POTENZA

di  ROBERTO BRACCO  –  “Riceverete potenza”! (Atti 1:8)  Le parole di Gesù avevano un preciso significato per i di- screpoli che le udirono e le ascoltarono; raccolti nell’Alto Solaio rimasero in atte­sa non di sensazioni od emozioni, ma di quella virtù che poteva renderli testimoni di Cristo, della Sua morte, della Sua re­surrezione ed essi ricevettero esattamen­te quello che attendevano dal Cielo. I testimoni di Cristo furono spesso i mar­tiri per Cristo, ma anche quando non giunsero al sacrificio della vita, furono la manifestazione luminosa della potenza e della grazia di Dio. La franchezza, la sapienza, il coraggio, ma soprattutto la santità, l’amore, il servizio furono in questi credenti e attraverso questi credenti l’evidenza della potenza divina.

“Il peccato non vi signoreggerà”; “avete vinto il maligno”; “siete forti ed avete vin­to il maligno“ e cento altre espressioni co­me queste parlano chiaramente della “po­tenza” che esisteva e che deve esistere nella chiesa cristiana.  Non c’è l’ostentazione di fenomeni spet­tacolari o di prestigiose esibizioni, ma c’è la vita soprannaturale di un popolo che è “uno stesso spirito con Dio” che ha speri­mentato e sperimenta la sua grazia. Infatti si può notare che le “affermazioni” neotestamentarie che abbiamo ricordate sono relative a tutti i credenti, cioè a tutti coloro che hanno realizzato l’esperienza della salvezza, ma è ovvio che la “grazia di Dio” diviene ancora più operante nella vi­ta di colui che riceve la “potenza” del bat­tesimo nello Spirito.

Vogliamo dire che ogni cristiano ha in sè la potenza della grazia, ma questa viene esaltata quando si realizza il battesimo pentecostale.

Seguiamo schematicamente l’ufficio del testimone: egli deve parlare, deve opera­re, deve dimostrare, deve convincere. Ogni credente deve sentirsi impegnato in questo programma, ma tutti devono sape­re che per attuarlo fedelmente ed effica­cemente devono desiderare, chiedere ed ottenere la potenza del battesimo divino, di un vero battesimo nello Spirito. “Racconta le cose che Dio ha fatte per te!”. Tutti possono farlo; non è difficile esporre fatti e anche dove c’è povertà di linguaggio o deficienza di franchezza è sempre possibile udire la cronaca di avve­nimenti vissuti.

Ma i discepoli del Signore che avevano già sperimentato potenza chiesero in pre­ghiera una nuova effusione di Spirito pro­prio per poter parlare con franchezza (At­ti 4:31).

La chiesa cristiana non deve, fondarsi” so­pra l’eloquenza o la franchezza’ naturali, ma sopra quelle capacita soprannaturali che derivano dallo Spirito Santo.

La franchezza che viene da Dio non è mai disinvolta impudenza, anzi manifesta, an­che nell’autorità, saggezza, gentilezza, verità: esprime concetti ed illustra avve­nimenti, oltre che con chiarezza, anche con la potenza dell’amore.

“Voi siete la luce del mondo”. Abbando­nare alcuni vizi o modificare il proprio frasario non significa illuminare il mon­do; vivere Cristo e manifestare Cristo adempie invece il programma preparato da Dio per il testimone, per ogni testimo­ne. È vero: questa è la manifestazione della grazia di Dio, ma è anche vero che alla lampada che si aggiunge olio si offre maggiore risorsa di illuminazione.

La “potenza del battesimo” non può non essere potenza santificante, cioè alimen­to, combustibile per ardere e far risplen­dere la santità di una vita che non ha la­sciato soltanto il fumo o la bestemmia, ma che ha lasciato tutto per acquistare tutto, cioè che si è realmente separata da ogni male per essere di Cristo e soltanto di Cristo; i compromessi e le evasioni vengono frantumati dalla potenza che si palesa come una forza magnetica per sol­levare dalle vanità del presente secolo o dalle carnalità della vecchia natura. “Fammi vedere la tua fede…” questa sem­bra essere la domanda provocatoria espressa dal mondo al testimone di Gesù Cristo; la fede deve essere dimostrata per­ché essa stessa è dimostrazione di cose che non si vedono.

La grazia di Dio dimostra la fede a chi vi­ve la grazia e testimonia di quella fede che lo ha reso partecipe della grazia, ma il credente che ha veramente ricevuto la po­tenza del battesimo nello Spirito sente di avere qualche cosa che gli permette di di­re: “Quello che ho te lo dono…”.

Non ci riferiamo specificatamente al do­no di guarigioni o all’esercizio di altri do­ni, dello Spirito perché crediamo che la “potenza” fa emergere e dimostra la fede in tutte le sue manifestazioni.

Il  libro degli Atti conferma questa asser­zione offrendoci la cronaca di tutti gli epi­sodi successivi alla Pentecoste: in tutti c’è la dimostrazione della fede, in tutti l’evi­denza della potenza.

Mediante queste realtà il testimone con­vince, ma in ultima analisi è lo Spirito che opera in lui e attraverso lui che convince. Non convince soltanto di peccato, ma convince in relazione alle cose che pro­clama, alla vita che vive, alle esperienze che presenta.

La forza di convinzione è veramente ef­fetto della potenza che è in lui e questa si manifesta anche, anzi soprattutto, indi­pendentemente da ogni risorsa naturale. Oggi che il “Battesimo nello Spirito” è di­ventato un soggetto di larghissimo inte­resse e che anzi sembra quasi essere pun­to di incontro per un dialogo ecumenico è indispensabile approfondire l’analisi ese­getica dell’insegnamento neotestamenta­rio almeno per due motivi: 1) evitare il ri­schio di illusorie comunioni, cementate da fenomeni sostanzialmente poveri; 2) preservare un risveglio da una degenera­zione che lo privi della potenza divina. Se dove si parla di pentecostalismo o di vita carismatica o anche di lingue, profe­zie, guarigioni non si manifesta quella po­tenza che fa dei credenti autentici testi­moni di Cristo, si deve purtroppo conclu­dere che manca quel battesimo speri­mentato dai primi discepoli in Gerusa­lemme; manca quella potenza realizzata nel corso dei secoli, manca quell’espe­rienza che ha manifestato un movimento di risveglio all’inizio di questo secolo; Denominarsi “pentecostali” o affermar^ di aver parlato in “altre lingue” non rap­presentano elementi incontrovertibili di fronte ad un mondo che deve essere evan­gelizzato, ma non li rappresentano nean­che di fronte a noi stessi; se non vogliamo vivere d’illusioni o tentare invano di con­vincere coloro che ci circondano e la no­stra coscienza, dobbiamo veramente rea­lizzare e vivere un battesimo pentecosta­le che sia potenza qualificante per farci essere e per farci vivere come testimoni di Gesù Cristo.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

NON ERANO CHE DEI RAGAZZI

Uno studente dell’Università Yale (Usa), un giorno, intraprese una strenua difesa a favore dell’opera delle missioni al punto che fu espulso dalla sua scuola. Questo giovane si chiamava David Brainerd, grande missionario  e  pioniere  tra  i  Pellirossa.  Il suo diario, pubblicato dopo la sua morte, andò nelle mani di un calzolaio inglese: William Carey, che divenne una “colonna di fuoco”. Dio si usò di lui in India dove …
Leggi Tutto

Ostacolo o benedizione?

Si racconta di un re che pose una pesante pietra in mezzo alla strada maestra e si nascose per osservare chi l’avrebbe rimossa.  Persone di varie classi sociali passarono e raggirarono l’ostacolo, continuando il loro cammino, alcuni biasimando il re per non tener sgombra la strada maestra, ma tutti schivando il lavoro di rimuovere la pietra dalla strada. Finalmente un povero contadino, incamminato verso la città con il …
Leggi Tutto

DAI NOSTRI CULTI: "UN DIADEMA AL POSTO DELLA CENERE".

Pastore Agostino Masdea  –  Predicazione di Domenica 6 Aprile 2014  –  (ISAIA 61:1-3)                                    Gesù Cristo è pronto a sostituire la tua cenere con un diadema, il tuo cordoglio e il tuo il lutto, con “olio di letizia”, le tenebre della tua vita con la luce meravigliosa della sua presenza, la condizione di …
Leggi Tutto

TUTTI PARLAVANO IN EBRAICO.

  di Stanley H. Frodsham  –   Sono nato in Austria da genitori giudei e conosco l’ebraico fin dalla mia infanzia. Mi trovo in America da sei anni un mio ricco zio che abita a Seattle Washington, mi scrisse di andare a lavorare nella sua azienda e io andai.  Un piovoso martedì dell’inverno scorso mi trovai a passare davanti all’edificio di una missione alla settima strada di quella città …
Leggi Tutto

SAPER VIVERE, SAPER MORIRE

di ROBERTO BRACCO  –  Filippesi 1: 18-23  –  Qualcuno ha detto che non è difficile morire, ma è difficile vivere; molti altri invece hanno affermato che è facile vivere, ma non è facile saper morire coraggiosamente… crediamo che tutti abbiano torto, perché in realtà è difficile saper vivere e non meno difficile saper morire. Tutti vivono e tutti muoiono, ma questo non vuol dire che sappiano vivere e …
Leggi Tutto

Calvario

di John Charles Ryle  –  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non sappiamo altro che questo. Ho intitolato questo sermone “Calvario” perché voglio parlarvi delle sofferenze e della crocifissione di Cristo. Temo infatti che ci sia molta ignoranza, nel seno del popolo di Dio, sul soggetto delle sofferenze di Gesù …
Leggi Tutto

tozer2

di A. W. TOZER  –  Tra i cristiani di tutte le età e di varie sfumature d’enfasi dottrinali, c’è stato un giusto accordo su una cosa: credevano tutti che è importante che il cristiano con serie aspirazioni dovrebbe imparare a meditare spesso e a lungo su Dio.   –   Lasciate che un cristiano insista a voler andare al di là delle povere, attuali, esperienze religiose, e presto scoprirà …
Leggi Tutto

COS'E' UN VERO RISVEGLIO?

di Reuben A. Torrey (1855 – 1928) noto evangelista, insegnante e scrittore.  –   Qual è un vero risveglio e quali sono le sue conseguenze? Un vero risveglio è un tempo in cui la vita si rinnova e in cui questo rinnovamento si espande. Questo è il significato della parola “risveglio” secondo la sua origine come pure secondo l’uso che ne viene fatto nel nostro tempo. Anche la parola …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti