POTENZA

di  ROBERTO BRACCO  –  “Riceverete potenza”! (Atti 1:8)  Le parole di Gesù avevano un preciso significato per i di- screpoli che le udirono e le ascoltarono; raccolti nell’Alto Solaio rimasero in atte­sa non di sensazioni od emozioni, ma di quella virtù che poteva renderli testimoni di Cristo, della Sua morte, della Sua re­surrezione ed essi ricevettero esattamen­te quello che attendevano dal Cielo. I testimoni di Cristo furono spesso i mar­tiri per Cristo, ma anche quando non giunsero al sacrificio della vita, furono la manifestazione luminosa della potenza e della grazia di Dio. La franchezza, la sapienza, il coraggio, ma soprattutto la santità, l’amore, il servizio furono in questi credenti e attraverso questi credenti l’evidenza della potenza divina.

“Il peccato non vi signoreggerà”; “avete vinto il maligno”; “siete forti ed avete vin­to il maligno“ e cento altre espressioni co­me queste parlano chiaramente della “po­tenza” che esisteva e che deve esistere nella chiesa cristiana.  Non c’è l’ostentazione di fenomeni spet­tacolari o di prestigiose esibizioni, ma c’è la vita soprannaturale di un popolo che è “uno stesso spirito con Dio” che ha speri­mentato e sperimenta la sua grazia. Infatti si può notare che le “affermazioni” neotestamentarie che abbiamo ricordate sono relative a tutti i credenti, cioè a tutti coloro che hanno realizzato l’esperienza della salvezza, ma è ovvio che la “grazia di Dio” diviene ancora più operante nella vi­ta di colui che riceve la “potenza” del bat­tesimo nello Spirito.

Vogliamo dire che ogni cristiano ha in sè la potenza della grazia, ma questa viene esaltata quando si realizza il battesimo pentecostale.

Seguiamo schematicamente l’ufficio del testimone: egli deve parlare, deve opera­re, deve dimostrare, deve convincere. Ogni credente deve sentirsi impegnato in questo programma, ma tutti devono sape­re che per attuarlo fedelmente ed effica­cemente devono desiderare, chiedere ed ottenere la potenza del battesimo divino, di un vero battesimo nello Spirito. “Racconta le cose che Dio ha fatte per te!”. Tutti possono farlo; non è difficile esporre fatti e anche dove c’è povertà di linguaggio o deficienza di franchezza è sempre possibile udire la cronaca di avve­nimenti vissuti.

Ma i discepoli del Signore che avevano già sperimentato potenza chiesero in pre­ghiera una nuova effusione di Spirito pro­prio per poter parlare con franchezza (At­ti 4:31).

La chiesa cristiana non deve, fondarsi” so­pra l’eloquenza o la franchezza’ naturali, ma sopra quelle capacita soprannaturali che derivano dallo Spirito Santo.

La franchezza che viene da Dio non è mai disinvolta impudenza, anzi manifesta, an­che nell’autorità, saggezza, gentilezza, verità: esprime concetti ed illustra avve­nimenti, oltre che con chiarezza, anche con la potenza dell’amore.

“Voi siete la luce del mondo”. Abbando­nare alcuni vizi o modificare il proprio frasario non significa illuminare il mon­do; vivere Cristo e manifestare Cristo adempie invece il programma preparato da Dio per il testimone, per ogni testimo­ne. È vero: questa è la manifestazione della grazia di Dio, ma è anche vero che alla lampada che si aggiunge olio si offre maggiore risorsa di illuminazione.

La “potenza del battesimo” non può non essere potenza santificante, cioè alimen­to, combustibile per ardere e far risplen­dere la santità di una vita che non ha la­sciato soltanto il fumo o la bestemmia, ma che ha lasciato tutto per acquistare tutto, cioè che si è realmente separata da ogni male per essere di Cristo e soltanto di Cristo; i compromessi e le evasioni vengono frantumati dalla potenza che si palesa come una forza magnetica per sol­levare dalle vanità del presente secolo o dalle carnalità della vecchia natura. “Fammi vedere la tua fede…” questa sem­bra essere la domanda provocatoria espressa dal mondo al testimone di Gesù Cristo; la fede deve essere dimostrata per­ché essa stessa è dimostrazione di cose che non si vedono.

La grazia di Dio dimostra la fede a chi vi­ve la grazia e testimonia di quella fede che lo ha reso partecipe della grazia, ma il credente che ha veramente ricevuto la po­tenza del battesimo nello Spirito sente di avere qualche cosa che gli permette di di­re: “Quello che ho te lo dono…”.

Non ci riferiamo specificatamente al do­no di guarigioni o all’esercizio di altri do­ni, dello Spirito perché crediamo che la “potenza” fa emergere e dimostra la fede in tutte le sue manifestazioni.

Il  libro degli Atti conferma questa asser­zione offrendoci la cronaca di tutti gli epi­sodi successivi alla Pentecoste: in tutti c’è la dimostrazione della fede, in tutti l’evi­denza della potenza.

Mediante queste realtà il testimone con­vince, ma in ultima analisi è lo Spirito che opera in lui e attraverso lui che convince. Non convince soltanto di peccato, ma convince in relazione alle cose che pro­clama, alla vita che vive, alle esperienze che presenta.

La forza di convinzione è veramente ef­fetto della potenza che è in lui e questa si manifesta anche, anzi soprattutto, indi­pendentemente da ogni risorsa naturale. Oggi che il “Battesimo nello Spirito” è di­ventato un soggetto di larghissimo inte­resse e che anzi sembra quasi essere pun­to di incontro per un dialogo ecumenico è indispensabile approfondire l’analisi ese­getica dell’insegnamento neotestamenta­rio almeno per due motivi: 1) evitare il ri­schio di illusorie comunioni, cementate da fenomeni sostanzialmente poveri; 2) preservare un risveglio da una degenera­zione che lo privi della potenza divina. Se dove si parla di pentecostalismo o di vita carismatica o anche di lingue, profe­zie, guarigioni non si manifesta quella po­tenza che fa dei credenti autentici testi­moni di Cristo, si deve purtroppo conclu­dere che manca quel battesimo speri­mentato dai primi discepoli in Gerusa­lemme; manca quella potenza realizzata nel corso dei secoli, manca quell’espe­rienza che ha manifestato un movimento di risveglio all’inizio di questo secolo; Denominarsi “pentecostali” o affermar^ di aver parlato in “altre lingue” non rap­presentano elementi incontrovertibili di fronte ad un mondo che deve essere evan­gelizzato, ma non li rappresentano nean­che di fronte a noi stessi; se non vogliamo vivere d’illusioni o tentare invano di con­vincere coloro che ci circondano e la no­stra coscienza, dobbiamo veramente rea­lizzare e vivere un battesimo pentecosta­le che sia potenza qualificante per farci essere e per farci vivere come testimoni di Gesù Cristo.

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

LE CROCI ECONOMICHE NON HANNO ALCUN VALORE

di Edwin Raymond Anderson. – Un amico era da poco tornato da un viaggio d’affari in America Centrale. Mentre eravamo insieme a cena, gli chiesi: “Che cosa ti ha colpito di più in questo viaggio?” Abbozzò un sorriso, serrò le labbra pensandoci un attimo, e rispose: “Beh, te lo posso dire in due parole: Le croci economiche”. Lo fissai sorpreso, “Croci economiche?!? Che cosa vuoi dire?” “Arrivai in questo …
Leggi Tutto

Consolati per poter consolare

di Agostino Masdea   –   2 Corinzi 1:3-4    “Benedetto sia Dio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo, il Padre delle misericordie e il Dio di ogni consolazione, il quale ci consola in ogni nostra afflizione affinché, per mezzo della consolazione con cui noi stessi siamo da Dio consolati, possiamo consolare coloro che si trovano in qualsiasi afflizione.   –    La seconda lettera ai Corinzi …
Leggi Tutto

OBBEDIRE A DIO

di A.W.Tozer.  –   Nel Nuovo Testamento, obbedire significa ascoltare la parola di Dio, piegarsi alla sua autorità e condurre a termine gli incarichi che Dio ci affida.  Questo tipo di obbedienza sembra scomparso al tempo d’oggi. Ogni tanto ci accade di sentire una predica, un po’ stiracchiata, su questo soggetto. Il messaggio però è tanto scialbo che non può certamente influenzare la vita di coloro che lo ascoltano …
Leggi Tutto

cross-and-fire

di THOMAS BALL BARRATT  (1862-1940) – (Fondatore del Movimento Pentecostale in Norvegia)  –  Sia lodato il Signore! Vi sono molti cristiani, sia tra i ministri del Vangelo e sia tra i laici, che pregano per il risveglio ed attendono. Essi hanno già udito il suono di molte acque. Il risveglio sta per venire, il risveglio sta per venire! Alleluia! Quando sarà venuto, molti di coloro che hanno pregato …
Leggi Tutto

LA TEOLOGIA DELLA GRAZIA

Un sermone di Roberto Bracco che evidenzia la semplicità dell’Evangelo e l’universalità della salvezza. Ottimo messaggio di evangelizzazione …
Leggi Tutto

Storie di grandi inni: “COME, THOU FOUNT OF EVERY BLESSING,”

Forse tutti gli inni sono in una certa misura autobiografici, nel senso che rivelano qualcosa dell’esperienza spirituale dell’autore. In alcuni inni, il filo autobiografico è più forte e più marcato. Come nel caso di questo inno battista scritto da Robert Robinson (1735-1790), che mentre era un apprendista barbiere, fu fortemente influenzato dalla predicazione di George Whitefield. In particolare una frase dell’ultima strofa, “incline a vagare, Signore, mi sento incline ad …
Leggi Tutto

IL CRISTIANESIMO È ESPERIENZA

di Roberto Bracco   –   I demolitori più tenaci del cristianesimo sono coloro che lo accettano senza penetrarlo. Quando il cristianesimo è vissuto superficialmente non è vissuto affatto ed anzi è oltraggiato e rovinato.  Il cristianesimo non si può rovinare e demolire in senso assoluto, ma si può offendere attraverso una testimonianza insincera e perciò coloro che si dichiarano cristiani, ma vivono soltanto alla superficie del cristianesimo possono essere definiti, …
Leggi Tutto

nickycruz_03

È di grande conforto vivere sotto la guida e l’aiuto convenevole di Dio. Ci permette di scrollarci dalle spalle tanta preoccupazione. Non devo chiedermi da dove verrà il mio prossimo pasto o se avrò un posto dove riposare. Io so che Dio ha il pieno controllo e non permetterà mai che mi scoraggi. All’inizio del mio ministero ero molto preoccupato per i miei bambini. Sapevo che il mio …
Leggi Tutto

Dai nostri Culti