invece sono poveri erranti in lotta con Dio, in lotta con se stessi, in lotta con tutti e con tutto.

Ma, scrive Paolo, riandando con la sua mente a quel giorno lontano eppure sempre vicino, cioè del suo incontro con Cristo: Misericordia mi  stata fatta perché la potenza di Cristo si  manifestata nella mia vita, non soltanto nel perdono dei miei peccati, ma anche nella rigenerazione della mia personalità; Egli mi ha fatto un esempio per coloro che dopo di me avrebbero creduto in Lui.

Paolo parla a questo punto della liberazione dalla presenza e dalla potenza del peccato, cioè della vera redenzione esperimentata nella grazia di Dio in Cristo. Il perdono cancella i peccati del passato, ma la rigenerazione offre la possibilità di ripudiare il peccato per sempre. Nell’epistola ai Romani, l’apostolo offre la sintesi di questa realtà con le meravigliose parole: il peccato non vi signoreggerà, poiché non siete sotto la legge, ma sotto la grazia (Romani 6:14).

Anche l’irreprensibile fariseo era un giorno schiavo del peccato, ma egli propone la sua testimonianza cristiana a coloro, particolarmente, che vivono in uno stato di abbrutimento totale, servi di vizi e di passioni che distruggono la loro vita, forse la loro casa, la loro famiglia, trascinati da una corrente fatale verso la condanna eterna.

Egli mi ha fatto un esempio, perché possa mostrare a tutti che: “… il nostro vecchio uomo  stato crocifisso con lui, affinché il corpo del peccato sia annullato”. Anche queste parole scritte ai cristiani di Roma, sembrano avere un posto nella testimonianza resa dall’apostolo attraverso la sua lettera a Timoteo, suo discepolo e collaboratore fedele.

Possiamo per notare che senza riferimenti storici e senza fornire particolari, Paolo, oltre a dirci quale significato ha avuto per lui l’esperienza cristiana, ci precisa anche la meccanica della sua meravigliosa realizzazione. Non  stato lui a cercare Cristo, ma  stato Cristo a cercare lui; non  stato lui ad entrare nella grazia, ma  stata la grazia ad entrare in lui.

Anche questo lato della testimonianza vuole esprimere un messaggio chiaro e preciso: l’iniziativa viene dall’amore di Dio; la salvezza deriva dalla potenza di Cristo: Egli  venuto a me, ha fatto risplendere la sua luce, mi ha indirizzata la sua parola. Possiamo riandare con la mente al libro degli Atti, che ci fornisce il racconto dettagliato della conversione di Saulo, e trovare la conferma delle dichiarazioni dell’apostolo.

Cristo gli  apparso sulla via che lo conduceva persecutore a Damasco, si  rivelato, lo ha umiliato e poi… lo ha redento, rivestito di potenza, chiamato al ministero.

Non vogliamo lasciarci trarre in inganno da un’interpretazione superficiale e frettolosa della testimonianza di Paolo e concludere che Dio ha espresso verso lui un amore e ha applicato un metodo che se fossero usati per tutti, tutti giungerebbero alla salvezza. Dio parla a ciascuno nel proprio linguaggio, ma sostanzialmente ama tutti nel medesimo modo, e verso tutti applica un metodo che non  mai coartazione, ma invito ad una scelta e ad una decisione da compiersi in completa libertà.

Anche tu, amico, che cammini sul sentiero scelto da te, odi in quest’ora una voce, forse l’hai udita molte volte e risuona ancora una volta per te, espressa da questo scritto;  una voce che s’indirizza direttamente al tuo cuore e che t’invita ad accettare, finalmente, l’opera redentrice di Gesù Cristo, il Figlio di Dio, il tuo Salvatore.

Anche per te, Egli vuole compiere quello che ha compiuto per Saulo da Tarso, ma anche da te attende una resa totale, sincera, umile.

Egli  pronto a cancellare il tuo passato e tutte le ipoteche che lo gravano a causa del peccato;  pronto a trasformare totalmente la tua vita e a darti una nuova personalità, libera, forte;  pronto, soprattutto, a scrivere il tuo nome nel Libro della Vita, e a fare di te un erede del Regno eterno di gloria.

Non basta per udire una voce, vedere una luce, avere un incontro con Dio…,  necessario riconoscere in queste importanti circostanze la manifestazione di Dio e accettarla perché divenga esperienza personale ed intima di autentica salvezza.

Ricordati, la testimonianza di Paolo non fa che riproporci il tema della misericordia di Dio e della nostra personale responsabilità, e quindi,  un invito ad accettare il dono divino che  gioia e salvezza nel tempo e nell’eternità.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Da  D. L. Moody a Billy Graham. Tutto iniziò in un negozio di scarpe...

UNA STORIA SIGNIFICATIVA.  –  Un sabato qualsiasi a Boston, circa 150 anni fa, un tranquillo insegnante di scuola domenicale di  nome Edward Kimball si prese un giorno libero per andare a trovare ogni ragazzo della sua classe. Voleva essere certo che ciascuno avesse ricevuto Cristo. Uno dei suoi studenti lavorava come apprendista nel negozio di scarpe dello zio. Kimball entrò nel negozio ed andò nel magazzino sul retro, …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: LA GRANDEZZA DEL VANGELO

di CORRIE TEN BOOM   –  Molto spesso, l’infelicità nella vita cristiana è causata dalla mancanza di comprensione della grandezza del Vangelo.   Il Vangelo non è un qualcosa di circoscritto, ma comprende la vita intera, la storia intera e tutto il mondo. Parte a raccontare dalla creazione per arrivare al giudizio finale e comprende tutto ciò che vi è in questo intermezzo. È una visione completa della …
Leggi Tutto

Meditazione del giorno: FEDE VERA

di George Muller    –   “La fede è certezza di cose che si sperano, dimostrazione di cose che non si vedono; …Per fede intendiamo che l’universo è stato formato per mezzo della parola di Dio, sì che le cose che si vedono non vennero all’esistenza da cose apparenti.” ( Ebrei 11:1;3). PRIMO: CHE COS’È LA FEDE? Nel modo più semplice in cui sono capace di esprimermi, io rispondo: …
Leggi Tutto

Storia di un inno: IT’S WELL WITH MY SOUL

 Horatio Spafford era un avvocato di successo ed un insegnante di giurisprudenza nella Chicago del 1860. Insieme a sua moglie, Anna, erano ben noti in città, sia per la carriera legale di Spafford, ma anche perché i due coniugi erano amici e sostenitori di D.L. Moody, famoso evangelista. La città di Chicago era in forte espansione, le attività industriali erano fiorenti e lo sviluppo sociale era in forte …
Leggi Tutto

Grandi inni: "I surrender all"

Autore  –  Judson W. Van de Venter, 1855-1939  –  “Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia la troverà”. Matteo 10:39. Il testo di questo grande inno è stato scritto dall’autore per ricordare il giorno in cui arrese completamente la sua vita a Cristo dedicandosi a pieno tempo al servizio cristiano. Fu pubblicato per la prima volta, nel …
Leggi Tutto

DAI NOSTRI CULTI

PASTORE AGOSTINO MASDEA: LA SOFFERENZA NEL CREDENTE  –  Sermone Domenica 7 Aprile 2013 …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti