SOPPORTATEVI

di  ROBERTO BRACCO   –   Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi.   (Colossesi 3:13)    –      La legge dell’amore c’insegna a sopportarci vicendevolmente. Quest’insegnamento rappresenta anche una rivelazione della personalità umana: della nostra personalità e della personalità degli altri.   Dobbiamo sopportarci, quindi abbiamo tutti, inevitabilmente, delle imperfezioni che turbano o affliggono coloro che ci circondano. Se fossimo perfetti non avremmo bisogno di essere sopportati perché nella perfezione non esiste offesa ed anche se gli altri fossero perfetti non avrebbero ragione di chiedere sopportazione perché non ci recherebbe turbamento o pena, ma la nostra e l’altrui imperfezione reclama reciproca pazienza e reciproca tolleranza.

Ci sono alcuni illusi che anche oggi cercano la perfezione assoluta in loro stessi e negli altri; essi non sono disposti a sopportare le imperfezioni e perciò cercano e pretendono l’irreprensibilità nei senso totale della parola. Questi tali cadono di delusione in delusione e vengono presi da scoraggiamento per le cadute della propria vita e vengono colpiti da sconforto per i difetti che scoprono negli altri; perdono continuamente la fiducia di loro stessi e la fiducia dei propri fratelli.

La loro vita cristiana si tramuta in amarezza e in pessimismo e la loro attività si conclude inesorabilmente in una spietata critica negativa che distrugge tutto e tutti.

La legge dell’amore c’insegna invece a sopportare dopo averci dichiarato che non dobbiamo fondare le nostre speranze sulle perfezioni umane. Nei nostri fratelli 0 in noi stessi non dobbiamo essere ansiosi di scoprire la perfetta divinità, ma semplicemente la sincerità e l’onestà dei sentimenti. Noi e gli altri possiamo ancora essere afflitti del nostro carattere o della nostra personalità eppure essere sinceri figliuoli di Dio ardentemente desiderosi di onorare il Padre nell’ubbidienza dei suoi comandamenti.

In altre parole noi dobbiamo considerarci per quello che siamo nell’opera della Grazia di Dio, e non per quello che noi vorremmo che fossimo. Noi siamo piacevoli a Dio non perché siamo perfetti, ma perché siamo suoi figliuoli. Se Dio dovesse amarci soltanto dal momento che la nostra vita conseguisse una perfezione assoluta, non ci amerebbe mai, ma Egli ci ama come siamo ed è per la potenza del Suo amore che noi possiamo percorrere la via della perfezione.

Anche noi amiamo i nostri figliuoli non per la loro bellezza o per la loro perfezione, ma perché essi sono i nostri figliuoli. Noi anzi sopportiamo tutti i difetti dei nostri figliuoli ed esercitiamo il nostro amore in correzione per emendarli e perfezionarli.

Quindi la legge dell’amore c’insegna ad assumere la posizione che Dio stesso assume verso noi o che noi assumiamo verso i nostri figliuoli. E’ stabilito in modo categorico che non possiamo trovare la perfezione in nessuno e che non dobbiamo pretendere la perfezione da nessuno, dobbiamo considerare tutti i nostri fratelli o tutti i ministri di Dio in rapporto a quella che è la loro posizione di fronte a Dio.

I nostri fratelli ci devono essere cari anche con le loro imperfezioni, perché sono i nostri fratelli cioè i figliuoli del Padre. Ci devono essere cari perché sono stati redenti col sangue del Calvario; ci devono essere curi perché sono gli eredi del Regno, coeredi con noi dei tesori celesti.

Non dobbiamo pretendere da loro quello che neanche essi hanno diritto di pretendere da noi. Essi non sono perfetti e noi non siamo perfetti; dobbiamo sopportare le loro debolezze affinché essi sopportino le nostre; dobbiamo essere tolleranti verso i loro errori perché anche essi siano tolleranti verso i nostri.

E’ inutile sperare nella loro perfezione …sarebbe lo stesso che sperare nella nostra perfezione, non siamo perfetti e ci dobbiamo sopportare!

Debbiamo altresì amare e stimare i servitori di Dio non perché essi hanno raggiunto l’ultimo stadio della santità o della spiritualità, ma perché essi sono gli amministratori di Dio. Anche i servitori falliscono intorno a molte cose e sono imperfetti; ognuno di essi, immancabilmente, possiede lacune c imperfezioni, ma Iddio ha onoralo i Suoi servitori affidando U ro i suoi talenti. Essi amministrano i beni di Dio e compiono il servizio di Dio o perciò noi non dobbiamo cercare la loro perfezione ma amare e stimare il loro ministero esercitando anche verso i servitori un sentimento di sopportazione.

Alcuni credono che è possibile amare in un modo perfetto soltanto dove c’è la perfezione. Noi sosteniamo invece che è possibile amare ardentemente anche dove c’è l’imperfezione.

Frequentemente, anzi, abbiamo constatato che quel l’amore che aveva posto la pregiudiziale della perfezione si è esaurito e spento, mentre quello che si era dato in uno slancio di generosità cristiana si è ravvivato anche attraverso le circostanze più diverse. Per chiarire quanto sopra ripetiamo: Coloro che hanno offerto il proprio amore, ai fratelli o ai ministri soltanto quando li hanno creduti perfetti, sono venuti meno nel loro sentimento e si sono raffreddati quando hanno scoperto gli errori inevitabili dei propri cari. Coloro invece che hanno saputo amare in Dio e che hanno saputo amare in uno spirito dì sopportazione, non sono stati turbati o scoraggiati dalle debolezze di coloro verso i quali avevano volto il fuoco sincero del loro affetto. Essi non si aspettavano di trovare la perfezione, ma soltanto la sincerità e l’onestà dei sentimento.

Sopportatevi!

Non cerchiamo quindi di divinizzare gli uomini e tanto meno di chiuderci agli uomini; tutti sono e tutti siamo imperfetti, ma al di sopra delle nostre imperfezioni c’è l’opera della grazia e la ricchezza del ministero: cose queste che devono suscitare i sensi del più grande amore e della più assoluta stima gli uni per gli altri; fratelli amiamoci in Cristo!

Sopportazione, infine, non vuol dire complicità con il male; se essa è espressione di amore cristiano è immancabilmente anche azione cristiana e perciò sopportazione vuol anche dire: esortazione, consiglio, riprensione. Dove c’è l’amore l’esercizio della fraternità concreta e feconda diviene facile e tutti possono, in uno spirito di libertà e verità, esporre affettuosamente quel consiglio che rappresenta luce e giustizia per ogni figliuolo di Dio.

 

I commenti sono chiusi.

Post meno recenti

Perché c'è la chiesa

by Kenneth D. Barney 1. C’è la chiesa perché Gesù disse: “lo edificherò la mia chiesa” (Matteo 16:18). Gesù visse su questa terra per 33 anni; solo gli ultimi anni vennero dedicati al ministerio pubblico. Prima di abbandonare la terra Egli disse che stava andando ad edificare la Sua Chiesa, ed incominciò con i suoi discepoli. Il loro numero fu molto. ampliato nel giorno della Pentecoste la Chiesa …
Leggi Tutto

mp3

Tutte le cose cooperano al bene  (Romani 8:28) …
Leggi Tutto

tozer2

di A. W. TOZER  –  Tra i cristiani di tutte le età e di varie sfumature d’enfasi dottrinali, c’è stato un giusto accordo su una cosa: credevano tutti che è importante che il cristiano con serie aspirazioni dovrebbe imparare a meditare spesso e a lungo su Dio.   –   Lasciate che un cristiano insista a voler andare al di là delle povere, attuali, esperienze religiose, e presto scoprirà …
Leggi Tutto

IL RISVEGLIO NASCE NELLA NOSTRA CASA

Quando una chiesa entra in crisi, generalmente si attribuisce la colpa a questo o a quella persona ( quasi mai a noi stessi…) ed in percentuale logicamente maggiore al Pastore ed ai suoi più stretti collaboratori ; vale a dire a quelli che hanno delle responsabilità e fanno qualcosa per sostenere e portare a- vanti l’Opera del Signore. Chi non fa nulla non sbaglia mail Oppure si cercano …
Leggi Tutto

La sostituzione che cambiò il mondo

di ZAC POONEN    –  «Colui che non ha conosciuto peccato, egli lo ha fatto diventare peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia di Dio in lui.» 2° Corinzi 5:21   –  L a Bibbia rivela che, quando Gesù morì sulla croce per noi, Egli ci sostituì occupando il nostro posto. Cristo è diventato peccato per noi, affinché noi diventassimo giustizia per Dio. Questo scambio si chiama giustificazione, …
Leggi Tutto

Heavy Metal satanista, redento da Cristo.

Se c’era un uomo che apparentemente sembrava irrecuperabile, Kirk Martin è la personificazione di quell’uomo. Pieno di violenza e di odio – dopo aver fatto un patto con il diavolo – solo Dio poteva trovare il modo e la strategia per tirarlo fuori  da quell’ abisso infernale.  “Ho sempre pensato che Dio poteva amare alcune persone, ma non me!” dice Martin. Era il quarto figlio adottivo di una cara …
Leggi Tutto

Argomenti Biblici

LA FEDE

LA FEDE

da un sermone di Smith Wigglesworth  -  «Per fede Abele offerse a Dio un sacrificio più eccellente che Caino… per fede Enoch fu trasportato per non veder la morte... per ...
Leggi Tutto
Calvario

Calvario

di John Charles Ryle  -  Probabilmente saprete che il Calvario era un posto poco fuori Gerusalemme, dove il Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, fu crocifisso. Sul Calvario non ...
Leggi Tutto
La tua parola mi ristora

La tua parola mi ristora

di N.A. WOYCHUK  -  Il Dr. R. A. Torrey disse: “Vi è più potenza in questo libro, per la salvezza degli uomi­ni, per la loro purificazione, per rallegrare e rendere ...
Leggi Tutto
LA PACE E’ POSSIBILE!

LA PACE E’ POSSIBILE!

di J. F. Walvoord   -  Desideriamo la pace nel mondo.  Ai nostri giorni sono pochi i quesiti che ci inducono a meditare, certamente non tanto quanto la domanda: E’ ...
Leggi Tutto
CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

CORPO E SANGUE: IL SIGNIFICATO DELLA CENA DEL SIGNORE

«Il calice della benedizione che benediciamo, non è la comunione col sangue di Cristo? Il pane che noi rompiamo, non è la comunione col corpo di Cristo? Siccome vi è ...
Leggi Tutto
L'UNICA VIA

L’UNICA VIA

di OSWALD J. SMITH - Un banchiere ed un industriale sedevano l'uno di fronte all'altro negli uffici della banca. L'industriale parlava molto animatamente, quando all'improvviso l'altro interruppe. "Ridicolo! Assurdo! Pazzesco!" esclamò l'orgoglioso ...
Leggi Tutto

Dai nostri Culti